25 Febbraio 2020 / / Blogger Ospiti

Si parla sempre più spesso di domotica, ovvero quella branca della tecnologia che consente, oggi, di gestire in modo centralizzato molteplici diversi tipi di device domestici.

La domotica è davvero un grande progresso ed è in grado non solo di amplificare in modo importante il comfort, ma anche di favorire l’efficienza riducendo i consumi e, di conseguenza, anche i costi legati alle utenze.

Non ci sono davvero dubbi sul fatto che la domotica assicuri all’abitazione un prezioso “quid” in più, ma quali tecnologie possono rientrare in un impianto gestibile direttamente da smartphone, tablet o altri dispositivi connessi ad Internet?

Non sarebbe sbagliato rispondere “tutto“: in effetti la gamma di elementi tecnologici gestibili secondo i principi della domotica sta crescendo in modo esponenziale, cerchiamo tuttavia di capire quali sono gli elementi più diffusi.

Casa domotica

L’ingresso in casa: porte e cancelli

Partiamo dal momento in cui si entra in casa: in modo domotico è possibile aprire la porta blindata d’ingresso e, laddove presente, anche il cancello.

I modelli delle migliori marche, si pensi ad esempio ai cancelli Came trattati dall’e-commerce EmmeBiStore, possono assolutamente essere gestiti in questo modo innovativo.

L’ingresso in casa implica anche la necessità di accendere le luci: tutte le luci domestiche possono essere accese, spente o semplicemente regolate attraverso un’unica App, senza trascurare la possibilità di programmarne l’accensione in relazione alle proprie esigenze.

Illuminazione e sicurezza

Non può che essere positivo il fatto che un’abitazione sia protetta da un impianto antifurto, e anche tali sistemi possono essere inglobati in un sistema domotico: in questo modo, quindi, l’impianto antifurto può essere disattivato all’occorrenza, oppure può essere monitorato e gestito da remoto nel momento in cui non si è in casa.

Analogo discorso vale per eventuali impianti di videosorveglianza: quanto viene ripreso dalle telecamere può essere visionato direttamente sul proprio smartphone e, in caso di allarme, può essere tempestivamente avvisato l’istituto di vigilanza di riferimento.

Videocitofoni e climatizzazione

La domotica può riguardare anche gli elementi tecnologici più semplici, quindi citofoni e videocitofoni, e anche la climatizzazione.

Per azionare condizionatori o impianti di riscaldamento, infatti, con un impianto domotico si può far a meno di dover azionare manualmente i condizionatori, e questa è una prerogativa molto utile.

Non solo: anche in questo caso si può procedere con delle regolazioni, e ciò ricopre un’importanza massima per quel che riguarda questo genere di dispositivi, dal momento che si può scegliere una temperatura “ideale” mantenendola costante in tutti gli interni, a prescindere da quali siano le condizioni climatiche esterne.

Ciò, ovviamente, si presta alle più disparate personalizzazioni: si possono tenere spenti gli impianti di climatizzazione nelle stanze in cui non c’è nessuno, si può non usufruire della climatizzazione in determinati periodi dell’anno, si può optare per una temperatura più calda (o più fredda) in determinate circostanze e via discorrendo.

Altoparlanti e dispositivi audio

Se si dispone di altoparlanti nelle varie stanze, inoltre, si può scegliere di azionarli con un semplice click sul proprio smartphone: con altrettanta semplicità si può scegliere la canzone desiderata, si può impostare il volume, si può scegliere in quali stanze attivare l’audio e molto altro ancora.

Domotica: un concetto enorme e variegato

Il concetto di domotica, dunque, è estremamente ampio, e oggi bastano davvero pochi click sul proprio smartphone per poter gestire ogni elemento tecnologico presente nell’abitazione.

Va peraltro sottolineato che non è più necessario far ricorso alle App dei vari produttori per poter gestire tutto in maniera centralizzata: la direzione verso cui si sta andando, infatti, è quella di utilizzare applicazioni univoche anche per elementi tecnologici del tutto diversi e prodotti da brand differenti.

Il mondo della domotica ti affascina? Clicca e leggi altri nostri articoli dedicati alla domotica.

25 Febbraio 2020 / / Design

loungebed in legno di teak

Una nuova collaborazione per raccontare uninaspettata ed emozionante filosofia di vita allaria aperta, dove il design si lascia ispirare dalla natura e la creatività diventa pura evasione.

