27 Settembre 2019 / / Amerigo Milano

Arriva l’autunno tornano, puntuali, gli aumenti.

I rincari sulle prossime bollette sono stati già annunciati: dall’1 ottobre luce e gas costeranno di più, rispettivamente +2,6 per cento e +3,9 per cento.

Certamente in tanti in questi giorni avranno anche solo solleticato l’idea di installare pannelli solari, così da prodursi l’energia in casa.

Un investimento iniziale importante che varia, naturalmente, a seconda della grandezza dell’impianto, ma che viene ammortizzato nel tempo.

La decisione di installare i pannelli solari è una scelta che fa bene all’ambiente e all’economia domestica con risparmi importanti nel corso dell’anno.


pannelli solari

E in autunno, quando la bolletta schizza alle stelle la vostra rimarrà più leggera. Inoltre una casa dotata di pannelli solari acquista un valore maggiore al momento della vendita, anche nel tempo perché, a dispetto di false credenze metropolitane, dopo venticinque anni dall’installazione i pannelli solari generano comunque l’80 per cento della loro capacità originale.

Nella scelta (e nel prezzo) dell’installazione influiscono diverse variabili: in primis il numero dei pannelli da posizionare (legato al numero dei componenti della famiglia e quindi all’energia consumata); la presenza di agevolazioni fiscali che lo Stato normalmente rinnova di anno in anno; la tipologia e l’inclinazione del tetto e la sua esposizione alla luce del sole.


pannelli solari

Infatti non tutti i tipi di tetti sono adatti per ospitare i pannelli solari: se il tetto resta ombreggiato per la maggior parte della giornata la resa del pannello solare (e quindi la produzione di energia) diminuisce fino al 20 per cento, mentre se il tetto resta all’ombra di pomeriggio bisogna optare per pannelli solari ad est utilizzabili solo la mattina.

Muoversi nella giungla dell’energia rinnovabile e della scelta dei pannelli solari risulta complicato per chi non è un addetto ai lavori.

Per fortuna arriva in aiuto Homedeal, che non solo fornisce i nominativi dei professionisti vicino a casa ai quali richiedere (gratuitamente) un preventivo, ma spiega vari aspetti dell’energia rinnovabile, aiutandoci a scegliere quello più adatto alle nostre esigenze e alle nostre tasche.

pannelli solari

Comprendendo anche quanto si andrà a risparmiare. Per esempio l’installazione dei pannelli solari in una famiglia formata da due persone costa tra i 7.400 e gli 8.000 euro, con un risparmio annuo di circa 800 euro; mentre l’installazione dei pannelli solari per una famiglia di quattro persona arriva fino a 10.500 euro facendo risparmiare alla famiglia in media 1.300 euro all’anno.

Naturalmente i prezzi dei pannelli solari, come ben spiegato su Homedeal, varia a seconda della tipologia del materiale utilizzato.

casa pannelli solari

Una scelta che farà bene certamente all’ambiente e che permetterà alla famiglia di risparmiare sulla bolletta.

Ma prima di scegliere accertatevi che il vostro tetto sia adeguato e vi aiuti davvero a produrre il massimo dell’energia.

Barbara Apicella

Redazione Amerigo Milano

26 Settembre 2019 / / Amerigo Milano

Anche voi sognate una casa nuova, ecosostenibile, bella ed economica?

Non serve il genio della lampada: oggi per esaudire questo desiderio è possibile optare per le case prefabbricate – molto diffuse all’estero, soprattutto negli Stati Uniti – ma ancora di nicchia in Italia.

Eppure sono case solide, belle, green e certamente meno costose rispetto a quelle tradizionali.

Una casa di 80 metri quadrati costa meno di 100 mila euro e una di 200 metri quadrati, sogno delle famiglie numerose, sfiora al massimo i 250 mila euro.

