ristorante al mare

Appena si entra nel locale si viene accolti da un’atmosfera che sa di mare senza essere scontata e ridondante

ristorante al mare
planimetria
ristorante al mare

Moodboard ristorante al mare

ristorante al mare
Progetto

Stiamo tornando alla normalità finalmente; ristoranti e locali hanno riaperto dopo un lungo tempo di chiusura e sacrificio; ho notato che in tanti hanno sfruttato il momento di blocco obbligatorio per rinnovare i propri locali con uno spirito di rinnovamento e ottimismo.

In molti hanno scelto di trarre beneficio e ispirazione anche da una situazione di estrema di difficoltà; hanno investito nei loro locali, per ripartire ancora più forti verso una nuova rinascita e sono certa che questo li premierà.

Colgo l’occasione per parlarvi di un progetto realizzato qualche tempo fa, per la creazione di un ristorante al mare in un camping in Molise; una regione bellissima con un mare meraviglioso che spesso si sottovaluta, ma che nasconde meraviglie naturali e una cucina unici.

Quest’estate finalmente potremo muoverci di nuovo con un po’ più di libertà; un’occasione da non perdere potrebbe essere proprio quella di riscoprire il nostro territorio e magari proprio il Molise con il   camping Corrado.

Uno stile marina originale e creativo per il ristorante al mare

Quando mi hanno contattata i proprietari di questa una struttura, che non è solo un campeggio, ma comprende anche delle bellissime stanze di nuova realizzazione, degli appartamenti e un bar, la loro richiesta è stata quella di completare i servizi offerti con la realizzazione di un ristorante con la R maiuscola.

Un ristorante al mare che fosse aperto tutto l’anno e non solo un’attività stagionale; un locale speciale e affascinante, ispirato al meraviglioso mare a due passi; un luogo elegante e ricercato, adatto anche a cerimonie, cene romantiche e pranzi con gli amici e in famiglia 365 giorni all’anno; nasce così il progetto per la locanda di Titti.

Il tema del mare doveva essere molto presente ma non scontato e mai banale; il mio intervento è servito soprattutto a donare carattere all’ambiente e a renderlo uno spazio unico, originale, speciale; moderno ma caldo e accogliente allo stesso tempo; dal sapore marino senza essere eccessivamente rustico. Lo scopo della ristrutturazione è stato anche quello di risolvere alcuni problemi progettuali, come quello delle altezze. Essendoci una falda spiovente all’ingresso e poi diverse altezze e travi all’interno dell’immobile, abbiamo dovuto creare una serie di controsoffitti e tracantoni; espediente usato anche per nascondere alcuni motori e realizzare ambienti tecnici.

I grandi motori andavano inseriti e nascosti all’interno di controsoffitti o, come nel nostro caso, di tracantoni; questo poichè le altezze non ci permettevano di lavorare troppo con i controsoffitti. Per evitare troppi dislivelli abbiamo preferito lasciare i soffitti alle massime altezze e lavorare sulle pareti laterali.

L’ingresso del ristorante al mare

all’entrata del locale, nel lungo e ampio corridoio d’accesso che è prima ingresso con reception e diventa poi una delle sale del ristorante, abbiamo deciso di lasciare l’impianto di areazione e ricircolo dell’aria a vista, come elemento decorativo dallo stile industriale; abbiamo scelto un’illuminazione decorativa e suggestiva composta da “grappoli” di sfere luminose che impreziosisse e caratterizzare l’ambiente già da subito.

In tutto il locale abbiamo posato un pavimento grigio di grande formato, elegante e neutro. Per i soffitti, punto dolente ma allo stesso tempo stimolante del progetto, abbiamo fatto diverse scelte progettuali; tramite quelle che mi piace chiamare pareti orizzontali, abbiamo definito gli spazi mantenendo una continuità.

ristorante al mare
Vetrofania sulla porta di ingresso” La Locanda di Titti”
ristorante al mare
ristorante al mare
ristorante al mare
ristorante al mare

Dal render alla realizzazione; impianto a vista, i colori del mare, arredi che richiamano i materiali naturali su un pavimento effetto cemento…un perfetto mix tra natural e industrial

