7 Maggio 2019 / / Design

Dal 1968 Fantin crea con passione arredi e soluzioni in metallo, riconosciuti dal mercato per un valore imprescindibile: la qualità, intesa come sintesi di bellezza, solidità ed eco sostenibilità. Tutti gli arredi Fantin, curati nei dettagli della tecnica e dell’estetica, si adattano ai contesti più diversi: dalla casa all’ufficio, fino alla collettività e all’industria. Questa trasversalità, dovuta alla possibilità di personalizzare il singolo prodotto come la richiesta più complessa, è la chiave che ha permesso di ottenere prestigiose partnership in tutto il mondo, aggiungendo all’ingegno del progetto la qualità sartoriale dell’offerta. Fantin ha tracciato una forte evoluzione negli ultimi anni grazie alla collaborazione con Salvatore Indriolo, art director del brand, con il quale è sempre più proiettata verso i nuovi e complessi scenari contemporanei.

Il Frame Bookcasesystem, disegnato da Salvatore Indriolo, è una delle novità che Fantin ha presentato alla Milano Design Week 2019. Razionalità, estetica minimale e massima personalizzazione: sono questele parole chiave del nuovo sistema componibile che va ad arricchire il programma pluriennale Frame, iniziato nel 2018 e che già comprende tavoli, cupboard e sideboards di diverse dimensioni, oltre ad altri accessori e ad una kitchen workstation che il novembre scorso ha vinto l’Archiproducts Design Award.

Così come tutte le altre tipologie del programma Frame, anche il Frame Bookcasesystem è costruito da solidi telai in tubo quadro sempre in vista, dalle linee ortogonali e dalle infinite possibilità compositive: tre lunghezze di ripiani su cinque altezze, dove poter disporre in libertà schienali, fianchi e vani con ante a ribalta e rialza, sempre in luce al telaio.

Questi accessori possono essere scelti nella medesima finitura della struttura o in abbinamento con un secondo colore Fantin, così da poter creare soluzioni cromatiche personalizzate.

Il design, infine, è stato studiato nei minimi particolari prevedendo giunzioni non in vista, così da lasciare spazio alla pulizia formale di ogni dettaglio.

E, dopo il successo del 2018, la Frame Kitchen si arricchisce nell’offerta con la nuova variante a 2 moduli – larga appena 128 cm – e con l’introduzione, dopo il lancio dell’acciaio Vintage dell’anno scorso, dei top in acciaio satinato (sempre in partnership con Barazza) e in Fenix NTM.

Inoltre, da quest’anno la Frame Kitchen sarà disponibile nella soluzione outdoor, grazie a un trattamento di cataforesi che previene la formazione della ruggine e garantisce un’elevata resistenza agli agenti atmosferici: nel 2019 Fantin inaugura questo nuovo segmento di mercato, consapevole che la versatilità, il colore e la resistenza dei propri prodotti potranno essere soluzioni efficaci per rispondere alle esigenze di personalizzazione degli spazi aperti.

Il 2019 è l’anno anche della cassettiera Mya, disegnata da Sandro Fantin, che testimonia l’interesse dell’azienda per il mondo ufficio e contract. Mya ha cassetti scorrevoli e silenziosi, grazie alla qualità dei materiali e all’utilizzo delle migliori guide a sfere.

Progettata per ridurre al minimo le dimensioni esterne, si caratterizza per la pratica maniglia ad incasso circolare (diametro 4 cm), oltre al vano apertodisponibile in tinta con il telaio o in un secondo colore Fantin, per coordinare questo complemento a qualsiasi soluzione d’arredo.

Grandi novità anche per quanto riguarda le finiture: grazie ad una partnership con AkzoNobel, leader nella produzione di vernici, Fantin ha integrato nella sua collezione 18 colori goffrati che presentano fra di loro le medesime caratteristiche tecniche al tatto, l’alta resistenza ai graffi e agli agenti atmosferici, confermando la volontà di Fantin di essere sempre più presente nel mondo outdoor.

Con questa importante partnership, la versatilità della palette cromatica si arricchisce ulteriormente così da arrivare ad avere 46 finiture divise fra goffrate, opache e ultra opache e che, dalle tonalità neutre ai colori più intensi, accendono la collezione permettendo molteplici soluzioni estetiche.

 

Il tutto senza dimenticare la sostenibilità che i prodotti Fantin riescono a garantire perché realizzati prevalentemente da elementi monomaterici in metallo 100% riciclabili e da vernici a polveri prive di metalli pesanti.

www.fantin.com

L’articolo Arredamento moderno, colorato e versatile: le novità 2019 di Fantin proviene da Dettagli Home Decor.

7 Maggio 2019 / / Blog Arredamento

Oggi sempre più persone hanno la necessità ad un certo punto di installare per sé stessi o per un membro della famiglia un montascale per anziani nella propria abitazione.

