10 Aprile 2020 / / Architettura

Ogni anno in Italia si pubblicano una media di oltre 100’000 gare d’appalto fra Lavori, Forniture e Servizi per un complessivo giro d’affari di quasi 140 miliardi di euro: è in questa sterminata galassia in continua evoluzione normativa (basti pensare all’ultimo D.L. “Sblocca Cantieri” che ha apportato importanti modifiche al Codice degli Appalti) e piena di opportunità (ma anche di competitors) che molte Imprese nel settore dell’edilizia e dei lavori civili costruiscono il proprio core business.

La redazione di un’offerta tecnica vincente sotto il punto di vista OEPV (“Offerta Economicamente Più Vantaggiosa”, parametro numerico finale determinante per le Amministrazioni aggiudicatrici) nasce da un trade-off fra qualità e costi grazie allo svolgimento di un’attività tecnica molto vicina alla progettazione ma con alcune e decisive particolarità come la capacità d’interpretazione delle richieste del Bando, l’accurata scelta di soluzione tecniche performanti nonché l’abilità nella presentazione e comunicazione grafico-descrittiva degli elaborati di Gara.

Vista la trasversalità delle capacità e delle figure professionali necessarie al fine della realizzazione di un prodotto tecnico veramente competitivo, da molti addetti ai lavori quest’attività è considerata quasi “un mestiere a parte” ed ATIProject la svolge da diverso tempo riscontrando importanti risultati: con oltre 200 appalti vinti e più del 40% di Success Rating, in questi anni lo Studio ha portato quasi 1,5 miliardi di euro di lavori nelle casse dei propri Clienti, molti dei quali hanno trovato sollievo da difficoltà economiche proprio grazie a queste vittorie rendendo così ATI ancor più orgogliosa dell’attività svolta.

La chiave di questi successi risiede nella grande multidisciplinarietà che caratterizza la composizione dei nostri Team di lavoro i quali hanno come milestones i concetti di ricerca, di innovazione e dal costante desiderio di miglioramento, con quest’ultimo che viene incoraggiato dallo stesso Studio tramite la formazione continua e l’organizzazione di corsi interni di approfondimento tecnico ed aggiornamento.

Progettazione architettonica, strutturale, impiantistica (meccanici, elettrici e speciali), illuminazione, sicurezza antincendio, organizzazione e gestione del cantiere, acustica, efficientamento energetico, certificazioni Leed e Breeam, sostenibilità ambientale, rispetto dei CAM, progetti gestionali e di manutenzione, rendering e communication design il tutto immerso in ambiente BIM al fine di avere il controllo della gestione e della qualità di tutti i processi: questa la “ricetta” che ATIProject mette sul tavolo per confezionare sempre un’offerta tecnica di massima qualità e per lanciare, in questa maniera, i propri Clienti alla conquista dell’universo delle gare d’appalto.

https://atiproject.com/

10 Aprile 2020 / / +deco

There are some materials that bring back memories, that carry some degree of intimacy, even if we don’t know what they are called. They change according to people’s experiences in life and some are also related to specific geographical areas. I am sure that many people who live or grew up in Lombardia associate with Ceppo stone for instance. Ceppo stone, extracted mainly from the area near Lago D’Iseo, is a natural sedimentary stone with a beautiful warm color often used in architecture and interiors all over the world.

Today, in tribute to Lombardia, a region that is being so badly affected by the disruptive force of Covid 19, we are going to look at some gorgeous designs by Tommaso Spinzi which for me evoke nostalgic feelings and have a very contemporary refinement.

Tommaso Spinzi is a young sophisticated Interior and Furniture designer with an international pedigree and a studio in Milan called Spinzi Design that offers Interior Design, Furniture Design and Art Direction services.

In 2019 he designed the Origini Collection (Origini means Roots in English) using some recovered Ceppo stone and the frames of Mid- 20th Century Collection furniture.

The inspiration came when, having moved to Milan after many years abroad, Tommaso went for a ride on his motorcycle and saw some imposing historical architecture made from this elegant grey stone that looks like Conglomerate stone.

Origini is the result of this warm feeling of revival and procured nostalgia; the collection mixes different elements of stone, metal and brass with impressive character and uses original furniture legs from the 1950’s and blocks of recovered stone.

Each piece is unique, a statement and an investment.

(Photos courtesy Tommaso Spinzi, artwork on wall Dripping Face by Alessandro Paglia)

The post Spinzi Design Roots appeared first on Plus Deco - Interior Design Blog.

10 Aprile 2020 / / Dettagli Home Decor

Urban Balcony

Mangiare, leggere, studiare, lavorare, stendere, prendersi cura di piante e fiori, riposarsi: sono solo alcune delle attività realizzabili grazie al nuova sistema modulare Urban Balcony di Unopiù

Unopiù presenta Urban Balcony, una nuova struttura in legno iroko accessoriabile che permette di vivere balconi e terrazzi a 360 gradi, in ogni momento.

