15 Settembre 2022 / / Non Ditelo all'Architetto

Le porte, all’interno di un’abitazione, svolgono un ruolo fondamentale: sono molto più che un elemento funzionale, sono capaci di arredare, di confondersi con l’arredo oppure di risaltare.

Ad esempio, la porta filo muro è una porta completamente in linea con la parete, senza rientranze né cornici. Risponde a quella tendenza new age che vede le porte spostare sempre più l’accento dalla funzionalità all’estetica, e sono ricchi di vantaggi.

Senza contare che, proposte in un’ampia gamma di colori e di finiture, sono particolarmente belle da vedere. Specialmente nelle case più moderne.

porta filo muro

Porte a filo muro da interno, quando e perché sceglierle

Semplice e attraente allo stesso tempo, la porta filo muro è perfetta negli spazi ridotti e in quelli dalle linee molto minimali.

Quali sono i suoi punti di forza?

  • si adatta anche alle architetture più complesse, pareti curve comprese. Una porta curva filo
  • muro può infatti inserirsi in una parete curva con perfetta continuità, armonizzarsi con l’ambiente circostante, mimetizzarsi con lo sfondo e diventare invisibile
  • è facile da pulire. Non avendo telai esterni né cerniere a vista, la porta filo muro non solo è bella da vedere ma è anche pratica da pulire. Inoltre, la maggior parte delle porte filo
  • muro può aprirsi dal lato che si desidera, un aspetto fondamentale quando si sta ristrutturando o arredando casa ed è necessaria una modifica dell’ultimo minuto
  • è stabile e resistente
  • è ampiamente personalizzabile: si può infatti optare per un pannello grezzo da verniciare nello stesso colore della parete, oppure è possibile acquistare porte filo muro già laccate lucide oppure opache, rivestite in carta da parati o in boiserie, realizzate in legno oppure in vetro. Le misure, infine, possono essere standard o personalizzate
  • è versatile, in quanto la si può installare sia sulle pareti in muratura che sulle pareti in cartongesso
  • essendo una porta salvaspazio, è perfetta laddove servano porte con ingombri ridotti al minimo (dai locali di servizio ai balconi), a patto di scegliere modelli con chiusura a pressione oppure magnetica
porta a scomparsa

Fondamentale è però rivolgersi, per l’installazione delle proprie porte filo muro, a rivenditori esperti e che abbiamo un’ampia scelta di prodotti da proporre. La posa, complessa e delicata, deve essere effettuata da un installatore professionista: richiede infatti un telaio metallico murato a scomparsa nella parete e, per questo, non inseribile all’ultimo.

Anzi, la scelta di una porta filo muro deve essere tra le prime da affrontare quando la casa è in fase di costruzione o ristrutturazione. Una portascorrevole filo muro, così come una porta battente filo muro, deve essere installata prima che gli intonaci vengano stesi. E, il perimetro dello stipite che entra in contatto con la parete, deve essere lavorato affinché permetta ai materiali di rivestimento di aggrapparsi con precisione. Questo, quando si decide di verniciare la porta come la parete.

In caso di porta scorrevole a filo muro, andranno realizzate con estrema precisione sia la posa del controtelaio che la regolazione dell’anta, cosicché gli assestamenti non pregiudichino la funzionalità dei carrelli lungo i binari e la silenziosità del sistema di scorrimento.

porta a scomparsa

Porte filo muro, le tipologie (e quali sono le migliori)

Le porte filo muro possono essere di diverse tipologie, esattamente come una porta tradizionale. Possono dunque essere a battente, a bilico, scorrevoli.

Le porte scorrevoli filo muro consentono di risparmiare il 10% dello spazio, e sono indicate anche per l’accesso ai locali di servizio. Possono avere un solo pannello, oppure due, ed essere alte anche tre metri. Oppure, è possibile optare per una soluzione ad angolo.

Le porte filo muro a battente sono in grado di confondersi con la parete in quanto non hanno elementi a vista e possono essere dipinte o rivestite a piacere (è possibile montare maniglie a contrasto, ma anche maniglie “mimetiche”).

Infine, le porte a bilico (perfette nei grandi ambienti) sono incernierate ad un perno verticale e possono essere aperte da entrambi i lati poiché ruotano verso entrambi i lati. In genere, le si impiega per le cabine armadio.

porta-filo-muro
Porta a battente
porta-filo-muro
porta scorrevole
Porta a bilico

Quali sono le migliori porte filo muro sul mercato? Scopriamolo insieme.