Esotico, naturale e… speciale. Questo è l’inizio di Rafael, il nuovo racconto firmato Ethimo e Paola Navone. Un progetto che nasce dalla capacità, eccezionale, della designer di interpretare e reinventare il pensiero estetico e formale di culture e paesaggi lontani, e dalla passione Ethimo di creare un rapporto ideale e armonioso tra gli arredi e l’ambiente che li circonda.

Rafael è la collezione di arredi lounge che vuole essere emblema di una suggestione esotica che prende vita nell’immaginario contemporaneo, cattura l’essenza dei luoghi più affascinanti al mondo per suggerire straordinarie sensazioni di benessere e generare nuove esperienze di vita all’aria aperta.

arredi lounge per esterno

La collezione, creata per animare e conferire una personalità unica ai più esclusivi spazi outdoor, ‘assorbe’ dalla natura le sue forme mutevoli e poliedriche, e ne conserva gli influssi vitali che trovano piena espressione nella forza delle sue linee e nella bellezza ruvida dei materiali.

Design, materia e decorazione danno, così, vita ad arredi dall’anima eclettica, proposte robuste, accoglienti e dai volumi avvolgenti che sprigionano colore ed energia. La pregiata lavorazione artigianale del teak, del marmo e della pietra lavica si unisce, infatti, alla ricercata proposta cromatica dei tessuti, sempre firmati da Paola Navone, che valorizzano gli imbottiti.

Una famiglia di sedute per ogni momento della giornata, per il caffè della mattina, per una siesta all’ombra, per un gin tonic al tramonto’ – racconta Paola Navone – ‘Rafael è robusta, comoda e amica. La sua forma destrutturata è un po’ tribale. Ha uno schienale fatto di doghe, tutte diverse, legate da grandi graffe metalliche. Questa scocca legnosa e organica racchiude un soffice nido di cuscini. Abbiamo dedicato Rafael a una casa molto speciale’.

Rafael è un sistema componibile di sedute lounge, day bed e coffee table. Tutti gli elementi sono abbinabili tra loro e al contempo possono vivere da soli la propria funzionalità. Insoliti e originali, i profili esagonali della struttura, nella nuova finitura graffiata del teak naturale, prendono vita dall’alternanza degli elementi che caratterizzano lo schienale. Un ritmo dimensionale che dona movimento e apertura visiva, rendendo gli arredi dinamici e ‘ariosi.

Gli schienali sono definiti da doghe asimmetriche, tenute insieme da speciali ‘graffe’ di metallo, che insieme alla struttura creano una scocca legnosa e organica per racchiudere una soffice ‘alcova’ di cuscini dalle trame raffinate e dai colori intensi.

Il day bed racchiude in sé una doppia funzione: elemento unico e confortevole che abbraccia il corpo semidisteso, o accogliente poltrona lounge affiancata dal coffee table incassato nella struttura, il cui piano emerge con la sua singolare geometria.

I tavolini, di diversa forma e dimensione, sono il risultato di un abbinamento attento e raffinato che esalta la nobilità del legno e la matericità dei piani, realizzati in marmo statuario o in pietra lavica smaltata che richiama le diverse sfumature del mare.

Con Rafael, Ethimo amplia la sua proposta di soluzioni lounge eleganti, complete e versatili, frutto di un equilibrio sempre perfetto tra estetica e funzionalità. La ricercatezza nelle forme e nei materiali, unita all’attenzione per i dettagli e alla durabilità, rendono Rafael la collezione ideale per interpretare le sofisticate esigenze dell’outdoor contemporaneo.

Rafael è il ritmo della forma e della materia che scandisce un’intera giornata’.

www.ethimo.com

L’articolo Ethimo e Paola Navone presentano Rafael proviene da Dettagli Home Decor.

25 Febbraio 2020 / / Architettura


Questa casa a forma di cubo, che si trova a Perth, in Australia, è stata realizzata intorno a un patio con piscina; lo spazio è stato progettato con linee moderne, utilizzando arredi e decori dal gusto contemporaneo.

A patio house in Australia

This cube-shaped house, located in Perth, Australia, was built around a patio with a swimming pool; the space has been designed with modern lines, using contemporary furnishings and decorations.








