29 Marzo 2019 / / Charme and More

Una raccolta di idee dècor e moda che vi ispireranno durante il periodo della Pasqua portando colore alle vostre giornate e nelle vostre case.

Ispirazioni di Charme in rosa.

Una Pasqua all’insegna del colore rosa confetto, il colore di tendenza che vedremo declinato su candele, famigliole di coniglietti e oggetti decorativi per abbellire e rallegrare le nostre abitazioni.

 

Ph via
Ph via
Ph via
Ph via

Mazzetti di gattici legati da un nastro rosa, perfetti da utilizzare per fare l’albero di Pasqua che verrà allegramente decorato e addobbato.

Ph via
Ph via

Flower Addicted.

Quando i ranuncoli dalle corolle rosa pastello non sono mai abbastanza e sbocciano ovunque conferendo un’aria romantica alla credenza del salotto o ad un mobile.

Ph via
Ph via

tavola-di-pasqua-rosa

Le uova hanno un posto centrale nella decorazione della tavola di Pasqua.

Tovaglia e tovaglioli in lino grigio chiaro abbinati a candele in cera di soia nelle tonalità pastello della primavera.

Ph via
Ph via

Delicate e seducenti le piume si posano sugli abiti e sugli accessori della primavera estate 2019

Couture Spring Summer 2019 dello stilista libanese Georges Chakra

Lerre, Decollete in vernice rosa
Lerre, Decolleté in vernice rosa
Ph via
Ph via 

I tulipani simboleggiano la rinascita e sono i fiori ideali per decorare la tavola di Pasqua.

 

 

Acquerello per Pasqua stampabile, da incorniciare di NotedXo
Acquerello per Pasqua stampabile, da incorniciare di NotedXo 

 

FirmaFellinSMALL

Immagine in evidenza via
*Questo post contiene link affiliati.
 

L’articolo Idee Décor per Pasqua; Trend e Moda proviene da Charme and More.

29 Marzo 2019 / / La Gatta Sul Tetto

Il Tortona District è una tappa irrinunciabile nel circuito della MDW: la zona dove è nato il Fuorisalone è da sempre un laboratorio di idee per il futuro.

MDW 2019 focus Tortona District Alex Chinnek

Focus su Tortona District, la zona che ha visto nascere il Fuorisalone con tutto il bagaglio di sperimentazioni che investono il settore del design ma non solo.

Gli eventi di Tortona Rocks 

Tortona Rocks mette in scena oltre 20 progetti espositivi internazionali, 60 designer e 50 aziende che proporranno uno sguardo sul futuro, incentrato sul tema della consapevolezza.

Consapevolezza come capacità di comprendere l’epoca che stiamo vivendo, caratterizzata da grandi trasformazioni e ricca di sfide.

MDW 2019 focus Tortona District BELGIUMDESIGN
BELGIUM DESIGN – Green Mood – Design Alain Gilles

Qui il design si presenta come un sistema culturale trasversale, come elemento capace di coinvolgere tutti gli ambiti delle nostre vite.

MDW 2019 focus Tortona District  ISRAELI DESIGN
ISRAELI DESIGN – C’s – Design Yoni and Mayan

I progetti espositivi si distribuiscono in tre location: all’Opificio 31, in via Tortona 31, dove quest’anno saranno presenti marchi e designer tra Europa e Asia, cui si aggiunge il Medio Oriente con Israele. Da non perdere il progetto IQOS World dell’artista britannico Alex Chinnek:

MDW 2019 focus Tortona District IQOS WORLD REVEALED by Alex Chinneck
IQOS WORLD REVEALED by Alex Chinneck

E poi gli spazi di Archiproducts Milano, con l’appartamento progettato da Marcante testa per illustrare la tecnologia Bticino.

MDW 2019 focus Tortona District Mercante Testa per BTicino
Spazio Archiproducts – Mercante Testa per BTicino

In Via Bergognone 26 c’è l’installazione multisensoriale ed emozionale di Samsung, mentre in via Savona 56 troviamo una mostra sulla visione robotica di Sony Design.

