8 Aprile 2020 / / GiCiArch

Eccomi qua, nonostante la quarantena, sta diventando sempre più difficile riuscire a dedicare tempo agli articoli del blog ma vorrei condividere con voi questo post dedicato al cinema, una delle mie grandi passioni, ed in particolare alle case del cinema, set magnifici che spesso hanno reso speciali delle pellicole non proprio avvincenti. La location è uno degli aspetti fondamentali per la riuscita di un film o di una serie tv. Io spesso guardo film e serie analizzandoli per layer, magari la storia non è un granchè, ma vengo affascinata da scenografie e appartamenti meravigliosi, mi concentro sono su quello, “spengo” il layer trama e lascio ciò che amo, l’architettura, gli interni, la fotografia e, a volte, gli attori, lo ammetto!

Ora abbiamo un pochino di tempo per guardare film e serie tv, per questo voglio darvi alcuni spunti per passare una bella serata e ho selezionato 10 titoli, in cui a mio parere sono presenti le case più belle dei film e delle serie tv. La scelta non è stata determinata solo dal gusto estetico, ma dalla speciale atmosfera che quell’interno ha nel film o nella serie. Per questo noterete che ho scelto case molto diverse, sia come stile d’arredo che come dimensioni. Ho selezionato le 10 case che io ho adorato di più, alcuni film li rivedrei solo per le ambientazioni scelte! Vi anticipo che non tutte sono reali, alcune sono state realizzate per il film o la serie tv, mentre altre, in particolare le ultime due, sono dei veri e propri monumenti.

Avrei voluto classificarle ma vi dico la verità, ho avuto notevoli difficoltà, non sapevo quale mettere al primo o al decimo posto, quindi non è proprio una classifica.

Eccole:

1. La casa sul lago del tempo. So che ho appena scritto che non si tratta di una classifica ma questa, per me, è davvero al primo posto.

Credit: Warner Bros
Credit. Warner Bros

2. Twilight. Moderna, immersa nel verde, bellissima.

Credit: http://www.architetturaecosostenibile.it
Credit: http://www.architetturaecosostenibile.it
Credit: http://www.architetturaecosostenibile.it
Credit: http://www.architetturaecosostenibile.it
Credit: http://www.architetturaecosostenibile.it

3. Tutto può succedere. Adoro questa casa, elegante e raffinata e adoro questo film, una commedia brillante e intelligente.

4. Gossip Girl. Si tratta di una serie di successo che racconta la vita di un gruppo di adolescenti che vivono nell’Upper East Side, il più lussuoso quartiere di Manhattan. Ci sono tantissimi appartamenti meravigliosi, il mio preferito è quello diella famiglia Humprey

https://camillassecrets.com

5.Chloe. Il film non mi ha appassionata particolarmente ma l’architettura è davvero spettacolare

https://www.plataformaarquitectura.cl

6. Iron man. Per chi ama il genere lo consiglio. La casa di Tony Stark è veramente magnifica, modernissima e lussuosa

Credit: Pinterest
Credit: Pinterest
Credit: Pinterest
Credit: Pinterest

7. Una mamma per amica. Adoro questa serie tv, questa casa rispetto alle altre è più comune, più semplice, ma credo sia una delle case in cui ho sognato di vivere. Per questo ho scelto di inserirla tra le case più belle dei film e delle serie tv

Credit: Pinterest
Credit: Pinterest
Credit: Pinterest
Credit: Pinterest

8. La grande bellezza. In questo caso ho non si tratta di una casa, ma della terrazza, una magnifica terrazza che si affaccia sul Colosseo a Roma.

9. Io sono l’amore. Villa Necchi Campiglio, Milano. Elegante e impeccabile

10. Ocean’s Twelve. Alcune scene sono state girate a Como a Villa Erba. Una location fantastica

Queste sono le mie preferite! Spero di avervi dato qualche spunto su film o serie tv da vedere!

Quali sono le vostre preferite?


L'articolo Vasca da bagno: come ritrovare il proprio benessere è stato scritto da Biagio Barraco e si trova su Questioni di Arredamento.

In un periodo particolare come questo, senza relazioni sociali né spostamenti, i comfort nelle nostre case diventano le uniche valvole di sfogo. Tra le stanze più utilizzate, e forse anche tra le meno prevedibili, c’è il bagno che diventa la cornice perfetta per il relax quotidiano e per prendersi cura del proprio corpo.