L’Invisibile è stato il primo brand a realizzare porte completamente a filo muro. Il suo “sistema invisibile”, coperto da brevetto, consente d’installare porte e pannelli senza stipiti, coprifili e cerniere a vista. Le chiusure e i passaggi si nascondono e si confondono, e il risultato ha una resa estetica straordinaria.

Le porte filo muro Bertolotto sanno soddisfare anche le esigenze più complesse. Possono infatti essere verniciate come la parete, laccate in legno, oppure è possibile scegliere tra i modelli delle varie collezioni. La più originale è la Walldoor Surface Metalli, la cui particolare pittura è realizzata con particelle metalliche trattate superficialmente con ossidi e acidature.

Rimadesio propone porte filo parete dal design originale che, più che confondersi con la parete, hanno l’aspetto e il valore di un’opera d’arte. Tra i vari modelli, i più particolari hanno pannelli in listelli di rovere oppure in similpelle.

Le porte filo muro di Ferrero Legno sono proposte in infinite varianti di colore, lucide oppure opache. Disponibile anche la versione porta blindata, per una perfetta linearità, e numerosi i modelli lavorati con motivi di design.

Viva Porte propone porte raso muro complanari a tirare o a spingere, e porte complanari alla parete senza la necessità di murare telai né di realizzare predisposizioni speciali.

Il sistema Planus Cinque di Trep+ si compone di porte battenti perfettamente integrate, grazie ad un falso telaio metallico murato a scomparsa. Pensati per pareti in muratura oppure in cartongesso, lo stipite in alluminio e il falso telaio hanno dimensioni ridottissime (e la porta può dunque essere montata a filo con un lato del muro).

Fonte informazioni Metroarredo.

porta-filo-muro
Trep+
porta-filo-muro
Bertolotto
porta-filo-muro
Ferrolegno
porta a scomparsa
L’invisibile
Viva porte
porta-filo-muro
Rimadesio

L’articolo Quando scegliere una porta filo muro da interno proviene da Architettura e design a Roma.

15 Settembre 2022 / / La Gatta Sul Tetto

Come appendere i quadri in modo da avere un risultato armonioso e coerente grazie a precisi e pratici schemi compositivi.

appendere i quadri
via desenio.it

I quadri aiutano a dare carattere allo spazio, oltre che rappresentare ed esprimere la nostra personalità. In questo articolo vediamo alcuni schemi per ricreare le cosiddette “Gallery wall”, ovvero composizioni di quadri che possono arredare la parete dietro il letto, una parete del soggiorno, quella della scala, oppure la parete dove è collocata una madia, magari all’ingresso di casa.

Partiamo col dire perché dovreste rispettare uno schema compositivo per appendere i quadri: la mancanza di allineamenti può generare disordine e incoerenza. Quando vediamo composizioni con cornici di stili e dimensioni diverse che funzionano – sebbene non lo notiamo a prima vista – si nasconde uno schema preciso che consente un effetto finale armonico

Prima di acquistare cornici e stampe, decidete dove andranno collocate per capire quali sono adatte allo spazio a disposizione. Le dimensioni delle cornici che generalmente si trovano in commercio e partendo da formati non troppo piccoli, sono: 21×30, 30×40, 40×50, 50×70 e 60×90.

appendere i quadri

Schemi compositivi con assi

I seguenti schemi sono validi sia per quadri intesi come dipinti, sia per poster, che per fotografie. 

Asse inferiore/superiore

Il primo schema prevede un allineamento dei quadri secondo un asse inferiore immaginario. È adatto per collocarli sopra la parete del divano o sopra il letto, essendoci al di sotto un arredo, ma va bene anche se avete un lungo corridoio.

appendere i quadri

Allo stesso modo si può seguire un asse superiore.

Asse centrale

Altra idea per appendere i quadri è immaginando una linea centrale che divida due file di quadri. Per far percepire questo asse, la distanza tra le cornici al di sopra e quelle al di sotto deve essere uguale.

appendere i quadri

Linea mediana

Schema simile, prevede di allineare i quadri secondo una linea che passi per la metà del quadro stesso. Usando cornici di dimensioni diverse, i bordi superiori e inferiori saranno sfalsati, ma l’asse nascosto conferirà un risultato ordinato e armonico. 