Ma intorno a questa nuova frontiera dell’edilizia green (e del futuro) ci sono ancora tanti dubbi e poche conoscenze.


casa prefabbricata

Le case prefabbricate non sono certo abitazioni di cartone che si costruiscono nell’arco di pochi giorni. Prima di costruire bisogna essere in regola con tutti i documenti edilizi: l’indagine geologica (eseguita da un geometra, un architetto o un ingegnere) che dà il via libera all’edificazione su un determinato terreno (con una verifica sismica in caso la zona sia a rischio terremoto) anche in base ad eventuali vincoli ambientali e paesaggistici, e poi il permesso di costruire.


case prefabbricate

Tra i tempi burocratici e i tempi di costruzione la casa viene consegnata in quattro mesi.

A scanso di equivoci la solidità della struttura è garantita dalla realizzazione delle fondamenta e della struttura in legno un materiale, peraltro, molto utilizzato anche nel passato con edifici antichi che ancora oggi resistono nei nostri centri storici.

Case personalizzate in base ai nostri bisogni e stili di vita, ma soprattutto green e rinnovabili in una società sempre più attenta al risparmio delle fonti energetiche.

Esistono case prefabbricate dove si uniscono al legno elementi in cemento creando così ambienti più isolati; ma è possibile renderle ancora più “green” ricorrendo a pannelli solari e pompe di calore.

Tra i pregi di una casa prefabbricata anche la possibilità di avere a disposizione un giardino; uno spazio verde che, se adeguatamente, organizzato può essere vissuto e ammirato tutto l’anno.

Chi ha il pollice verde lo potrà curare senza problemi, ma per realizzarlo meglio affidarsi a un giardiniere  professionista.

A un bravo giardiniere che si occupa della progettazione (si può optare anche per prati sintetici), della manutenzione che non riguarda la solo la falciatura, ma anche la concimazione, lo spargimento di calce e altri interventi fondamentali per la cura delle piante e un tempestivo intervento in caso di malattie.


casa prefabbricata

Una figura, quella del giardiniere, il cui incarico potrebbe essere continuativo nel tempo e non semplicemente a chiamata, ma che dipende sempre dalle necessità del committente (e naturalmente dalla grandezza del giardino).

Ma la scelta dell’azienda per la realizzazione della casa (prefabbricata ) dei vostri sogni e del giardiniere per la cura del vostro giardino per qualcuno possono sembrare un dilemma. Problema risolto: su homedeal troverete il professionista di fiducia più vicino a casa vostra, e potrete richiedere preventivi gratuiti per realizzare il vostro sogno senza incappare in brutte sorprese.

Barbara Apicella

Redazione Amerigo Milano 

25 Settembre 2019 / / Amerigo Milano

Che stiamo mettendo a dura prova il pianeta che ci ospita, è un dato di fatto.

La moda, in particolare, è un settore altamente inquinante e comporta un elevato consumo di risorse.

La buona notizia è che la sostenibilità dei processi produttivi è al primo posto nelle preoccupazioni dei brand, il panorama delle eco-fibre è in continuo viluppo e ottenere certificazioni green è un obiettivo sempre più vicino per tantissimi marchi. La moda del futuro sarà e dovrà essere sempre più green.

L’idea alla base dell’eco-fashion è la continua ricerca di materiali che siano ecologici e rinnovabili, non dannosi per l’ambiente e con il minimo spreco di risorse naturali.

zaino di carta

Fare acquisti più intelligenti significa anche scegliere capi realizzati con fibre sostenibili ed ecologiche; tutto questo è vantaggioso per l’ambiente, per i lavoratori coinvolti nel processo di produzione e anche per la nostra salute

L’eco-fashion non è mai stato così tanto alla moda e accessibile, sdoganando il preconcetto secondo cui un capo ecologico devesse essere per forza molto costosa.

Ne è l’esempio la realizzazione di uno zaino di carta lavabile prodotto da Essent-ial e venduto a Monza da Amerigo Concept Store.