Vasca da bagno

Nel bagno la fa da padrona sua maestà la vasca da bagno che fa rima con anti-stress. Un caldo ed avvolgente bagno nella vasca consente di scaricare le tensioni e cacciare via tutti i pensieri negativi. In commercio ci sono diversi tipi e forme di vasche da bagno: da quella idromassaggio a quella con cromoterapia, da quella con soffioni massaggianti fino addirittura a quella con musica lounge.

Le moderne vasche da bagno hanno trasformato le nostre case in veri e propri centri benessere a domicilio ed il bagno è l’angolo ideale dove rifugiarsi per combattere lo stress quotidiano e prendersi cura di se stessi. Di seguito alcune tipologie delle vasche da bagno più gettonate del momento.

Vasche idromassaggio

Le vasche idromassaggio sono tra le più apprezzate grazie alle loro peculiari caratteristiche benefiche e terapeutiche. Si possono scegliere con massaggi ad aria e ad acqua, oppure anche combinati. Nel massaggio ad aria si ottiene un flusso rilassante e terapeutico, mentre nel massaggio ad acqua il flusso esce dalle bocchette laterali che sono orientabili per massaggi lombari o plantari.

Il design è completamente personalizzabile per creare una vasca su misura secondo le proprie esigenze funzionali ed estetiche. Sono disponibili le più svariate forme, da quelle ovali a quelle rettangolari fino a quelle tonde per inserirsi alla perfezione in ogni spazio. All’occorrenza si possono inserire nella vasca anche poggiatesta e braccioli per rendere la seduta ancora più comoda e confortevole. Queste tipologie di vasche hanno un effetto benefico per la mente ma anche per il corpo, poiché il flusso d’acqua dilata i vasi sanguigni favorendo una migliore circolazione, tonifica i muscoli e rende la pelle più elastica.

Le vasche con idromassaggio sono la soluzione ideale anche per recuperare rapidamente da piccoli traumi come contusioni, distorsioni o contratture. Il calore infatti dilata i pori facilitando l’assorbimento di sostanze benefiche, come sali ed estratti vegetali, da parte della pelle.

Vasche con cromoterapia

Sempre più vasche idromassaggio dispongono anche della cromoterapia, una tecnologia che innalza ulteriormente il livello di benessere e piacere personale. Il bagno diventa davvero un momento unico di relax che consente di eliminare con un colpo di spugna tutto lo stress accumulato nel corso della giornata e ritornare ad uno stato primordiale di benessere psicofisico.

Vasca da bagno

La cromoterapia è associata alla terapia del colore, conosciuta ed utilizzata dagli antichi Greci fino alle popolazioni dell’Estremo Oriente. La cromoterapia sfruttando l’energia e la potenza dei colori ripristina l’equilibrio mentale e fisico.

I colori maggiormente usati che hanno un grande impatto sulla mente sono: rosso (caldo e capace di agevolare la circolazione sanguigna, l’azione respiratoria e l’azione nervosa), blu (sinonimo di freddo per restituire calma e serenità), giallo (distensivo e finalizzato a favorire la crescita del tono muscolare e la digestione).

Si può optare per un unico faretto multicolore, che alterna l’emanazione dei colori secondo le proprie esigenze, oppure per mini-led che accompagnano la discesa dell’acqua per un effetto davvero magico e rilassante.

Vasche con soffioni massaggianti

I soffioni massaggianti sono accessori sempre più diffusi e consentono di direzionare e scegliere la tipologia di massaggio più adatta alle proprie necessità. Ogni modello è dotato di diversi tipi di getti e spruzzi, dando così la possibilità di scegliere una sola tipologia di getto massaggiante oppure di alternarli per tonificare e rinvigorire ogni parte del proprio corpo. Questi accessori sono molto versatili poiché si adattano perfettamente a vasche, docce e vasche-docce. I modelli più sofisticati e tecnologici possono essere integrati anche con effetti cromoterapeutici così da rendere la doccia ancora più rilassante. In termini di estetica e di design l’offerta è particolarmente ampia per conferire un tocco estetico e di continuità stilista al bagno.