Assi sfalsati

Per questo schema, immaginate una croce con l’asse orizzontale non allineato. 

appendere i quadri

Idee particolari per appendere i quadri

Oltre agli schemi appena visti, ecco altre idee particolari per ricreare delle Gallery wall.

Uniti

Questo schema prevede di disporre quadri o foto allineati su due file ma stavolta collocando le cornici a contatto tra loro, anche lateralmente.

appendere i quadri
via westelm.com

Spirale

Per lo schema a spirale posizionate i quadri a parete partendo da uno centrale – il più grande e rilevante – e appendendo gli altri tutto intorno seguendo, appunto, una forma immaginaria a spirale. 

appendere i quadri

Diagonale

Per chi vuole appendere i quadri lungo la parete della scala, l’allineamento sarà secondo un asse parallelo all’inclinazione della scala stessa. Per individuare tale inclinazione, prendete un’altezza dal primo gradino e riportatela sull’ultimo; unendo questi punti avrete la vostra linea.

appendere i quadri

Spigolo

Una soluzione interessante per decorare le pareti con i quadri, è quella di sfruttare uno spigolo libero della casa e usando questa linea già presente come un asse di simmetria.

appendere i quadri

Se desiderate una progettazione ottimale degli spazi della vostra casa, consultate il sito https://zeumadesign.com/

14 Settembre 2022 / / Dettagli Home Decor

Pompe di calore Hitachi

Sei alla ricerca di un’alternativa efficiente ed ecosostenibile ai tradizionali sistemi di riscaldamento? Scopri le pompe di calore Hitachi concepite per garantire il massimo confort termico in ogni stagione, riducendo al minimo l’impatto ambientale.

Hitachi Cooling & Heating è pronta per l’arrivo della stagione fredda con le sue soluzioni in pompa di calore. La linea Yutaki, prodotta del brand giapponese, infatti, oltre a garantire il raffrescamento in estate e l’acqua calda sanitaria, è l’ideale anche per la stagione fredda. Tante le soluzioni pensate per rispondere alle esigenze dei contesti abitativi più diversi. Tecnologie all’avanguardia, studiate per creare il clima perfetto in ogni momento dell’anno, permettono ai modelli Yutaki di assicurare alti livelli di efficienza e benessere.

Soluzioni efficienti e sostenibili

Come tutti prodotti Hitachi Cooling & Heating, anche le pompe di calore mettono al primo posto la sostenibilità. L’utilizzo di energia rinnovabile le rende infatti l’alternativa efficiente ed ecosostenibile ai tradizionali sistemi di riscaldamento. Con la pompa di calore si utilizza l’aria esterna come fonte rinnovabile, contribuendo ad abbassare drasticamente i livelli di CO2 e l’impatto ambientale.

Per questo le soluzioni aria/acqua Hitachi sono la scelta green per riscaldare l’inverno e rispettare il pianeta. Con l’introduzione dell’R32, la gamma di riscaldamento è dal 5% al 15% più performante dei modelli in R410a e ha un minore impatto ambientale.

Per agevolare ulteriormente il processo di transizione energetica e favorire l’acquisto di prodotti a basso impatto ambientale, la Legge di Bilancio 2020 fornisce incentivi che coinvolgono anche i prodotti dell’azienda giapponese.

La gamma di prodotti Hitachi Cooling & Heating è estremamente versatile e perciò capace di fornire risposte pratiche e concrete a seconda delle esigenze del cliente. In funzione del modello, è possibile scegliere tra diverse modalità: solo riscaldamento, solo produzione di acqua calda sanitaria (ACS), riscaldamento e ACS e, infine, riscaldamento, raffrescamento e ACS.

Pompe di calore Yutaki di Hitachi

Pompe di calore Hitachi: i modelli

Yutaki S è la soluzione per il raffrescamento, riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria di ville e appartamenti di medie o grandi dimensioni, ma anche di alberghi, sale congressi, teatri, musei, uffici, bar e ristoranti. La possibilità di poter collegare più sistemi insieme rende Yutaki S estremamente versatile e adatta pressoché a qualsiasi applicazione.

