16 Maggio 2019 / / Colori

Le tendenze spesso non sono novità ma reinterpretazioni di mode passate. Lo è il marmo che oggi rivive grazie alla tecnica del terrazzo veneziano. Un’antica lavorazione che prevede l’uso di pietra naturali e marmi colorati, trasformando scarti nobili in opere d’arte.

Questo genere di “texture” è ormai un must nel mondo del design e lo si ritrova negli arredi, nelle lampade o sotto forma di pattern o schemi grafici su tessuti e rivestimenti. La resa meravigliosa di questo “mosaico” è il fatto che nessuno pezzo è uguale all’altro e l’irregolarità geometrica diventa un plus grazie alle mille forme e sfumature che può assumere l’oggetto lavorato.

Design super minimal per il tavolino di Tikamoon con struttura in metallo.

Tavolino @Tikamoon

Carta da parati nella declinazione in grigio di Cloudberry Living. Un design contemporaneo per aggiungere colore e movimento a qualsiasi stanza della tua casa.

Carta da parati @Cloudberry Living

Semplice nella forma ma di grande effetto la lampada di AIXŌ.

Lampada @Aixo

Non solo arredi ma anche oggetti che possono dare un tocco di colore agli ambienti come l’orologio da muro The Design Gift Shop.

karlsson tom terrazzo wall clock pink-235786645..jpg

Orologio @The Design Gift Shop

Il tappeto di Rug’Society realizzato a mano ricorda l’effetto terrazzo veneziano.

neutral rug_terrazzo 1686521543..jpg

Tappeto @Rug’Society

16 Maggio 2019 / / Decor

Quando le temperature iniziano a farsi tiepide la voglia di stare all’aperto diventa incontenibile. Terrazze e balconi vanno allora preparati per l’occasione in modo da essere accoglienti.

L’obiettivo è creare un senso di pace e serenità. Non è questo che cerchiamo tutti in fondo? Per ottenere questo risultato ci sono degli elementi che non possono assolutamente mancare!

RELAX

005-wingzor-northbourne-architecture-design-1390x927
Home Adore


PER LA SERA

923c75da-2c49-41ab-921e-93ea461472d0

decor.cloud



BLACK&WHITE

19

Decouvrir l’endroit du decor


16 Maggio 2019 / / Blog Arredamento

Fonte del Rustico è un’azienda famigliare basata sull’amore per la natura, per il legno e per le cose importanti della vita, gli affetti e i rapporti umani, e per questo ama realizzare cucine rustiche in grado di ricreare ambienti caldi e naturali, tipicamente di campagna, dove riunire e accogliere la tua famiglia per stare insieme e godersi in tranquillità le pietanze più buone.

Visita la pagina https://www.fontedelrustico.it per trovare tutti i modelli di cucine rustiche realizzate da Fonte del Rustico! Avrai a disposizione decine di soluzioni, ciascuna ancora da personalizzare e modellare a tuo piacimento.

Cucine Rustiche e la scelta dei materiali, degli arredi e dei colori

Stile ed eleganza

Al giorno d’oggi, la cucina in muratura non è più da considerarsi esclusivamente d’arredo per le case di campagna o per le tavernette, ma al contrario è sinonimo di eleganza e ideale per gli appartamenti di città, proprio per la capacità di sfruttare al meglio gli spazi più piccoli e per creare un luogo di fuga dal rumore e dalla routine quotidiana. Questo tipo di cucina è in grado di ricreare immediatamente un ambiente famigliare e confortevole, come le cucine di una volta, e di coniugare insieme tradizione e innovazione. Moltissime famiglie hanno recentemente scelto questo tipo di soluzione, affidandosi a Fonte del Rustico per selezionare con cura ogni dettaglio e realizzare la cucina dei loro sogni.