Vasche con musica lounge

L’ultima frontiera della tecnologia in bagno è la vasca da bagno con musica lounge, ma ognuno può scegliere le sue canzoni preferite. Un sofisticato sistema è in grado di trasformare la vasca in una cassa di risonanza, generando un suono gradevole e delle particolari vibrazioni musicali che vengono percepite sia dalla pelle che dalle orecchie. La terapia del suono, o musicoterapia, può quindi associarsi alla cromoterapia ed all’idromassaggio per trasformare il bagno in una vera area spa.

Per conoscere tutte le principali novità delle vasche da bagno basta collegarsi al sito delle Sorelle Chiesa, un’azienda che opera ormai da diversi anni in questo settore. I clienti hanno a disposizione un’offerta molto ampia per trovare la soluzione più adatta in base alle proprie preferenze, così da vivere un’esperienza di relax unica ed entrare nel paradiso del benessere ogni volta che si fa un bagno.

L'articolo Vasca da bagno: come ritrovare il proprio benessere è stato scritto da Biagio Barraco e si trova su Questioni di Arredamento.

8 Aprile 2020 / / Laura Home Planner

COME FARLO, AI TEMPI DEL COVID-19?

Prendersi cura di sé: un bel dramma se ci si ritrova a casa in quarantena. Gli stimoli quanto la voglia ed il tempo vengono a mancare, poiché alla fin fine si ha sempre qualcosa a cui pesare, tra cui il lavoro (per lo più quello che ad oggi è incredibilmente spopolato con il termine di smart working, ovvero il lavoro da remoto) la famiglia, la casa e perché no Netflix. Ovviamente, ironicamente parlando, queste sono solo alcune delle cose che ci allontanano dalla sana prospettiva dell’occuparci di noi e da buona unconventional quale sono, trovo che nonostante le stesse motivazioni siano importanti e quindi necessarie, la buona scusa del “non avere tempo per” la trovo alquanto fastidiosa ed incomprensibile.  

Pensateci:

non siamo forse noi gli stessi che aspettano ogni anno con trepida ansia ferie e festività per rimanere in compagnia dei famigliari o del proprio compagno/a, sfaccendando in casa oppure oziando sul divano, ma con un occhio di riguardo verso la ricerca e/o il ritrovamento di un benessere psico-fisico a 360°?

Non fraintendetemi: non ho alcune intenzione di paragonare il COVID-19 ad una sorta di “vacanza di piacere”. Oggettivamente, ci è stato “concesso” del tempo, quindi perché non sfruttarlo appieno? In tal senso, occuparsi di sé dovrebbe (o quanto meno potrebbe) rientrare nella nostra responsabilità morale.

Si, avete letto bene. Ora, anzi soprattutto ora, in questo periodo di crisi è opportuno concederci del tempo, ritrovando noi stessi. Attingere ai propri “doveri” (quindi alla mancanza di tempo) un capro espiatorio a cui dar colpa per non aver tempo per sé, lo trovo paradossale. Dedicare dei momenti nell’arco della giornata a noi stessi, alimenterebbe il nostro benessere psico-fisico, aiutandoci a portare avanti la quarantena con maggior facilità. In questo modo il tempo “concesso” diverrebbe prezioso e non qualcosa da cui scappare.

Esiste una formula comune?

Ovviamente no, non esiste una “formula” comune. Ognuno di noi dovrebbe poter impiegare il proprio tempo in relazione alle proprie esigenze ma se non sapete da dove partire, iniziate dalle piccole cose. Per darvi un esempio, nelle ultime settimane ho ritrovato il piacere della lettura e scoperto la magia dello yoga. Disciplina fisica quanto spirituale, ho iniziato ad attingerci tramite Down Dog, un’incredibile app mobile che consiglio a principianti e non.

Credo fermamente possa essere un’affidabile quanto idonea sostituzione alla pratica “live”.

In conclusione:

Riprendete in mano le vostre passioni e ossigenate il vostro corpo: la vostra mente come la vostra persona ve ne sarà grata. Prendersi cura di sé (anche e soprattutto in questo periodo di crisi) è un diritto e non qualcosa di cui possiamo fare a meno.


B.

L'articolo PRENDERSI CURA DI SE’ … IN TEMPI DI CRISI proviene da Laura Home Planner.

8 Aprile 2020 / / Design

plaid verde acqua

La nuova iniziativa per navigare in video call con il proprio store Manager preferito.