Yutaki S Combi è la pompa di calore con serbatoio per acqua calda sanitaria integrato, con capacità fino a 220 litri. La soluzione più adatta per raffrescamento, riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria di appartamenti e B&B ma anche di negozi, bar e attività commerciali di piccole e medie dimensioni da 40 fino a 300 m2.

Yutaki S e Yutaki S Combi sono la scelta ideale per gli edifici nuovi ad alta efficienza energetica, garantiscono infatti eccellenti prestazioni in classe A+++, e sono perfette nelle ristrutturazioni con un fabbisogno energetico medio o basso.

Yutaki S80 è la pompa di calore ad alta temperatura ideale per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria di edifici esistenti o ristrutturati con fabbisogno energetico medio e alto come ville, appartamenti, uffici e scuole e per tutte quelle applicazioni in cui è richiesta un’alta capacità di produzione di acqua calda sanitaria quali palestre, ristoranti, alberghi e pasticcerie. Grazie al ciclo termodinamico e all’utilizzo dell’aria come fonte rinnovabile, produce più energia di quanta ne consuma. Yutaki S80 utilizza infatti il 75% di energia rinnovabile dal calore dell’ambiente e solamente il 25% di energia elettrica.

Come i modelli Yutaki S e S Combi, anche Yutaki M – pompa di calore monoblocco – è la soluzione perfetta per raffrescamento, riscaldamento e produzione di Acqua Calda Sanitaria e trova ideale applicazione nelle sostituzioni di vecchi impianti di climatizzazione ad acqua esistenti, a servizio di ambienti fino a 300 m2, sia per appartamenti sia per uffici e attività commerciali.

Sistemi sempre più intelligenti

Con l’app per smartphone e tablet HiKumo è possibile controllare e gestire da remoto la pompa di calore Hitachi. E’ possibile impostare la modalità di funzionamento, accensione e spegnimento anche su base oraria. Inoltre si può modificare la temperatura ambiente, quella dell’accumulo sanitario e la temperatura per il riscaldamento dell’acqua di una eventuale piscina.

Per i professionisti di settore è disponibile il software HiKumo Pro, con il quale è possibile eseguire la manutenzione da remoto. Inoltreè possibile gestire e controllare diversi impianti contemporaneamente.

L’articolo Pompe di calore Hitachi: l’alternativa efficiente ed ecosostenibile ai tradizionali sistemi di riscaldamento proviene da Dettagli Home Decor.

14 Settembre 2022 / / Dettagli Home Decor

come arredare un ufficio in casa

Elementi modulari, componibili e attrezzabili sono ciò che serve per arredare un ufficio in casa organizzato e di design. Ecco 6 consigli pratici da seguire e le soluzioni Tomasella per l’home office.

Per poter lavorare da casa con la massima tranquillità, occorre progettare e arredare questo spazio con la massima cura, definendo ogni particolare e scegliendo le giuste attrezzature: dalla scrivania alla sedia da ufficio, ma anche lampade, mobili contenitori e tutto ciò che può essere utile in questo ambiente.

Sei consigli da seguire per arredare un ufficio in casa

Stabilire dove ricavare l’home office

Meglio scegliere una stanza ben illuminata e con sufficiente spazio per inserire tutto ciò che servirà per il vostro lavoro. Un ufficio, per essere accogliente, non deve necessariamente essere grande, infatti anche un piccolo spazio se arredato con gusto, può risultare davvero piacevole, funzionale e ricco di stile. Se non disponete di una stanza da poter destinare esclusivamente a questa funzione, non preoccupatevi perché con le giuste soluzioni d’arredo potete sempre dedicare parte del soggiorno o della camera da letto, alla vostra zona ufficio.

Scegliere la scrivania e la sua collocazione

Qualsiasi lavoro svolgiate, è sempre meglio optare per una scrivania sufficientemente ampia, dove sistemare il computer e tutti i documenti che normalmente “affollano” le nostre  scrivanie! Per quanto riguarda la sua posizione, andrà definita in base alla dimensione e forma della stanza o spazio a disposizione, dagli altri mobili che completeranno  l’ufficio, e naturalmente dall’uso che ne faremo. Se l’ufficio vi serve anche per ricevere clienti e fornitori, allora dovrà essere posizionata al centro, in caso contrario potete posizionarla anche contro la parete, o meglio ancora difronte a una finestra.

