9 Giugno 2021 / / Romina Sita

I tessuti e i tendaggi per la casa sono elementi fondamentali per rendere accoglienti gli spazi in cui viviamo. Scegliere i tessuti e i tendaggi per la propria casa non è una cosa semplice e a volte è meglio chiedere l’aiuto di una mano esperta che ci sappia guidare nella la scelta migliore e in linea con lo stile della nostra casa. Ho deciso di dedicare un articolo su questo importante argomento e per farlo ho chiesto l’aiuto ad un’esperta del settore: Giovanna di Bellini Tendaggi.

Oggi ho l’onore di avere un ospite qui sul mio blog, sto parlando di Giovanna, una grande donna che ha fatto della sua passione un lavoro. Ho conosciuto Giovanna attraverso Instagram e mi ha subito colpita la sua grande dedizione al proprio mestiere, così le ho chiesto di offrire un contributo di valore qui sul mio blog, proponendole una piccola intervista. Una serie di domande che ci aiutano a comprendere meglio il suo lavoro e soprattutto a conoscere più a fondo il mondo dei tendaggi per la casa.

I tessuti sono morbidi, danno movimento e calore ad uno spazio abitativo, sono fondamentali per completare l’arredamento della casa e aiutano a confermare lo stile d’arredo. In altre parole sono i dettagli che fanno la differenza.

Spesso quando si progetta l’arredo di casa si tende a tralasciare proprio questi dettagli finali, rischiando così di fare un grande errore. L’errore che ci porta a provare una sensazione di vuoto, come se mancasse qualcosa. Ecco, sono proprio questi dettagli che rendono l’arredo più unico e personale. I tessuti, i cuscini, le tende, come anche tutti gli oggetti decorativi, i quadri e le piante, sono indispensabili per garantire una casa esteticamente piacevole.

Oggi Giovanna è qui con noi per raccontarci di più sull’argomento e aiutarci a scegliere i tessuti e i tendaggi per la casa.

• Ci racconti brevemente qualcosa su di te, sul tuo magnifico mestiere e da dove nasce la tua passione?

Ciao, sono Giovanna Bellini e da che ricordo io ho sempre avuto della stoffa tra ​ le mani, da piccolissima mi sedevo di fianco a mia zia Sandra che confezionava vestiti e volevo farli anch’io, quindi mi dava stoffa e filo e facevo vestiti per le mie bambole. Anche se mi ci e’ voluto un po’ per prendere in mano la mia passione. Ho tentato la scuola di ragioneria, un po’ costretta dalla mia famiglia, perché alla richiesta di andare a fare la scuola di modellismo e sartoria, mi presero per pazza, anche se alla fine si arresero visto la mia determinazione, cosa che da brava ariete mi e’ rimasta ancora.

Da lì ho fatto per vari anni vestiti su misura, pero’ sempre con un occhio vigile verso l’arredamento e i tessuti per la casa. Fino a che sono andata a lavorare in un negozio di tendaggi, dove ho imparato ogni cosa, dai sopralluoghi nelle case, alla confezione, a ordinare i tessuti e soprattutto ho imparato la bellezza di stare con il cliente, consigliarlo entrando in empatia con lui e con le sue esigenze sia tecniche che estetiche.

• Quali sono le principali tipologie di tende? Riesci a darci una piccola descrizione per ognuna?

Le principali tipologie di tende che vanno per la maggiore in questo momento sono sicuramente le tende a pacchetto, sia semplici che steccate, queste sono tende che vanno attaccate sia a infisso che a soffitto, sono tese e hanno un sistema di cordine dietro che ci permettono di alzarla. 

tenda a pacchetto

Seguite dalle tende morbide, le mie preferite, queste sempre con attacco a soffitto o con staffe a parete , qui ci si puo’ sbizzarrire con i tessuti sovrapponendoli, giocare con le trasparenze, creando calate laterali. Tutte queste sono confezionate ​con sistema wave, ​cioè a onda, oppure con pieghe fisse. 

tenda morbida

Tende​ a pannello sempre belle e pulite alla vista, cioe’ un binario con tanti carrelli quanti sono i pannelli: da 2 a infiniti. Queste infatti ci permettono di coprire grandi vetrate senza appesantire l’ambiente. A me piace farli sia di diversi colori che anche di diversi tessuti, quindi avete capito che la cosa piu’ importante qui è usare la creatività.

tenda a pannello

Passiamo ora alle tende tecniche, cioè a rullo, plissé e veneziane, tutte queste non sono in tessuto ma appunto in materiali tecnici.

tende a veneziana

• Ogni stanza, per conformazione o per esigenze particolari, necessita della sua tipologia di tenda. Come si fa a creare una coerenza visiva tra le varie stanze, pur cambiando tipologia ed eventualmente anche tessuto?