Un arredo semplice e invecchiato

Per arredare con gusto la tua cucina rustica è importante non strafare. Bastano pochi mobili, scelti e selezionati con cura, alcuni anticati e invecchiati da tempo, magari riutilizzati, altri realizzati a mano da artigiani esperti e quindi unici e originali al 100%. L’utilizzo di materiali come il legno, la pietra e il marmo è d’obbligo: solo così sarà possibile ricreare l’ambiente naturale, caldo e accogliente che si desidera. Il riutilizzo di mobili e oggetti anticati è il punto di forza nell’arredo di
questo tipo di cucina, poiché permette di costruire un luogo unico, i cui arredi non si trovano nelle cucine comuni e moderne. E’ quindi possibile sbizzarrirsi e scegliere fra antichi e grossi forni in
pietra, lavelli in marmo finemente decorati, tavole da pranzo in legno robusto, ripiani a scomparsa per lavorare il pane e travi in legno o in pietra che sorreggono il soffitto.

I colori più utilizzati

La scelta delle tonalità per decorare le pareti e il soffitto della tua cucina rustica è di fondamentale importanza, così come la scelta dei colori degli elettrodomestici. Se il tuo pavimento è in legno o in cotto, è ideale affiancarvi colori caldi e autunnali come l’arancione, il giallo o il castano chiaro. Se invece gran parte della cucina è realizzata in pietra o in marmo, è consigliato spostarsi su tonalità più fredde e nordiche, come il blu, l’azzurro, il verde e il bianco sporco. Visita la pagina https://www.fontedelrustico.it e scegli la cucina rustica che ti piace di più!

16 Maggio 2019 / / Dettagli Home Decor

È vero che gli affitti delle case sono diminuiti oppure c’è stato un aumento? Qual è la situazione nel mercato immobiliare italiano? 

La risposta è in un’infografica ricca di dati, realizzata da Soluzioni Salvaspazio, brand di riferimento per l’arredamento in ogni tipo di appartamento.

Questa infografica, dal titolo Quanto costano gli affitti nelle città italiane? Mostra le tendenze attuali e illustra le differenze di prezzo degli affitti fra regione e regione, ma anche fra città capoluogo e città di provincia.

Lo scenario che emerge pone in risalto un lieve aumento negli affitti, + 3,5% nell’ultimo anno, con notevoli differenze fra singole città, non solo Nord e Sud, come ci si aspetterebbe.

In quali regione conviene affittare casa?

Le informazioni contenute nell’infografica, aggiornate al 2018, sono utili sia per chi cerca un appartamento in affitto, sia per chi desidera mettere in affitto una casa; la situazione è in costante mutamento, se pensiamo che a Siena gli affitti sono aumentati del 9,7%, a Verona del 9,5%, mentre a Chieti sono scesi del 14,3% e a Venezia del 12%.

Riguardo alle regioni, Sardegna, Lazio e Lombardia sono in cima alla classifica delle più costose in media, a cui va aggiunta la Valle d’Aosta, che è un po’ un caso a parte, con 15,53 € richiesti al mq (il calcolo è stato effettuato su case di 100 mq).

Tra le regioni più economiche, non sorprende trovare Sicilia, Molise e Calabria, mentre le città con gli affitti più alti in assoluto sono Milano, Firenze e Roma.

Un dato illuminante sul trend attuale è quello della percentuale complessiva di case in affitto in Italia, il 27,7%, perché è il più alto dal 2012, segno che qualcosa sta cambiando nelle abitudini e nelle necessità degli italiani.

Infatti la percentuale di case di proprietà è del 72,3%, il più basso dal 2010: l’Italia resta sempre uno dei Paesi in cui la maggior parte delle famiglie è proprietaria della casa in cui vive, ma gradualmente qualcosa sta cambiando anche qui.

Per chi affitta un immobile la situazione è leggermente migliorata, tenuto conto delle ampie differenze che abbiamo visto: il dato medio di 808 € mensili per l’affitto rende l’idea solo in parte, visto il costo di un affitto (nonché il costo della vita in genere) in Calabria non può essere paragonato alla Lombardia.

