13 Settembre 2022 / / Non Ditelo all'Architetto

Mantenersi al caldo dopo aver fatto un bagno rilassante nella vasca da bagno o nella doccia non può sempre essere fatto solo con un semplice ma soffice asciugamano. Quando ormai ti sei asciugato e sei pronto per rilassarti per il resto della giornata, niente può battere la sensazione di calore di un accappatoio lussuosamente morbido avvolto intorno a te.

Possedere un accappatoio ti aiuta anche a ridurre la quantità di asciugamani che hai. Che senso ha avere un’abbondanza di asciugamani se il tuo accappatoio non solo fa lo stesso lavoro, ma lo fa meglio?

Cos’è la spugna?

La spugna è un tessuto composto da molti fili sporgenti e passanti all’interno della trama che migliora l’assorbimento dei materiali. Utilizzato principalmente in asciugamani e accappatoi, l’adattabilità della spugna fa sì che può essere utilizzata nei peluche e persino nell’abbigliamento. La prima produzione industriale di asciugamani in spugna fu avviata dal produttore inglese Christy nel 1850.

Le fibre super assorbenti che si trovano all’interno della trama del tessuto in spugna diventano più forti quando sono bagnate e sono altamente durevoli; il che significa che possono resistere a un lavaggio caldo e a detersivi aggressivi. I prodotti in spugna di cotone 100% sono alcuni degli accappatoi più lussuosi e di alta qualità disponibili. Poiché il cotone può assorbire 27 volte il proprio peso in acqua, il tessuto in spugna super assorbente assorbirà ogni goccia d’acqua in eccesso; lasciandoti asciutto, caldo e in una situazione estremamente confortevole.

Si può trovare  una vasta gamma di accappatoi di marca per soddisfare tutte le esigenze; sia che si tratti di un regalo di lusso una tantum o di un acquisto d’esigenza, e si possono acquistare anche comodamente online.

Tra gli accappatoi di marca troviamo:

accappatoio

Accappatoio in spugna di cotone Morbidissimo

All’interno della gamma morbidissimi troviamo diverse tipologie di accappatoi, adatti ad ogni evenienza.

C’è la linea Hotellerie Luxury con addirittura 500 gr/mq; con cappuccio, altissima capacità di assorbimento ed adatto ai ripetuti lavaggi industriali e ad alte temperature come quelli negli hotel. Sempre della stessa linea si può trovare l’accappatoio morbido in spugna velour, nota anche come cinigliata, vellutato sulla pelle e ad alta capacità d’assorbimento.  Se invece cercate un prodotto più semplice per un utilizzo casalingo ci sono gli accappatoi da 400 gr/mq in tinta unita; adatti ai lavaggi a 40° e disponibili in 16 colorazioni. Per un prodotto invece più maneggevole si trova l’accappatoio a nido d’ape da 270 gr/mq, in tinta unita e molto resistente ai lavaggi.

accappatoio

Accappatoio in spugna di cotone Bassetti

L’accappatoio in spugna di cotone Bassetti è facile da trasportare e indossare poiché il suo GSM inferiore significa che non è spesso o pesante come altri accappatoi. Dotato di cappuccio, due tasche laterali e cinturino, è composto da  spugna di puro cotone a riccio da 380 gr/mq ed è morbido e comfortevole.

Ideale per viaggi, palestra e anche da usare in casa, questo accappatoio conveniente offre lusso senza spendere troppo. Disponibile per l’acquisto come articolo singolo; perfetto per un regalo o come lotto all’ingrosso, l’ampia varietà di colori disponibili assicura che ci sia una vestaglia perfetta per tutti.

Del marchio di qualità Bassetti troviamo anche accappatoi in spugna di cotone da 360 g/mq, quindi leggermente più leggeri e maneggevoli.  Li possiamo trovare nei colori Turchese, Oltremare, Bosco, Kiwi, Corda, Papavero, Bianco, Ardesia, Oceano, Giada, Avorio, Ortensia, Ciclamino.

accappatoio

Accappatoio in spugna e microspugna di cotone Caleffi

Del marchio Caleffi possiamo trovare diverse tipologie di accappatoi.

L’accappatoio con cappuccio della linea Sirena è da 450 g/mq, realizzato con cotone idrofilo ed altamente assorbente. Poi c’è l’accappatoio per ragazzi da 400 g/mq; come ultima opzione interessante quello in microspugna leggera da 260 g/mq, ugualmente morbido e resistente ai ripetuti lavaggi e comodo da portar con sé poiché confezionato in una borsa in pvc con cerniera.

