14 Maggio 2021 / / Blogger Ospiti

La regola principale per arredare le pareti di casa è soltanto una: rispettare i gusti personali. E non c’è niente di meglio che scegliere di stampare le proprie fotografie di viaggio oppure quelle legate a particolari eventi o magari alla routine in famiglia, trasformandole così in complementi d’arredo del tutto unici e originali. In questo approfondimento vedremo come fare per realizzarle e in che modo appenderle alle pareti, in modo da ottenere un effetto armonico. La stampa su tela degli scatti più belli consentirà, peraltro, di selezionare determinate immagini salvandole dal dimenticatoio digitale che è spesso rappresentato dalle gallerie dei nostri smartphone e tablet. Nel caso in cui si abbia intenzione di stampare più quadri su tela, la cosa migliore da fare sarà individuare una parete bianca e del tutto sgombra prima di iniziare a pianificare la loro disposizione.

Che cosa occorre fare? Bisogna armarsi di matita e iniziare a disegnare in scala su di un foglio quelle che sono le soluzioni arredative immaginate e che più ci piacciono per personalizzare un simile ambiente. In tal modo si potrà visualizzare chiaramente il colpo d’occhio finale e sarà facile evitare di riempire il muro di buchi come fosse una groviera (uno per ogni tentativo sbagliato). Arriva poi il momento di segnare con una matita – passando per un foro realizzato allo scopo – quella che sarà la posizione di ciascuna stampa su tela. Dopo aver esaminato pro e contro del progetto, tenendo presente anche la quantità di luce diretta in ingresso nella stanza, si potrà procedere. E come? Ricavando – attraverso un forellino nel foglio – l’esatta posizione di ogni chiodo per il quadro. Per ottenere rapidamente quadri su tela di alta qualità basterà recarsi sui portali degli specialisti, selezionare le foto da stampare su tela, e nel giro di pochi giorni ricevere direttamente a casa il prodotto finito.

Stampe su tela: disposizione geometrica, dimensioni dei mobili e colori

La migliore disposizione dei quadri su tela è quella progettata nel dettaglio e per nulla improvvisata, oltre che rispettosa dei propri gusti. Il primo consiglio è quello di appendere le diverse immagini a un’altezza consona, ovvero ”a filo di sguardo”. Non si devono cioè fare sforzi extra per apprezzare inquadratura, colori e profondità del quadro. Diciamo che, all’incirca, è bene appendere i quadri all’altezza di un metro e 60-70 centimetri ovvero l’altezza media della persona (se però si prevede di osservare le stampe soprattutto da seduti questa indicazione può variare al ribasso).

Per una maggiore armonia con il contesto, sarà necessario verificare presenza e distanze di angoli e spigoli nell’ambiente (finestre, librerie e così via). È chiaro che la cosa migliore da fare sarà scegliere di disporre i quadri seguendo un ordine il più possibile schematico e geometrico. Se per esempio volete mettere in evidenza la composizione di immagini, ponendola da un solo lato della stanza, sarà necessario intervenire con un ‘correttivo’ che armonizzi l’effetto visivo dall’altra parte del contesto. In genere, quando si vanno a disporre i quadri in base a un ordine di tipo geometrico si opta per forme quali rettangolo e quadrato.

È bene pure prestare attenzione alle dimensioni dei mobili: i quadri non dovrebbero essere appesi sopra a complementi d’arredo e tavoli troppo piccoli. Quanto ai colori, si potrà scegliere una sostanziale continuità con il resto della stanza oppure inserire determinate stampe quale elemento di rottura, in chiave moderna. Nel caso in cui nella stanza ci siano determinati colori che si ripetono, optare per quadri “a corredo” potrà essere una scelta vincente in chiave armoniosa. Se sono presenti carta da parati o particolari tappezzerie sarà sempre bene incorniciare la stampa su tela per farla risaltare al meglio.