Il montascale esiste da molti decenni, tuttavia è solo in tempi recenti che esso ha visto un vero e proprio “boom” di installazioni nelle nostre case. La popolazione anziana è cresciuta molto numericamente negli ultimi anni, e anche la cultura si è evoluta: oggi l’anziano non solo arriva mediamente più in là con gli anni, ma c’è un’attenzione decisamente maggiore rispetto al passato rispetto a come viviamo in tutte le fasi della vita e la società è più sensibile ai temi che riguardano il benessere dell’anziano. La tecnologia poi ha fatto grandi progressi che, accompagnati dai progressi ingegneristici, hanno permesso a molte aziende di presentare sul mercato soluzioni sempre più innovative a costi sempre più accessibili. Se dunque solo dieci o vent’anni fa poteva sembrare una rarità vedere un montascale in un’abitazione, oggi pressoché tutti sanno cos’è un montascale e ne hanno sentito parlare, e molti hanno un montascale installato in casa.

Monstascale di design Style

Perché parlare di montascale in un blog che tratta di arredamento?

Il motivo è molto semplice: il montascale solitamente è un impianto che viene installato in un contesto architettonico preesistente, e si tratta quindi di un elemento nuovo che interagisce con l’ambiente e con l’arredamento, anche sotto il profilo estetico.

Quando si presenta la necessità di installare il montascale, tipicamente si chiama una ditta specializzata, dei professionisti addetti effettuano un sopralluogo e dei rilievi sul luogo dell’installazione, e laddove possibile si progetta e si installa l’impianto montascale.

L’installazione in sé e per sé di solito non è particolarmente complessa: solitamente è possibile installare un tipico montascale a poltrona per anziani in poche ore e lasciando la scala e l’ambiente puliti e in ordine.

Molte persone, in particolare coloro che tengono molto alla cura della casa e dell’arredamento, al momento di dover installare un montascale si preoccupano che questo nuovo elemento possa risultare ben inserito nell’ambiente ed esteticamente gradevole.

Un montascale bello e ben inserito nel contesto e nell’arredamento

Naturalmente la necessità di una persona anziana di poter tornare a muoversi in casa propria è ben più importante dell’estetica, ma oggi fortunatamente possiamo avere entrambe le cose.

La sempre maggior sensibilità del pubblico verso la qualità anche estetica e al design, ha spinto le aziende a competere fra di loro sempre più anche su questi aspetti, arricchendo molto il ventaglio di soluzioni sul mercato.

In Italia ad esempio, una delle più importanti aziende multimarca del settore con aziende installatrici affiliate su tutto il territorio nazionale, Centaurus Rete Italia, da tempo fra le varie possibilità del proprio catalogo distribuisce, al momento in cui scriviamo in esclusiva nazionale, un modello di montascale volutamente chiamato “Style”, con chiaro riferimento alla particolare ricerca del design. E non a caso questo particolare modello è accompagnato da diverse interessanti possibilità di personalizzazione, ad esempio nei colori della seduta e addirittura nei colori della guida (la guida è il binario installato lungo la scala su cui si muove il montascale).

Si tratta naturalmente solo di un esempio, ma è utile per capire la questione e, soprattutto, capire quali possono essere i piccoli accorgimenti da valutare bene insieme alla ditta installatrice per fare in modo che il montascale si armonizzi bene nell’ambiente e con l’arredamento.

Naturalmente quando i professionisti addetti effettuano il sopralluogo devono valutare molti aspetti, e ovviamente prima di tutto devono valutare fattori fondamentali come la fattibilità, l’idoneità ecc. ma siamo convinti che un buon installatore laddove possibile non debba trascurare di valutare come cosa complementare anche la buona riuscita “estetica” dell’impianto, consigliando e valutando insieme al cliente modelli, colori, personalizzazioni ecc.

Alcune persone hanno un arredamento moderno, altre un arredamento classico, altre ancora un arredamento country… le possibilità sono molte, ed è evidente che lo stesso identico montascale non potrà esteticamente risultare uguale in contesti così diversi.

Prima citavamo come esempio il montascale “Style” proposto da Centaurus Rete Italia, accennando al fatto che in base alle personalizzazioni può adattarsi bene in diversi ambienti. Questa stessa azienda ad esempio ha anche altre proposte altrettanto interessanti sotto il profilo dell’estetica e dell’integrazione nell’arredamento, fra cui addirittura un montascale con la seduta e i braccioli in legno di noce, oltreché configurabile con diversi colori di tessuto per l’imbottitura della seduta stessa.

