14 Febbraio 2020 / / Dettagli Home Decor

L’intervento riguarda la ristrutturazione di una villa degli anni ’50 situata in un ambiente suburbano, appena fuori Gent, in Belgio, circondata da un immenso giardino abitato da alberi enormi.

Obiettivo: rendere gli spazi interni più ariosi e collegarli con l’esterno dell’abitazione, in funzione dello stile di vita contemporaneo.

Al deposito di carbone si sostituisce un volume leggero, puro e minimalista, a contrasto con l’annesso precedente. Qui trova sede un’ampia cucina, le cui vetrate permettono l’ingresso di luce naturale e rafforzano il rapporto con il cortile. Mentre si attraversa la casa si ha l’impressione che gli spazi ricreati siano sempre stati lì, fin dalle sue origini.

Grazie ad una palette limitata di colori e materiali specifici, si è riusciti a dare continuità fra gli ambienti, creando armonia fra gli spazi. La rivisitazione degli spazi in funzione del nuovo abitare costituisce una scelta inevitabile. Così, la quinta camera al secondo piano è stata adibita ad ufficio e biblioteca, mentre una scala a chiocciola in metallo fornisce l’accesso alla camera degli ospiti con bagno e alla sala giochi per i bambini posta sotto l’enorme tetto.

Il bagno principale trova spazio in un corridoio lungo e stretto che sfocia in uno splendido giardino. Per tutti i bagni è stato scelto il design puro senza tempo della rubinetteria CEA, la cui lavorazione si adatta perfettamente alle texture raffinate delle pareti in micro-cemento.

Progetto: A116 Architecten

Fotografie: Patricia Goijens

www.ceadesign.it

L’articolo Il design puro senza tempo della rubinetteria CEA per Villa BM proviene da Dettagli Home Decor.

14 Febbraio 2020 / / Blogger Ospiti

Cost control progettazion Bim

Il cantiere è fermo; le previsioni di budget sono state smentite, i costi lievitati, la Committenza non riesce a far fronte agli impegni presi.

Questo è solo un esempio delle dinamiche legate al Cost Control dei progetti e delle fasi realizzative. Le variabili sono molte, gli errori di valutazione hanno origine su più fronti, sia dal punto di vista progettuale che in itinere durante la realizzazione. Unica strada percorribile è l’adozione di sistemi di progettazione che permettano di prevedere le principali casistiche che possono indurre in errore.

Il BIM e i software di analisi e verifica risultano l’innovazione del decennio, con potenzialità capaci di ridurre oltre l’80% degli errori più comuni. La clash detection, l’esportazione diretta di quantità per i computi e la simulazione 4D garantiscono rispettivamente: coerenza tra le discipline di progettazione ed eliminazione delle interferenze, quantità complete senza possibilità di tralasciare elementi, non sovrapposizione di lavorazioni in medesimi ambiti, solo per citare alcuni dei vantaggi.

La progettazione BIM avviene a livello specialistico su modelli periferici sincronizzati su un modello centrale, il dialogo multidisciplinare avviene all’interno dello spazio di decisione virtuale, il canvas. Il work flow è continuo, diretto, senza intermediari né intermediazioni. Il Cost Control prende forma associando al modello 4D le informazioni di costo dei singoli elementi.

Lo strumento è impareggiabile, consultabile in qualsiasi momento, anche da figure non direttamente specializzate e dedicate alla supervisione. L’allineamento tra previsioni e realtà è in tempo reale; gli scostamenti sono in gran parte scongiurati e in ogni caso sono valutabili e correggibili simulando gli effetti a cascata che possono intervenire in corso d’opera.

La simulazione digitale è il centro delle tecniche di Project Management adottate da ATIproject, società di progettazione integrata italiana con sedi estere, che si muove tra realizzazioni nazionali e appalti internazionali ad elevata complessità.

Cost control progettazion Bim