Via
25 Febbraio 2020 / / Easy Relooking

READ IN ENGLISH

Il camino ha sempre il suo fascino: il calore che avvolge la stanza mentre si è comodamente adagiati in poltrona o sul 25divano non ha prezzo.

Il design moderno offre una vasta scelta sia per quanto riguarda il rivestimento delle pareti dei camini che per lo stoccaggio della legna. L’attenzione è sempre rivolta all’armonia che l’ambiente in sè deve avere nell’unione degli elementi.

camino moderno

camino moderno

Il rivestimento della parete

Questa scelta sarà quella che per prima salterà all’occhio, dunque è necessario valutare bene le varie opzioni.

Pietra

La pietra non per forza deve essere associata ad uno stile rustico, in quanto se ben bilanciata può contribuire a creare un ambiente sobrio ed elegante.

camino moderno

Via Pinterest

Ghisa

Intendo ovviamente una ghisa lavorata in modo moderno! solitamente è utilizzata per soluzioni particolari e realizzata su misura.

camino moderno

Via focus-camini.it

Gres

Le lastre in grès danno infinite possibilità. Consentono di replicare l’estetica del marmo a costi più accessibili e garantiscono molte alternative interessanti, arrivando ad imitare anche il cemento.

camino moderno

camino moderno

Lo stoccaggio della legna

Per quanto riguarda lo stoccaggio della legna, sempre nel caso di camini moderni, le possibilità sono numerose.

Grazie al cartongesso, è possibile la realizzazione di strutture di grande eleganza e semplicità, all’interno delle quali collocare la legna pulita. 

Di seguito ho selezionato alcune delle soluzioni che preferisco.

Una nicchia nel muro

Una buona soluzione per lo stoccaggio della legna è l’utilizzo di spazi già presenti all’interno del muro, nati magari come librerie o già con l’idea di divenire un ricovero per il legname. Oppure si va a creare una nicchia ad hoc in fase di disegno del camino.

La nicchia può essere divisa in più ripiani, magari di altezze diverse, al fine di creare un gioco visivo piacevole.

camino moderno

Via Paolo Bussi Architect

Una parete speciale

Alcuni camini moderni si collocano all’interno di grandi strutture che già comprendono una stiva integrata per lo stoccaggio della legna. Si tratta di elementi d’arredo di una certa imponenza, con geometrie nette e colori freddi dal carattere minimalista, ma resi più morbidi proprio dalla presenza del legno lungo tutta l’altezza e scaldati dalla fiamma del fuoco.

camino moderno

Project in Chicago by Linc Thelen Design with Scrafano Architects

In una colonna in lamiera

Può essere disegnata una colonna portalegna in lamiera, da inserire di fianco alla parete del camino. 

Quella dell’immagine sottostante è perfettamente integrata sia con la parete del camino che con la zona del tavolo da pranzo, grazie alle mensole e alla panca in legno. 

camino moderno

Via Pinterest

Contenitori di design

Nel caso in cui la metratura dell’abitazione non permettesse l’ultilizzo di nicchie o di strutture ad hoc, un’ottima soluzione potrebbe essere quella d’inserire elementi in armonia con l’ambiente in grado di contenere alcuni ceppi.

Tra le alternative possibili, un piccolo tavolino o un piano d’appoggio di design sarà perfetto.
Altra soluzione potrebbe essere una cesta in linea con il resto dell’arredamento o in alternativa una struttura in acciaio verniciato con inserti di alluminio che esponga la legna alla vista e con un carattere decisamente minimalista.
In commercio esistono delle lamine in acciaio temprato che permettono di contenere i ceppi personalizzandone la forma.

Sul pavimento

Si tratta di una scelta audace e di grande impatto. La semplicità di questa soluzione deve però essere accompagnata da una grande cura per quanto riguarda la pulizia sia dell’ambiente circostante che della legna stessa, per evitare un senso di disordine.

camino moderno

Via Riva Studio, Distribuited in Italy by Oekotherm

L'articolo Arredare con i camini moderni proviene da easyrelooking.

25 Febbraio 2020 / / Easy Relooking

READ IN ITALIAN

The fireplace always has its charm: the warmth that envelops the room while lying comfortably in an armchair or on the sofa is priceless.

The modern design offers a wide choice both as regards the lining of the walls of the fireplaces and for the storage of wood. Attention is always paid to the harmony that the environment itself must have in the union of the elements.

camino moderno

My project – @EasyRelooking Studio

The wall cladding

This choice will be the one that will first catch the eye, therefore it is necessary to evaluate the various options well.