Per tenere vivo il rapporto umano con i suoi clienti, Society Limonta offre la possibilità di conoscere la nuova collezione Relations P/E 2020 navigando il sito, guidati dagli Store Manager attraverso una video call personale. Tramite l’accesso alla pagina dedicata  è possibile fissare un appuntamento con il proprio Store Manager preferito, per ricevere l’attenzione personale che da sempre Society riserva durante le visite in negozio.

Da sempre crediamo nel valore delle Relazioni Umane e nell’importanza della buona qualità che cerchiamo di trasmettere attraverso il nostro lavoro. Ci troviamo a vivere un momento complesso e difficile, ma pensiamo che le difficoltà possano anche generare una nuova creatività per agire in modalità differenti.’

tessile letto primavera estate 2020

Un acquisto solidale

Su ogni acquisto Society Limonta devolverà il 20% del totale alla Fondazione Francesca Rava — N.P.H. Italia Onlus, un’organizzazione che opera in prima linea nell’emergenza Covid-19 rispondendo alle richieste di aiuto degli ospedali lombardi in coordinamento con la Regione Lombardia, e di altri ospedali in diverse città d’Italia, reperendo e donando attrezzature urgenti per le terapie intensive e inviando volontari sanitari specializzati.

L'articolo Il team Society da casa per te e il tuo acquisto sarà solidale proviene da Dettagli Home Decor.

8 Aprile 2020 / / Design

Carl Hansen & Son continua la tradizione e festeggia anche quest’anno il 106° compleanno del celebre designer, HANS J. WEGNER, con un’edizione limitata della sua iconica Wishbone Chair CH24.

Ideata originariamente nel 1949 e prodotta dal 1950, la Wishbone Chair è stata la prima delle cinque sedie che Wegner ha progettato per Carl Hansen & Son: prodotta in Danimarca, nello stabilimento sull’isola di Funen, le sue 14 parti sono ancora oggi assemblate manualmente e la sua seduta in corda di carta è tessuta a mano da 120 metri di filo di carta.

Knud Erik Hansen – AD di Carl Hansen & Son – afferma che ogni anno l’Azienda introduce sul mercato una nuova versione della Wishborn Chair, cambiando il suo aspetto ma impegnandosi a non interferire mai con la sua integrità progettuale.

Quest’anno la sedia CH24 si accende di eleganza, di fascino e si colora di Blu Navy, tonalità di tendenza del 2020, e si arricchisce con una finitura lucida. Il nuovo colore è stato accuratamente selezionato in stretta collaborazione con la designer Ilse Crawford, e il suo team dello Studioilse.

La scelta di questa tonalità profonda, quasi “lunatica” del blu navy, e la finitura lucida prendono ispirazione dall’amore incondizionato che Wegner aveva per il design e l’arte orientale: il tradizionale colore blu delle porcellane cinesi e la loro finitura laccata e glossy, si ritrovano in questo prodotto.

Il match tra colore vivo e deciso e la seduta in cordoncino di carta intrecciata naturale crea un contrasto vincente e dinamico, generando così un prodotto dall’anima decisamente contemporanea, che rimane un’icona internazionale e un classico del modernismo danese, ma con un tocco rock.

La sedia sarà disponibile solo per il mese di aprile 2020 a partire dal giorno dal 2, il compleanno di Hans J. Wegner: ciascun pezzo presenterà una piccola lastra di ottone incisa con la firma e la data di nascita di Hans J. Wegner, posizionata in modo discreto all’interno del telaio della sedia. Ogni sedia è inoltre accompagnata da un certificato di autenticità.

Ilse Crawford per Carl Hansen&Son

Ilse Crawford è una designer, accademica e direttrice creativa con una semplice missione di mettere al centro di tutto ciò che crea i bisogni ed i desideri umani.

Meticolosamente attenta a rispettare il progetto e l’intero processo ideato da Hans J. Wegner, l’obiettivo di Isle Crawford è di regalare all’iconica CH24 un’espressione più sensuale che è al tempo stesso attuale e senza tempo.

Ripensare ad un design esistente era un punto fondamentale anche per lo stesso Hans J. Wegner. Tutti i suoi progetti sono il riflesso di un lavoro di una vita intera e di una concentrazione costante verso il miglioramento, il perfezionamento e la sperimentazione.

www.carlhansen.com

L'articolo La sedia CH24 di Carl Hansen & Son si tinge di blu in edizione limitata proviene da Dettagli Home Decor.


