29 Febbraio 2020 / / Blogger Ospiti

Cosa fare quando si mescolano vintage e new? Può essere un’impresa difficile riuscire a mantenere fresco qualcosa di vecchio, per non parlare del baldacchino in mogano di nonna Maria che vorresti nella cameretta di tuo figlio. Credo che questo sia uno temi di decorazione più attuale e interessante: mescolare arte e mobili di tutte le epoche per creare un look curato piacerebbe a tutti, ma non è facile. Il rischio è quello di creare stanze dai mix pericolosi, che finiscono per risultare “un pugno in occhio”. Ci vuole buon gusto e, soprattutto, qualche accorgimento utile.

1. Mobili vintage in legno scuro: come bilanciare il design mantenendolo aggiornato e leggero?

In questo caso il rischio che i mobili rendano la stanza vecchia e datata è reale. Per contrastare questo effetto meglio puntare su un ambiente chiaro e luminoso, eliminando certe idee come applicare la carta da parati {che pur ci piace tantissimo}. La parola d’ordine è alleggerire. Cambia, quindi, eventuali tende pesanti e sostituiscile con tendaggi ultra sottili – di lino per esempio – senza fronzoli. Inserisci nell’ambiente oggetti di design d’autore, che non tramonta mai, scegliendo materiali moderni come l’acrilico o la ceramica dalle forme pulite e attuali. In tal modo il vintage sarà felicemente accostato alle cose nuove e il risultato sarà una mescolanza armonica.

Immagine One Kings Lane

Immagine Sf Girl

2. Come aggiungere dipinti ad olio, Art Deco e tessuti roccocò mantenedo lo spazio pulito e                moderno?
  Nell’immagine qui sotto puoi notare la sovrapposizione, ben riuscita, tra un dipinto fiammingo con due sculture in  stile Calder di fronte a fotografia di Bert Stern scattata nel 1962. Tre stili artistici, tutti di epoche diverse, si uniscono per formare un mix pulito e avvincente. Lo styling è di Mariette Himes Gomez.
Il suo segreto è semplice: usa il bianco. Spesso le stanze perdono la loro lucentezza moderna, quando troppe opere d’arte sono appese a un muro saturo di colore. Le pareti bianche forniscono l’ossigeno necessario alle opere vintage per respirare. Vale anche la pena notare l’uso di libri da tavolino impilati per creare un’ancora visiva con un fascino grafico. Il risultato? Un angolo che sembra attuale e raccolto.

Immagine 1 e 2

3. Un tavolo da pranzo con sedie abbinate: le sedie sono troppo datate ma non vuoi sostituirle? Ecco l’idea in più.

Unisci il tuo cimelio di famiglia a una serie di sedie in stile Luigi lungo ogni lato e poi aggiungi due sedie moderne, geometriche e di un materiale meno tradizionale del legno: pensa al metallo oppure alla plastica trasparente delle Ghost di Philip Stark prodotte da Kartell. Se questo è troppo eclettico per i tuoi gusti, considera un rapporto 50/50 di sedie imbottite rispetto a quelle moderne per un perfetto equilibrio tra trama e materiali. La cosa più importante è scegliere ciò che ami.
Immagine One Kings Lane

Immagine AD

The post Come mescolare i tuoi tesori vintage alla modernità classica appeared first on Artigianamente Blog - artigianato, stile & design.

29 Febbraio 2020 / / diotti.com

In questo articolo vediamo insieme come arredare una camera da letto piccola sfruttando al meglio tutti gli spazi a disposizione, quali mobili scegliere e in particolare le caratteristiche che devono avere. Le immagini si riveleranno utili per trarre spunti d'arredo interessanti e trasformare una camera mignon in un ambiente confortevole.

Partiamo subito elencando alcuni arredi di cui hai assolutamente bisogno se la tua camera ha una superficie limitata:

  • LETTO CONTENITORE
    L'alleato salvaspazio per eccellenza in camera da letto. Lo spazio extra del box diventa fondamentale per riporre lenzuola, piumoni e scatole con il cambio di stagione. Nella cameretta di bambini e ragazzi questo spazio in più può essere usato anche per giocattoli o attrezzature sportive.
    Il classico modello di letto con box contenitore a cui siamo abituati è quello con rete alzabile ma, se ben ci pensiamo, può essere definito "contenitore" anche un letto con cassetti e cestoni estraibili. In questo caso al posto di sollevare la rete è sufficiente estrarre i contenitori posti sotto la rete.

  • LETTO A SCOMPARSA
    Lo dice il nome stesso, il letto quando non è utilizzato scompare... dentro un "mobile contenitore". I letti a scomparsa sono sempre pronti all'uso e comodi: le doghe sono intere e il materasso è unico; non vengono piegati ma solo ribaltati e nascosti.

