News






 
 
 

Asta Benefica contro la distrofia muscolare LGMD2E

Pubblicato da blog ospite in News, Non Ditelo all'Architetto

contro la distrofia muscolareMartedì 18 dicembre alle 19.30 GFB Onlus – gruppo Roma e Lazio, con l’aiuto di Casa d’Arte San Lorenzo e il ristorante Perpetual, organizza un’interessante e importante Asta Benefica accompagnata da un aperitivo di raccolta fondi.

Importante perché, oltre ad essere presenti all’Asta bellissime opere, lo scopo di questo evento è quello di raccogliere fondi contro la Beta-Sarcoglicanopatia, una rara forma di distrofia muscolare che in poco tempo non ti permette più di camminare, poi di respirare ed in fine ti ferma il cuore. Una malattia degenerativa veloce e, fino a poco tempo fa, inarrestabile, la terapia genetica sta raggiungendo grandi progressi e può essere applicata a tante malattie per dare speranza a ci soffre.

L’evento è un appuntamento in cui Arte, Gastronomia e Scienza saranno una volta in più le tre facce della stessa moneta, unite sul piano della solidarietà; cuochi, artisti e scienziati si uniranno ai partecipanti per combattere insieme la Beta-Sarcoglicanopatia.

Tutto il  ricavato sarà utilizzato per la creazione di un registro dei pazienti.

L’ingresso è su prenotazione

06.69367085 – 334.2813523

Di seguito alcune delle opere all’Asta:

Facciamo un regalo al nostro cuore, alla nostra anima e alla nostra casa o a quella di qualcuno che amiamo, acquistando una di queste meravigliose opere piene di amore ed empatia.

contro la distrofia muscolare

contro la distrofia muscolare   contro la distrofia muscolare

Opere di Natalia Mancini

contro la distrofia muscolare

“I colloqui con la luna”, opera di Roberto Braida

contro la distrofia muscolare

“Belli Capelli” di Giovanni Maranghi

contro la distrofia muscolare

“Butterflay Dance” di Massimo Barlettani
contro la distrofia muscolare Opera di Domenico di Genni
contro la distrofia muscolare

Opera di Mario Paschetta
contro la distrofia muscolare“Il Sogno” Opera di Carla Insalata

contro la distrofia muscolareOpera di Francesco Basilecontro la distrofia muscolare

Opera di Alfredo Pieramati

contro la distrofia muscolare“Studi per Vagabonde” di Thomas Verra

Opere di Anna Mcneil

L’articolo Asta Benefica contro la distrofia muscolare LGMD2E proviene da Architettura e design a Roma.

Tags:

 
 

Design e tradizione nelle grotte di Sextantio a Matera

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break, News
 
L’hotel diffuso Sextantio si trova in stanze ricavate dalle grotte dell’antica città di Matera, patrimoio dell’Unesco. Ambienti carichi atmosfera, sono stati restaurati ed arredati con minimalismo e tocchi di neorustico; sicuramente possono essere la destinazione di un soggiorno da sogno.

Design and tradition in the caves of Sextantio in Matera

The popular hotel Sextantio is located in rooms obtained from the caves of the ancient city of Matera, a UNESCO heritage site. Rooms loaded with atmosphere, have been restored and furnished with minimalism and touches of neo-rustic; surely they can be the destination of a dream stay.

Via – Info

_________________________
CAFElab | studio di architettura

Tags:

 
 