Tuttavia, può accadere di trovare appartamenti a buon prezzo anche a Torino, Perugia e Bari, per citare realtà molto diverse, oppure a Reggio Emilia e Novara, più economiche di molte altre città del Settentrione.

L’esigenza di vivere in una casa in affitto nasce da molteplici fattori: un trasferimento per lavoro, un cambiamento a livello familiare, motivi di studio o la scelta di vivere in un luogo diverso da quello in cui si è nati. Allo stesso tempo, le case che si affittano oggi hanno metrature diverse da quelle del passato, perché a volte si preferisce un appartamento più piccolo per arredarlo a piacimento sfruttando tutto lo spazio a disposizione.

In questo modo si riesce a risparmiare senza rinunciare a un buon livello di qualità della vita.

L’articolo Affitti delle casa in Italia: lo stato dell’arte del mercato immobiliare proviene da Dettagli Home Decor.

16 Maggio 2019 / / Design

Arredare una cucina piccola può sembrare molto difficile, ma ti voglio mostrare che non è così con due esempi di cucine componibili e micro.


Metti il caso che tu abbia preso una casa piccola, con una cucina ancora più ridotta. Sono sicura che all’idea di arredarla ti prenderebbe lo sconforto, perché finiresti per spendere molti soldi senza essere soddisfatto del risultato finale.

Ci sono alcune soluzioni che sono compatte e anche carine, ma più che altro sembrano espedienti trovati per accontentare chi non ha spazio. Non sembrano idee pensate proprio per chi deve concentrare quante più funzioni in magari un metro e mezzo. Eppure qualcosa si sta muovendo e delle cucine progettate proprio per chi spazio non ne ha sono venute fuori.

E sono stupefacenti.

Arredare una cucina piccola con il sistema A la carte

Questa prima cucina introduce un concetto rivoluzionario: la cucina come componibile, che si adatta agli spazi e alle conformazioni esistenti. I designer Linda e Oliver Krapf della Stadtnomaden GmbH hanno progettato il sistema A la carte. Avete presente quando andate al ristorante e potete scegliere cosa mangiare liberamente dal menu?

Ecco, il concetto è lo stesso. Comporre liberamente una cucina, senza dover fare i conti di trigonometria per capire quanti e quali pezzi di una certa cucina ci stanno nella nostra. I designer hanno ridotto la cucina ad una serie di moduli tutti uguali nelle dimensioni, ognuno dei quali svolge una funzione individualmente.

Dalle forme bombate, con piedini da 9 cm regolabili che le rendono stabili, hanno un aspetto unico nel loro genere. Si adattano ad ogni ambiente possibile: potete installarli rasenti al muro, in mezzo alla stanza per dividere due ambienti o addirittura in gruppo.

arredare una cucina piccola con la cucina a blocchi stadtnomaden
Stadtnomaden

I moduli si uniscono tra loro tramite magneti e arrivano già pronti per essere attaccati a prese e tubi. Non c’è nulla da forare nei moduli, perché hanno già gli incavi necessari per tutti gli alloggiamenti del caso. Sono senza maniglie, con pratiche gole per l’apertura di cassetti ed ante. Potete scegliere voi i moduli che volete: forno, lavastoviglie, vaporiera, cassetti…

In dotazione ci sono anche la rastrelliera per far asciugare le stoviglie, un vassoio porta spezie ed un piccolo tagliere.

Perfetta anche per un piccolo ufficio: bella da vedere, pratica, geniale.

Arredare una cucina piccola con la libertà di Critter

Critter è una cucina rivoluzionaria di un’azienda italiana, Stip, nata dall’incontro di Elia Mangia (designer) e Maria Mendez (ingegnere). A primo sguardo pensereste tutto, tranne che si tratti di una cucina. Ridotta all’osso e libera da ogni tipo di schema progettuale consueto a cui siete abituati.

