10 Settembre 2022 / / La Gatta Sul Tetto

Come rimettersi in forma dopo gli eccessi dell’estate, dalla dieta allo sport. Alcuni consigli utili, anche per i più giovani.

Dieta

Con la fine dell’estate, torna quel momento in cui molte persone sentono la necessità di rimettersi in forma, per porre rimedio ai bagordi della bella stagione. Qui lo sport e il movimento fisico faranno la differenza, uniti ad un regime alimentare sano ed equilibrato, indispensabile per poter snellire il girovita e per perdere i chiletti di troppo accumulati durante i mesi estivi. In sintesi, occorre rimettersi in carreggiata, e per riuscirci servono sostanzialmente due ingredienti: tanta forza di volontà, e alcuni consigli giusti da seguire, a partire proprio dalla dieta di settembre.

Come rimettersi in forma, dalla dieta allo sport

Per prima cosa, si consiglia di concentrarsi sull’attività fisica. Ogni giorno diventa il giorno buono per tornare a fare sport, ad esempio riprendendo con le passeggiate, con la bicicletta, il fitness, la palestra, il running e molto altro ancora. Per quel che riguarda il regime alimentare, si consiglia di non iniziare con diete drastiche e restrittive, che potrebbero fare più male che bene, per via del cosiddetto effetto yo-yo. Piuttosto, è consigliabile concentrarsi su un’alimentazione sana ed equilibrata, integrando nella dieta settembrina i nutrimenti fondamentali, dalle proteine ai carboidrati, passando per le vitamine e i minerali, il tutto mantenendo un occhio di riguardo verso i consumi in cucina. Una volta identificati gli ingredienti necessari per la preparazione delle ricette, sarà bene scegliere delle tariffe gas create appositamente per la casa, capaci di garantire risparmio e qualità del servizio allo stesso tempo. 

Il menù perfetto, infine, non potrebbe fare a meno di alimenti come la frutta e la verdura, insieme ai cereali integrali, in grado di regolare il metabolismo e di favorire la perdita di peso, ma in modo sano e controllato. Promossi a pieni voti anche il pane integrale, carni magre come il tacchino e la bresaola, il pesce azzurro, le uova sode e lo yogurt magro.

Come insegnare a mangiare sano ai propri figli

Per trasmettere ai bambini delle sane abitudini alimentari e riuscire ad insegnare loro come mangiare sano, è consigliabile partire dalle basi, cioè da una serie di semplici consigli applicabili sin da subito. In primo luogo, è fondamentale che i pasti siano regolari e puntuali, in modo da creare una vera e propria routine, tale da “convincere” anche i bambini che tendono a fare i capricci. Ovviamente dovrà essere abolito il cibo spazzatura, soprattutto in un’età delicata come questa, per combattere il rischio dell’obesità infantile. 

Inoltre, si suggerisce di coinvolgere i figli in cucina, in modo che possano sviluppare una vera passione per la preparazione di pasti sani. Infine, è bene ricordare che gli spuntini sono indispensabili, ma devono essere scelti con grande cura e attenzione, evitando ad esempio quelli troppo zuccherati o con una quantità eccessiva di grassi.

9 Settembre 2022 / / Dettagli Home Decor

 

consigli per scegliere il divano letto

Confortevoli e versatili, gli imbottiti trasformabili sono dei veri e propri jolly. Ma vediamo come scegliere il divano letto più adatto alle proprie necessità.

Di linea classica o di design, spesso hanno estetica e comfort pari ai modelli tradizionali. Rivestimenti versatili e costi spesso contenuti ne fanno la soluzione ideale per chi ha poco spazio e tanti amici.

Negli ultimi anni l’evoluzione di questi modelli è stata radicale. A partire dalla gamma delle proposte: non più solo divani e poltrone, ma anche sistemi componibili. Nuovi modelli pensati per essere inseriti facilmente nel living e nello studio.

Divani e poltrone letto per ogni esigenza

I divani trasformabili sono la soluzione salvaspazio per eccellenza. Dal giorno alla notte, in poche mosse, possono accogliere fino a tre persone. Se sei alla ricerca di un divano letto economico per il soggiorno, la camera degli ospiti o la casa vacanze, puoi scegliere tra diversi modelli e dimensioni. Le principali catene di arredamento, come ad esempio Conforama, propongono tipologie che spaziano dai 2, 3 o più posti, fino ai modelli angolari a costi davvero contenuti. Come scegliere il divano letto?

Divani e poltrone letto per ogni esigenza

In un soggiorno piccolo o in un monolocale, è consigliabile un 2 posti di dimensioni minime – 150/160 cm di lunghezza – disposto a ridosso di una parete per imitarne l’ingombro.  Se il soggiorno è di media misura, è possibile scegliere un modello a 3 posti. I divani letto ad angolo, i più voluminosi, sono perfetti per ambienti di medie e grandi dimensioni. Possono essere collocati anche a centro stanza e utilizzati come elemento divisorio.

Compatta o in dimensioni comfort, la poltrona è l’elemento che completa la zona conversazione. Per creare un angolo relax a 360° ci sono poltrone che si trasformano facilmente in un comodo e pratico letto singolo.

divano letto economico, guida alla scelta

I meccanismi di apertura e chiusura

Sempre più facili e pratici nell’uso, spesso basta un semplice gesto per passare da divano a letto, oppure per ottenere una chaise lounge o un’isola di relax. Il sistema più classico prevede che il letto, chiuso in tre parti, sia estratto dalla seduta e che lo schienale resti fisso. In alcuni casi è possibile aprire il letto senza spostare tutti i cuscini. Inoltre, l’ingranaggio di apertura è spesso sufficientemente leggero per poter essere azionato con estrema facilità.