Norwegian Presence presenterà le ultime tendenze del design nordico in via Savona 56, mentre il design all’insegna dell’artigianato sarà protagonista di Functional Art, progetto di Francesca Levi Tonolli, in via Savona 33. 

MDW 2019 focus Tortona District v
Norvegian Presence

Conclude il ricco programma di Tortona Rocks Maison Citroën Centenary Edition, un allestimento curato da Matteo Ragni Studio in via Stendhal 35.

Superdesign show

Torna il Superdesign Show negli spazi di Superstudio, in via Tortona 27. Qui sono passati aziende e designer di prima grandezza, da Tom Dixon a Flos, da Foscarini a Paola Navone, affiancati da designer emergenti e da collettive-paese. Anche quest’anno il direttore artistico è Guido Cappellini.

MDW 2019 focus Tortona District
Korea Craft & Design Foundation

Ventura Projects

Dopo aver lanciato il distretto di Lambrate Ventura Project torna in Tortona, dove tutto è iniziato, con il progetto Ventura Future. L’agenzia olandese, come ogni anno, porta alla ribalta giovani designer e le accademie di design più quotate nel mondo. Da vedere, al BASE, negli spazi dell’ex Ansaldo, in via Tortona 54.

Tenete d’occhio anche il progetto Ventura Centrale, ormai giunto alla terza edizione, che promette meravigliose installazioni, in via Ferrante Aporti 9.

IKEA

Con il progetto Feel Home, sarà presente anche Ikea, con il lancio della nuova serie SYMFONISK, alla Torneria Tortona, via Novi 5.

Murdec-Museo delle Culture

Ricordatevi di inserire nel tour anche il Mudec, Museo delle Culture, in via Tortona 56, per visitare la mostra di Alessi, di cui vi ho già parlato.


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi, riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog, e la guida Interior Trends 2109 in regalo. Basta cliccare sul link qui sotto e inserire il tuo indirizzo e-mail:

28 Marzo 2019 / / Architettura

Per pavimenti e pareti esistono molte soluzioni decorative ma le piastrelle effetto cementine oggi sono diventate una vera e propria tendenza che sta conquistando tutti.

Le mattonelle di inizio ‘900, chiamate cementine, un tempo erano composte da cemento e polveri di marmo uniti a ossidi colorati, e proposte in tinte unite o con i caratteristici decori a motivo floreali o geometrico. Disegni che oggi vengono rivisitati ma in gres porcellanato, in alcuni casi con una finitura ruvida e dall’effetto invecchiato, in altri liscia e lucida.

Resistenti e facili da pulire, le moderne cementine sono disponibili in molte forme, colori e decori, risultando la scelta ideale per chi desidera aggiungere un tocco retrò all’ambiente.

Terratinta Group, azienda fondata nel 2017 e attiva nella produzione di piastrelle in ceramica e grés porcellanato di alta gamma per pavimenti e rivestimenti, amplia la collezione SARTORIA con ROMANZA, una novità prodotto che conquisterà i tanti che non sanno resistere al fascino delle cementine.

Romanza è una linea di rivestimenti dove il decoro e il colore rosso che predomina riportano l’accento sul calore del “cotto moderno”, in un dialogo tra tonalità calde e fredde dal quale originano patterns originali.

L’effetto “cementina”, grazie anche alla combinazione con un materiale accogliente per eccellenza, il legno, è ciò che contraddistingue Romanza, una linea capace di rievocare le atmosfere tipiche delle grandi case e castelli delle favole, le case di campagna dei nonni.

Sartoria di Terratina Group

Sartoria è il capitolo di Terratinta Group nato nel 2018 con l’obiettivo di esportare in tutto il mondo la qualità manifatturiera e il design italiani. Più che una collezione, un vero e proprio progetto ideato per coloro che cercano il dettaglio artigianale, il colore, la decorazione, il piccolo formato. Dal rivestimento in pasta bianca al porcellanato, i prodotti della collezione Sartoria offrono diverse combinazioni pensate per spazi grandi e piccoli e con un design semplice e sofisticato, in grado di restituire percezioni materiche trasversali a più stili.

L’articolo Cementine che passione! proviene da Dettagli Home Decor.