La nostra sezione di Progetti d’Arredo continua ad arricchirsi di proposte, idee e soluzioni sempre nuove, super funzionali e ultra moderne. In questo articolo ci teniamo a raccontare un progetto un po’ particolare, dove protagonista è una camera da letto di 12 mq da arredare con una piccola zona studio.

Le richieste del Cliente sono apparse fin da subito chiare. Nessuna nuova costruzione, nessun appartamento da ristrutturare, bensì la necessità di dare un nuovo aspetto alla camera matrimoniale:

"Vorrei riarredare la mia stanza e per questo richiedo la vostra consulenza. Desidero ricavare una piccola zona studio dover poter lavorare da remoto, per cui prevedo l’inserimento di una scrivania e di moduli in cui classificare documenti e cancelleria. Cosa potete propormi?"

Non un compito facile, per il Cliente, che ha saggiamente chiesto l’aiuto del nostro Team di Progettazione 3D per sviluppare un progetto a misura di richieste. Quale soluzione avrà escogitato Ylenia, la nostra instancabile Interior Designer?

Come organizzare un angolo studio in camera: il progetto di Ylenia

Progetto di camera matrimoniale con zona studio attrezzata

Il progetto è stato sviluppato tenendo in considerazione sia le esigenze del Committente, che la superficie della stanza. Di fondamentale importanza sono state le indicazioni relative al posizionamento delle prese, non modificabile e quindi vincolante. Ne è la prova la parete della TV posta davanti al letto, reputata adatta per organizzare la zona studio.

La zona studio nella stanza e come arredarla al meglio

Per creare un angolo studio nella camera da letto, senza modificare la posizione del letto e sfruttando al meglio il poco spazio disponibile, Ylenia ha deciso di ricorrere ad uno scrittoio sospeso.

Parete studio in camera: disposizione degli arredi

Alternativa alla classica scrivania a 4 gambe, il piano di lavoro fissato al muro ha il vantaggio di non occupare il pavimento, accortezza che permette di non appesantire un ambiente piccolo.

Render del progetto: soluzione per inserire un mini studio in camera

La scelta della seduta è stata lasciata al Committente, che potrà optare per il modello più adatto alle sue esigenze lavorative e di comodità. Nel progetto sono state ipotizzate due soluzioni: una sedia ergonomica senza braccioli, indicata in caso di attività continuativa, o uno sgabello da nascondere sotto la scrivania, se il lavoro da remoto diventa sporadico.

Cosa non deve mancare in un piccolo ufficio in camera

Ogni mini studio da camera da letto che si rispetti, però, non deve rinunciare ad armadi, mensole o cassetti dove sistemare il materiale da lavoro - sì, proprio come accade in ufficio.

Per questo, alla parete per home office è stata dedicata una soluzione quasi su misura, personalizzata sulle richieste del Cliente senza perdere di vista l’obiettivo finale: la funzionalità.

Ecco, dunque, come dovrebbe apparire la zona studio secondo il progetto di Ylenia:

Camera con studio: vista frontale della parete attrezzata

All’ingresso della stanza, accanto alla porta, sono stati posizionate due colonne a profondità ridotte, una più larga e una più stretta. Entrambi i moduli godono di una certa versatilità, possono essere attrezzati con ripiani o appenderia ed essere dunque utilizzati sia come armadi guardaroba che, all’occorrenza, come armadiature da ufficio.

Disposizione degli arredi: vista dall'alto della camera matrimoniale

Accanto agli armadi poco profondi si trova lo scrittoio, vero protagonista dell’ambiente. Il modello del progetto non è stato proposto da Ylenia, bensì dal Cliente, che ha scelto in autonomia e inserito tra i preferiti la scrivania che faceva al caso suo. Lo spazio sopra lo scrittoio, attualmente libero, può essere riarredato con mensole lineari e contenitori per creare una piccola ma funzionale parete attrezzata.

Oltre allo scrittoio, di fronte al letto, è installato un televisore sospeso a schermo piatto. Per questa zona, il Cliente ha così espresso le sue preferenze:

"Davanti al letto, l’idea è di mantenere la TV, che attualmente si trova in questa posizione. Pensavo però di aggiungere una mensola su cui appoggiare telecomando e router."

Un ottimo spunto, che Ylenia ha colto e trasformato in una soluzione ancor più efficace: una cassettiera poco profonda, che oltre ad offrire un piano d’appoggio mette a disposizione 4 cassetti dove riporre magliette, maglioncini, biancheria o - ancora una volta - cancelleria e cartellette.