SEDIARREDA – DESIGN FURNITURE

Pubblicato da blog ospite in Creative & Ordinette, News

In questo periodo dell’anno siamo tutti alla ricerca frenetica del regalo perfetto. E nessuno o almeno pochi, pensano a pezzi di design, ad accessori per interni che se scelti, con cura e gusto, possono essere i regali perfetti per i vostri amici appassionati di buon design, ma perfetti anche per farvi un meritato regalo a fine anno. Personalmente, preferisco di gran lunga un bell’oggetto di design ad un pigiama colorato o ad una collana qualsiasi. Conoscete tutti il mio amore per gli interni francesi dove pezzi di design vivono simbioticamente e in una perfetta fusione con il design tradizionale e in appartamenti di taglio classico. E quale migliore fonte di ispirazione di Sediarreda, un vero e proprio polo di attrazione, fisico e virtuale, dove si può trovare di tutto, dal comodino di Kartell, alla lampada  a sospensione di Gervasoni, disegnata da Paola Navone, alla lampada a sospensione di Normann Copenhagen. Sediarreda è una fonte inesauribile di design bello e soprattutto di qualità italiana. Scorrendo le pagine del sito, mi sono ritrovata a sognare su molti pezzi che potrei aggiungere al mio soggiorno o a belli accessori/accessibili (scusate il gioco di parole) a tutte le tasche. Pensateci bene quest’anno. Immaginate un bell’interno tradizionale dove quei pochi pezzi dal sapore contemporaneo aggiungono il giusto tocco di colore che eleva in termini di gusto l’intero ambiente. Un bel pezzo di design è il regalo di cui nessuno potrà mai disfarsene facilmente. Lasciatevi ispirare e divertitevi!
In this time of the year,  we are all in a rush for the perfect gift. No one ever thinks of design pieces but in my view, a mindfully choosen design piece would be just perfect for your design addicted friends and parents and for yourself as well. I love furniture pieces as gifts and I would rather and by far appreciate a beautiful object for my appartment that a necklace or just a colorful pajama. You know my love for French interiors where contemporary pieces live in a perfect fusion and symbiotic life with classic design and vintage furniture. Here is a wonderful and uber rich source of inspiration where you buy and get delivered whatever piece of furniture you have in mind. It’s name is Sediarreda which means Furnishing Chairs. Through the years Sediarreda has become an immense pole of attraction on the web for people who love good Italian design and super quality. On the website of Sediarreda I just found myself drooling over every single piece. You can find everything, from Kartell modular nightstands, to wonderfully designed pendant lamps that would add style and make a statement in every interior. My favorite ones are Cupole and Brass pendant lamp, designed by Gio Romano Colonna and the well-known architect Paola Navone. Just think of a classical interior, a beautiful interior where touches of contemporary furniture add elegance and that touch of color that you need to upgrade your living or bedroom. Have fun and choose the right pieces and above all make the gift no one is ever going to get rid of!

Tags:

 
 

Hidden cities: perchè la periferia diventa una polaroid

Pubblicato da blog ospite in Baliz Room, News

Le periferie brutaliste di quattro grandi città si mettono in posa per Hidden Cities, il progetto  dello studio di design Zupagrafika, che ne trasforma le architetture iconiche del dopoguerra in una serie di scatti formato polaroid. 

balizroom-interiorblog-hiddencities-zupagrafika

balizroom-interiorblog-hiddencities-zupagrafika-books

I quartieri protagonisti sono Marzahn di Berlino, Cheryokushki di Mosca, Thamesmead di Londra e Chomiczòwka di Varsavia. A ognuno di loro è dedicata una box con 8 scatti che ritraggono questi quartieri invisibili, rievocando lo stile delle Polaroid Type 55, un tipo speciale di pellicola che oltre alla vera e propria polaroid, ne produceva anche un negativo. 

balizroom-interiorblog-hiddencities-zupagrafika-peel-polaroid

balizroom-interiorblog-hiddencities-zupagrafika-overview-polaroid

Ma questo non è un caso: per scoprire le fotografie di queste “città nascoste” bisogna rimuoverne il negativo, facendo acquisire al titolo del progetto un duplice significato.

Le architetture ritratte, appartenenti al periodo modernista, infatti, sono state ignorate per lunghi anni nel dopoguerra, fino a sparire completamente dai radar, rimanendo invisibili e nascoste nelle pieghe delle città in espansione. 