Uno zaino di carta pratico e funzionale per chi ama essere alla moda ma rispettando la natura. Questo zaino di carta è realizzato con amore e rispetto per la natura. I materiali che vengono utilizzati sono tutti riciclati e sono soggetti a particolari trattamenti che li rendono unici, duraturi e confortevoli. Non ultimo l’intera catena di produzione Essent’ial è made in Italy.


zaino di carta amerigo milano

Lo zaino di carta è “full optional”: è dotato di chiusura con zip e fettuccia, tasca interna e tasca portacellulare.

zaino di carta

Ma la vera sorpresa di questo zaino di carta sono le cinghie regolabili che permettono di indossarlo sia come zaino che come borsa. Insomma un insolito zaino borsa dai mille usi.

Manutenzione  Lavabile in lavatrice a 30° con sapone neutro

Dimensioni 14 x 25 x H.40 cm

Lo zaino di carta è in vendita a Monza da Amerigo Concept Store

oppure direttamente Online a questo link SHOP NOW

IL REGALO PIU’ BELLO E’ GREEN…

Amerigo Concept Store

via Carlo Alberto 35

Monza

 

24 Settembre 2019 / / Amerigo Milano

Anche la casa qualche volta ha bisogno di rifarsi il look.

Ristrutturarla, parzialmente o totalmente, per qualcuno è una necessità: per esempio quando in famiglia arriva un bebè (o il nonno si ammala e non riesce più ad entrare nella doccia) è fondamentale avere un bagno con la vasca; quando il tetto inizia a risentire il passare del tempo bisogna cambiare le tegole; quando i muri della cucina hanno problemi di infiltrazioni e le piastrelle cadono non resta che chiamare l’esperto e ristrutturare il locale.

amerigo milano

Ma gli intereventi di elilizia migliorativi oggi vengono eseguiti anche per alzare il valore dell’immobile in prospettiva di una vendita. Diventa però fondamentale affidarsi all’impresa giusta, e prima ancora avere ben chiaro in che modo si vuole ristrutturare: quali locali rinnovare, quali interventi eseguire, in che tempistiche intraprendere i lavori.

Guai affidarsi al “fai da te”: in questo settore è indispensabile rivolgersi ad esperti e non fermarsi al primo preventivo, prediligendo quelle imprese che offrono un servizio “chiavi in mano”, occupandosi anche degli aspetti burocratici che ci tolgono serenità e sonno.

amerigo milano

Scegliere non è sicuramente facile: il committente deve sapere esattamente quello che vuole così da fornire indicazioni precise all’impresa edile evitando di incappare in specialisti che non eseguono gli interventi desiderati.

Ma il committente deve anche sapere a quello a cui va incontro: non solo a livello di costi, ma anche a livello di tempo di intervento perché, sempre più spesso, la casa da ristrutturare non è quella di campagna, ma quella nella quale si vive. Conoscere i disagi e la durata del cantiere sono elementi importanti nella scelta dell’impresa alla quale affidarsi.

Analizzati tutti questi aspetti la domanda resta sempre la stessa: come riconoscere un’azienda seria a cui consegnare la ristrutturazione della nostra casa?


amerigo milano

Arriva in aiuto Homedeal che ci mette in contatto con le imprese edili presenti sul nostro territorio, fornendoci preventivi gratuiti. Preventivi che contemplano diversi aspetti del lavoro: per esempio nella ristrutturazione del bagno si può decidere di cambiare solo i sanitari, o anche le piastrelle con un costo (e un tempo) diverso; si può decidere di smaltire le macerie da soli, oppure richiedere il servizio (a pagamento) all’azienda.

Il cliente prima di affidarsi a un’impresa edile deve informarsi anche sulla ditta, sul numero di operai che vi lavorano, sull’iscrizione alla Camera di Commercio e su tutta la documentazione burocratica necessaria per svolgere il lavoro, per non incappare poi in brutte sorprese.