Stone

Stone does not necessarily have to be associated with a rustic style, since if well balanced it can contribute to create a sober and elegant environment.

camino moderno

Via Pinterest

Cast iron

I obviously mean a cast iron worked in a modern way! it is usually used for particular solutions and made to measure.

camino moderno

Via focus-camini.it

Stoneware

The stoneware slabs give infinite possibilities. They allow you to replicate the aesthetics of marble at more affordable costs and guarantee many interesting alternatives, even imitating concrete.

camino moderno

camino moderno

Wood storage

As for the storage of wood, always in the case of modern fireplaces, the possibilities are numerous.

Thanks to plasterboard, it is possible to create structures of great elegance and simplicity, within which to place clean wood.

Below I have selected some of the solutions I prefer.

A niche in the wall

A good solution for storing wood is occupied by spaces already present inside the wall, and perhaps also libraries or already with the idea of becoming a shelter for timber. Or create an ad hoc niche when designing the fireplace.

The niche can be divided into several shelves, perhaps of different heights, in order to create a pleasant visual game.

camino moderno

Via Paolo Bussi Architect

A special wall

Some modern fireplaces are placed inside large structures that already include an integrated hold for storing wood. These are furnishing elements of a certain grandeur, with clean geometries and cold colors with a minimalist character, but made softer by the presence of wood along the entire height and heated by the flame of the fire.

camino moderno

Project in Chicago by Linc Thelen Design with Scrafano Architects

In a sheet metal column

A sheet metal wood holder column can be designed to be inserted next to the fireplace wall.

The image below is perfectly integrated with both the fireplace wall and the dining table area, thanks to the shelves and the wooden bench.

camino moderno

Via Pinterest

Design containers

In the event that the square footage of the house does not allow the use of niches or ad hoc structures, an excellent solution could be to insert elements in harmony with the environment that can contain some stumps.

Among the possible alternatives, a small coffee table or a design table top will be perfect.
Another solution could be a basket in line with the rest of the furnishings or alternatively a painted steel structure with aluminum inserts that expose the wood to the view and with a decidedly minimalist character.
On the market there are hardened steel sheets that allow you to contain the logs by customizing their shape.

On the floor25

It is a bold and impactful choice. However, the simplicity of this solution must be accompanied by great care with regards to cleaning both the surrounding environment and the wood itself, to avoid a sense of disorder.

camino moderno

Via Riva Studio, Distribuited in Italy by Oekotherm

 

L'articolo Decorate with modern fireplaces proviene da easyrelooking.

25 Febbraio 2020 / / Blogger Ospiti

La nostra casa è il nostro piccolo grande rifugio, il luogo in cui ci sentiamo sicuri e a nostro agio, da soli e in compagnia dei nostri cari. Ma nel caso di persone con disabilità motorie o di persone anziane che iniziano ad avere problemi di deambulazione, la propria casa rischia di diventare un ostacolo se non quasi una prigione.

Come fare perché non sia così?

Al giorno d’oggi esistono moltissime soluzioni per rendere la propria casa comoda e funzionale anche quando si ha problemi di deambulazione o si è del tutto impossibilitati a camminare.
Una di queste soluzioni è sicuramente il montascale, l’ideale per assicurarsi sempre la propria indipendenza all’interno della propria casa.

Il montascale non deve essere più considerato come un elemento estraneo o di disturbo rispetto al resto dell’arredamento di casa. Il mercato odierno mette a disposizione una vasta gamma di tipologie e di modelli ampiamente personalizzabili e dal design Smart e accattivante, in grado di adattarsi ai diversi stili di casa.

Sono dei sistemi innovativi sempre meno ingombranti e sempre più facili da installare; infatti qualsiasi sia la tipologia da installare, e sia che siano interni o esterni, non sono necessari interventi di muratura.

Prima di acquistare un montascale è importante informarsi sui vari modelli e le relative caratteristiche, in modo tale da scegliere quello più adeguato alle proprie esigenze. Inoltre, occorre far fare prima un sopralluogo della propria abitazione da parte dei tecnici, in modo tale da scegliere anche il modello che meglio si adatta alla propria abitazione e allo stile di arredamento della casa.