Il progetto Hidden Cities, oltre ai fondatori di Zupagrafika David Navarro e Martyna Sobecka, ha coinvolto anche Peter Chadwick, autore di This Brutal World, e il fotografo Alexander Veryovkin. Un team multidisciplinare che ha lavorato per catturare la bellezza di queste architetture dimenticate,  e allo stesso tempo per richiamare l’attenzione su paesaggi urbani che oggi hanno ancora tanto da raccontare. 

balizroom-interiorblog-hiddencities-zupagrafika-warsaw-polaroid

balizroom-interiorblog-hiddencities-zupagrafika-berlin-polaroid

balizroom-interiorblog-hiddencities-zupagrafika-moscow-polaroid

balizroom-interiorblog-hiddencities-zupagrafika-london-polaroid

Tags:

 
 

Apre a Monza il primo Concept Store firmato Amerigo Milano

Pubblicato da blog ospite in Amerigo Milano, News

Finalmente anche Monza ha il suo primo Concept Store.

Si chiama Amerigo Milano Concept Store e lo potete trovare in via Carlo Alberto 35, nel cuore della città.Uno spazio progettato per ospitare la creatività.

Una vetrina per conoscere in anteprima le tendenze, le innovazioni, le idee e i progetti.

CONCEPT STORE

Il brand Amerigo Milano nasce a Meda, nel suo animo convivono innovazione e tradizione. Gli oggetti proposti sono tutti unici, realizzati a mano, customizzati, personalizzabili e spaziano dal mondo dell’Urban Bikes a quelli Pets, Home e Shoes.

Matteo Perego founder Amerigo Milano

Il concept store però non è solo un negozio ma molto di più. L’intenzione è quella di offrire al territorio uno spazio di incontro e confronto, un luogo dove poter realizzare eventi culturali che riaccendano la vitalità latente di una città che vuole reagire.

concept store monza

Un ambiente accogliente dove andare non solo a fare shopping, ma anche per assaporare le novità e le tendenze internazionali nel campo del design.

I tempi sono maturi. Il futuro è ora…anche a Monza.

Per saperne di più passate a trovarci o visitate il nostro sito www.amerigomilano.com

AMERIGO MILANO CONCEPT STORE Via Carlo Alberto 35 MONZA

Lunedi | Sabato 10.13| 14|19

Tags:

 
 

La Ferme du Pré Carré

Pubblicato da blog ospite in Le Cose Semplici, News

Si avvicinano le vacanze di Natale. Già questo weekend , con il pretesto dell’Immacolata, qualcuno potrebbe concedersi una piccola vacanza romantica.

la-ferme-du-pre-carre-entree

flocon_salon_2

Vi voglio consigliare come ” luogo magico ” questo romantico maison d’hotes, La Ferme du Pré Carré.

porte-en-bois

Si trova in Alta Savoia a 94o mt . di altitudine, tra il Monte Bianco e il lago Léman, questa bellissima pensione .

salon5

Un luogo ideale dove staccare la spina in compagnia del vostro partner coniugando la buona e raffinata  cucina della proprietaria Sandrine, i cui studi sono stati formati in istituti ad hoc.

Terrasse-sur-jardin

flocon_table_1

Le suite sono tutte arredate in stile chalet, infondendo nell’ospite un senso di intimità , calore ed romanticismo.

edelweiss1

ferme-du-pre-carre-ete

coeur

Per vivere una parentesi della propria vita super dolce.

 

Tags:

 
 

Il bello di avere una casa smart

Pubblicato da blog ospite in Architettura, Easy Relooking, News

READ IN ENGLISH

La percentuale di crescita delle smart home in Italia oltrepassa il 20% l’anno. Si tratta di soluzioni abitative che garantiscono un elevato livello di comfort e che grazie allo sviluppo delle tecnologie digitali possono ora essere realizzate senza dover effettuare lavori in muratura. Di conseguenza i costi per eseguire l’intervento sono decisamente ridotti rispetto al passato, così come anche i tempi di messa in opera. La domotica wireless è una modalità sempre più diffusa per la sua versatilità e per i suoi vantaggi. Innanzitutto può essere applicata a qualunque stanza e a ogni dispositivo elettrico, non soltanto gli elettrodomestici. In secondo luogo garantisce una gestione e un monitoraggio in tempo reale via rete.