E soprattutto è buona norma seguire i lavori, le varie fasi e gli eventuali problemi che potrebbero insorgere; perché se è vero che a nessuno piace mangiar polvere, è anche vero che quei lavori li paghiamo per abbellire la nostra casa. Per evitare di ritrovarsi una “sola” è meglio affidarsi a Homedeal dove troverete le risposte ai vostri dubbi e i migliori professionisti del settore a pochi chilometri da casa.

Barbara Apicella

Redazione Amerigo Milano 

21 Settembre 2019 / / Amerigo Milano

Le giornate si accorciano, le temperature si abbassano, arrivano i primi temporali.

La sera quando si apre la porta di casa, dopo un giorno di lavoro, è un piacere essere accolti dal tepore e cenare con un buon piatto appena sfornato.

Prima, però, una doccia e il rito il phon, mentre gli altri componenti della famiglia sono impegnati chi al computer, chi al forno microonde, e chi davanti alla tv.


amerigo milano

Il pericolo è che quando sono tanti gli elettrodomestici collegati il contatore salti e oltre a rimanere al buio si rischia anche di rimanere al freddo: sono in aumento, infatti, le famiglie che optano per il sistema di riscaldamento a pompa di calore, più green ed economico rispetto ai metodi tradizionali.

È quindi fondamentale fare un check del proprio impianto elettrico per evitare di arrivare ai primi freddi con sgradite sorprese. Naturalmente bisogna rivolgersi a un professionista perché il fai da te, soprattutto quando si ha a che fare con l’elettricità, è molto pericoloso.

amerigo milano

Bisogna rivolgersi a un elettricista che verifichi l’impianto: un intervento di manutenzione ordinaria per essere certi che tutto sia a posto ed evitare telefonate di pronto intervento il cui costo, naturalmente, lievita quando il problema si presenta di notte e nei giorni festivi.

L’elettricista è una figura fondamentale quando si ristruttura casa, con l’installazione di un nuovo impianto. Ma il suo intervento è prezioso anche successivamente quando, per esempio, cambiando la disposizione dei mobili del salotto è necessario installare le nuove prese per la tv e le lampade.

Stesso discorso quando rinnoviamo la cucina, decidendo di inserire nuovi elettrodomestici. A quel punto diventa fondamentale “aggiornare” il contatore cambiandolo con uno più moderno.

Per scegliere l’elettricista che fa al nostro caso ci viene in aiuto Homedeal che ci fornisce i nominativi dei professionisti vicino a casa, assicurandoci anche un preventivo gratuito.

amerigo milano

Ma non solo: su Homedeal troviamo anche le risposte ai dubbi che spesso sorgono quando dobbiamo contattare un professionista. Per esempio in caso di corto circuito, magari nel cuore della notte o nel fine settimana, bisogna contattare un elettricista disponibile h24; mentre per problemi meno gravi, come per esempio cali di corrente, è possibile rivolgersi a un elettricista anche non disponibile h24 che possa effettuare una verifica del nostro impianto elettrico.

La manutenzione è indispensabile per evitare di dover intervenire con lavori urgenti e costosi. Su Homedeal trovate consigli utili sulla scelta del professionista migliore: l’elettricista deve essere riconosciuto e specializzato. Prima di affidargli l’incarico richiedete un preventivo e confrontarlo con quello di altri colleghi.

Barbara Apicella

Redazione Amerigo Milano

20 Settembre 2019 / / Amerigo Milano

Andare a convivere o convolare a nozze: il coronamento di un sogno che tanti ragazzi (ma anche coppie adulte) affrontano con la gioia nel cuore. Aver trovato la casa, vedersi accordato il mutuo e poi la firma del rogito.

A quel punto, chiavi in mano, non resta che entrare nel nido d’amore e iniziare il nuovo percorso di vita insieme.


amerigo

Ma la casa per essere vissuta deve essere prima di tutto arredata: sono sempre di più le coppie che per risparmiare o perché legate affettivamente ad (alcuni) mobili del proprio passato decidono di portarseli nel nuova dimora.