Acquistare una sedia da ufficio ergonomica

L’ufficio diventerà la zona di casa dove trascorrerete più tempo e per questo è importante che la seduta sia comoda e funzionale, in grado di garantire una corretta postura, come le sedie ergonomiche. Per una maggiore comodità, meglio optare per una sedia da ufficio con le rotelle, così vi potrete spostare comodamente da un punto all’altro della stanza.

Organizzare bene lo spazio

In ufficio ordine e funzionalità sono fondamentali. Mobili contenitori, cassettiere, librerie, mensole, sono elementi d’arredo preziosi per ogni ambiente di lavoro. A seconda dello spazio a disposizione, abbinate alla postazione di lavoro un mobile in grado di contenere documenti, cataloghi e qualsiasi altra cosa si debba archiviare.

Non sottovalutare l’illuminazione

Anche una buona illuminazione dell’ambiente influenza l’atmosfera lavorativa in modo piacevole. Quando si lavora parecchie ore al pc è importante che ci la giusta illuminazione, in questo modo i vostri occhi non si affaticheranno. Oltre a scegliere l’illuminazione della stanza, che potrà essere a parete, a soffitto o con lampade da terra, occorre inserire una  lampada da tavolo per illuminare la scrivania, optando per una lampada con luce regolabile.

Scegliere i colori giusti

Ricordate che anche la scelta dei colori è importante. Per creare uno spazio in grado di stimolare la concentrazione, scegliete una raffinata palette di colori neutri e chiari, come bianco, crema, beige, oppure grigio chiaro.

Le soluzioni Tomasella per l’Home Office

L’ambiente casa si trasforma e incontra le necessità di ambienti polifunzionali e trasformabili, in linea con la fluidità che caratterizza la nuova quotidianità e il lavoro. Tomasella intercetta questa nuova esigenza e propone complementi d’arredo e soluzioni integrate che semplifichino l’organizzazione di ambienti dedicati all’home office. Mensole, anche componibili, e organizer a muro vestono lo spazio insieme a librerie da terra o a parete. Il tutto da abbinare a piani di lavoro declinabili in base alle esigenze progettuali e di interior.

Le soluzioni Tomasella per arredare un ufficio in casa

Lo scrittoio Atlante, con basamento in metallo laccato opaco personalizzabile in differenti colori, propone un piano smussato di 3 cm di spessore e 70 cm di profondità. Lo scrittoio è arricchito da un organizer con divisori interni e mensola sommitale.

idee e consigli pratici per l'home office

La mensola Kalika e la libreria a parete Raster sono invece sistemi di vani e piani di appoggio a parete declinati in uno stile industrial. Arredano l’ambiente con strutture in metallo laccato personalizzabile in differenti cromie Tomasella.

Raster, disponibile anche in versione orizzontale, è una griglia essenziale e dall’estetica fortemente geometrica. Racchiude quattro ripiani personalizzabili in differenti finiture che possono accogliere libri, faldoni e oggetti. Può dar vita a composizioni a parete sempre differenti, in abbinamento anche con il sistema di mensole e vani Kalika. Può essere completato anche con un elemento tubolare in legno accessoriabile con ganci portaoggetti.

le soluzioni Tomasella per l'home office

Movida, invece, è la libreria a terra e compatta di Tomasella. Una libreria adatta anche a spazi dalle dimensioni ridotte, completa di ripiani e di un vano a giorno alla sua sommità. La particolare conformazione e la possibilità di personalizzarne gli elementi con texture anche materiche ne definisce il particolare stile contemporaneo.

Diversamente, Tomasella propone la collezione di pensili modulari Petalo, in metallo ma disponibili in differenti cromie. Ispirata alle linee morbide dei fiori, è proposta in due dimensioni. Inoltre è proposta nella versione destra e sinistra per creare decorazioni a parete sempre differenti.

Tasca invece è portaoggetti da parete con morbidi contenitori in tessuto o pelle. Tasca è disponibile in differenti dimensioni e dal colore a contrasto rispetto al fondo. Perfetto per la personalizzazione creativa di angoli e disimpegni e dallo stile giovanile e contemporaneo.

L’articolo 6 consigli pratici per arredare un ufficio in casa proviene da Dettagli Home Decor.