25 Febbraio 2020 / / Blogger Ospiti

Si parla sempre più spesso di domotica, ovvero quella branca della tecnologia che consente, oggi, di gestire in modo centralizzato molteplici diversi tipi di device domestici.

La domotica è davvero un grande progresso ed è in grado non solo di amplificare in modo importante il comfort, ma anche di favorire l’efficienza riducendo i consumi e, di conseguenza, anche i costi legati alle utenze.

Non ci sono davvero dubbi sul fatto che la domotica assicuri all’abitazione un prezioso “quid” in più, ma quali tecnologie possono rientrare in un impianto gestibile direttamente da smartphone, tablet o altri dispositivi connessi ad Internet?

Non sarebbe sbagliato rispondere “tutto“: in effetti la gamma di elementi tecnologici gestibili secondo i principi della domotica sta crescendo in modo esponenziale, cerchiamo tuttavia di capire quali sono gli elementi più diffusi.

Casa domotica

L’ingresso in casa: porte e cancelli

Partiamo dal momento in cui si entra in casa: in modo domotico è possibile aprire la porta blindata d’ingresso e, laddove presente, anche il cancello.

I modelli delle migliori marche, si pensi ad esempio ai cancelli Came trattati dall’e-commerce EmmeBiStore, possono assolutamente essere gestiti in questo modo innovativo.

L’ingresso in casa implica anche la necessità di accendere le luci: tutte le luci domestiche possono essere accese, spente o semplicemente regolate attraverso un’unica App, senza trascurare la possibilità di programmarne l’accensione in relazione alle proprie esigenze.

Illuminazione e sicurezza

Non può che essere positivo il fatto che un’abitazione sia protetta da un impianto antifurto, e anche tali sistemi possono essere inglobati in un sistema domotico: in questo modo, quindi, l’impianto antifurto può essere disattivato all’occorrenza, oppure può essere monitorato e gestito da remoto nel momento in cui non si è in casa.

Analogo discorso vale per eventuali impianti di videosorveglianza: quanto viene ripreso dalle telecamere può essere visionato direttamente sul proprio smartphone e, in caso di allarme, può essere tempestivamente avvisato l’istituto di vigilanza di riferimento.

Videocitofoni e climatizzazione

La domotica può riguardare anche gli elementi tecnologici più semplici, quindi citofoni e videocitofoni, e anche la climatizzazione.

Per azionare condizionatori o impianti di riscaldamento, infatti, con un impianto domotico si può far a meno di dover azionare manualmente i condizionatori, e questa è una prerogativa molto utile.

Non solo: anche in questo caso si può procedere con delle regolazioni, e ciò ricopre un’importanza massima per quel che riguarda questo genere di dispositivi, dal momento che si può scegliere una temperatura “ideale” mantenendola costante in tutti gli interni, a prescindere da quali siano le condizioni climatiche esterne.

Ciò, ovviamente, si presta alle più disparate personalizzazioni: si possono tenere spenti gli impianti di climatizzazione nelle stanze in cui non c’è nessuno, si può non usufruire della climatizzazione in determinati periodi dell’anno, si può optare per una temperatura più calda (o più fredda) in determinate circostanze e via discorrendo.

Altoparlanti e dispositivi audio

Se si dispone di altoparlanti nelle varie stanze, inoltre, si può scegliere di azionarli con un semplice click sul proprio smartphone: con altrettanta semplicità si può scegliere la canzone desiderata, si può impostare il volume, si può scegliere in quali stanze attivare l’audio e molto altro ancora.

Domotica: un concetto enorme e variegato

Il concetto di domotica, dunque, è estremamente ampio, e oggi bastano davvero pochi click sul proprio smartphone per poter gestire ogni elemento tecnologico presente nell’abitazione.

Va peraltro sottolineato che non è più necessario far ricorso alle App dei vari produttori per poter gestire tutto in maniera centralizzata: la direzione verso cui si sta andando, infatti, è quella di utilizzare applicazioni univoche anche per elementi tecnologici del tutto diversi e prodotti da brand differenti.

Il mondo della domotica ti affascina? Clicca e leggi altri nostri articoli dedicati alla domotica.

25 Febbraio 2020 / / Design

loungebed in legno di teak

Una nuova collaborazione per raccontare uninaspettata ed emozionante filosofia di vita allaria aperta, dove il design si lascia ispirare dalla natura e la creatività diventa pura evasione.

Esotico, naturale e… speciale. Questo è l’inizio di Rafael, il nuovo racconto firmato Ethimo e Paola Navone. Un progetto che nasce dalla capacità, eccezionale, della designer di interpretare e reinventare il pensiero estetico e formale di culture e paesaggi lontani, e dalla passione Ethimo di creare un rapporto ideale e armonioso tra gli arredi e l’ambiente che li circonda.