13 Maggio 2021 / / Dettagli Home Decor

Villa Etna di Iraci Architetti

Un’architettura contemporanea immersa nel panorama unico della valle dell’Etna, una villa dagli spazi ampi e generosi nella quale il limite tra interno ed esterno viene annullato dalle ampie aperture vetrate, un progetto che fa della perfezione dei dettagli il proprio tratto distintivo. Tra materiali d’eccellenza, finiture ricercate e arredi sofisticati spiccano le collezioni di antoniolupi.

Il progetto Villa Etna di Iraci Architetti

Tra artificio e natura, tra contemporaneità e tradizione, tra design essenziale e minimale e materiali ricercati. Vive sul perfetto equilibrio tra gli opposti il progetto di una villa monofamiliare curato dall’Arch. Antonio Iraci sulle pendici dell’Etna.

Villa Etna

Lineare nella sua perfezione geometrica e volumetrica, la residenza si sviluppa longitudinalmente inserendosi nel paesaggio circostante in modo discreto, grazie a un’altezza contenuta, nonostante lo sviluppo su tre livelli di cui uno interrato, e all’utilizzo di materiali naturali e di ampie superfici vetrate.

L’impiego della pietra per delineare gli sporgenti setti orizzontali dei prospetti, del legno per le pareti opache che delimitano il volume e del vetro per completare la mimesi con il verde circostante, descrivono l’immagine elegante e moderna di questo scrigno prezioso in constante dialogo con la luce.

Proprio la straordinaria luce della Sicilia diventa strumento progettuale per dar vita a prospettive inedite all’interno degli ambienti, sia durante le ore del giorno, sia al calar del sole.

piscina di Villa Etna

La compenetrazione del verde, favorita soprattutto dal patio interno che interrompe la sequenza degli ambienti, definisce la perfetta fusione tra natura e costruito.

La piscina esterna, un perfetto specchio d’acqua allungato, accompagna lo sviluppo della casa, duplicandola di fatto grazie alla proiezione del fronte e definendo un’area outdoor direttamente connessa con gli spazi interni.

living Villa Etna

living moderno e luminoso

zona pranzo Villa Etna

Grazie all’ampiezza della proposta dell’azienda è stato possibile interpretare il mood del progetto caratterizzando ogni ambiente, sia attraverso gli elementi protagonisti dell’ambiente bagno, sia grazie a mobili e contenitori gli spazi del living. Collezioni diverse per personalità e carattere, ma accomunate da una coerenza di stile che dona gusto ed eleganza all’intera casa.

L’organizzazione razionale degli ambienti risponde a precise esigenze funzionali ma nello stesso tempo permette di definire spazi intimi e privati ma allo stesso tempo connessi per un continuum stilistico e spaziale.

vasca da bagno freestanding in camera da letto

bagno in camera con ampia doccia

La ricerca sui materiali, sulle superfici e sugli arredi esprime al meglio il concept di un progetto che fa della preziosità dei dettagli il proprio distintivo. Proprio in questo senso sono molte le collezioni di antoniolupi che trovano posto negli ambienti di Villa Etna grazie alla capacità di unire materiali d’eccellenza, design evoluto e dettagli sofisticati.

A partire dalla vasca freestanding Dune disegnata da Mario Ferrarini che occupa il centro del bagno padronale a piano terra e offre un relax assoluto con vista diretta sull’esterno, proseguendo con le serie di contenitori Bespoke e BeMade disegnate entrambe da Carlo Colombo, che con la caratteristica eleganza e la ricchezza delle finiture e dei materiali arredano diversi ambienti.

L’utilizzo di ante a specchio alleggerisce l’immagine dei volumi, dilata le prospettive moltiplicando le traiettorie disegnate dalle superfici presenti nello spazio.

bagno gumdesign

Grande spazio è dedicato alle ultime proposte firmate da gumdesign. I lavabi 024, impiegati sia nella versione da appoggio, sia nel modello a colonna si inseriscono in ambienti nei quali la carta da parati della collezione Tralerighe riveste le pareti verticali definendo un’immagine omogenee e coordinata sui toni del bianco e nero. Sempre nelle pareti si aprono vani integrati e funzionali per riporre oggetti di uso quotidiano; sono Dimezzo e Framezzo di AL Studio, accessori preziosi che permettono di liberare lo spazio e sfruttare ogni centimetro dell’ambiente con rigore e precisione.