In fase di scelta andrà considerata anche la posizione nella stanza e il rapporto con gli altri arredi. Non basta considerare l’ingombro del divano chiuso, ma occorre valutare che ci sia spazio sufficiente per aprirlo senza dover spostare altri mobili. Questo, anche per rifare il letto in tutta comodità.

Inoltre, è utile ricordare che, a parità di dimensioni della rete, le misure esterne dell’imbottito possono variare molto. Per esempio, in un divano a due posti, per disporre di una rete matrimoniale da 160 x 190 cm, si può passare da un minimo di 170 cm per un modello privo di braccioli, fino a 210-220 cm. Per guadagnare spazio davanti al divano, meglio privilegiare sistemi con apertura a libro, o reti che si aprono con il lato più lungo parallelo allo schienale.

I meccanismi di apertura e chiusura dei divani trasformabili

Le misure perfette per dormire

Le proporzioni fra la struttura e il piano di riposo seguono precise regole progettuali ma, nonostante ciò, fra un’azienda produttrice e l’altra ci possono essere leggere differenze nelle misure dei letti. Questo anche nel caso di una produzione standard. Per avere dei punti di riferimento, ricordiamo che la lunghezza standard delle reti e dei materassi è di 190-200 cm. Per quanto concerne la larghezza, invece, per un singolo si calcolano 80-90 cm, ma per soluzioni di fortuna ne bastano anche 70.

120 cm corrispondono alla misura di un letto a una piazza e mezza, mentre con 140 cm si ha un letto alla francese, che si può considerare un matrimoniale di taglia small. Il matrimoniale tradizionale, invece, è largo 160-170 cm.

Sempre in tema di misure, per poter girare comodamente intorno al letto è consigliabile lasciare un passaggio di 40-50 cm.

tipologie dei divani trasformabili

Quale materasso per il divano letto?

Infine, quale materasso scegliere per il divano letto? Se è previsto un utilizzo quotidiano per dormire, il tipo di rete, il materasso e la maneggevolezza del sistema di apertura meritano la stessa considerazione. Il piano di riposo può essere a rete elettrosaldata o a doghe. In entrambi i casi si possono abbinare materassi a molle da 12-15 cm oppure in poliuretano indeformabile a densità differenziata. In questo caso lo spessore del materasso può essere ridotto a soli 10 cm. Un’altezza che garantisce un buon sostegno e non ostacola il sistema di apertura e chiusura del letto.

Per migliorare il comfort ulteriormente, al poliuretano può essere accostato uno strato di lattice, ma sarà necessario abbinare una rete a doghe per consentire la circolazione dell’aria.

L’articolo Come scegliere il divano letto proviene da Dettagli Home Decor.

9 Settembre 2022 / / Charme and More

Friday Finds; le idee e le ispirazioni della settimana dal web.

Lo stile Japandi è presente ormai da tempo nel mondo dell’interior design e ora è diventato una tendenza per l’arredamento.

In cosa consiste il Japandi?

Il Japandi è una tendenza di arredamento che unisce oriente e occidente e fonde il minimalismo Giapponese con lo stile  Scandinavo.

Si contraddistingue per le linee essenziali e i materiali naturali  non trattati con tinture chimiche, come bambù, legno, rattan, canapa, carta e ceramica.

Molto più di un semplice stile di arredamento; è una filosofia di vita che va ad unire il principio giapponese del “Wabi-Sabi” , che consiste nel ricercare la bellezza nell’imperfezione, con  la semplicità dello stile Scandinavo.

Parola d’ordine Japandi; semplicità.

In un contesto minimal, la casa Japandi è una casa semplice, essenziale, funzionale, ma con un’atmosfera accogliente e calda resa tale anche dalla palette di colori.

Ai toni chiari, luminosi e per lo più freddi, tipici dello stile scandinavo si aggiungono il verde e i toni scuri e naturali ispirati alla terra tipici della tradizione giapponese.

Tenendo conto delle principali caratteristiche che definiscono lo stile Japandi, ecco alcune immagini che offrono idee pratiche che possono essere d’ispirazione.

& TRADITION: Lampadario Formakami JH5
Broste Copenhagen – Lampada da parete – William – Carta di riso
Pexels Foto di PNW Production
Pexels Foto di PNW Production
Pexels Foto di PNW Production
Pexels Foto di PNW Production
Ispirazione Japandi Masami Sushi Set Bloomingville
Pexels Foto di Anna Tarazevich
Vaso in vetro Aquaculture Grigio di Kinto
Vaso in porcellana di Kinto: con la sua forma organica e la sua originale bocca laterale, questo vaso mette in risalto l’espressione vivace e delicata delle piante.
Stampa xilografica giapponese di Taguchi Tomoki. Riproduzione artistica minimalista vintage su Etsy.

Ti è piaciuto questo post?

Condividilo sui tuoi canali social usando uno dei tasti qui sotto e seguimi  su Instagram, Facebook e Pinterest per non perdere i post.

*Questo post contiene link affiliati.

Crediti fotografici: clicca sull’immagine che ti porterà alla sua fonte originale.

Immagine in evidenza: Broste Copenhagen – Lampada da parete – William – Carta di riso

 

L’articolo Friday Finds; stile Japandi. proviene da Charme and More.