La cosa che permette di creare coerenza visiva è sicuramento il sistema di attacco, ma anche i tessuti o la confezione, è un po’ difficile da spiegare perché in ogni casa si crea come un storia da raccontare attraverso le tende ….(si, sono innamorata del mio lavoro)

• Quali altri tessuti per la casa si possono coordinare alle tende?

Gli abbinamenti che possiamo creare negli ambienti sono veramente tanti, in commercio esistono tessuti già coordinati, ma in generale si può partire dalla tinta unita e abbinarla a fiori, oppure righe, appartenenti alle stesse nuance di colori. Questo è un metodo molto bello da usare nelle camere da letto. Io propongo spesso di fare le calate delle tende (ovvero il tessuto che incornicia le finestre, che a volte servono solo per estetica e altre volte per oscurare l’ambiente) abbinate al piumone o alla testata del letto, con sopra i cuscini realizzati con tutte le fantasie abbinate.

Nel salotto si può ripetere l’abbinamento calata con cuscini per il divano. In questo caso solitamente consiglio di utilizzare quasi sempre tinte unite, ma con diverse intensità.
In cucina, oltre a realizzare cuscini su misura per le sedie, ci si può sbizzarrire anche con la creazione del runner per il tavolo in coordinato.
I tessuti che si utilizzano possono essere tantissimi, dai semplici lini e cotoni, ai sintetici per una maggior praticità, fino ai velluti che sono tornati molto di moda.

I coordinati che mi piace creare negli ambienti sono sicuramente nel salotto: i cuscini per il divano abbinato alle tende o eventualmente anche ad altri tessuti già esistenti. In cucina ci si gioca la carta cuscini/tende/runner e nelle camere sicuramente l’abbinamento con i cuscini è d’obbligo. Adoro il letto pieno di cuscini!

tessuti e tendaggi casa

• Qual’è la domanda più frequente che ricevi dalle tue clienti (immagino siano tutte donne)? Naturalmente devi dirci anche la risposta 🙂

La domanda più frequente è: “posso lavare le tende?” La mia risposta è si, i miei tessuti sono tutti lavabili a 30 gradi in lavatrice con poca centrifuga. Dopo il lavaggio si possono già appendere ai loro supporti, semplice no??!! Non abbiate paura di lavare, perché solo cosi rimarranno belle piu’ a lungo, fidatevi!

• C’è qualcosa che spesso si da per scontato e che invece è importante valutare quando si scelgono le tende per casa propria?

Quando si installa una tenda, non bisogna mai tralasciare il suo buon funzionamento. Avere in casa una tenda, faccio un esempio, che non scorre bene o che ogni volta che dobbiamo aprire una finestra ci fa innervosire, sicuramente non ne vale la pena. Ecco il mio consiglio e’ quello di affidarvi sempre a persone competenti che siano pronte ad esaudire ogni vostro desiderio e attenti a risolvere ogni minimo problema, questo è il bello e il vantaggio di rivolgersi ad artigiani competenti.

• Hai qualcosa da aggiungere o da raccontarci?  

Non so perché ma mi viene da raccontarti questo fatto curioso. Durante una prima consulenza informativa, una cliente mi ha raccontato molte cose, tra cui anche fatti più personali….fino a che ad un certo punto si ferma e mi dice: “perché ti sto raccontando la mia vita????” E siamo scoppiate a ridere! Questo per dirti che entrando nelle case delle persone, si entra anche nelle loro vite… e io ringrazio veramente col cuore della possibilità che ogni giorno mi viene data.