  • COMO' E SETTIMANALI ALTI
    La prima regola per arredare ambienti piccoli è sfruttare l'altezza e un comò settimanale è perfetto per questo compito. Quando in camera non c'è spazio per una grande cassettiera la soluzione è un mobile alto e stretto con tanti cassetti capienti, un settimino insomma.

  • COMODINI CUBO E CONTENITORI SOSPESI
    A volte per il poco spazio a disposizione si è costretti a rinunciare ai comodini ma buona cosa sarebbe scegliere dei comodini piccoli e capienti cioè comodini alti e stretti con tre o più cassetti. Per camere davvero mini esistono comodini di larghezza 30/39 cm, per camere piccole si può optare per comodini da 40/49 cm di larghezza, per camere piccole ma non troppo dei comodini larghi da 50 a 59 cm.

  • ARMADIO CON PROFONDITA' RIDOTTA
    Per quanto piccola sia la camera almeno un mini guardaroba ci deve essere e allora via libera ad armadi poco profondi e compatti. L'armadio Tilt ad esempio può essere scelto nella versione extra small di 35 cm di profondità, altri modelli sono invece disponibili con profondità 43,8 cm o 47,8 cm, più capienti ma altrettando compatti.
    Il segreto di un armadio piccolo sta nell'organizzazione interna: usa ripiani aggiuntivi, ganci appendiabito, porta cravatte e portascarpe e prevedi anche uno specchio.

  • ARMADIO A PONTE
    Se la camera è lunga e stretta puoi posizionare su un'unica parete il letto e l'armadio scegliendo per quest'ultimo un modello a ponte. Lo spazio contenitore si ricava così dalle colonne armadio di fianco al letto e dai pensili sospesi sopra il letto. Attenzione ad organizzali al meglio: nei vani più facili da raggiungere vanno messi gli oggetti di uso quotidiano, gli scomparti più in alto sono perfetti per il cambio di stagione e per tutti quegli oggetti che si usano occasionalmente.

Vediamo ora alcune immagini di mobili perfetti per arredare una camera piccola matrimoniale, una cameretta piccola per ragazzi e un ambiente piccolo da destinare agli ospiti. Foto ispirazione con tante idee alle quali forse non avevi ancora mai pensato.

Camera matrimoniale piccola

Arredare una camera da letto matrimoniale piccola richiede un doppio sforzo: scegliere gli arredi migliori e mettere d'accordo entrambi. Se lo spazio è davvero ristretto, nella scelta la funzionalità deve avere la meglio.

 

 

 

Camera ragazzi piccola

Non parliamo di camerette per neonati, piuttosto della stanzetta piccola di un ragazzo o di una ragazza. Gli adolescenti crescono in fretta e hanno bisogno di tanto spazio per riporre vestiti, scarpe, borse, zaini, libri e altrettanto spazio per studiare e rilassarsi.

 

 

 

Camera ospiti piccola

Arredare una camera piccola è già di per sè un'impresa ma lo è ancora di più se la stanzetta oltre ad essere usata come camera per dormire è anche studio o ambiente di servizio per stendere e stirare. In questo caso ci vogliono arredi salvaspazio e multifunzione che si trasformano in poco tempo e facilmente.

 

 

 

 

 

La tua camera da letto è piccola e non hai idee su come arredarla? Contattaci! Sceglieremo insieme gli arredi giusti per i tuoi spazi e studieremo come disporli per sfruttare ogni centimetro al meglio.

 

 

DEVI SAPERE CHE...
Un decreto ministeriale del 1975 impone che ogni ambiente di casa rispetti delle precise dimensioni. In particolare per camere e camerette l'altezza minima è di 2,70 mt, la superficie minima per una camera matrimoniale è di 14 mq, la superficie minima per una camera singola è di 9 mq.
29 Febbraio 2020 / / Case e Interni

Loft stile industriale in versione scandinava

In un edificio risalente agli inizi del 1900, gli interventi su uno spazio industriale sono stati valorizzati con arredi in stile scandinavo, che trasformano gli interni in una moderna e accogliente abitazione.

All’interno di un edificio industriale svedese è stato ricavato un moderno spazio residenziale. Caratterizzato da soffitti a doppia altezza, finiture industriali e mattoni a vista della parete esterna, questo loft di 85 mq con accogliente spazio esterno, invita a rilassarsi.

L'appartamento si caratterizza per lo slancio verticale delle pareti e delle aperture vetrate e per il caldo legno dei pavimenti. Con la ristrutturazione sono stati conservati alcuni tratti architettonici originali dell’edificio, come le ampie finestre con serramenti metallici affacciate sul cortile.

La zona giorno, spaziosa e illuminata da grandi vetrate, è organizzata in modo fluido con arredi di gusto scandinavo e complementi e lampade dal sapore industriale. Nella zona conversazione, definita da un grande tappeto, sono disposti un divano e una poltrona grigio-celesti, che godono della luce che penetra dalle grandi aperture vetrate.

