11 Febbraio 2020 / / Charme and More

11 Febbraio 2020 / / Nell'Essenziale

L’arredamento in Stile Provenzale è una rielaborazione più classica dello stile country francese, da questo infatti nasce e si evolve. Sempre rustico eppure elegante, semplice ma anche raffinato è confortevole ed allo stesso tempo chic. Gli affascinanti contrasti che lo stile country francese racchiude in sé ne fanno uno degli stili di arredo più amati al mondo.

Questo stile si distacca dallo stile country classico grazie ai motivi che caratterizzano i tessuti ed ali colori. Il colore country infatti, rispetto al colore provenzale è più caldo, ed i tessuti sono prevalentemente fiorati.

Le origini e la storia dell’arredamento in stile provenzale

L’essenza del Arredamento in Stile Provenzale è il French country, ispirato alla natura e ai colori del sud della Francia e in particolare della Provenza.

Le origini dell’arredamento country francese risalgono al 1600, quando il re Luigi XIV decise di far diventare Parigi un centro nevralgico di stile. Con quest’obiettivo fece rinnovare la reggia di Versailles dai migliori artigiani e artisti dell’epoca rendendola un esempio di lusso e raffinatezza.

Non passò molto tempo che gli influssi parigini iniziarono a diffondersi anche nelle zone di campagna e in particolare in Provenza. Così, gli abitanti di questa regione iniziarono a contaminare le loro dimore country con le raffinate influenze provenienti dalla capitale, in quell’inconfondibile mix di relax e raffinatezza che da allora è la cifra principale del country chic provenzale.

Marchi Cucine Incontrada arredamento in stile provenzale
Arredamento in stile provenzale Ditta Marchi Cucine, modello Incontrada.

Colori, tessuti e fantasie dello stile country provenzale

La palette colori di una casa provenzale si ispira alle nuance e al mood del Sud della Francia, caratterizzato da una vita semplice, rilassata e open air. La delicatezza è una costante, nei colori come nei materiali.

Il colore che meglio identifica l’arredamento provenzale è quello della lavanda, il fiore simbolo della Provenza, che ogni estate ne inonda i campi con scenografici tappeti lillà. Il color lavanda e le altre tinte pastello (in particolare l’azzurro e il verde salvia) sono il principale riferimento cromatico per l’arredamento in stile provenzale. Questi colori a volte possiamo trovarli anche su intere pareti. A far da contrappunto alle tinte pastello ci sono tutte le varianti del bianco e dell’avorio, spesso vivacizzate da dettagli di colore blu o gialli.

Anche per quanto riguarda i tessuti, il french country  di Provenza ha caratteristiche molto tipiche. Prevalgono infatti la delicatezza del lino e del cotone leggero, quest’ultimo declinato su tende, divani, cuscini, biancheria e trapunte ricamate con l’antica tecnica del boutis, risalente al 1600.

Le fantasie invece sono dominate da motivi floreali delicati.

Cucina provenzale Marchi Cucine Granduca
ⓘ Cucina provenzale ditta Marchi Cucine, modello Granduca.

Materiali utilizzati nel Country Francese

Il legno è il materiale principe nell’arredamento country provenzale. Non si tratta però di un legno qualsiasi ma di legno recuperato e accuratamente decapato. Il decappaggio infatti, è una tecnica che regala ai mobili un aspetto vissuto e invecchiato. Il country provenzale viene spesso assimilato allo stile shabby chic. Ma a differenza dello shabby il colore del legno non è mai bianco ma più spesso color lavanda, azzurro o avorio.

Un altro materiale molto utilizzato nel country chic francese è il ferro battuto, che si trova in particolare nelle testiere dei letti, nelle sedie o nei tavolini in versione laccata di bianco o di avorio.

Il terzo posto sul podio dei materiali caratteristici di questo stile di arredo è la pietra. Questo materiale è usato per i pavimenti in alternativa al legno ed è frequente in cucina.

La stanza principale è sempre il soggiorno, qui non può mancare un divano accogliente ed un camino in pietra, completati da credenze e madie in nuance pastello. Nel country provenzale il soggiorno è l’ambiente della convivialità per eccellenza.

coordinato con copriforno stile provenzale
 Coordinato per cucina collezione blu Provenza by Nell’Essenziale.

Decorazioni in stile provenzale

Oltre che nella tavolozza dei colori, la lavanda non può mancare anche come fiore in una casa. L’arredamento country provenzale è caratterizzato infatti,  da scenografici bouquet e da profumati sacchetti di lavanda da tra la biancheria.

In una dimora arredata in stile provenzale tutto deve contribuire a dare una sensazione di relax e accoglienza. L’effetto è proprio quello di sentirsi avvolti in un caldo abbraccio. Non possono mancare infatti cuscini colorati e candele, vivaci saponette, mazzi di fiori freschi, tappeti, specchi. Frequenti sono anche cesti in materiali naturali come il vimini, ma anche porcellane e pentole in rame da tenere a vista.