Mi ritengo molto fortunata perché faccio quello che amo e anche se le sfide sono sempre tante, il mio entusiasmo mi permette di affrontare tutto con la mia determinazione e a volte un po’ di sana follia.


Ringrazio Giovanna per avermi concesso del tempo e per aver condiviso con noi le sue conoscenze. Per saperne di più di Giovanna, vedere il suo negozio e come realizza le tende, questo è il suo profilo Instagram @bellini_tendaggi

Vorresti sapere altro su tendaggi e tessuti per la casa, oppure hai una domanda specifica da fare? Scrivi qui sotto nei commenti la tua richiesta e la girerò a Giovanna, che si rende disponibile a rispondere ad ogni quesito.

Ciao e alla prossima,

Romina

P.S. Hai già dato un’occhiata alla mia guida gratuita sui colori di tendenza?

L’articolo Come scegliere i tessuti e i tendaggi per la casa: intervista a Giovanna, un’esperta del settore sembra essere il primo su Romina | Home Lover.


rivestimenti in ceramica

Le piastrelle in ceramica sono senza dubbio i materiali edilizi maggiormente impiegati per rivestimenti di pareti e pavimentazioni; questo grazie alle loro prestazioni altamente funzionali, alla notevolissima versatilità e all’ottimo rapporto qualità/prezzo. Si tratta di materiali ottenuti dalla miscela acquosa di differenti proporzioni di argilla, caolini, feldspati quarzi e additivi di vario genere. Questi materiali vengono successivamente essiccati e cotti ad altissima temperatura (compresa tra 900 e 1250 gradi).L’argilla, che rappresenta il componente principale di queste mattonelle, si caratterizza per la sua grande plasticità, che consente la realizzazione di prodotti versatili e adattabili a qualsiasi esigenza.

Caratteristiche dei rivestimenti in ceramica

L’impasto costitutivo delle piastrelle subisce due differenti processi lavorativi, che sono: 

• estrusione,

ottenuta mediante il passaggio attraverso speciali orifizi, che porta alla produzione del cotto e del klinker;

• pressatura,

che prevede un’adeguata compressione, finalizzata alla realizzazione di piastrelle monocottura, bicottura e gres porcellanato. A seconda delle diverse materie prime utilizzate, l’aspetto della piastrella finita appare differente, sia per omogeneità della miscela sia per gradazione cromatica. In commercio è disponibile una vasta gamma di offerte che si distinguono soprattutto per funzionalità e durevolezza della superficie che si viene a creare.

Un’azienda leader del settore, che da anni si occupa della produzione di piastrelle di ottimo livello qualitativo, presente anche sul web, è Tileandstyle.net. L’azienda è impegnata da sempre a selezionare con particolare cura le migliori materie prime e i metodi di lavorazione più innovativi. 

La sua produzione comprende un ampio catalogo di piastrelle di ogni forma e dimensione, che possono essere smaltate oppure no, e dotate di spessori compresi da 3,5 fino a 7-10 millimetri.

Impieghi delle piastrelle in ceramica

Grazie all’estrema variabilità dei formati e all’aspetto estetico elegante e raffinato, i rivestimenti in ceramica si confermano la soluzione ideale per qualsiasi ambiente della casa; offrono, infatti, enormi possibilità per caratterizzare spazi anche molto ampi. Negli ultimi anni gli interior designer hanno puntato l’attenzione su questi materiali per arredare con stile tutte le stanze, anche quelle sottoposte a continuo calpestio.

Per i loro requisiti sia tecnici che estetici, le piastrelle in ceramica possono essere ambientate perfettamente in cucina e in bagno; in questi ambienti è possibile creare un “continuum” funzionale tra pavimento e pareti. I modelli di ultima generazione riportano effetti cromatici particolarmente apprezzabili, assumendo l’aspetto di legno, marmo, cemento, pietra e resina, per adattarsi alla perfezione in qualsiasi contesto abitativo.

Per la zona giorno è possibile orientarsi verso piastrelle con bordi rettificati, che consentono la realizzazione di fughe molto sottili; ideali per ottenere risultati raffinatissimi. Anche nelle stanze da letto è possibile scegliere tra un’ampia selezione di piastrelle che l’azienda Tile & Style propone alla sua clientela, garantendo un’assistenza completa sia prima che dopo l’acquisto.