Rafael è la collezione di arredi lounge che vuole essere emblema di una suggestione esotica che prende vita nell’immaginario contemporaneo, cattura l’essenza dei luoghi più affascinanti al mondo per suggerire straordinarie sensazioni di benessere e generare nuove esperienze di vita all’aria aperta.

arredi lounge per esterno

La collezione, creata per animare e conferire una personalità unica ai più esclusivi spazi outdoor, ‘assorbe’ dalla natura le sue forme mutevoli e poliedriche, e ne conserva gli influssi vitali che trovano piena espressione nella forza delle sue linee e nella bellezza ruvida dei materiali.

Design, materia e decorazione danno, così, vita ad arredi dall’anima eclettica, proposte robuste, accoglienti e dai volumi avvolgenti che sprigionano colore ed energia. La pregiata lavorazione artigianale del teak, del marmo e della pietra lavica si unisce, infatti, alla ricercata proposta cromatica dei tessuti, sempre firmati da Paola Navone, che valorizzano gli imbottiti.

Una famiglia di sedute per ogni momento della giornata, per il caffè della mattina, per una siesta all’ombra, per un gin tonic al tramonto’ – racconta Paola Navone – ‘Rafael è robusta, comoda e amica. La sua forma destrutturata è un po’ tribale. Ha uno schienale fatto di doghe, tutte diverse, legate da grandi graffe metalliche. Questa scocca legnosa e organica racchiude un soffice nido di cuscini. Abbiamo dedicato Rafael a una casa molto speciale’.

Rafael è un sistema componibile di sedute lounge, day bed e coffee table. Tutti gli elementi sono abbinabili tra loro e al contempo possono vivere da soli la propria funzionalità. Insoliti e originali, i profili esagonali della struttura, nella nuova finitura graffiata del teak naturale, prendono vita dall’alternanza degli elementi che caratterizzano lo schienale. Un ritmo dimensionale che dona movimento e apertura visiva, rendendo gli arredi dinamici e ‘ariosi.

Gli schienali sono definiti da doghe asimmetriche, tenute insieme da speciali ‘graffe’ di metallo, che insieme alla struttura creano una scocca legnosa e organica per racchiudere una soffice ‘alcova’ di cuscini dalle trame raffinate e dai colori intensi.

Il day bed racchiude in sé una doppia funzione: elemento unico e confortevole che abbraccia il corpo semidisteso, o accogliente poltrona lounge affiancata dal coffee table incassato nella struttura, il cui piano emerge con la sua singolare geometria.

I tavolini, di diversa forma e dimensione, sono il risultato di un abbinamento attento e raffinato che esalta la nobilità del legno e la matericità dei piani, realizzati in marmo statuario o in pietra lavica smaltata che richiama le diverse sfumature del mare.

Con Rafael, Ethimo amplia la sua proposta di soluzioni lounge eleganti, complete e versatili, frutto di un equilibrio sempre perfetto tra estetica e funzionalità. La ricercatezza nelle forme e nei materiali, unita all’attenzione per i dettagli e alla durabilità, rendono Rafael la collezione ideale per interpretare le sofisticate esigenze dell’outdoor contemporaneo.

Rafael è il ritmo della forma e della materia che scandisce un’intera giornata’.

www.ethimo.com

L’articolo Ethimo e Paola Navone presentano Rafael proviene da Dettagli Home Decor.

25 Febbraio 2020 / / Blogger Ospiti

La nostra casa è il nostro piccolo grande rifugio, il luogo in cui ci sentiamo sicuri e a nostro agio, da soli e in compagnia dei nostri cari. Ma nel caso di persone con disabilità motorie o di persone anziane che iniziano ad avere problemi di deambulazione, la propria casa rischia di diventare un ostacolo se non quasi una prigione.

Come fare perché non sia così?

Al giorno d’oggi esistono moltissime soluzioni per rendere la propria casa comoda e funzionale anche quando si ha problemi di deambulazione o si è del tutto impossibilitati a camminare.
Una di queste soluzioni è sicuramente il montascale, l’ideale per assicurarsi sempre la propria indipendenza all’interno della propria casa.

Il montascale non deve essere più considerato come un elemento estraneo o di disturbo rispetto al resto dell’arredamento di casa. Il mercato odierno mette a disposizione una vasta gamma di tipologie e di modelli ampiamente personalizzabili e dal design Smart e accattivante, in grado di adattarsi ai diversi stili di casa.

Sono dei sistemi innovativi sempre meno ingombranti e sempre più facili da installare; infatti qualsiasi sia la tipologia da installare, e sia che siano interni o esterni, non sono necessari interventi di muratura.