Che si tratti di regalare un accappatoio, di usarlo per lavoro o anche per sé stesso, la vasta gamma di opzioni disponibili assicura che tutti siano soddisfatti.

accappatoio

L’articolo Come scegliere un accappatoio di qualità? proviene da Architettura e design a Roma.

12 Settembre 2022 / / Dettagli Home Decor

come arredare la cucina per diminuire il consumo medio gas

Se di recente hai ricevuto una bolletta del gas troppo salata e ti stai domandando come ridurre il tuo consumo di gas naturale e di conseguenza spendere di meno, sei nel posto giusto. Infatti in questo articolo troverai alcuni suggerimenti per ridurre i tuoi consumi di gas in modo semplice ed efficace, partendo dalla tua cucina.

Continua a leggere il nostro articolo per conoscere alcuni dei trucchi indispensabili per ottenere un grande risparmio sulla bolletta del gas.

Consumo medio gas: quali sono i fattori che incidono sulla bolletta?

Prima di entrare nel merito ed illustrare i nostri suggerimenti per diminuire il consumo medio di gas, è importante capire quali sono i fattori che influenzano il consumo medio di gas.

Per prima cosa, all’interno delle case italiane si fa un enorme utilizzo di gas, in particolare per:

  • riscaldare casa
  • cucinare
  • produrre acqua calda sanitaria (ACS)

Ma quali sono gli elementi da considerare affinché si possa effettuare una stima del consumo medio gas? In realtà i fattori che influenzano il costo della bolletta possono essere tanti e diversi, ma in linea generale i più importanti sono i seguenti:

  • l’area geografica di residenza e di conseguenza la zona tariffaria
  • il numero di componenti della famiglia servita dal gas
  • la tipologia e l’efficienza dell’impianto di riscaldamento
  • le abitudini di consumo
  • la superficie della casa e l’esposizione al sole
  • l’isolamento termico
  • la classe energetica dell’edificio

Una volta intesi quali sono i fattori che incidono di più sulla spesa del gas, sarà più facile per te intervenire su ognuno di essi. In generale si tratta di assicurarsi che la tua casa sia efficiente nell’utilizzo del gas, non sprecando risorse e che le tue apparecchiature funzionino correttamente.

Di seguito potrai leggere 5 utili consigli per risparmiare gas quando cucini. Se invece vuoi conoscere il consumo medio a Milano, ti suggeriamo di chiamare il Servizio Clienti e parlare con un operatore o recarti in uno dei tantissimi sportelli Enel presenti nel capoluogo lombardo.

Ecco come ridurre il consumo medio gas in cucina

Per limitare la tua spesa energetica in un periodo in cui il prezzo del gas è salito a livelli record di seguito, condividiamo 5 suggerimenti rapidi che puoi facilmente mettere in pratica nella tua cucina per ridurre le bollette del gas:

  1. provvedere con regolarità agli interventi di manutenzione e pulizia degli apparecchi domestici: sembra banale, ma ciò ti consentirà di usufruire di prestazioni ottimali e bandire gli sprechi energetici che fanno lievitare gli importi della bolletta
  2. investire in attrezzature da cucina ad alta efficienza energetica: in questo modo potrai ridurre il consumo energetico degli elettrodomestici, risparmiare energia e denaro.
  3. acquistare elettrodomestici da cucina che ti permettono di liberarti dal gas, come forni elettrici, piani di cottura ad induzione e apparecchi che funzionano a corrente elettrica. In questo modo, grazie all’assenza di combustione eviterai di produrre CO2.
  4. arredare la cucina secondo criteri funzionali, per esempio posizionando il frigorifero ben lontano dal forno.
  5. tenere a mente piccoli accorgimenti per cucinare: ad esempio: usare sempre pentole e padelle in buone condizioni. assicurandoti che queste coprano completamente la fiamma mentre si stanno riscaldando; cucinare con un recipiente coperto può aiutarti a risparmiare molto gas se eseguito regolarmente; spegnere la fiamma dopo l’ebollizione  o il forno durante gli ultimi 10 minuti di cottura.

In ogni caso, se desideri informazioni più dettagliate su come ridurre le tue bollette energetiche, ti suggeriamo di visitare il sito dell’Autorità ARERA a questa pagina.

L’articolo 5 consigli su come arredare la cucina per diminuire il consumo medio gas proviene da Dettagli Home Decor.