Infine, non deve mai mancare un tocco vintage: gli oggetti nuovi si mescolano con nonchalance a quelli tramandati dai nonni, second-hand o scovati nei mercatini delle pulci.

Lo stile country provenzale permette di fare un vero e proprio salto indietro nel tempo. Rimanda infatti a una vita bucolica scandita dai ritmi della natura. Questo è reso possibile anche grazie al potere evocativo dei profumi. Eppure, questo stile così legato al passato è oggi più che mai attuale. Questo stile è amato soprattutto da chi ricerca un’alternativa calda e romantica al minimalismo.

E tu cosa ne pensi dello stile Provenzale?

Questo articolo Arredamento in Stile Provenzale proviene da NellEssenziale.

11 Febbraio 2020 / / Dettagli Home Decor

Nasce Bigfoot, il sistema di arredo rivoluzionario che ti permette di ampliare e sfruttare tutto lo spazio a disposizione, anche dove non c’è

L’idea è innovativa per non dire rivoluzionaria. Sfruttare tutto lo spazio a disposizione, anche dove non c’è, all’interno di una casa, di un hotel, di un ufficio o di qualsiasi altra tipologia di ambiente grazie ad un geniale sistema di arredo a scomparsa, 100% Made in Italy, capace di ricreare ambienti che mutano nell’arco della giornata e arredi che si trasformano per ampliare, moltiplicare, comporre e nascondere gli spazi, ottenendo il massimo comfort.

È l’intuizione di Protek®, azienda italiana con una lunga esperienza nella progettazione e realizzazione di controtelai e sistemi per porte e finestre scorrevoli, che ha ideato Bigfoot®, un sistema brevettato, unico in tutto il mondo e all’avanguardia che sfrutta gli elementi strutturali di separazione e zone di passaggio all’interno degli immobili, per offrire soluzioni inedite sia dal punto di vista estetico che funzionale, combinando design, creatività e innovazione.

cucina con ripostiglio a scomparsa nella parete

Un nuovo format destinato a diventare sempre più di uso comune nelle abitazioni di nuova realizzazione, progettate per avere complementi d’arredo integrati nelle pareti, o applicati in adiacenza a muri già esistenti, che compaiono e scompaiono all’interno dei locali in base alle esigenze dei nuovi cittadini metropolitani, agli stili di vita e ai momenti della giornata. Da elementi più tradizionali e pratici come scarpiere, librerie, tavoli, letti, dispense, cappottiere, ripostigli, fino ad applicazioni più “smart” con mobili bar, elementi per il fitness o l’entertainment. Soluzioni adatte sia per il residenziale ma anche per il contract, l’hotellerie, la nautica e tanti altri ambiti dove il muro non è più solo un muro, ma diventa un elemento di arredo che non si immaginava di avere, completamente personalizzabile a seconda delle specifiche esigenze.

modulo contenitore a scomparsa nella parete

Le case di oggi – piccole ma ottimizzate

Un’idea sviluppata anche per far fronte alla crescente domanda di spazi residenziali di piccole dimensioni, dettata dai nuovi stili di vita e dalle recenti trasformazioni urbane. Secondo una recente ricerca di CasaDoxa, quasi il 50% degli italiani non è soddisfatto della propria abitazione e tra le principali motivazioni spiccano le caratteristiche strutturali degli edifici ovvero l’aspetto esteriore, la dimensione dell’appartamento, la distribuzione degli spazi interni e infine, la qualità dei materiali e delle finiture interne. I numeri non lasciano dubbi: le percentuali degli insoddisfatti sono pari al 50% tra le famiglie che abitano case costruite prima del 1990, e scendono al 18% tra quelle che vivono in edifici nuovi, costruiti dopo il 2015.

L’organizzazione e l’ottimizzazione dello spazio a disposizione è tra gli aspetti che crea più disagio e che “obbliga” gli abitanti a cercare soluzioni alternative che possano in qualche modo sopperire alla mancanza. Dallo sfruttamento dello spazio in altezza, per esempio prevedendo strutture a soppalco oppure armadiature a parete, fino all’utilizzo di vani sottoscala mediante cassetti e mobili contenitori. Nelle case moderne la cucina è un luogo che viene sempre più spesso inglobato con il living, per la creazione di uno spazio unico che non solo accolga gli ospiti ma che permetta una migliore organizzazione.

Per consentire un migliore sfruttamento e un’ottimizzazione dello spazio abitativo, si ricorre sempre più spesso a figure professionali come architetti, progettisti e interior designer che possano fare uno studio accurato e proporre soluzioni su misura.

Il sistema Bigfoot®

Il sistema sviluppato da Protek® è disponibile nelle due versioni Architectural, da integrare nel muro in fase di progettazione e ristrutturazione dell’abitazione, e Interior, appoggiabile semplicemente al muro tramite un semplice fissaggio a parete, che non necessita di particolari interventi di edilizia. Entrambe le versioni inoltre non necessitano della richiesta di concessione edilizia, velocizzando e semplificando ulteriormente l’installazione.