I CONSIGLI DELL'ARREDATRICE
Quando si posiziona una cassettiera davanti al letto, bisogna sempre calcolare lo spazio necessario per aprire agevolmente i cassetti. È un arredo molto versatile che, oltre ai moduli contenitivi, offre un pratico piano d'appoggio da decorare con una lampada, qualche suppellettile o dei libri.

Quando lo spazio è poco, diventa indispensabile sfruttare tutti i centimetri a disposizione. Lo dimostra la soluzione trovata dalla nostra Interior Designer, che per aumentare lo spazio contenitivo ha deciso di inserire nella stanza un’altra colonna, posizionata nell’angolo più remoto della stanza.

Camera piccola? I 4 arredi salvaspazio

Quando si arreda (o riarreda) una camera da letto piccola, i fattori da valutare non sono mai abbastanza. C’è chi si concentra sulla corretta distribuzione degli spazi, chi opta per uno stile ultra minimalista e chi, invece, si affida ai consigli dei professionisti per adottare soluzioni intelligenti e armoniose.

A questo proposito, Ylenia ha deciso di progettare una stanza matrimoniale che, nonostante i suoi 12 metri quadrati, è ricca di idee moderne e funzionali. Più precisamente, ha individuato 4 arredi salvaspazio, poco profondi e dall’ingombro limitato.

Lo scrittoio sospeso

Abbiamo già avuto modo di sottolinearlo: lo scrittoio da parete è il vero campione salvaspazio di questo progetto. Senza supporti né gambe, la scrivania è fissata al muro per ridurre l’ingombro a pavimento, facilitare le ordinarie operazioni di pulizia e dare alla stanza un aspetto leggero e moderno.

Scrittoio sospeso senza gambe

Il modello scelto dal Cliente ha una marcia in più: la struttura a forma di L è costituita da un piano da lavoro orizzontale e da un pannello verticale, aderente alla parete. Un accessorio di grande valore, che protegge il muro e nasconde eventuali prese o collegamenti elettrici.

Il letto sommier senza testiera

Rinnovare la camera significa mettere in discussione l’arredamento, letto compreso. Planimetrie e quote alla mano, Ylenia non ci ha pensato due volte e ha previsto, al posto del piano di riposo tradizionale, un moderno letto sommier (se non conosci i sommier, ti consiglio questo articolo).

Parete con letto sommier senza testiera

La peculiarità di un letto senza testiera è sicuramente la profondità ridotta. L’assenza di spalliera permette di risparmiare preziosi centimetri e di rendere più agevole la circolazione intorno al letto. E poi, il suo aspetto così moderno è il vero must have delle camere di ultima generazione.

Camera, vista laterale: dettaglio del sommier poco profondo

I CONSIGLI DELL'ARREDATRICE
Se si opta per un letto sommier, la testiera può essere sostituita da moduli di boiserie in legno o imbottita e rivestita. In alternativa, si può decidere di utilizzare della pittura murale per riprodurre la spalliera dietro al letto. Un'idea decorativa e originale.

La cabina armadio angolare

La stanza non è molto grande? Allora sfrutta gli angoli. Durante lo scambio di informazioni con il Cliente, Ylenia ha subito percepito la necessità di creare uno spazio studio, sì, ma senza rinunciare alla praticità di un armadio accessibile e ben organizzato. Per questo ha scelto di dedicare un intero angolo al guardaroba, ipotizzando l’inserimento di un modulo angolare accanto al sommier.

Cabina armadio angolare: dettaglio dell'organizzazione interna

Il vantaggio della cabina angolare proposta è duplice. Da un lato, all’ingombro ridotto corrisponde un grande spazio contenitivo, dove poter riporre la maggior parte degli indumenti e degli accessori. Dall’altro, il guardaroba interno può essere personalizzato con numerosi accessori quali specchio, appendiabiti, ripiani e cassettiere.

Le colonne a profondità ridotta

In camere piccole, soprattutto strette e lunghe, è lo spazio in larghezza a giocare un brutto tiro. Per non appesantire l’ambiente - o peggio, rischiare di accavallare ante o cassetti - la soluzione è semplice: scegliere arredi poco profondi, capaci di sfruttare al meglio lo spazio in altezza.