Prima di elaborare un progetto fatto su misura per noi occorre infatti valutare due aspetti fondamentali:

  1. La scala su cui verrà montato il dispositivo è rettilinea o curvilinea?
    Si tratta di un aspetto decisivo da tenere in considerazione, se una scala è curvilinea o a chiocciola il tecnico dovrà valutare se installare il montascale sulla ringhiera o dalla parte del muro, valutare se ci sono variazioni di pendenza ecc, inoltre l’installazione in questi casi di solito richiede più tempo.
  2. Il montascale va montato su una scala interna o all’esterno dell’edificio?
    I montascale esterni infatti possono essere posizionati nelle scale condominiali o nelle scale d’ingresso di una abitazione. Sono realizzati con materiali più resistenti e duraturi in quanto devono affrontare le diverse condizioni climatiche esterne. In questi casi, solitamente, il sedile è realizzato in plastica mentre la struttura che permette il movimento è realizzato in acciaio in ossidabile. I montascale da interno, per quanto riguarda la personalizzazione, permettono invece molta più libertà di scelta di tipologie, colori e materiali.

montascale
Ma quali sono i vari modelli personalizzabili disponibili sul mercato?

Montascale a poltroncina

La poltroncina è di gran lunga il modello più diffuso, quello scelto più spesso dalle persone anziane che hanno problemi a scendere e salire le scale e che magari utilizzano un deambulatore ma che non necessariamente si trovano su una sedia a rotelle.
Come anticipato, se da interno, è uno dei modelli che permette una maggiore personalizzazione: si può infatti scegliere la versione con i braccioli o senza e decidere sia il tipo di materiale e tessuto per il rivestimento, ad esempio la pelle, sia il colore, in modo tale da abbinarsi meglio allo stile della casa e alla tappezzeria.

L’installazione del montascale a poltroncina è un’operazione semplice e veloce. Si adatta facilmente sia ad una scala rettilinea che ad una curvilinea o addirittura a chiocciola, garantendo in ogni caso fluidità di movimento.

Un altro elemento a favore del montascale a poltroncina è il fatto di essere il modello in assoluto meno ingombrante, in quanto la poltroncina è sempre richiudibile all’occorrenza, occupando davvero pochissimo spazio.

Infine, un aspetto interessante è il fatto che, funzionando a batterie esterne e ricaricabili, i montascale a poltrona non devono essere collegati alla rete elettrica, pertanto funzionano anche in caso di black out o di cali di tensione, il che garantisce la totale sicurezza della persona anche in caso di imprevisti del genere.

Montascale a pedana o a piattaforma

Questo modello è invece pensato soprattutto per le persone costrette a muoversi in carrozzina, in quanto è possibile salire e scendere da questo tipo di dispositivo senza doversi spostare dalla sedia a rotelle. I montascale a pedana sono davvero semplici da usare poiché, inoltre, solitamente non coprono lunghi percorsi ma brevi rampe di scale. Si possono attivare in autonomia mediante comandi intuitivi o un telecomando.
Anche nel caso dei montascale a pedana c’è ampio margine di personalizzazione, ad esempio per quanto riguarda l’ampiezza della pedana, che può essere tale da far entrare la sola carrozzina o, se se ne ha la possibilità, anche un accompagnatore.

Montascale a cingoli

Vi è poi un ulteriore modello, diverso dagli altri in quanto si tratta di un montascale mobile: si tratta del montascale a cingoli, per il quale non è necessaria una vera e propria installazione fissa o a parete dal momento che prevede l’uso di una carrozzina ad autospinta e quindi anche la collaborazione di un accompagnatore.

Quanto costa un montascale?

I prezzi dei montascale variano considerevolmente in base alla tipologia scelta, al tipo di scala e se si tratta di una installazione interna o esterna, oltre che alle diverse personalizzazioni che si scelgono. Il prezzo di partenza si aggira intorno ai 3.000 euro mentre il prezzo finale può arrivare fino ai 18.000 euro, considerando, come detto, tutte le variabili del caso.

La spesa però non deve spaventare: si può infatti fare richiesta per delle agevolazioni fiscali e detrazioni Irpef messe a disposizione dallo Stato, così come dalle singole regioni e che arrivano a coprire fino al 50% della spesa totale. È la legge 13/89 ad assicurare il finanziamento delle diverse tipologie di interventi effettuabili ai fini dell’abbattimento delle barriere architettoniche, tra cui rientrano anche i contributi per l’acquisto di montascale e servoscala.