Al di là comunque di aziende e modelli specifici, ciò che a noi interessa qui è delineare alcuni aspetti principali a cui prestare attenzione in fase di acquisto, consultandosi naturalmente con gli esperti dell’azienda scelta per l’installazione, che se sono abili professionisti e con esperienza sicuramente sapranno anche dare consigli validi su cosa può andar bene nel caso specifico (tenendo conto ovviamente che l’aspetto estetico è sempre subordinato all’aspetto funzionale, quindi dovranno sempre essere dei tecnici qualificati a indicare a cliente i modelli, opzioni e personalizzazioni possibili all’interno delle soluzioni adatte per il caso specifico):

  • tipologia di guida: esistono montascale con guida bitubo e montascale con guida monotubo; dal punto di vista estetico l’aspetto è abbastanza diverso, quindi può essere utile prestare attenzione a quale tipologia offre l’azienda installatrice.
  • design della seduta e del gruppo di trazione: attualmente esistono sul mercato molti modelli e a onor del vero occorre dire che l’attenzione per il design è oggi sempre maggiore.
  • possibilità di personalizzare i colori della seduta: questo è uno degli aspetti più importanti per l’estetica e l’arredamento, perché il colore della seduta è una delle cose che risalta maggiormente e una buona scelta aiuta molto ad armonizzare il tutto con l’ambiente circostante.
  • possibilità di personalizzare il colore della guida: anche questo è altrettanto importante, ed è una cosa a cui prestare attenzione, perché non tutti la offrono, mentre esteticamente può davvero fare la differenza.

Un ultimo consiglio, più generale, potrebbe essere quello di valutare di rivolgersi preferibilmente ad aziende che siano non solo serie e qualificate, ma anche multimarca: oggi infatti un grande problema nel settore dei montascale è che ancora molte aziende sono sostanzialmente monomarca, e quindi hanno solo pochissimi modelli da offrire al cliente se non addirittura uno solo, ed è quindi facile immaginare che possano voler “spingere” sui pregi di quel prodotto. Un’azienda multimarca invece ha solitamente un ampio catalogo che le consente di ricercare la migliore soluzione per il cliente all’interno di un range ampio di prodotti.

7 Maggio 2019 / / Decor

Modificare il paraschizzi della cucina permette di cambiare aspetto alla stessa con poca spesa ed in poco tempo, attraverso soluzioni veloci.


Dopo che il punto della situazione su quello che c’è da modificare in cucina è stato fatto, possiamo passare al lato pratico. Uno degli elementi che contribuisce subito a far sembrare la cucina nuova di pacca è il rinnovamento del paraschizzi.

Non serve togliere tutte le piastrelle che avete già, perché esistono davvero tantissime soluzioni che permettono di rivestire l’esistente in poco tempo e con una spesa contenuta.

Modificare il paraschizzi: pannelli in vetro acrilico e carte da parati

Cominciamo con i pannelli in vetro acrilico: con spessore 3 mm, sono pronti da incollare sul muro o sulle piastrelle grazie a del biadesivo resistente all’acqua e al calore. Esistono in tantissime decorazione e in due dimensioni: 100×60 cm o 70x 50. Una soluzione pratica per chi ha necessità di dare una rinfrescata ma senza fare grandi lavori.

pannelli in vetro acrilico per modificare il paraschizzi, con decoro a tema cactacee e a tema cementine
| Adesivi Murali |

Se volete qualcosa di meno impegnativo, ci sono delle carte da parati riposizionabili, fatte apposta per la cucina. Sono impermeabili e antigraffio, facilmente lavabili. Già di forma rettangolare da 60 cm di altezza, sono perfette per coprire paraschizzi obsoleti. Velocità e praticità le parole d’ordine.

Fascia paraschizzi - carta da parati per modificare la cucina a tema cactacee
| Adesivi Murali |

Modificare il paraschizzi: adesivi e pittura lavagna

Una soluzione che vi consente una maggior personalizzazione, sono le piastrelle adesive con le quali coprire le vostre vecchie piastrelle. Esistono in tantissime decorazioni e formati e possono essere usate anche sui pavimenti, per avere un total look completo.

Quelle per i pavimenti hanno una pellicola speciale anti scivolamento, oltre ad essere resistenti all’acqua e al calore. La facilità di posa e i costi le rendono davvero una soluzione ottimale.

Piastrelle adesive a tema geometrico per modificare il paraschizzi
| Homeartatickers |

L’ultima soluzione è la pittura lavagna con la quale pittura il vostro paraschizzi, sia che abbia le piastrelle, sia che abbia vernice.

Esiste anche la versione magnetizzata, utile per appendere coltelli e barattoli delle spezie. Qui l’utilità raddoppia: potrete tenere a portata di mano la lista della spesa e tutti gli oggetti che usate più di frequente. Anche la facile lavabilità è un punto di cui tenere conto.

Pronto a diventare un esperto dell’interior design?

Rispettiamo la tua privacy.

L’articolo Rinnovare la cucina: #2 modificare il paraschizzi sembra essere il primo su Benvenuti sul mio blog dove l’interior design è reso facile.