Senza dimenticare i tappeti, sempre della collezione Tramato che completano l’arredo dei diversi ambienti insieme a sanitari, lavabi integrati nei top, piantane e accessori come i nuovi Specchi di Carta sempre dei gumdesign.

area wellness

Nel piano interrato l’assoluto protagonista è lo spazio wellness immediatamente adiacente all’area fitness, dotato di una piscina coperta nella quale confluiscono una molteplicità di getti per un relax totale.

Dall’effetto pioggia generato dal soffione Meteo con cromoterapia integrata, grazie al quale l’acqua cade morbida dal soffitto, alla potenza concentrata del getto di Azimut, i soffioni compatti che rimandano all’immagine di apparecchi luminosi, collocati in sequenza a parete per un trattamento localizzato.

bagno bianco e nero Anoniolupi

lavabi freestanding Antoniolupi

Tecnologia e design si incontrano in tutte le collezioni antoniolupi utilizzate a Villa Etna, che testimoniano l’approccio sartoriale dell’azienda e la capacità degli elementi di impreziosire le microarchitetture degli ambienti dando vita a uno stile sofisticato sinonimo di cultura e “saper fare”, due dei temi che contraddistinguono questo territorio davvero unico.

L’articolo Villa Etna, uno scrigno di luce alle pendici del vulcano proviene da Dettagli Home Decor.

13 Maggio 2021 / / Dettagli Home Decor

camera da letto stile industriale

Lo studio Egue y Seta ha progettato un rifugio urbano dalla vocazione edonistica, festosa e fortemente estroversa, caratterizzato da toni scuri e finiture metalliche in stile industriale.

I progettisti dello studio Egue y Seta hanno chiamato il progetto Private Sunset, ma in realtà avrebbero potuto chiamarlo anche Private Sunrise, visto che questo meraviglioso attico a Barcellona dispone di due ampie terrazze, una rivolta a est e l’altra verso ovest, dalle quali è possibile ammirare sia il sorgere del sole che il tramonto. Due terrazze favolose attrezzate con ogni comfort: piscina, jacuzzi, bar, barbecue, zona pranzo e persino un cinema all’aperto.

terrazza con bar e zona conversazione

Entrando siamo accolti da una cucina aperta con isola, rifinita in ardesia ricostituita, elettrodomestici neri e circondata dal verde. Al di sopra, come una scenografia teatrale, lampeggia l’illuminazione indiretta alloggiata in un soffitto in lamiera grecata nera, che sotto il suo aspetto “industriale” nasconde un impianto sonoro interamente domotico.

cucina con isola centrale stile industriale

cucina stile industriale

cucina con isola nera

A destra, il soggiorno, con le sue poltrone e il suo comodo divano di fronte a un televisore sovradimensionato, si propone come salotto centrale e cerniera tra tutti gli ambienti della casa. Da qui non si vedono solo la cucina e la sala da pranzo, ma anche le terrazze e il giardino interno.

zona giorno open space stile industriale

soggiorno attico stile industriale

zona pranzo soggiorno open space

Nella sala da pranzo, armadi con frontali metallici di colore nero ospitano l’angolo bar facendo da sfondo al tavolo in rovere.