Oltre alle tante coppie mature che, magari alla seconda esperienza di matrimonio o di convivenza, decidono di trasferire nella nuova casa arredi e ricordi di quella vecchia: dalla credenza al divano, dall’armadio alla cucina (elettrodomestici compresi).

Così che il trasloco diventa uno dei momenti più stressanti della vita di una coppia: che cosa portarsi, che cosa lasciare nella vecchia casa, che cosa vendere?

C’è poi la paura che quegli oggetti a noi tanto cari durante il trasloco possano essere danneggiati. Meglio affidarsi al fai da te, magari chiedendo aiuto ad amici e parenti e trasformarsi in traslocatori nel fine settimana, oppure optare per una ditta specializzata?

amerigo milano

Meglio che ciascuno faccia il suo mestiere, soprattutto quando arredi e suppellettili da trasportare sono numerosi, magari delicati e preziosi. Perché sono tante le variabili che riguardano l’organizzazione – e il costo – di un trasloco. In primis la quantità di oggetti da trasportare: una cosa è riempire un furgone, un’altra è dover optare per un camion.

Da non sottovalutare anche la casa di partenza e quella di arrivo: se c’è l’ascensore oppure solo le scale, se l’abitazione è al pianterreno o al primo piano oppure ai piani alti, se è sufficiente il lavoro manuale dei traslocatori oppure bisogna optare per un elevatore. In presenza di mobili da trasportare bisogna accertarsi che sia il traslocatore a smontarli e rimontarli oppure, in caso di mobili antichi, bisogna affidarsi a un bravo professionista lasciando al traslocatore solo il compito del trasporto per evitare tristi sorprese.

Il prezzo, naturalmente, varia a seconda della distanza da percorrere: una cosa (e quindi una cifra) è se il trasloco avviene nell’arco di un centinaio di km; altra faccenda quando invece ci troviamo di fronte a traslochi fuori regione, o persino all’estero. Quest’ultima è una possibilità oggi sempre più diffusa in un mondo del lavoro in cui le aziende (in particolare le multinazionali) spostano velocemente i loro lavoratori da una nazione all’altra. Così che la coppia o la famiglia potrebbe persino doversi attivare per un trasloco extracontinentale.

Queste non sono le uniche variabili nell’organizzazione del trasloco e nella scelta dell’azienda più adatta alle proprie esigenze.

Per risolvere i vostri dubbi arriva in vostro aiuto Homedeal. Perché sul prezzo finale del trasloco incidono anche il tempo che gli operai impiegano ad eseguirlo: una cosa è fare il trasloco di un bilocale, altra faccenda fare il trasloco di un appartamento di 100 metri quadrati (e anche oltre).

Oggi la città di Milano attrae molto poichè offre molte oppurtunità di lavoro oltre ad ospitare qualificate unifersità. E’ la capitale indiscussa del fashion e del design. 

milano

Traslocare a Milano però non deve diventare un semplice stress, ma può anche essere un’esperienza emotivamente coinvolgente che può trasformarsi anche in un’occasione per rispettare l’ambiente nella scelta dei materiali di imballaggio e dei mezzi di trasporto, optando anche per una condivisione del trasloco con terzi. Ma allora che professionista devo scegliere? Domande che su Homelead trovano una risposta, oltre a fornire i nominativi dei migliori professionisti della vostra zona e ricevere preventivi gratuiti dalle aziende specializzate che vi aiuteranno ad rendere viva la vostra nuova casa, trasportando in sicurezza i vostri ricordi.