Vantaggi garantiti dai rivestimenti in ceramica

Optando per un rivestimento in ceramica si possono sfruttare notevoli vantaggi sia estetici che funzionali. Le attuali tipologie di piastrelle si adattano infatti non soltanto ad ambientazioni d’interni, ma anche outdoor, contribuendo comunque a personalizzare il look della casa. Oltre ad essere belli e versatili, questi manufatti offrono prestazioni altamente qualificate; la loro robustezza, la resistenza al calpestio, i requisiti di idrorepellenza e di oleorepellenza li rendono perfetti anche dal punto di vista funzionale.

Grazie a un’elevata durevolezza e a una minima manutenzione, i rivestimenti in ceramica trovano largo impiego sia in abitazioni private sia in contesti commerciali e industriali. Rivolgendosi ad aziende selezionate, come Tile & Style, è possibile scegliere piastrelle caratterizzate da un vantaggioso rapporto qualità/prezzo, anche sfruttando le interessanti offerte-sconto che periodicamente sono disponibili per la clientela. 

I rivestimenti in ceramica rappresentano quindi la soluzione ideale per ottenere risultati ottimali dal punto di vista estetico, prestazionale, igienico e di durevolezza. Si tratta inoltre di materiali riciclabili, a basso impatto ambientale, che non inquinano l’ecosistema e che hanno un costo decisamente contenuto.

L’articolo Requisiti e prestazioni dei rivestimenti in ceramica proviene da Architettura e design a Roma.

9 Giugno 2021 / / Nell'Essenziale

Oggi per voi un tutorial particolare, il tutorial cuore di jeans in stile shabby imbottito. Ma cos’è questo stile shabby?? Lo Stile Shabby significa letteralmente stile  trasandato di lusso. Come stile nasce nel 1980 sulla rivista americana “The World of Interiors”. Le sue origini si ritrovano nel caratteristico arredamento dei casali campagnoli inglesi e francesi. Questo stile diventata popolare grazie a  Rachel Aswell, designer americana che nel 1989 ha fondato il suo marchio con una catena di negozi incentrati su questo stile.

tutorial cuore shabby imbottito

 

Video tutorial cuore di jeans in stile shabby imbottito

Questo cuore in tessuto di jeans riciclato è apparentemente trasandato ma nasconde una grande significato.  Il jeans è stato scelto come materiale principale per il suo aspetto invecchiato e usurato, che qui è  in parte autentico ed in parte usurato appositamente.

Con questo video tutorial vorrei invitarvi ad arredare la vostra casa in stile shabby ecosostenibile!

Vivere in un mondo sostenibile è un valore che ognuno di noi deve coltivare sempre di più ed il riciclo creativo è il primo primo passo per intraprendere questo percorso di vita in armonia con la natura.



Scarica il cartamodello del cuore in stile shabby e comincia anche tu a riciclare in modo creativo.

Trovi il cartamodello del cuore nel corso gratuito “cuori shabby“nella mia nuova piattaforma corsi.

Vai ai corsi gratuiti

 

Materiale necessario per realizzare i cuori shabby in jeans riciclato:

  • Pistola e colla a caldo.
  • 2 quadrati 20x20cm di feltro spesso 2mm.
  • 2 rettangoli di Jeans 20x20cm.
  • imbottitura in fiochi.
  • 15-20 cm di merletto alto 3 cm
  • Merletto nastrini e tulle per i fiocchi

Se realizzi questi cuori condividili nel mio gruppo Facebook, ti metterò nelle mie storie Instagram!

Ciao

Rosa

Questo articolo Tutorial cuore di jeans in stile shabby imbottito proviene da NellEssenziale.

8 Giugno 2021 / / Charme and More

L’estate in montagna inizia in Alto Adige! 

Dopo mesi di lockdown, il trend delle vacanze estive e quello di immergersi nella natura.

C’è tanta voglia di libertà, di stare all’aperto, di aria fresca e pura. La forza rigenerante della montagna e della natura ci donano quelle sensazioni di libertà, bellezza e freschezza che abbiamo un po’ perso per via della pandemia.

L’ Alto Adige tra cime dolomitiche, ampie vallate e vigneti offre tantissime possibilità per fare escursioni per ritrovare il benessere psico-fisico e itinerari a contatto con la  natura.