28 Marzo 2019 / / Architettura

Invece delle solite guide zona per zona, vi faccio un breve riassunto di quelli che sono i sei eventi da vedere al Fuorisalone di Milano 2019.


Sono sempre stata una persona dalla noia facile, una di quelle che quando vede una e-mail di millemila righe le prende lo sconforto. Leggo con l’acceleratore per arrivare al succo del discorso. Andavo in fondo alle pagine dei libri per scoprire il finale e quindi capire se valesse la pena finire di leggerlo, quel libro.

Oppure: su wikipedia per leggere la trama della serie successiva di un telefilm che in Italia è uscito ottant’anni dopo. Insomma, avete capito. Vi potete immaginare ora che sono diventata mamma di un pupo di sette mesi, questa necessità di sintesi quanto si sia ingigantita.

Per cui l’idea di ammorbarvi anche quest’anno (potete ringraziarmi dopo) con post dedicati singolarmente al Fuorisalone per ogni quartiere di Milano, proprio non m’è venuta. Piuttosto ho voluto fare un riassunto di quegli eventi che secondo me meritano e che sarebbe bello vedere.

Sono sei e sono distribuiti nei vari quartieri. Eccoli.

Eventi da vedere al Fuorisalone di Milano 2019: zona Tortona

Cominciamo con le aree che sono geograficamente più vicine a dove abito io, quindi l’ordine è per come li vedrei io questi eventi.

Tra le tante esibizioni, installazioni e showroom che ci sono nell’area dietro alla stazione di Porta Genova ce n’è una firmata Ikea. L’evento si chiama “FEEL HOME with IKEA. Living with sound and light.” e avrà luogo tutte le sere dalle ore 20 alle ore 24.

Una festa con Dj in cui si scoprirà la Ikea smart home: un luogo dove interagire con luci e suoni attraverso esperienze, installazioni e Dj set. Grande protagonista è SYMFONISK, nuovo prodotto sviluppato in collaborazione con Sonos per IKEA.

Si continua con il nuovo distretto 5vie

5vie art + design è il distretto che ha debuttato l’anno scorso e che si è già confermato come nuovo polo di ricerca e di design d’avanguardia. Tra le tante mostre ed allestimenti, ce ne sono due che mi hanno colpita maggiormente.

La prima è la prima antologica del designer emergente Carlo Massoud, Libanese. Il Pesce e gli Astanti avrà luogo presso l’Oratorio della Passione in Piazza Sant’Ambrogio ed avrà un taglio attuale ma al tempo stesso fanciullesco. In mostra alcuni dei suoi lavori più significativi, insieme ad altri nuovi. Massoud mira a tradurre il mondo che lo circonda in vivaci oggetti del quotidiano.

Eventi da non perdere al fuorisalone di Milano 2019: le opere di Massoud Allestimento site specific per il Fuorisalone - Arab dolls - Beirut 8
| Allestimento site specific per il Fuorisalone – Arab dolls – Beirut 8 |

Un lavoro che gioca con l’ironia ma che indaga anche il rapporto del passato sul futuro. Sarà possibile ammirare anche un’installazione sitespecific all’interno dell’oratorio, firmato a quattro mani con sua sorella. I due fratelli rileggono le icone classiche della cristianità e della liturgia ecclesiastica per coinvolgere il visitatore in un percorso intenso e
ironico, sospeso tra la fisicità degli oggetti e la tensione spirituale del contesto.

La seconda è la mostra dedicata al maestro Ugo La Pietra, Design Territoriale, Genius Loci, che esplora il suo interesse nei confronti dell’artigianato, al contempo laboratorio artistico e di design. Il risultato di questa attività ha portato alla consapevolezza del grande patrimonio che ancora contraddistingue il nostro territorio facendo nascere la tendenza sempre più evidente del “design territoriale”.

Si potrà ammirare una selezione delle collezioni di oggetti progettati da Ugo La Pietra e da altri artisti e designer e realizzati da artigiani.