Parete ad onda come richiamo evocativo per il ristorante al mare

In un’area del locale, che va a delimitare uno degli ambienti più grandi, ho deciso di lasciare il soffitto di cemento a vista. Questo è illuminato con un reticolo di tubi idraulici e lampadine a vista, in pieno stile industriale. L’ambiente con pavimento e soffitto grigi è comunque riscaldato dai materiali naturali che caratterizzano tutto il locale; troviamo separé realizzati con legni bianchi, tavoli e sedie nei colori del mare e della sabbia in legno decapato, colori delle pareti ispirati allo stile marino. Abbiamo scelto un punto elegante e ricercato di celeste e un color sabbia dall’effetto materico. Una delle pareti di questo ambiente più grande è caratterizzato da una struttura ad onda in cartongesso che incornicia e ingloba nel suo disegno delle piccole finestre quadrate preesistente che ora sembrano progettate ad hoc. La parete in cartongesso accoglie dei vani rettangolari e quadrati; i vani sono rivestiti di specchio per donare profondità e luminosità, comodi per esporre bottiglie di vino ed elementi decorativi. La parete è completata da una particolare illuminazione che la rende un elemento scultoreo molto caratterizzante; essa richiama il tema del mare in modo contemporaneo e originale; l’onda del cartongesso viene ripresa sulla parete perpendicolare, realizzata come elemento filtrante con l’area tecnica delle cucine, attraverso il colore. Su questa parete, dalla parte della sala, abbiamo posto degli specchi cromati a forma di oblò, sempre per richiamare il tema marittimo in maniera evocativa, ma non banale e soprattutto moderna. Sul lato opposto alla sala questa paretina fornisce il giusto appoggio ad un mobile contenitore per posate bicchieri e tovagliato davanti alla cucina.

ristorante al mare
ristorante al mare
ristorante al mare

Tutti i vari step della realizzazione della parete con onda; si tratta di uno degli elementi più caratterizzanti e d’atmosfera del locale, con i suoi giochi di movimento, luci e specchi. La parete è utile anche per mimetizzare e inserire coerentemente nel contesto architettonico delle finestrelle quadrate

ristorante al mare

Illuminazione a vista sul soffitto di cemento per uno stile industrial chic originale e ricercato

La sala con i pappagalli

Abbiamo delimitato un altro spazio del ristorante grazie ad un soffitto blu, impreziosito da lampade pendenti in rame; in questo modo si è venuta a creare un’ulteriore saletta più piccola, adatta ad accogliere feste private ed eventi; anch’essa non chiusa da vere pareti ma perfettamente delineata nello spazio.

Questa “saletta, collegata completamente con il resto dello spazio, ma delimitata dal soffitto, è caratterizzata da una particolare carta da parati dallo stile tropicale con pappagalli e foglie su fondo blu.

L’area con la carta da parati con i pappagalli propone un’altra atmosfera ancora, collegata perfettamente al resto, ma da nuove suggestioni ed emozioni.

Il bar

Un altro ambiente collegato al resto del locale, ma allo stesso tempo definito nello stile e nelle funzioni è l’area del bar in fondo al locale; un ambiente al quale si può accedere anche da un altro ingresso sul retro; esso può essere utilizzato all’occasione, in maniera indipendente dagli ospiti del camping per colazioni, aperitivi e cocktail.

Per il bar, delineato all’interno di una struttura in muratura che va a creare quasi una scatola, abbiamo scelto il color carta da zucchero e un bancone color rame. Il rame è una finitura che ritroviamo in diversi elementi che ritornano nel ristorante, come i lampadari della zona con la carta da parati. Ho proposto questa scelta per rendere prezioso ed elegante il locale; anche in contrasto ai materiali naturale del legno e della corda.

Dal progetto alla realizzazione

Due modelli di lampadari in rame eleganti e preziosi ma allo stesso tempo moderni e adatti a quasi tutti gli ambienti. Li trovate QUI e QUI

Lo spazio è ampio e continuo, ma allo stesso tempo con ambienti ben definiti e organizzato; ambiente adatto a diverse esigenze, da quelle degli ospiti del camping a quelle di avventori esterni; l’arredamento è  elegante, ed  originale, marino con creatività e poesia mai scontate. Sono stata molto soddisfatta del risultato di questo lavoro, pur essendosi trattato di un progetto complesso, che ha subito variazioni in corso, che vedeva il coinvolgimento di diverse persone e dei cambi repentini di direzione…ma il bello è anche questo, saper reagire agli imprevisti e avere sempre clienti con l’allegria, la positività e il senso dell’avventura addosso.  

L’articolo Progetto di un ristorante al mare proviene da Architettura e design a Roma.

28 Giugno 2021 / / Nell'Essenziale

Ciao Amiche creative! oggi vi propongo il tutorial cavalluccio marino imbottito! Puoi utilizzare il mio tutorial per realizzare un cavalluccio marino come decorazione a tema mare oppure come bomboniera!! NB: trovi cartamodello nel corso “decorazioni shabby”.

Per questa estate mi piacerebbe realizzare una serie di tutorial a tema mare, però non sono sicura di riuscirci in breve tempo… Sto incastrando tutorial free in mezzo ai video dei miei corsi ed alla progettazione della nuova collezione provenzale… A volte anche io mi chiedo come riesco a fare tutto…

Tutorial cavalluccio marino imbottito

Video Tutorial cavalluccio marino imbottito

Trovi quasi tutti i video sia su Facebook che su YouTube, i cartamodelli al contrario, come anche alcuni video esclusivi li trovi solo nella mia piattaforma corsi. Di seguito il video tutorial disponibile su YouTube.