In camera da letto, su un letto grigio scuro, un copriletto della stessa tonalità rilassante del divano. Il verde delle piante e dei fiori aiuta a creare quegli angoli urban jungle, tanto di tendenza in questi anni.

Loft stile industriale in versione scandinava

Loft stile industriale in versione scandinava

Loft stile industriale in versione scandinava

Loft stile industriale in versione scandinava

Loft stile industriale in versione scandinava

Loft stile industriale in versione scandinava


Loft stile industriale in versione scandinava

Loft stile industriale in versione scandinava

Loft stile industriale in versione scandinava

Image credit: hemnet.se

Anna e Marco - CASE E INTERNI
29 Febbraio 2020 / / Blog

Aggiornato al Marzo 6th, 2020 -

I fiori in stile Provenzale caratteristici sono la Lavanda, i Ranuncoli, la Gipsofila, rose, margherite ed erbe aromatiche, In questo articolo ti descriveremo le loro principali caratteristiche e come abbinarli al tuo arredamento.

Lo stile provenzale così delicato e romantico trae ispirazione dallo stile country chic, ma da questo si discosta per le tinte più delicate e più vicine come tonalità allo stile shabby. In questo stile, come per il Country classico, protagonista è la voglia di vivere in campagna e all’aria aperta ma rispetto allo stile Country è amplificata la componente romantica che dona a questo stile un tocco di eleganza in più.

fiori in stile provenzale ranuncoli

Fiori in stile Provenzale classici hanno tonalità pastello, sistemati anche in modo inusuale, con vecchi oggetti di recupero che diventano vasi. Le varietà sono quelle tipiche del sud della Francia e richiamano i paesaggi da fiaba della regione della Provenza, fatti di case bianche e infiniti campi di Lavanda.

La lavanda di Provenza,  protagonista tra i fiori in stile Provenzale

Proprio la lavanda, con i suoi rametti color lilla è il fiore più utilizzato nello stile Provenzale, grazie al suo profumo inconfondibile e ai suoi molteplici utilizzi. Lo si può infatti trovare sia come decorazione all’interno e all’esterno della casa, sia per profumare la biancheria all’interno dei cassetti.
Di solito i rametti vengono usati da soli, magari legati con un nastrino, o insieme ad altre varietà, in composizioni più elaborate. Il colore di questo fiore è uno dei più utilizzati nello stile Provenzale e ben si adatta al resto dell’arredamento della casa.
Il profumo di lavanda ha inoltre proprietà rilassanti e contribuisce a dare l’idea di pace e tranquillità tipica di questo stile.
Le altre varietà di fiori
Insieme alla lavanda lo stile Provenzale presenta, come ti ho detto all’inizio, fiori soprattutto in colori pastello con tonalità chiare tra cui prevalgono rosa, bianco, giallo pallido e azzurro carta da zucchero.
Tra le varietà di fiori più usate abbiamo:

La Gipsofila

La Gipsofila, detta anche “velo da sposa”; si tratta di un fiorellino bianco simile al garofano, perfetto per completare le composizioni e renderle armoniche

gipsifolia

Le Rose

Roselline, di colore rosa o bianco; si usano soprattutto in bocciolo, per esaltare il lato romantico e fiabesco dello Stile Provenzale

Ranuncoli

Margheritine e camomilla, dei fiori di campo per eccellenza, che con la loro semplicità richiamano la vita in campagna

Erbe aromatiche

Oltre ai fiori veri e propri, nello stile Provenzale abbiamo anche le erbe aromatiche, che diffondono il loro profumo per la casa sono perfette da disporre sulle mensole in cucina o in giardino. Si possono trovare ad esempio: basilico, maggiorana, rosmarino, timo…

Decorare con i fiori nello stile Provenzale

Nello stile Provenzale i fiori possono essere disposti sia in casa che in giardino creando delle composizioni libere ma al tempo stesso studiate per dare all’ambiente un’atmosfera chic. Si passa infatti dal classico rametto posato in maniera casuale sul comodino, ai fiori sul davanzale, fino ai romantici centrotavola perfettamente coordinati.
Come nello stile Shabby Chic, anche oggetti inusuali possono diventare vasi da fiori. Bottiglie di vetro, brocche, vecchi contenitori di latta e cestini di vimini diventano così vasi caratteristici ed originali. Questi possono essere decorati con nastrini o fili di rafia per renderli più graziosi e adattarli allo stile.
Una bella idea potrebbe essere di disporre i fiori in un vecchio annaffiatoio di ferro, magari dipinto di bianco, oppure piantare la lavanda all’interno di cassette di legno per abbellire il tuo giardino.

Questo articolo Fiori in stile Provenzale proviene da NellEssenziale.