Eventi da non perdere al fuorisalone di Milano Ugo La Pietra
| Cofanetto realizzato a Sesto Fiorentino da Ceranima – Itinerari – I segni zodiacali |

Eventi da vedere al Fuorisalone di Milano 2019 : il design consapevole e sostenibile al Brera Design District

Il Brera Design District festeggia i suoi primi dieci anni e sceglie come tema il design consapevole e sostenibile. Voglio segnalarvi un’installazione davvero bella, in Piazza XXV Aprile.

PRATOFIORITO è un terreno realizzato per Eataly Smeraldo, progettato dall’architetto Davide Fabio Colaci in collaborazione con gli studenti del Politecnico di Milano. E’ un giardino temporaneo con caratteristiche di leggerezza e penetrabilità che offre alla città un prato di fiori e piante che stimolano la biodiversità urbana seguendo l’evolversi della primavera. Un sistema che appartiene contemporaneamente a due realtà solitamente contrapposte: città ed energia naturale.

Pratofiorito in piazza XXV Aprile a Milano

Al Lambrate Design District si esplorano i confini del contract

Prima di tutto una digressione su cosa sia il contract: si tratta di una divisione che hanno al loro interno praticamente tutte le aziende di arredi. La divisione contract si occupa principalmente di realizzare progetti d’arredo su misura per spazi pubblici di solito legati all’ospitalità, come gli hotel. Partendo dagli arredi base delle aziende, vengono realizzati dei pezzi personalizzati per ogni progetto.

Proprio di ospitalità tratta uno degli eventi del Lambrate Design District: Social Hotel Regeneration di Simone Micheli. Gli ambienti che siamo soliti vedere negli hotel si trasformano, per incontrare le esigenze dell’uomo contemporaneo e aiutarne l’interazione. Tutti gli elementi saranno connessi ad un network principale che attirerà l’attenzione e darà differenti risposte ai visitatori, che potranno interagire dal vivo con la smart technology.

Eventi da vedere al Fuorisalone di Milano 2019 Lambrate Design District

Ventura Centrale, Lavazza e Gufram

Chiudiamo la nostra panoramica nel distretto di Ventura Centrale, per bere un buon caffè ed ammirare la collaborazione tra due icone: Lavazza e Gufram. La protagonista del Banco Desea è una macchina da caffé in edizione limitata, la Lavazza A Modo Mio Deséa Golden Touch by Gufram.

A metà tra arte e design, artigianalità e innovazione, questa macchina da caffè incarna perfettamente lo spirito del brand Gufram. Una livrea dorata la caratterizza, mentre viene valorizzata e protetta all’interno dell’hangar Ventura Centrale.

Un’opera d’arte all’interno di un coffee club molto speciale, che attrae e meraviglia il visitatore immergendoli in una scenografia inaspettata.

Pronto a diventare un esperto dell’interior design?

Rispettiamo la tua privacy.

L’articolo Sei eventi da vedere al Fuorisalone di Milano 2019, quartiere per quartiere sembra essere il primo su Benvenuti sul mio blog dove l’interior design è reso facile.

28 Marzo 2019 / / Architettura

Installare un set di telecamere a circuito chiuso per la sicurezza domestica era fino a poco tempo fa un’opzione costosa che richiedeva cablaggi e interventi specialistici;
Oggi le telecamere WiFi hanno rivoluzionato il mercato, dando a chiunque la possibilità di creare il proprio sistema di videosorveglianza.

Sono telecamere piccole e relativamente economiche, facili da configurare, possono inviare il video direttamente in streaming sul proprio telefono o computer, possono essere integrate in un intero sistema di casa intelligente, permettendo di rispondere alla porta comodamente dal divano o controllare il proprio animale domestico.
Possono essere anche utilizzate come sistema interfonico.