Ecco le nuove proposte delle località altoatesine.

 Benessere e proposte all’insegna della lentezza.

Ph. via

Benessere inteso come rigenerazione e rinascita non solo del corpo ma anche della mente. Così in Alto Adige, numerose sono le esperienze che si orientano verso questa direzione e che puntano a ristabilire l’armonia e l’equilibrio psico-fisico. Merano ad esempio, con il programma Merano Vitae, propone una serie di attività per “stare bene”. Tra queste, Early Bird, la sveglia mattutina che, in compagnia di un esperto, offre la possibilità di fare lunghe passeggiate alla scoperta della città culla del benessere.

Alpe di Siusi

Ph via

Anche all’Alpe di Siusi il benessere è di casa con il nuovo programma Alpe di Siusi Balance che, con una serie di eventi settimanali, permette di fare il pieno di energie grazie agli elementi della natura.

Tra le proposte, il bagno alpino nel bosco organizzato, fino al 29 giugno, nei pressi della foresta che circonda il paese di Fiè allo Sciliar; oppure, la pratica all’aperto degli esercizi benefici per la salute psico-fisica conosciuti anche come “i cinque tibetani”, in programma a Castelrotto fino all’1 luglio.

Valle Aurina

Copyright: IDM Alto Adige Hansi Heckmair

Anche la Valle Aurina punta a un’estate all’insegna del wellness con MindfulMountainDays, un programma che invita a ritrovare la giusta consapevolezza del proprio corpo e della propria mente attraverso l’ausilio di esperti. Tra le esperienze, escursioni con meditazione finale e yoga all’aperto.

Val di Funes

In Val di Funes, la lentezza e il relax sono di casa da sempre. La valle è infatti perfetta per fare lunghe passeggiate in sella a una e-bike godendo dei benefici della mobilità elettrica. Tra i tour da non perdere, quello che porta fino alla malga Geisler, situata in un luogo incantato tra prati e boschi, ai piedi delle Odle. Per ricaricare la propria e-bike è possibile approfittare delle ben 15 stazioni di ricarica presenti lungo tutta la valle.

Divertimento e proposte active per tutti i gusti.

In Val Gardena, il paesaggio inizia a mostrare i primi segni della nuova stagione a partire da metà di maggio. Per ammirare da vicino la natura che cambia sono consigliate le proposte Secret Dolomites tra le quali, l’escursione che porta fino al misterioso “Lech de Ciampedel”, il lago visibile solo per poche settimane all’anno; oppure il cosiddetto sentiero della Posta che passa attraverso fitti boschi e grandi distese prative.

Combinazione tra arte e natura invece in Val Badia, dove artisti provenienti da tutto il mondo partecipano alla quinta edizione di Smach, la mostra all’aperto che, ogni due anni, si tiene proprio in questo luogo straordinario. Tutte le loro opere possono essere ammirate, dal 10 luglio fino al 12 settembre 2021, grazie a un suggestivo itinerario circolare che può anche essere suddiviso in più giorni per restare nella natura incontaminata, lontani dal caos cittadino, pernottando nei rifugi vicini.

I parchi naturali.

Anche i parchi naturali dell’Alto Adige si prestano per una vacanza active. Sia adulti che famiglie con bambini possono infatti trovare in queste immense distese naturali percorsi e proposte diverse a seconda delle loro esigenze. Il Parco Nazionale dello Stelvio è consigliato per chi cerca sentieri tematici.

Parco Nazione dello Stelvio Copyright: IDM Alto Adige Helmuth Rier

Un esempio è il sentiero del contadino di montagna, lungo circa 7 km, che si sviluppa nei pressi della Val Martello, nella frazione Waldberg, e che permette di fare visita ad alcune aziende agricole e osservare da vicino la quotidianità dei contadini.

Nel Parco Naturale Gruppo di Tessa via libera invece ad appassionati di sport estremi. È qui infatti che, con l’arrivo dell’estate, viene aperta la nuova Via Ferrata Ziel. Per iniziare l’avventura adatta anche alle famiglie, dalla stazione a monte della funivia Texel, basta seguire i segnavia rossi e gli ometti che ne indicano l’inizio.