I materiali necessari

  • Imbottitura in fiocchi.
  • Tessuto shabby celeste tenue.
  • Bottoni in legno rotondi e a forma di cuore.
  • Tulle a pois.
  • Ago e filo.

E’ molto importante che per le tue creazioni tu scelga materiali di alta qualità. Solo in questo modo gli articoli cuciti a mano posso differenziarsi dalla moltitudine di prodotti low cost scadenti prodotti all’estero. Quando una cliente sceglie te, lo deve fare per avere un livello di qualità alta, e non per spendere meno. Se tu accetti di riprodurre un prodotto della grande distribuzione a meno del suo costo danneggerai irreversibilmente questo settore. Questo perché insegnerai alle clienti che fatto a mano e su misura significa più economico e non più pregiato.

Padded seahorse tutorial

Realizza prodotti di qualità e fai felice le tue clienti fornendo loro un prodotto di elevato valore! Io creo valore per te regalandoti i miei modelli e realizzando tutorial, dai anche tu valore a ciò che realizzi!

Cartamodello

Per scaricare il cartamodello visita la piattaforma corsi! Trovi il cavalluccio marino nel corso gratuito Decorazioni Shabby

Vai ai corsi

Trovi tantissimi tutorial nella sezione Tutorial Creativi! Tutte le spiegazioni ed i cartamodelli li trovi nei corsi!

Divertiti realizzando in modo semplice e veloce insieme a me!

cavalluccio marino shabby

Questo articolo Tutorial cavalluccio marino imbottito proviene da NellEssenziale.

28 Giugno 2021 / / Laura Home Planner

Fa caldo, e sorseggiare il caffè del mattino sul nostro balcone piccolo assaporando un po d’aria , può essere un buon punto di partenza per iniziare la nostra giornata.

Non solo,

l’aperitivo con gli amici a lungo rimandato ?

Rinfrescare le nostre serate davanti ad un cocktail con gli amici è quello che aspettavamo da tempo.

Per questo motivo per molti di noi arredare i propri spazi esterni è diventato una priorità.

Se credete che il vostro balcone sia troppo piccolo e vi state già scoraggiando, sappiate che non occorre troppo spazio,

basteranno pochi metri quadri .

Arredare un balcone piccolo: idee e consigli

Partiamo dal fatto che come tutte le cose, dipende da come si fanno.

Certo un balcone di grandi dimensioni, facilita il modo in cui arredarlo”

o perlomeno qualcuno pensa sia così.

In realtà quando si ha a disposizione troppo spazio, spesso si rischia di riempire ed eccedere ,

rischio che con un balcone piccolo non si corre.

Arredarlo può essere invece molto semplice,

basteranno :

  • Qualche arredo
  • buon gusto
  • creatività
  • piante e fiori (a chi piacciono ovviamente)
  • un tocco di stile

Un piccolo tavolino pieghevole, cerca 60 cm di diametro e due sedie in ferro corredate da cuscini ben imbottiti.

Questo è quello che io chiamo buon gusto,

a questo piccolo balcone non manca nulla,

ci sono fiori, decorazioni, luci, posti a sedere, un bel tappeto, delle lanterne.

Insomma,

in pochi metri quadri tutto ciò che occorre .

Troppo fiori e decorazioni non vi convincono?

per arredare il vostro balcone in modo semplice ma non anonimo, basteranno due sedie e un tappeto colorato.

Esterno in relax

Per quelli che proprio alla comodità non sanno rinunciare neppure sul balcone, ok a divanetti, poltroncine, pouf, basta acquistarli di dimensioni contenute

e se questo non vi basta, ma volete godere delle ore serali per una penichella sul vostro piccolo balcone, ecco qualche immagine che fa per voi

Dunque,

avrete capito che arredare un balcone piccolo non è poi così difficile,

ma quali sono cli elementi che proprio non dovrebbero mancare?

Qualche consiglio :

  • ricordatevi di comprare un ventilatore da esterno,

basterà anche un modello da terra,

servirà a rinfrescare l’aria nella afose giornate estive e farà scappare le zanzare.

  • scegliete un ombrellone oppure una tenda ,

serviranno ad abbattere la temperatura ed a tutelare la vostra privacy.

  • illuminazione

importante all’esterno tanto quanto all’interno della casa,

per arredare un balcone piccolo ed illuminarlo creando la giusta atmosfera si potrà scegliere tra:

  • faretti da incasso (da terra o da parete)
  • aplique da parete
  • fili di lampadine
  • lanterne
  • arredi trasformabili, pratici e di materiale duraturo.

Tavolini e sedie pieghevoli sono di sicuro molto più pratici di quelli fissi,

ma se la vostra intenzione è quella di lasciare i vostri arredi sul balcone tutto l’anno, ricordatevi di prediligere materiali adatti all’esterno: teak, acacia, resina.

L’articolo Come arredare un balcone piccolo proviene da Laura Home Planner.