Le telecamere WiFi vantano una serie di funzioni che le rendono più utili rispetto alle tradizionali telecamere a circuito chiuso utilizzate una volta per la sicurezza domestica:

  • La connessione Internet elimina la complicata configurazione del sistema di archiviazione: guarda i video su qualsiasi dispositivo e da qualsiasi luogo tu voglia, salvali in un servizio Cloud
  • L’intelligenza artificiale in alcuni modelli consente di inviare avvisi quando rumori, movimenti o persone specifiche attivano la fotocamera.
  • È possibile impostare zone dove rilevare movimenti e suoni, in modo da essere avvisati solo delle attività in determinati luoghi e non ogni volta che una macchina passa davanti casa.
  • Registrano solo quando succede qualcosa, non è più necessario scorrere ore di filmati vuoti.
  • I microfoni incorporati non solo catturano l’audio, ma ti permettono anche di parlare con chiunque sia dall’altra parte

Vediamo quali sono le migliori telecamere wifi del 2019

1 – Nest: perfette per la casa intelligente

Nest spicca tra la concorrenza per la sua ampia varietà di sistemi domestici intelligenti perfettamente integrati tra loro (termostato, serratura, rilevatore di fumo, sistema di sicurezza) e con la sua integrazione con i servizi di Google.
Funziona bene con Alexa, mentre l’integrazione con Homekit di Apple è solo parziale

Produce sia videocamere per esterni che per interni:

Nest Cam IQ Outdoor
ACQUISTA SU AMAZON

ACQUISTA SU AMAZON

Nest Cam IQ Indoor
ACQUISTA SU AMAZON

ACQUISTA SU AMAZON

La videocamera utilizza l’intelligenza artificiale per riconoscere i volti; la tua videocamere ti avviserà quando vede persone che conosce o quando individua una faccia sconosciuta.
E’ interessante la possibilità di programmarla per spegnersi non appena arrivi a casa, la tua privacy è al sicuro.

2 – Netatmo Presence – la migliore per l’ingresso di casa

Una videocamera per esterni molto elegante, progettata per sostituire la luce del portico, un proiettore luminoso e una fotocamera tutto in uno, l’installazione è alla portata di tutti.

Netatmo Presence
Netatmo presence

ACQUISTA SU AMAZON

Le videocamere Netatmo riconoscono i volti dei familiari contro estranei e possono essere impostate per registrare solo quando rilevano estranei, dispongono di ripresa notturna a infrarossi, registrano in 1080 e distinguono persone, automobili e animali fino a 20 metri di distanza.
Memorizzano tutto il filmato a livello locale e non nel cloud, è un’ottima alternativa e per chi non vuole canoni mensili di abbonamento.

Netatmo Welcome

Anche la fotocamera per interni è elegante e si integra bene in qualsiasi arredo.

Netatmo Welcome

ACQUISTA SU AMAZON

Le Netatmo sono fra le poche videocamere a integrarsi perfettamente con HomeKit di Apple.

3 – Arlo Pro: la più versatile

La vasta gamma di fotocamere Arlo offre flessibilità e personalizzazione, sono alimentate a batteria e dotate di supporti magnetici, è possibile spostarle e regolarle a piacere e con estrema semplicità.

Sono la scelta ideale per chi ha spazi più ampi o articolati da coprire
Le telecamere Arlo offrono una visione notturna a 1080p e si integrano con Alexa

Arlo Pro2
Arlo pro 2

ACQUISTA SU AMAZON

_________________________
CAFElab | studio di architettura

27 Marzo 2019 / / ChiccaCasa


Ci siamo. Tutto è stato pianificato nei dettagli. Abbiamo la lista ufficiale degli arredi da comprare per il makeover della Casetta. Qualche pezzo è già entrato in casa, ma resta ancora inscatolato, gli altri acquisti sono tutti pianificati, con tanto di preventivi e campionature.
Siamo orgogliosi delle nostre scelte! Io non vedevo l'ora di iniziare a spoilerare qualcosa, tu (lo so) sei curioso, e allora che abbia inizio il BIG REVEAL!
Stanza dopo stanza ti rivelerò quale sarà l'aspetto finale della nostra amata dimora.
Il primo spoiler riguarda la camera da letto, uno dei miei posti preferiti della casa, perché è il luogo della nanna!