Ho avuto la fortuna di fotografare un mio progetto di interni in cui i proprietari hanno voluto configurare un sistema che gli permettesse di avere una casa domotica. In questo articolo vedi alcune delle foto di questo progetto e immagina di poter comandare in maniera smart le luci, le tapparelle, la musica e tanto altro di questo splendido attico con piscina.

Ma andiamo con ordine!

EasyRelooking – all rights reserved

I vantaggi di una casa domotica

L’applicazione della domotica alla propria abitazione consente di utilizzare e gestire i sistemi collegati da remoto grazie alla centralina installata. Si ricorda comunque che le funzionalità dell’impianto variano a seconda del tipo e del numero di dispositivi collegati e del livello di complessità della rete creata.

I vantaggi garantiti da questa soluzione abitativa sono:

  • la verifica dei livelli di sicurezza di tutti i dispositivi collegati;
  • la possibilità di attivare e spegnere da remoto gli elettrodomestici, l’impianto di riscaldamento, i sistemi di illuminazione, quelli di sicurezza e quelli oscuranti. Ciò può avvenire tramite un telecomando oppure, grazie ai collegamenti wi-fi, dal proprio pc o da un dispositivo mobile connesso a internet. In quest’ultimo caso per il controllo degli elettrodomestici, delle tapparelle, dell’illuminazione e del riscaldamento è sufficiente impostare parametri e comandi su un tablet o uno smartphone sul quale è stata scaricata l’apposita app;
  • collegare i sistemi video e audio in tutte le stanze dell’abitazione;
  • la possibilità di poter detrarre il 50% o il 65% delle spese sostenute per l’acquisto e l’installazione dei sistemi domotici dalla dichiarazione IRPEF. Infatti la Legge di Stabilità fa rientrare queste voci di spesa sia nel Bonus Ristrutturazione che nell’Ecobonus;
  • ridurre i consumi energetici, non soltanto degli elettrodomestici, ma anche dei sistemi di illuminazione e del riscaldamento. Infatti la possibilità di attivare e disattivare i dispositivi a distanza grazie all’interfaccia di controllo consente di realizzare una gestione a risparmio energetico dell’abitazione. Ad esempio, è possibile impostare l’illuminazione delle stanze in base alla presenza di persone al loro interno, della loro funzionalità e della quantità di luce naturale. In questo modo nelle zone di passaggio i risparmi per quanto riguarda i consumi di corrente elettrica possono arrivare persino al 75%.

Le ultime proposte della domotica wireless

La domotica wireless risulta essere estremamente vantaggiosa anche per il fatto che possono essere adattate alle varie situazioni in modo da andare incontro a qualunque esigenza e richiesta dell’utente. Al tempo stesso consente di rendere ogni elettrodomestico e ogni dispositivo elettrico indipendente l’uno dall’altro. Quindi è possibile gestire ogni elemento come se fosse un sistema a sé stante.

Una di queste soluzioni è l’impianto domotico messo a disposizione dall’azienda italiana Bticino che si basa sullo sfruttamento della rete wi-fi per realizzare una vera e propria smart home. Il sistema viene installato da tecnici specializzati della stessa azienda e la gestione avviene direttamente tramite smartphone o tablet grazie all’app. Oltre ad assicurare un maggior livello di automazione permette di evitare sovraccarichi e di ricevere un allarme in caso di perdite di gas o d’acqua. In alternativa la domotica wireless permette di interfacciarsi con l’applicazione Google Assistant, un utile supporto per gestire in maniera performante una casa intelligente. Basta dire all’assistente virtuale cosa deve fare e il sistema digitale programmerà l’impianto domotico.