Colonne armadio / libreria a profondità ridotta: dettaglio dell'interno

Su questa scia, la nostra Interior Designer si è orientata su una collezione di librerie e modulari a profondità ridotta, con colonne che non superano i 35 cm (per la precisione, sono profonde solo 32,8 cm).

Quali colori scegliere per la camera matrimoniale (piccola)

Passi la funzionalità, ma anche l’occhio vuole la sua parte. Quanto ad estetica, le indicazioni che il Cliente ha fornito al nostro Team di Progettazione sono state precise:

"Amo lo stile moderno e prediligo colori come l’avorio, il bordeaux, il color sabbia e l’argento. Non mi dispiacciono nemmeno le finiture di tendenza come gli effetti resina."

Il rinnovamento della camera non avrebbe previsto, per ovvie ragioni, la sostituzione del rivestimento a terra e degli infissi. I punti fermi da cui partire per formulare degli abbinamenti sono stati il pavimento in legno scuro e i serramenti bianchi.

La prima regola degli ambienti piccoli è stata rispettata: le tinte scelte sono chiare e mirano ad illuminare la stanza. Il colore dominante è l’effetto cemento bianco, più caldo del bianco ottico e meno saturo del grigio. Per creare un insieme coerente e gradevole, la finitura è stata impiegata sia per gli armadi che per le colonne.

Il tocco di colore è dato dal bordeaux, sfumatura elegante e alla moda, scelto per il piano dello scrittoio e per la boiserie usata al posto della testiera. Vale la pena sottolineare come questo colore sia stato impiegato in due finiture totalmente diverse - il vetro per la scrivania, il tessuto per la spalliera. Il risultato estetico finale è davvero ricercato.

Piccoli punti di luce, quasi a voler illuminare ulteriormente questa stanzetta, sono dati dalle maniglie degli armadi, proposte in finitura alluminio.

Parete studio in camera: idee d'arredo

Le soluzioni proposte al Cliente sono state selezionate sulla base dei suoi bisogni, delle sue richieste e delle sue aspettative, oltre che dello spazio a disposizione. Ogni progetto è personalizzato: dai un'occhiata alle soluzioni d'arredo per la camera da letto che abbiamo già realizzato.

Di seguito trovi una Gallery degli arredi che Ylenia ha inserito nel suo progetto.

8 Aprile 2020 / / Architettura

L’idea di scuola sviluppata all’interno del progetto reinterpreta gli spazi didattici. La disposizione dei diversi corpi di fabbrica caratterizza gli spazi esterni definendone la destinazione. Tale strategia permette un dialogo forte con la città e la comunità locale, rileggendo il ruolo della scuola come vero e proprio centro civico. Efficienza energetica e sostenibilità ambientale sono temi centrali del concept, strutturato secondo i criteri di certificazione LEED PLATINUM.

Il concept è stato creato dall’unione di tre elementi, l’asse principale di relazione con il tessuto urbano, il verde e l’orientamento, per un’integrazione morfo-tipologica, sociale e formale-compositiva. In linea con la filosofia dello studio ATIproject, il progetto è stato sviluppato e gestito con un approccio integrato BIM coordinando i vari elementi e verificando in ogni momento tempistiche e costi.

La scuola, che ospita 24 classi, è stata progettata come Civic Center soprattutto in merito all’apertura extrascolastica, in quanto dotata di biblioteca, auditorium, palestra, sala polivalente e agorà. Le aree esterne comprendono anche spazi di aggregazione quali un teatro e un cinema, ambienti a verde, orti didattici, un percorso vita e una serra biodinamica. Il polo scolastico si compone di 7 blocchi organizzati su tre livelli e attestati su uno spazio centrale coperto di aggregazione, l’Agorà, che rappresenta la prosecuzione degli assi urbani, veri e propri “corridoi verdi” che attraversano l’edificio in più punti. I vari blocchi sono stati a loro volta progettati sfruttando al meglio la luce, la ventilazione naturale e creando i coni visivi verso i punti di interesse circostanti.

La scuola si sviluppa su un impianto a T dove il braccio orientato secondo l’asse nord/sud connette tutti gli spazi didattici. È stato mantenuto l’ingresso esistente, ai lati dell’entrata sono collocati in posizione centrale i corridoi di distribuzione delle aule. Al piano terra e al piano primo sono collocate le aule normali, al piano seminterrato quelle specialistiche. Gli altri blocchi, sviluppati su un unico livello, sono destinati al polo culturale e ospitano: palestra, auditorium, biblioteca e un laboratorio multimediale, spazi fruibili in orario extrascolastico dalla comunità. La palestra è stata progettata secondo gli standard CONI e Federazioni Nazionali con campo da gioco di tipo A2 e uso di materiali atti a garantire ottimo comfort acustico e visivo.