Partiamo dalla parte più succulenta: i mobili. 
Sogniamo una stanza da letto armoniosa, un posto in cui viene facile rilassarsi. 
Per assicurarci un effetto "sweet dreams" abbiamo optato per una palette neutra condita dai nostri cari materiali naturali.
Il re della stanza, ovvero il letto, ha la testata imbottita ed è rivestito in tessuto beige. I comodini sono una vera chicca: hanno un aspetto un po' retrò e l'antina ha un dettaglio in treccia di canna.
Non volevo il solito comò, bensì qualcosa di insolito ed originale. Mi sono innamorata di una madia da cucina in legno di mango ed ho deciso di usarla in camera da letto.
La ciliegina sulla torta? Una lampada da parete minimal color oro: il dettaglio prezioso che esalta la neutralità del mood.
 Trovi tutti i riferimenti dei prodotto qui sotto.




La camera da letto ha una conformazione del tutto diversa rispetto alle altre stanze, perché si sviluppa all'interno dell'abitazione adiacente la Casetta. Ha una piccola finestra che, nonostante le dimensioni, lascia passare la giusta quantità di luce.
Grazie all'altezza del soffitto ci siamo potuti permettere un armadio super capiente, alto e, allo stesso tempo, visivamente leggero. Il nostro armadio fa parte della linea Eresem di Colombini Casa.




Puoi avere un'idea più nitida di come sarà la camera da letto della Casetta dando uno sguardo a questa piantina. Il letto sarà di fonte alla finestra, insieme ai comodini. Alla sua destra c'è l'armadio, mentre a sinistra, c'è la madia, non troppo distante dal termosifone.

Allora dimmi un po', ti piace come abbiamo pensato la nostra camera?
27 Marzo 2019 / / Charme and More

Nella Chic List di questa settimana una selezione di sandali flat per l’estate 2019.

Tra i must-have da indossare durante la bella stagione per completare i look, troviamo le mules dall’eleganza minimale, le ciabattine in pelle o in tessuto, i sandali bassi con cinturino alla caviglia in stile etno-chic o realizzate in pellami esotici o a stampa pitone.

Le infradito sono tornate per mettere in mostra una pedicure perfetta riproposte in stile ultra-minimal o in versione flip-flop.

Via libera poi a sandali bassi con le frange, con le piume, alla schiava o impreziosite da conchiglie, intrecci di pelle, o da strass e pietre dure.

theChiclistshos

sandi-flat-peru

Sandali Peru in pelle nera, stile gladiatore, dettaglio perline di Ash  

chloe-sandali-flat

Chloé sandali Lauren in pelle stampa pitone.

gucci-sandalo-flat

Ciabattine in camoscio nero con fascia, Gucci

Sandali infradito

Sandali infradito in pelle laminata argento con cinturino alla caviglia, Giuseppe Zanotti 

Sandali flat con punta animalier

Sandali Calla in pelle multicolor, punta animalier, cinturino alla caviglia, Paula Cademartori 

FirmaFellinSMALL

*Questo post contiene link affiliati.

Notice: JavaScript is required for this content.

 

L’articolo The Chic List: sandali flat must-have |27.03.2019 proviene da Charme and More.

27 Marzo 2019 / / Design

In occasione della Milan Desing Week 2019, Alessi presenta la nuova Moka, disegnata da David Chipperfield.

Alessi presenta la nuova moka al Fuorisalone

Dalla mia casella di posta elettronica inondata, in questi giorni, dalle comunicazioni delle agenzie sugli eventi della Milan Design Week, ho pescato questa bella pepita. Da sempre sono una fan del brand Alessi, sinonimo di qualità, innovazione, design made in Italy.

L’evento che Alessi sta organizzando per la presentazione di Moka, disegnata da David Chipperfield, si chiama A new moka is blooming, elaborato con la direzione creativa di Federico Pepe, di Le Dictateur Studio.

L’evento si sviluppa in tre momenti:

MOKA ALESSI. DESIGN & RE-DESIGN. From Richard Sapper (1979) to David Chipperfield (2019)

Una mostra sull’evoluzione delle caffettiere Alessi, in cui si possono ammirare le creazioni iconiche di designer del calibro di Aldo Rossi, Michael Graves, Richard Sapper,Piero Lissoni, Alessandro Mendini, Mario Trimarchi, Michele De lucchi, solo per citarne alcuni.