Il sistema si compone di un controtelaio realizzato completamente in alluminio, con una struttura rigida ma allo stesso tempo leggera, progettato appositamente per ospitare il modulo contenitore Bigfoot®. Il controtelaio è integrabile direttamente nella parete, così da sfruttare tutto lo spazio a disposizione e diventare lui stesso la nuova parete, oppure è installabile direttamente al muro, senza la necessità di prevedere fissaggi a pavimento e con una posa molto semplice. È predisposto sia per il rivestimento in cartongesso, sia con pannelli rigidi come boiserie, marmi, ceramica, MDF, per adattarsi perfettamente all’arredo già presente all’interno dell’ambiente.

Il modulo Bigfoot® è il complemento d’arredo a scomparsa che si inserisce nel controtelaio sfruttandone lo spazio all’interno. È disponibile con diverse finiture e colorazioni, oltre che con un’ampia gamma di accessori per soddisfare appieno anche le diverse necessità di personalizzazione d’interior.

Per visionare tutte le soluzioni visita www.protek-controtelai.com

L’articolo Moduli contenitori a scomparsa per ricavare spazio anche dove non c’è proviene da Dettagli Home Decor.

11 Febbraio 2020 / / Blogger Ospiti

Il cosiddetto grès porcellanato è un innovativo materiale che si sta ritagliando degli spazi sempre più importanti nel mondo dell’edilizia e dell’arredamento, un materiale che può effettivamente vantare delle caratteristiche tecniche, nonché estetiche, di primo livello. Scopriamo subito di cosa si tratta.

Il grès porcellanato, materiale vetroso grazie a cui si riesce a dar vita a piastrelle più o meno grandi, è una particolare tipologia di ceramica ottenuta tramite la sterilizzazione di varie tipologie di argille, nonché seguendo specifiche procedure realizzative, l’ultima delle quali corrisponde alla pressatura.

Grès porcellanato e design: tante varianti disponibili

Senza soffermarci oltremodo sulle modalità di realizzazione, è utile sottolineare che il grès porcellanato è un materiale che vanta delle proprietà di primo livello, senza trascurare la sua indiscussa bellezza.

A livello estetico si possono distinguere diverse tipologie di grès porcellanato: alcune hanno un aspetto lucido, altre si presentano più naturali, altre ancora sono smaltate, le opportunità sono svariate anche a livello cromatico, spaziando dal grès molto chiaro fino a quello vicino al naturale colore del legno.

Principali caratteristiche tecniche

Rispetto alla ceramica tradizionalmente intesa, il grès porcellanato sa rivelarsi molto più performante, nonché più adatto a questo tipo di utilizzo, anche in relazione a un rapporto qualità-prezzo più conveniente.

Scopriamo dunque le sue più importanti peculiarità tecniche.

Sul piano tecnico, il grès porcellanato è considerato un materiale ottimo per via della sua elevata resistenza, caratteristica sempre importantissima per quanto viene adoperato nel
mondo dell’edilizia.

La resistenza che contraddistingue il grès porcellanato è notevole anche a livello di superficie: le piastrelle prodotte in questo materiale riescono a conservarsi impeccabilmente anche laddove sottoposte a notevole usura, senza che compaiano delle scalfiture.

Un altro aspetto tecnicamente molto rilevante corrisponde inoltre all’elevata impermeabilità del materiale: le quantità d’acqua che possono essere assorbite dal grès porcellanato sono di gran lunga inferiori rispetto a quelle di altri materiali largamente adoperati nel settore, e questo è un grande punto di forza.

Il grès porcellanato consente di realizzare delle superfici antisdrucciolevoli, e anche questa è una caratteristica assolutamente meritevole di menzione.

Utilizzi del grès porcellanato

In virtù delle sue ottime caratteristiche tecniche, il grès porcellanato si presta a molti diversi impieghi.

Il grès porcellanato è largamente impiegato per la realizzazione di superfici, dunque per creare pavimenti,in primis, ma anche rivestimenti.

Il ricorso al grès porcellanato riguarda qualsiasi tipo di ambiente, si spazia infatti dalle pavimentazioni dei soggiorni ai rivestimenti dei bagni, senza affatto trascurare gli ambienti esterni.

Il grès porcellanato si presta in modo ottimale ad essere impiegato presso degli ambienti outdoor per via della sua ottima resistenza e della sua notevole impermeabilità, caratteristiche che consentono a queste superfici di non risentire affatto dell’azione usurante degli agenti climatici.

Un materiale destinato ad essere sempre più protagonista

Ci sono davvero tutte le premesse affinché il gres porcellanato, il quale è già una realtà molto consolidata, possa diffondersi ulteriormente nel prossimo futuro.

D’altronde nelle più note catene che trattano pavimenti e rivestimenti, come ad esempio www.iperceramica.it, sono dedicati ampi spazi a questo materiale ed è possibile scegliere molte diverse varianti, da quelle “effetto marmo” a quelle simili al cemento, da quelle analoghe al parquet a quelle super lucide.