Barbara Apicella

Redazione Amerigo Milano 

20 Settembre 2019 / / Blog Arredamento

Il bagno è ormai uno degli spazi più preziosi della casa. È qui che si sviluppano le idee più innovative e di tendenza di designer e architetti che solo fino a poco tempo fa vedevano questa stanza semplicemente come uno spazio di servizio.
Guai a definire oggi il bagno in questo modo o a pensare che non ci sia niente oltre quello che si vede. Ogni scelta di design ha la sua storia che nasconde una atmosfera ben precisa, una diversa e importante personalità della casa e di chi la abita. Sì, perché la casa e gli arredamenti rispecchiano i suoi abitanti, esattamente come la scelta di un abito che racconta molto della personalità di chi lo indossa.
Ogni stagione ha le proprie tendenze, questo non è un segreto. Ciò che a volte risulta difficile è unire con armonia i propri gusti con ciò che il mondo del design definisce di tendenza in quel preciso momento. Per farlo però, basta essere minimalisti, essenziali. Scelta che nell’arredo bagno di Arcshop, così come negli altri, risulta essere la mossa vincente. Questo perché l’essenziale è eleganza.

Tendenze arredo bagno

Anche in questo autunno/inverno, la moda in fatto di arredo bagno è chiara. Questa stanza è la più preziosa, la più raffinata, per questo motivo ogni elemento deve essere scelto con attenzione. I mobili saranno flessibili e pensati per durare nel tempo. Ciò significa che non ci saranno sistemazioni fisse, ma sarà tutto libero di essere pensato esattamente come lo desidera chi lo vivrà ogni giorno. Mobili che potranno essere sospesi o posizionati a terra, questo non è un dettaglio che interessa queste nuove tendenze dell’arredamento.
I colori saranno accesi, tonalità come il verde smeraldo, l’azzurro, il giallo e il rosa nelle sue versioni fluo e antico. Si tratta di un nuovo ingresso nel design delle stanze da bagno che fino a poco tempo fa sembrava stonare. Eccolo che, invece, si rivela la scelta vincente.
Se non si è appassionati di colore si potrà optare per il bianco che però non sarà un total white, passato di moda, ma una leggera sfumatura di nuance che trasmetteranno una sensazione di calore, nonostante si tratti di tonalità fredde.

Il ritorno delle piastrelle

Parlare di piastrelle nel bagno, soltanto un anno fa era considerato out. Facevano pensare ai bagni coloratissimi e caotici degli anni 70 che, piacevano sì, ma restavano in quell’immaginario, lontano dagli anni alle porte del 2020, sicuramente meno audaci in fatto di mix di colori e forme.
Cos’è cambiato? Difficile a dirsi, probabilmente lo scenario. Anche perché, se è vero che le piastrelle son tornate di moda, è anche vero che si tratta di elementi minimal con colori essenziali che sono il bianco e il nero. L’unica eccezione può essere quella del verde che potrà essere scuro o smeraldo. Torna anche qui l’essenziale, come a confermare che non serve aggiungere per dare carattere a un ambiente.
La caratteristica di questo ritorno è la differenza di dimensione. Le piastrelle, infatti, possono essere di diverse dimensioni per regalare quel tocco glam e creativo a una stanza tradizionale per definizione.

19 Settembre 2019 / / BlogArredamento Aziende

Sei alla ricerca di un armadio per la camera da letto e ti trovi di fronte al dilemma: BATTENTE O SCORREVOLE?

Come capire quale modello fa al caso tuo? Meglio uno o l’altro?


Leggi la GUIDA COMPLETA >>
L’armadio è un pezzo fondamentale dell’arredamento della zona notte e non è certo un mobile che si cambia spesso. Rappresenta una spesa che incide sul budget ma è anche uno tra gli arredi basilari di cui non possiamo assolutamente fare a meno. Un armadio “ragionato” prima di comprarlo si rivelerà un prezioso alleato per una migliore organizzazione della camera da letto, ma anche del resto della casa. Già, perché se si progettano bene dimensioni e interni questo mobile può diventare multifunzione: un guardaroba per abiti ma anche uno spazio in cui riporre biancheria, borse, scarpe, valigie e il cambio di stagione.