Nessuna cucina monolitica attaccata a parete: una consolle che si stacca dalle pareti perimetrali per portare al centro della stanza il piacere e la convivialità del cibo. La struttura è in massello di Frassino e si assembla in pochissimi minuti grazie a 8 viti.

arredare una cucina piccola con Critter di Stip
Critter by Stip

Quello che si può scegliere e che cambia è il layout: differenti colori, finiture e accessori possono essere installati sulla struttura. Oltre al lavandino (il tubo cilindrico al di sotto contiene i tubi) potete avere due fuochi ad induzione e un tagliere, che nasconde un cassetto porta attrezzi.

Al di sotto del piano di lavoro, invisibile, c’è una rastrelliera in acciaio per agganciare pentole e mestoli. Avete bisogno di una dispensa? Potete utilizzare l’armadio su ruote Outing (che vedete nella foto a sinistra).

Tu quale sceglieresti?

Pronto a diventare un esperto dell’interior design?

Rispettiamo la tua privacy.

L’articolo Idee originali per arredare una cucina piccola sembra essere il primo su Benvenuti sul mio blog dove l’interior design è reso facile.

16 Maggio 2019 / / Charme and More

Monique Lhuillier Bridal, gli abiti da sposa per il giorno più bello.

Pizzo, raso, tulle e materiali preziosi  danno vita ad una collezione di abiti da sposa romantici, eleganti, perfetti nello stile e ricercati nei particolari.

La parola alle immagini di questi meravigliosi modelli perfetti per vivere una favola contemporanea.

00003-monique-lhuillier-new-york-bridal-spring-2020-credit-jennifer-massaux

00004-monique-lhuillier-new-york-bridal-spring-2020-credit-jennifer-massaux

00005-monique-lhuillier-new-york-bridal-spring-2020-credit-jennifer-massaux

00006-monique-lhuillier-new-york-bridal-spring-2020-credit-jennifer-massaux

00007-monique-lhuillier-new-york-bridal-spring-2020-credit-jennifer-massaux

00008-monique-lhuillier-new-york-bridal-spring-2020-credit-jennifer-massaux

00009-monique-lhuillier-new-york-bridal-spring-2020-credit-jennifer-massaux

00010-monique-lhuillier-new-york-bridal-spring-2020-credit-jennifer-massaux

00011-monique-lhuillier-new-york-bridal-spring-2020-credit-jennifer-massaux

00012-monique-lhuillier-new-york-bridal-spring-2020-credit-jennifer-massaux

00013-monique-lhuillier-new-york-bridal-spring-2020-credit-jennifer-massaux

00014-monique-lhuillier-new-york-bridal-spring-2020-credit-jennifer-massaux

00015-monique-lhuillier-new-york-bridal-spring-2020-credit-jennifer-massaux

Ph via

 

 

L’articolo Monique Lhuillier Bridal; Spring 2020 proviene da Charme and More.

16 Maggio 2019 / / Architettura

Questo loft dal mood brutalista si trova sull’ Avenida Paulista, l’arteria principale di San Paolo, in Brasile; scelto come propria abitazione dall’architetto Eduardo F. Correia, l’appartamento di circa 65m², è all’interno di un edificio dallo stile brutalista degli anni ’50, disegnato da Jacques Pillon e Gian Carlo Gasperini. Il progetto ha rivisto il layout della casa e l’arredamento, costituito da arredi in stile minimalista con alcuni pezzi iconici. 

A brutalist loft for the architect

This loft with a brutalist mood is located on Avenida Paulista, the main artery of São Paulo, Brazil; chosen as its own lodge by the architect Eduardo F. Correia, the apartment of about 65m², is inside a building with a brutalist style of the 50s, designed by Jacques Pillon and Gian Carlo Gasperini. The project has revised the home’s layout and furnishings, consisting of minimalist-style furnishings with some iconic pieces.

 

Foto: Salvador Cordaro
_________________________
CAFElab | studio di architettura