Prima di acquistare un montascale è importante informarsi sui vari modelli e le relative caratteristiche, in modo tale da scegliere quello più adeguato alle proprie esigenze. Inoltre, occorre far fare prima un sopralluogo della propria abitazione da parte dei tecnici, in modo tale da scegliere anche il modello che meglio si adatta alla propria abitazione e allo stile di arredamento della casa.

Prima di elaborare un progetto fatto su misura per noi occorre infatti valutare due aspetti fondamentali:

  1. La scala su cui verrà montato il dispositivo è rettilinea o curvilinea?
    Si tratta di un aspetto decisivo da tenere in considerazione, se una scala è curvilinea o a chiocciola il tecnico dovrà valutare se installare il montascale sulla ringhiera o dalla parte del muro, valutare se ci sono variazioni di pendenza ecc, inoltre l’installazione in questi casi di solito richiede più tempo.
  2. Il montascale va montato su una scala interna o all’esterno dell’edificio?
    I montascale esterni infatti possono essere posizionati nelle scale condominiali o nelle scale d’ingresso di una abitazione. Sono realizzati con materiali più resistenti e duraturi in quanto devono affrontare le diverse condizioni climatiche esterne. In questi casi, solitamente, il sedile è realizzato in plastica mentre la struttura che permette il movimento è realizzato in acciaio in ossidabile. I montascale da interno, per quanto riguarda la personalizzazione, permettono invece molta più libertà di scelta di tipologie, colori e materiali.

montascale
Ma quali sono i vari modelli personalizzabili disponibili sul mercato?

Montascale a poltroncina

La poltroncina è di gran lunga il modello più diffuso, quello scelto più spesso dalle persone anziane che hanno problemi a scendere e salire le scale e che magari utilizzano un deambulatore ma che non necessariamente si trovano su una sedia a rotelle.
Come anticipato, se da interno, è uno dei modelli che permette una maggiore personalizzazione: si può infatti scegliere la versione con i braccioli o senza e decidere sia il tipo di materiale e tessuto per il rivestimento, ad esempio la pelle, sia il colore, in modo tale da abbinarsi meglio allo stile della casa e alla tappezzeria.

L’installazione del montascale a poltroncina è un’operazione semplice e veloce. Si adatta facilmente sia ad una scala rettilinea che ad una curvilinea o addirittura a chiocciola, garantendo in ogni caso fluidità di movimento.

Un altro elemento a favore del montascale a poltroncina è il fatto di essere il modello in assoluto meno ingombrante, in quanto la poltroncina è sempre richiudibile all’occorrenza, occupando davvero pochissimo spazio.

Infine, un aspetto interessante è il fatto che, funzionando a batterie esterne e ricaricabili, i montascale a poltrona non devono essere collegati alla rete elettrica, pertanto funzionano anche in caso di black out o di cali di tensione, il che garantisce la totale sicurezza della persona anche in caso di imprevisti del genere.

Montascale a pedana o a piattaforma

Questo modello è invece pensato soprattutto per le persone costrette a muoversi in carrozzina, in quanto è possibile salire e scendere da questo tipo di dispositivo senza doversi spostare dalla sedia a rotelle. I montascale a pedana sono davvero semplici da usare poiché, inoltre, solitamente non coprono lunghi percorsi ma brevi rampe di scale. Si possono attivare in autonomia mediante comandi intuitivi o un telecomando.
Anche nel caso dei montascale a pedana c’è ampio margine di personalizzazione, ad esempio per quanto riguarda l’ampiezza della pedana, che può essere tale da far entrare la sola carrozzina o, se se ne ha la possibilità, anche un accompagnatore.

Montascale a cingoli

Vi è poi un ulteriore modello, diverso dagli altri in quanto si tratta di un montascale mobile: si tratta del montascale a cingoli, per il quale non è necessaria una vera e propria installazione fissa o a parete dal momento che prevede l’uso di una carrozzina ad autospinta e quindi anche la collaborazione di un accompagnatore.

Quanto costa un montascale?

I prezzi dei montascale variano considerevolmente in base alla tipologia scelta, al tipo di scala e se si tratta di una installazione interna o esterna, oltre che alle diverse personalizzazioni che si scelgono. Il prezzo di partenza si aggira intorno ai 3.000 euro mentre il prezzo finale può arrivare fino ai 18.000 euro, considerando, come detto, tutte le variabili del caso.

La spesa però non deve spaventare: si può infatti fare richiesta per delle agevolazioni fiscali e detrazioni Irpef messe a disposizione dallo Stato, così come dalle singole regioni e che arrivano a coprire fino al 50% della spesa totale. È la legge 13/89 ad assicurare il finanziamento delle diverse tipologie di interventi effettuabili ai fini dell’abbattimento delle barriere architettoniche, tra cui rientrano anche i contributi per l’acquisto di montascale e servoscala.