La grandezza della camera influisce sicuramente sulla scelta tra armadio scorrevole e armadio battente. Ma tra i vari fattori ci sono anche l’altezza del soffitto, il modo in cui si usa l’armadio, le esigenze progettuali personali…per questo motivo è molto importante conoscere tutte le caratteristiche che contraddistinguono e differenziano queste due tipologie di armadiatura.

Solo informandosi dei vari pregi e difetti sarà possibile comprare un armadio di qualità rispettando il proprio budget

Cosa troverò nella guida?

Scoprirai:

  • prezzi
  • differenze di utilizzo
  • profondità e altezza
  • flessibilità progettuale
  • estetica
  • pulizia

Insomma, tutto quello che devi sapere per scegliere consapevolmente l’armadio perfetto per le tue esigenze specifiche.

18 Settembre 2019 / / Amerigo Milano

È sempre la stagione giusta per rinnovare le pareti di casa.

Con l’estate che ormai è un ricordo e l’autunno con i suoi meravigliosi colori alle porte è il momento adatto per rinfrescare le pareti, dando un tocco nuovo al nostro appartamento.

Non è necessario aprire un mutuo o mettere tutta la casa sottosopra: basta semplicemente rinnovare una parete (anche una per singolo locale) dando un tocco nuovo a tutta la casa, e al tempo stesso evitando quelle situazioni di delirio e di caos legate all’arrivo dell’imbianchino che con le sue latte di vernice, la scala e i teli di plastica sul pavimento è l’incubo di moglie, madri e casalinghe.

Imbiancare sì, ma quale colore scegliere? Ogni tonalità ha un suo significato, ma se volete essere di tendenza per questa stagione è importante scegliere colori decisi. Tra i più gettonati certamente le palette del blu, nelle sue varianti cromaticità che, a seconda delle sfumature, siaù adattano alla camera da letto, ma anche al bagno, con quel potere che il blu e l’azzurro hanno di rilassare e agevolare la distensione.


amerigo milano

Ma il blu può essere anche una scelta per il soggiorno, non certo con un total blu, ma optando solo per una parete, sempre scegliendo quella gradazione più adatta all’arredamento ma anche al gusto di chi vive quello spazio. Stesso discorso per il color ruggine, declinato poi nelle tonalità rame o gold che richiama le cromaticità autunnali. Ma perché non dipingere una parete di verde? Dal blu verde tendente al petrolio a quello estivo che richiama i colori dei prati, o a quello più tenue che tende all’oliva? Per gli amanti dell’etnico la scelta giusta potrebbe essere quella dei richiami alla terra con il tanto fashion color mattone che può arrivare fino a quel profondo rosso che non farà passare inosservato quell’angolo di casa. Fino a quelle tonalità orientali che rimandano alle cromie delle spezie indiane come il color senape o il color curry.


pink amerigo milano

Infine per le romantiche il 2019 propone il lilla e il rosa sempre che, la dolce metà, approvi di addormentarsi in una stanza con una parete di quel colore. De gustibus non est disputandum, dicevano gli antichi. Scelto il colore, bisogna poi affidarsi all’imbianchino a chi riesce a ridare un’anima a una parete ormai agèe.

A questo punto arrivano i dubbi: chi ingaggiare,come fare a farsi fare un preventivo da un imbianchino, che cosa richiedere all’interno di un preventivo per evitare di trovarsi poi brutte sorprese?

Ci viene in aiuto Homedeal, fornendoci non solo tariffari ma indicazioni circa gli interventi eseguiti dall’imbianchino e che non riguardano semplicemente la tinteggiatura di una parete. Perché, nella fattura, oltre al materiale (e su questo tema si apre anche la scelta fra un’ampia gamma di vernici con caratteristiche diverse) compaiono anche le voci di eventuali lavori extra (come per esempio levigatura), la disponibilità del professionista ad iniziare subito i lavori, e poi il prezzo finale se compreso oppure no di Iva. Meglio scegliere un preventivo basato sul numero di ore di lavoro, o optare per un prezzo fisso comprensivo dell’intera opera?