Urban Balcony, creato grazie alla collaborazione con Meneghello Paolelli Associati, è un sistema modulare, versatile, personalizzabile e componibile, che interpre- ta l’abitare urbano con una nuova visione di qualità, permettendo  di creare con pochi elementi combinabili diversi spazi funzionali, come lavanderia, angolo  per ospitare piante e fiori o zona studio e lavoro.

Urban Balcony

Elemento architettonico dalle origini  antiche, fonte  d’ispirazione e di suggestione nell’arte e nella letteratura, ad esempio rappresentato in quadri come le “Majas al balcone” di Goya, divenuto luogo leggendario attraverso il teatro di William Shake- speare, o posizione privilegiata per lo sguardo come suggeriva Italo Calvino: la sto- ria, vera o immaginata, è costellata di balconi con un ruolo importante, dal punto di vista estetico, funzionale o simbolico.

Con Urban Balcony di Unopiù tutti i balconi e terrazzi possono diventare protagonisti di una nuova proposta progettuale dell’abitare, piccoli spazi esterni che si ridefiniscono e riorganizzano diventando sempre più prolungamenti della casa.

Urban Balcony

“La città vive e gli spazi pubblici e privati si evolvono. La fruizione degli ambienti si trasforma e Urban Balcony si pone l’opportunità di interpretare questo cambiamento aiutandoci a creare soluzioni multiple di micro-arredamento per una migliore fruizione dei balconi cittadini o di piccoli spazi outdoor. Urban Balcony è un sistema configurabile per terrazzi contemporanei. Mangiare, leggere, studiare, lavorare, stendere, prendersi cura di piante e fiori, riposarsi: sono solo alcune delle attività realizzabili in questo spazio ‘rinnovato’ che, per quanto piccolo possa essere, contiene un grandissimo valore“. Meneghello Paolelli Associati

Urban Balconu

Urban Balcony è costituito da una struttura modulare in iroko, un legno pregiato e di grande qualità, perfetto per un uso all’esterno grazie alle caratteristiche di estrema resistenza, fissabile a parete o soffitto, che fa da supporto ad una serie di accessori in alluminio bianco. Fioriere, vasi, armadietti, mensole, piani da lavoro, stendibiancheria, pannelli schermanti e coperture, sono configurabili a proprio piacimento al fine di rendere l’ambiente perfetto per le più svariate esigenze.

Urban Balcony sarà disponibile sui siti E-COMMERCE (www.unopiu.it) di Unopiù entro l’estate. Attualmente declinati in cinque lingue, per soddisfare la richiesta di Italia, Francia, Germania, Svizzera, Austria, Spagna e resto d’Europa, gli e-shop Unopiù sono uno strumento pensato dall’azienda per stare ancora più vicina ai propri clienti.

L'articolo Con Unopiù il balcone diventa multitasking proviene da Dettagli Home Decor.

10 Aprile 2020 / / Charme and More

Friday Finds; le idee e le ispirazioni della settimana dal web.

Le novità più interessanti dal mondo della moda per restare sempre aggiornati sulle idee shopping, must del momento.
Home décor; idee e consigli per arredare con stile la casa.
Lifestyle e ispirazioni raccontati attraverso le immagini.

Friday Finds; Slow Living

Questo periodo di emergenza sanitaria ha costretto gran parte di noi a fermarci.

La nostra vita era scandita da ritmi frenetici, da scadenze, da orari di lavoro spesso impossibili.

Sempre tutti di corsa in un mondo che gira velocemente.

Il lockdown per contere la diffusione del virus, ci ha costretti a fermarci, a rallentare e a riflettere, facendoci avvicinare allo slow living, lo stile di vita del vivere lentamente e con consapevolezza.

Adottare uno stile di vita lento ci permette di apprezzare il valore delle piccole cose e della semplicità.

“Quando ci si dimentica di rallentare, quando si accelerano cose che non vanno accelerate, c’è sempre un prezzo da pagare.”

~ Carl Honoré

Come sarà la nostra vita dopo il lockdown?

Ripartiremo con i ritmi scanditi dal’ era della velocità o saremo riusciti ad imparare a rallentare e ad apprezzare io qui e ora, il momento presente?

Friday Finds slow living

Ph via
Ph via
slow-living-fashion
Giacca in lino naturale al 100% di LovelyHomeIdea
Candela di Bartoncroft; salvia e sale marino una fragranza evocativa onde che si infrangono e fresca aria salmastra
Candela di Bartoncroft; salvia e sale marino una fragranza evocativa onde che si infrangono e fresca aria salmastra
Ph via
Ph via
Asciugamano in lino vegano di alta qualità realizzato a mano in Lituania da HomeyLinenLT .
Asciugamano in lino vegano di alta qualità realizzato a mano in Lituania da HomeyLinenLT .
Ph via
Ph via

Meditare per scolpire i valori della pausa.

La meditazione è uno degli esercizi migliori per guadagnare e apprezzare il tempo.

Ti è piaciuto questo post?

Condividilo  sui tuoi canali social usando uno dei tasti qui sotto e seguimi  su Instagram , Facebook e Pinterest per non perdere i post.

*Questo post contiene link affiliati.

 

L'articolo Friday Finds; Slow Living proviene da Charme and More.