Il progetto mira a due obiettivi: ottenere il massimo comfort e ridurre i consumi energetici, sfruttando energia rinnovabile ed è stato pensato per garantire i principi di eco-sostenibilità e per raggiungere gli standard di edificio ad energia quasi zero.

PROGETTO: Polo Scolastico Dino Compagni
LUOGO: Firenze, Italia
TIPOLOGIA: Educazione
ANNO: 2017 – 2019
STATO: Completato
DIMENSIONI: 6.700 mq
DISCIPLINE: AR – ST – MEP
MEDIA: https://youtu.be/Awfxc9s-_hY
CREDITS: Andrea Zanchi Photography

8 Aprile 2020 / / Dettagli Home Decor

Arredare la propria casa con stile non è mai una cosa semplice e sbrigativa, spesso le famiglie richiedono consulenze a designer e a professionisti del settore. Ogni angolo delle stanze ha dietro di sé un lavoro di riflessione, prima che di arredo. Una delle soluzioni che ci sentiamo di suggerirvi per dare un tocco di stile alla vostra abitazione, è l’utilizzo della carta da parati. Questa carta viene usata per rivestire pareti, superfici verticali e anche mobili. Le fantasie non mancano di certo, sono disponibili quelle classiche, innovative, colorate, ecc. Un ulteriore suggerimento che vogliamo darvi è quello di non rivestire tutta la casa, ma di utilizzarla per mettere in risalto determinati elementi della casa. Ovviamente siete liberi di sfruttare a pieno la vostra fantasia.

Ma applicare la carta da parati non è una cosa semplice e veloce, allora in quest’articolo vi spiegheremo come fare. Prima di cominciare a mettere la carta da parati di qualità, assicuratevi di avere a vostra disposizione i seguenti strumenti:

  • Colla
  • Spatola
  • pennello per carta da parati
  • pennello per colla
  • tavolo per stendere la cola
  • taglierino
  • filo a piombo
  • forbici
  • spazzola da tappezziere
  • secchio con acqua
  • una scala

Bene, una volta messo a terra il vostro ‘kit’, bisogna preparare la parete su cui incollare la carta. Quindi pulite bene la parete con una spazzola, in modo da rimuovere la polvere ed eventuali residui. Nel caso in cui la parete presentasse buchi, procedete prima con una stuccata. Assicuratevi che la superficie sia perfettamente liscia, in modo che la carta aderisca senza nessun problema.
Inoltre, se la vostra parete è trattata con smalti, passate la carta abrasiva. Per ultimo, fate anche una passata con la carta vetrata, così la colla avrà una presa migliore.

Per il materiale della carta da parati sono a disposizione 3 soluzioni:

  • Cellulosa: presentano una pecca importante, quella di non essere resistenti all’umidità.
  • Vinilica: sono senza dubbio quelle migliori, visto che resistono bene ad umidità e muffa. 
  • Tessuto non tessuto: presentare una texture vellutata o cerata, quindi molto più aderenti di quelle in cellulosa.

Procedete selezionando la superficie che dovete utilizzare, (potete aiutarvi con un filo a piombo) e tracciate a matita una linea su cui incollare il foglio. Adesso stendete il foglio rivolto verso il basso su un tavolo molto spazioso e con un pennello di grosse dimensioni applicate la colla. Aspettate giusto qualche minuto, in modo da farla aderire correttamente.
Successivamente prendete le estremità del foglio e piegatelo portando i lembi verso il centro.
È arrivato il momento di incollare il foglio al muro: appoggiatelo delicatamente e scendete lentamente. Nel caso in cui dovessero esserci delle bolle d’aria, utilizzate una spazzola da tappezziere facendo pressione dall’alto verso il basso e dal centro verso i lati. Non dimenticate di tagliare le eccedenze, potete farlo sempre usando la spazzola da tappezziere. Questo è il procedimento per incollare anche i fogli successivi, ricordate bene che quest’ultimi sono numerati, dovrete quindi seguire l’ordine.

L'articolo Come mettere la carta da parati proviene da Dettagli Home Decor.