Dubbi, leciti, che su Homelead trovano una risposta, oltre a trovare i migliori professionisti della tua zona e ricevere preventivi gratuiti degli imbianchini che daranno nuova vita e nuovo colore alla tua casa.

Barbara Apicella

Redazione Amerigo Milano 

17 Settembre 2019 / / Blogger Ospiti

Al Gorgeous George Boutique Hotel di Cape Town si danno appuntamento influssi africani e design contemporaneo. Il progetto del designer Tristan Plessis si avvale di elementi dello stile industriale e colori forti negli interni, e di quelli di architettura vittoriana negli esterni.

balizroom-interiorblog-gorgeousgeorge-hotel-exterior.jpg

balizroom-interiorblog-gorgeousgeorge-hotel-entrance.jpgA sentirlo così, potrebbe suonare come un mix azzardato. Ma sono proprio i contrasti inaspettati a rendere il Gorgeous George Boutique Hotel indimenticabile. A partire dall’entrata. La doppia porta intarsiata, non grandissima ma di impatto per i suoi decori elaborati, non lascia immaginare cosa ci aspetti al di là.

Una grande mappa di Cape Town, composta da centinaia di piastrelle dipinte a mano dall’artista Lucie de Moyencourt occupa un’intera parete della lobby, dichiarando fin da subito il carattere eclettico del Gorgeous George. Lo stile delle famose ceramiche di Delft, con disegni azzurri su sfondo bianco, è un chiaro richiamo al patrimonio olandese della città africana.

balizroom-interiorblog-gorgeousgeorge-hotel-luciedemoyencourt-reception-ceramic.jpg

Nella sezione dedicata all’hotel un deciso pattern floreale riveste i pavimenti dei corridoi, per poi lasciare il testimone a palette più neutrali nelle camere, ravvivate da tappeti multicolori. Il Gorgeous George Hotel offre ai suoi ospiti 20 stanze e 12 suite, al cui interno sfumature di blu e di verde, combinate con colori chiari, gridano alla contemporaneità senza dimenticare l’estetica africana. Infine, il tocco di “uncompleted” dato dalle travi in cemento a vista, completa il quadro studiato dall’interior designer Tristan Plessis.

balizroom-interiorblog-gorgeousgeorge-hotel-suite-blue-colours.jpg

balizroom-interiorblog-gorgeousgeorge-hotel-suite-desk.jpgIl Gigi Rooftop Bar & Restaurant è l’alter ego estroso di Gorgeous George. Un vero salotto a cielo aperto, dove ospiti e visitatori possono godersi la golden hour, davanti a un drink personalizzato e immersi in una giungla in miniatura allestita sul tetto.balizroom-interiorblog-gorgeousgeorge-hotel-gigi-rooftop-terrace.jpg

balizroom-interiorblog-gorgeousgeorge-hotel-pool-gigi-rooftop.jpgPer chi ama la tintarella, la pedana del solarium e una spiritosa piscina outdoor rivestita a righe bianche e verdi sono una tappa obbligata. Di un incantevole verde petrolio è anche il soffitto del ristorante, in cui ritroviamo le ceramiche di Lucie de Moyencourt a decorare i tavoli, stavolta rappresentando eventi legati alla storia della città.balizroom-interiorblog-gorgeousgeorge-hotel-restaurant-tables.jpg

balizroom-interiorblog-gorgeousgeorge-hotel-restaurant-bookshelf.jpgScelte estetiche quasi irriverenti e nuove interpretazioni della tradizione africana conducono l’ospite attraverso un’esperienza di soggiorno che va oltre i canoni convenzionali.  Con il Gorgeous George Boutique Hotel, Cape Town alza senza dubbio l’asticella dell’hospitality a un nuovo livello.