Nella camera da letto principale, una parete in microcemento decorata con linee oblique dorate, caratterizza la parete del letto extra large realizzato su misura e in coordinato con comodini e pensili in metallo nero sospesi, che sembrano galleggiare sopra le ombre delle luci a led. Sul lato opposto, vicino all’apertura che si affaccia sulla terrazza, troviamo una bella poltrona sospesa in vimini naturale.

camera da letto stile industriale

bagno stile industriale

camera da letto con vista sulla terrazza

terrazza con piscina e zona pranzo

Nella seconda camera da letto, il rivestimento in legno del pavimento sale sulla parete dietro il letto e ruota sul controsoffitto per creare un baldacchino aperto affiancato da specchi. Alle sue spalle si trova uno spogliatoio compatto e un bagno perfettamente integrato. Da questa camera si accede alla terrazza dotata di Jacuzzi.

camera da letto moderna

camera da letto con bagno

terrazza con jacuzzi

Progetto studio Egue y Seta

Fotografie studio Vicugo

L’articolo A Barcellona un attico con due terrazze progettato per offrire il massimo comfort proviene da Dettagli Home Decor.

13 Maggio 2021 / / Dettagli Home Decor

salotto in giardino

Gli arredi per esterno vanno scelti con cura. Ogni pezzo, dai tavoli alle sedie fino ai divani, deve adattarsi alla grandezza dello spazio, al clima, all’uso principale a cui è destinato il giardino e così via.

Per non sbagliare e ritrovarsi con un arredo poco funzionale e poco armonico sono a disposizione i consigli qui di seguito.

Arredi da esterno che non possono assolutamente mancare

Per selezionare gli arredi per esterni bisogna prima di tutto porsi una domanda: come voglio vivere il giardino?

Gli elementi di arredo per esterno, infatti, cambiano a seconda che giardini e terrazzi siano vissuti come zona relax, come sala da pranzo all’aria aperta, come aree per mettere alla prova il proprio pollice verde o come spazio giochi per i piccoli di casa.  Solo dopo aver stabilito la modalità di utilizzo, si stila l’elenco degli arredi indispensabili.

Un giardino relax, per esempio, prevede amache, sdraio, dondoli, lettini e piccoli tavolini da tè. Un giardino conviviale, invece, ha bisogno di tavoli e sedie e di comodi set con divani e poltrone. Entrambi, inoltre, necessitano senza dubbio di un ombrellone. Infine, in caso di aree verdi con piante e fiori, sono essenziali fontane e panchine.

tavolo da pranzo a bordo piscina

Tavoli e sedie da giardino, modelli e finiture disponibili

I tavoli e le sedie da giardino vanno scelti prendendo in considerazione prima i materiali e poi l’estetica. Il legno è un grande classico anche per gli esterni. Il più duraturo e pregiato è sicuramente il teak. Tra l’altro, resiste bene sia nei climi soleggiati che in quelli piovosi, senza danneggiarsi o formare muffe.

I tavoli in alluminio, invece, sono consigliati per la facilità di pulizia e manutenzione e per la durata nel tempo. L’unico accorgimento è la collocazione in posti non raggiunti dalla luce solare diretta perché tendono a riscaldarsi molto. La soluzione ideale? Tavoli da giardino con piano di appoggio in teak e piedi in alluminio.

Per quanto riguarda le sedie da giardino i materiali migliori sono plastica e metallo. Le più versatili, per esempio, sono le sedie in rattan sintetico. Si adattano a diversi tipi di tavoli, sono molto durature e si puliscono con un semplice panno umido.

lettini da sole in alluminio

Sdraio e lettini per i momenti di relax

Gli arredi per esterno relax devono comprendere lettini e sdraio. Come sceglierli? Se il giardino è ben esposto al sole, è consigliato un lettino con struttura in alluminio leggera e duratura.

Nella scelta della sdraio da giardino, invece, ci sono vari elementi da valutare: con o senza braccioli? Con o senza poggiapiedi? Oggi, sono in vendita molti modelli. Spendendo qualcosa in più è possibile acquistare sdraio perfette per le aree relax, dotate di sedute in tela resistente ai raggi UV e poggiatesta regolabili.

mobili da giardino a bordo piscina

Divani da giardino per chi ha molto spazio

Se il giardino è molto grande, i set con divani da giardino, poltrone e tavolino basso sono la soluzione ideale. È possibile, infatti, ricreare in esterno un vero e proprio salotto. I materiali migliori sono:

  • polyrattan
  • wicker

Sono fibre sintetiche ed ecologiche con un design che riproduce l’intreccio artigianale del vimini. L’effetto è molto naturale e si adatta facilmente a qualsiasi tipo di giardino. Si tratta, inoltre, di materiali duraturi che non subiscono modifiche per effetto dell’esposizione continua al sole.

gazebo in giardino

Ombrelloni e gazebo da giardino, come sceglierli

Per scegliere gli ombrelloni da giardino bisogna valutare il materiale dei teli. Quelli in acrilico, per esempio, sono idrorepellenti, resistono al sole senza scolorirsi e garantiscono una buona areazione della zona sotto la copertura. I teli in acrilico, però, non sono impermeabili. Se il giardino si trova in un’area piovosa, sono più indicati gli ombrelloni con teli impermeabili in poliestere, caratterizzati anche da una buona resistenza all’umidità. Se le estati sono particolarmente calde, invece, gli ombrelloni da giardino migliori sono quelli in polipropilene perché assicurano un’ottima traspirazione dell’area coperta.

Lo stesso gazebo da giardino andrebbe acquistato nella versione con i teli. Le soluzioni migliori sono quelle con il tettuccio dotato di telo retraibile e di meccanismo di apertura/chiusura. In questo modo è possibile regolare l’apertura in base alle proprie esigenze.

Illuminazione giardino per un ambiente confortevole

Un’area esterna deve avere la sua illuminazione. Le luci da giardino vanno acquistate in base alla collocazione e alla grandezza dell’area da illuminare.

Se l’obiettivo è creare un ambiente confortevole, bisogna optare per le lampade a LED con luce calda, in quanto creano un’illuminazione simile a quella naturale. Non solo, la luce calda favorisce un certo rilassamento e contribuisce a rendere più piacevoli le serate all’aperto.

Acquistare l’arredo giardino online

In conclusione, come abbiamo visto nei precedenti paragrafi, le soluzioni e i prodotti per il giardino sono molti e spesso non è facile orientarsi tra i vari modelli e le varie offerte.

Gli acquisti online possono essere d’aiuto in questo senso, spesso si trovano prezzi competitivi, consegne rapide e un’ampia scelta di prodotti. Consigliamo quindi di valutare attentamente online la disponibilità di prodotti, prezzi e modelli prima di fare degli acquisti.

Esistono diversi e-commerce sui quali poter acquistare, come ad esempio la sezione arredo giardino di Garden Bedetti,  https://www.gardenbedettishop.com/225-arredo-giardino.

L’articolo Arredi per esterno: come sceglierli in base allo spazio che si ha a disposizione proviene da Dettagli Home Decor.

13 Maggio 2021 / / Charme and More

I jeans non passano mai di moda.

Sono il capo di abbigliamento irrinunciabile di qualsiasi guardaroba, versatili e perfetti in ogni stagione.

Diritti a tubo, rilassati, larghi, cropped, bootcut o baggy?

I modelli must have di stagione sono comodi e dalla silhouette rilassata e voluminosa.

Da Smallable ecco una gallery fotografica con una selezione dei modelli più trendy di stagione.

Taglio boyfriend flare, a vita alta, comodi e versatili, perfetti con gli stivali!
Bellerose modello Poker
I baggy jeans dalla vestibilità comoda sono fra i modelli più desiderati del 2021. Un capo amico dell’ambiente in cotone biologico coltivato senza pesticidi.
Agolde Baggy Balloon
Jeans a gamba dritta, I jeans più classici, sempre perfetti!
Bellerose modello Popeye
Taglio dritto, 5 tasche in denim riciclato un must per il 2021.
A.P.C. Jeans Sailor Long Denim riciclato Blu
Jeans flare, leggermente scampanati sono tornati e non sono più solo retrò.
Vanessa Bruno

Ti è piaciuto questo post?

Condividilo sui tuoi canali social usando uno dei tasti qui sotto e seguimi  su Instagram, Facebook e Pinterest.

*Questo post contiene link affiliati.

 

 

L’articolo L’estate in jeans. proviene da Charme and More.