Parcines Parco Naturale Gruppo di Tessa Copyright: IDM Alto Adige Helmuth Rier

Sempre poco fuori il Parco Naturale, si sviluppa un altro percorso alpinistico con difficoltà media. Una novità della stagione che, nel giro di 3 Km circa, promette di ammirare, in tutta la sua interezza, la cascata di Parcines, la più grande dell’Alto Adige.

Tra i parchi naturali si annoverano anche il Parco Naturale Tre Cime e il Parco Naturale Fanes-Senes-Braies, ampie distese ricche di vegetazione dove è situata anche Dobbiaco e l’aerea dolomitica delle Tre Cime. Ed è proprio a Dobbiaco che gli amanti della natura possono scegliere tra diversi percorsi. Tra questi, l’Alta Via di Dobbiaco è consigliata per escursionisti esperti. Lunga circa 28 km può anche essere percorsa facendo tappa al Rifugio Bonner o al nuovissimo Rifugio Marchhütte, recuperato da una vecchia struttura di caserme e oggi meta di molti sportivi. 

Parco Naturale Monte Corno Ufficio Natura

 

Ricco di vegetazione è sicuramente anche il Parco Naturale del Monte Corno, la riserva naturale che vanta la flora e la fauna più ampia della specie grazie ad un clima molto vario: da quello più aspro a nord fino a quello più mediterraneo e mite a sud. Per addentrarsi e conoscerne da vicino le caratteristiche, suggerita è la Passeggiata Casignano che, lungo i suoi 4,5 km di lunghezze, descrive attraverso alcuni panelli informativi le specie di conifere altoatesine e quelle autoctone.

Proposte per i più piccoli sono invece quelle di Colle Isarco e dell’Altopiano del Salto, tra Bolzano e Merano. A Colle Isarco, le famiglie accompagnate possono infatti approfittare della novità estiva e fare finalmente la conoscenza di Gossy e Gschnitzy, due simpatiche gocce d’acqua che raccontano la storia dell’acqua attraverso un sentiero tematico in Val di Fleres. Lungo circa 16 km, il percorso passa attraverso il bellissimo boschetto Portjoch fino a raggiungere la celebre Cascata Inferno.

A Meltina invece – sull’Altopiano del Salto – grandi e bambini possono avventurarsi nel nuovo percorso tematico “Köfele” che, con i suoi 6 km, invita a giocare e a divertirsi. Lungo il sentiero, la vera chicca è il parco giochi Salonetto, un vero paradiso per i più piccoli.

Infine, montagna in Alto Adige fa rima con il progetto Dolomiti Accessibili – promosso dalla Fondazione Dolomiti UNESCO e da enti territoriali – che segnala i sentieri adatti a chi ha difficoltà motorie.

Nel Parco Puez-Odle c’è ad esempio il Sentiero Naturale Zannes che, con i suoi 3 km circa di lunghezza, permette di ammirare da vicino l’evoluzione geologica del luogo; oppure il percorso La Villa – Corvara che si sviluppa nel fondovalle della Val Badia e attraversa diverse tipologie di paesaggio, dal bosco ad ampie distese di prati verdi.

Parco naturale Puez-Odle
Copyright: IDM Alto Adige_Alex Filz

Un classico è l’itinerario che si sviluppa a Prato Piazza che stupisce sia per il suo panorama che per la ricchezza floristica delle praterie ad alta quota. Anche fra Nova Levante e Tires, è percorribile un altro sentiero Passo Nigra che attraversa un altro grande altopiano, impreziosito da ampie distese di abeti e grandi radure pascolive.

Prati d’alta montagna al Passo Gardena
Val Gardena Copyright: IDM Alto Adige_Alex Filz

Buona montagna!

#momentidiluce

Ti è piaciuto questo post?

Condividilo sui tuoi canali social usando uno dei tasti qui sotto e seguimi su Instagram, Facebook Pinterest.

Informazioni via Alto Adige da vivere

Immagine in evidenza Prati d’alta montagna al Passo Gardena   

Copyright: IDM Alto Adige_Alex Filz

 

 

 

L’articolo Estate da vivere in libertà in Alto Adige. proviene da Charme and More.