Alessi presenta la nuova moka al Fuorisalone
ALESSI Cupola – Aldo Rossi – disegno

ZOETROPE MOKA ALESSI + FILM

da non perdere l’inedita installazione di Virgilio Villoresi, una “fiaba in movimento” realizzata con un linguaggio ispirato agli esperimenti del pre-cinema, e il film realizzato dal cineasta per il progetto.

A new moka is blooming, zoetrope Moka by Virgilio Villoresi, disegno progettuale

MOKERIA

Uno spazio dall’animo pop pensato per vivere un’originale esperienza del caffè. Degustazione, quindi, del caffè preparato con la moka, in un ambiente dai colori vivaci e rinvigorenti. Per una pausa relax che nelle giornate frenetiche del Fuorisalone sarà senz’altro gradita.

Alessi presenta la nuova moka al Fuorisalone

INFO PER IL PUBBLICO
Mudec – Museo delle Culture
via Tortona 56, Milano
da martedì 9 a domenica 14 aprile 2019

INFO SUL FUORISALONE

Tutti i post sulla Milan design week


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi, riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog, e la guida Interior Trends 2109 in regalo. Basta cliccare sul link qui sotto e inserire il tuo indirizzo e-mail:

27 Marzo 2019 / / Coffee Break

L’architetto Sergey Makhno ha ristrutturato quest’appartamento di Kiev in chiave Wabi Sabi*.
Le pareti sono state intonacate con l’argilla, secondo una tecnica tradizionale ucraina; l’architetto ha riunito in questa casa i quattro elementi: muri di argilla (terra), opere d’arte (fuoco), bagni che ricordano le terme (acqua) e un design diafano dello spazio aperto (aria) per ricreare un senso di equilibrio.

*Wabi Sabi (侘寂), costituisce una visione del mondo in stile giapponese basata sull’estetica, e sulla estrema transitorietà delle cose; wabi sabi deriva dall’unione di due caratteri giapponesi 侘 (wabi) e 寂 (sabi). Questa visione estetica esalta la bellezza imperfetta, impermanente e incompleta delle cose, secondo la dottrina buddhista dell’anitya (sanscrito, giapp. 無常 mujō; impermanenza). (Wikipedia)

A Wabi Sabi apartment in Kiev

The architect Sergey Makhno has renovated this Kiev apartment in a Wabi Sabi * key.
The walls were plastered with clay, according to a traditional Ukrainian technique; the architect brought together in this house the four elements: clay walls (earth), works of art (fire), baths reminiscent of spas (water) and a diaphanous design of open space (air) to recreate a sense of equilibrium.
* Wabi Sabi (侘 寂), constitutes a Japanese-style world view based on aesthetics, and on the extreme transience of things; wabi sabi derives from the union of two Japanese characters 侘 (wabi) and 寂 (sabi). This aesthetic vision enhances the imperfect, impermanent and incomplete beauty of things, according to the Buddhist doctrine of anitya (Sanskrit, Japanese. J mujō; impermanence). (Wikipedia)

 

_________________________
CAFElab | studio di architettura

27 Marzo 2019 / / Architettura

Descritta come una delle più belle case in Africa, Arijiju è una residenza privata nelle praterie della savana dell’ecosistema Ewaso sull’altopiano di Laikipia in Kenya.

La proprietà è stata accuratamente posizionata a sud per godere della vista mozzafiato sulle cime innevate del Monte Kenya. Ispirata all’architettura antica e agli edifici monastici, i tetti in pietra locale e le piante erbacee contribuiscono a fondersi con il paesaggio circostante.

Il ritiro offre una serie di suite dotate di letti a baldacchino, eleganti camini in pietra, profondi bagni in rame e docce interne / esterne. Le camere sono state magnificamente progettate e decorate e trasudano di lusso discreto.

L’architettura è di Alex Michaelis del londinese Michaelis Boyd e dell’architetto Nick Plewman di Johannesburg . Il design degli interni è di Maira Koutsoudakis di Life Interiors Architecture Strategic Design

L’articolo Arijiju, una delle più belle case in Africa proviene da Dettagli Home Decor.