EasyRelooking_allrightsreserved

EasyRelooking_all rights reserved

 

L’appartamento che vedi in queste foto ha installato proprio BTicino che si interfaccia con Google Assistant. Anche durante il mio servizio fotografico, bastava dire “OK Google” e pronunciare poi la frase per comandare, ad esempio, determinate luci che ci servivano per scattare le foto!

L’articolo Il bello di avere una casa smart proviene da easyrelooking.

Tags:

 
 

Hotel a ore, la tendenza che spopola anche in Italia

Pubblicato da blog ospite in La Gatta Sul Tetto, News

Hotel a ore, Day-use hotel, day-break hotel, micro-stay: sono tutte parole che descrivono la nuova tendenza che spopola nel mondo del turismo.

hotel a ore villa sull arno firenze

Il concetto è molto semplice: l’utente sceglie, attraverso apposite piattaforme e App dedicate, l’orario di entrata e uscita, e paga solo una frazione del prezzo pieno della camera. Un bel risparmio, soprattutto perché a questa formula aderiscono soprattutto hotel di lusso: pensate che anche prenotando un micro-soggiorno si può usufruire di tutti i servizi offerti dalla struttura, dalla SPA alla palestra, dalla sala meeting alla piscina.

A chi si rivolge il micro-stay

La formula del micro-micro-stay risponde all’esigenza di flessibilità espressa da un grosso segmento di viaggiatori, dai turisti ai businessman. L’hotel a ore offre un momento di pausa e di comfort a chi desidera riposare in attesa di una partenza in aereo, in treno, in nave; è utile per chi è alle prese con ritardi o cancellazioni; ci si può connettere per una videoconferenza in caso di impossibilità a raggiungere la sede della riunione, o semplicemente per organizzare un meeting di lavoro.

hotel a ore sala meeting

Il micro-soggiorno in una suite può essere anche un bellissimo momento da vivere in coppia, magari usufruendo della SPA o del ristorante. Oppure, non vi è mai capitato di aver voglia di riposare comodamente e di rinfrescarvi, anche solo per qualche ora, durante la visita di una grande città? Ebbene, grazie a questa formula  ora è possibile rendere un viaggio di lavoro o di piacere confortevole senza rovinare le proprie finanze.

Gli hotel day-use

Gli hotel a ore che aderiscono alla formula attraverso i portali specializzati sono tutti di alta fascia, a 4 o 5 stelle, ma è possibile prenotare anche appartamenti e dimore di charme. Qualche esempio? A Roma, il Radisson Blu con piscina panoramica, a Milano l’Hotel Château Monfort con SPA esclusiva in pieno centro, a Firenze l’Hotel Ville Sull’Arno, ospitato in una storica villa in riva al fiume.

Hotel a ore spa

Il prezzo si aggira intorno al 70% del prezzo giornaliero della camera, e la prenotazione è semplice e veloce: basta accedere al portale tramite desktop o App, scegliere la città, inserire il giorno e il motore di ricerca cercherà tutte le strutture convenzionate, così che si possa scegliere quella che soddisfa i propri criteri. Anche la prenotazione è molto flessibile: non è richiesta la registrazione della carta di credito, si paga direttamente in hotel e la cancellazione è gratuita.

hotel a ore trecento Roma

La formula day-use è un modo intelligente per soddisfare le esigenze dei viaggiatori e per aiutare gli hotel ad utilizzare stanze che altrimenti rimarrebbero vuote durante la giornata: non stupisce dunque che il micro-stay sia ormai una delle tendenze più gettonate nel mondo dei viaggi.


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi: riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog.  Basta cliccare qui e inserire il tuo indirizzo e-mail:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


 


 
 

” Il lungo ’68…noi c’eravamo” – Mostre fotografiche a Milano

Pubblicato da blog ospite in News, REDaddress

Vi aspettiamo!


 
 

Donne fotografe – Italian Women Photographers Association

Pubblicato da blog ospite in News, REDaddress


www.donnefotografe.org
info@donnefotografe.org


 
 




Torna su