L’articolo Lavori di ristrutturazione in condominio: ecco cosa sapere. è stato scritto da Autore Ospite e si trova su Questioni di Arredamento.

Lavori di ristrutturazione in condominio: quali sono le regole? Sono tantissime le persone che si pongono questa domanda. Lo fanno sia coloro i quali vivono in contesti abitativi con diversi appartamenti, sia le persone che, invece, vogliono lavorare come amministratori di condomini Milano o in altre città.

A prescindere dalla situazione in cui ci si trova, è bene avere le idee chiare in merito alle linee guida principali. Nelle prossime righe di questo articolo, scopriamo qualche specifica in merito.

Lavori di ristrutturazione in condominio

Lavori di ristrutturazione in condominio: cosa sono?

Nel momento in cui si cercano nominativi relativi ad amministratori condomini Milano – per i contatti di uno degli studi più rinomati in città è possibile dare un’occhiata su www.bassi-gestioni-immobiliari.it – può capitare di prendere nel contempo informazioni su aspetti tecnici come le regole relative ai lavori di ristrutturazione.

La prima cosa da chiarire è che, nella maggior parte dei casi, quando si parla di ristrutturazione in contesto condominiale si inquadrano lavori di manutenzione straordinaria.

Entrando nel vivo delle loro peculiarità, facciamo presente che, in concreto, si tratta di interventi necessari ai fini del mantenimento della stabilità dell’edificio. Non è sempre facile valutare il momento migliore per effettuare una ristrutturazione del condominio.

In generale, prima di arrivare alla decisione finale si passa da diverse delibere dell’assemblea condominiale, non prive di ostacoli. Soprattutto nei contesti con tante famiglie, a meno che non si abbia a che fare con palesi problematiche strutturali che mettono potenzialmente a rischio la sicurezza degli abitanti dello stabile e dei passanti diventa difficile arrivare subito a un accordo.

Lavori di ristrutturazione in condominio

Come gestire i pagamenti

Quando si parla di lavori di ristrutturazione in condominio, è naturale chiedersi come gestire i pagamenti. In questo frangente, viene incontro l’articolo 1123 del Codice Civile. Cosa dice? Che nei contesti condominiali le spese relative alle parti comuni sono a carico dei condomini, che devono mettere in campo un contributo proporzionale ai millesimi.

Il caso della ristrutturazione dell’edificio condominiale ha però una particolarità in più. Non importa che si parli di amministratori di condominio Milano o di professionisti di altre città: in tutti i casi, è infatti necessario che le spese siano deliberate e versate in anticipo.

Entrando nel dettaglio di questo aspetto, ricordiamo che spetta all’assemblea di condominio il compito di dare vita a un fondo ad hoc, contraddistinto da un ammontare superiore rispetto a quello degli interventi da effettuare (in questo caso, il punto di riferimento normativo è l’articolo 1135 del Codice Civile).

Alla luce di ciò, si rende necessaria, a monte, una stima il più possibile dettagliata dei lavori da fare. Prima di procedere concretamente con l’inizio della ristrutturazione condominiale, è necessario avere in mano sia il computo metrico, sia il capitolato. Quest’ultimo, è caratterizzato dalla presenza di tutte le specifiche sui lavori da realizzare, con anche il dettaglio dei materiali di cui è previsto l’utilizzo.

Bonus facciate

Ogni volta che si parla dell’argomento a cui stiamo dedicando queste righe, è naturale pensare al bonus facciate. In cosa consiste di preciso? Nella detrazione di imposta lorda che si può richiedere in caso di lavori aventi il fine di recuperare o restaurare le facciate condominiali.

Questa agevolazione fiscale, oggi come oggi, è riconosciuta per i lavori eseguiti dal 1° gennaio al 31 dicembre 2021. La detrazione, che ammonta al 90%, viene riconosciuta per un lasso di tempo pari a 10 anni. Non sono previsti tetti massimi di spesa.

Lato contribuente, è possibile operare diverse scelte. Si può optare per la detrazione d’imposta, per la compensazione, ma anche per la cessione a banche o finanziarie del credito di imposta.

Ricordiamo altresì che per avere le idee chiare in merito all’inizio dell’anno fiscale, bisogna prendere come punto di riferimento il bonifico parlante partito dal conto corrente del condominio. La fruizione delle agevolazioni fiscali non è in alcun modo connessa alla data in cui il singolo condomino è tenuto, sulla base delle indicazioni del piano di riparto, a versare la rata.

Lavori di ristrutturazione in condominio

Per poter usufruire del bonus facciate, un condominio deve soddisfare specifici requisiti. Il principale prevede il fatto di trovarsi nelle cosiddette zone A e B. Nel caso della prima, si inquadrano i centri storici con edifici di carattere storico, artistico o di pregio ambientale. Quando si chiama in causa la zona B, invece, si inquadrano le aree “totalmente o parzialmente edificate” diverse dalla zona A.

Da non trascurare è anche il requisito di visibilità della facciata. In questo caso, il riferimento riguarda diversi chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate che, diverse volte, è intervenuta rammentando la necessità di visibilità delle facciate da strada o suolo pubblico.

Conclusioni.

Concludiamo facendo presente che, nelle situazioni in cui i lavori di rifacimento dell’intonaco superano il 10%, è necessario che l’intervento rientri ufficialmente sotto al cappello della realizzazione di cappotti termici. Anche se la legge non prevede obbligatoriamente l’asseverazione del requisito da parte di un tecnico, qualsiasi studio di amministrazione avveduto provvede a far redigere, da un professionista competente, una certificazione relativa alla superficie totale disperdente.

L’articolo Lavori di ristrutturazione in condominio: ecco cosa sapere. è stato scritto da Autore Ospite e si trova su Questioni di Arredamento.

17 Luglio 2021 / / Nell'Essenziale

Buongiorno cara! oggi ho deciso di mostrarti la nuova tenda shabby con rouches, una chicca nella mia collezione shabby. Questo tendaggio in perfetto stile shabby chic è abbinato al ciel de lit che ho pubblicato qualche settimana fa.

tende e ciel de lit in stile shabby
Tende e ciel de lit in stile shabby.

Composizione della tenda shabby con rouches

La tenda shabby con rouches è composta da tessuto in misto lino bianco naturale. Interamente realizzata a mano dal disegno alle cuciture, questa tenda rappresenta il vero stile shabby.

Romantica e dalle velate trasparenze è suddivisa in più parti separate:

  • Tenda base con attacco con arriccia tenda.
  • Mantovana con rouches.
  • Calate con rouches.
  • 2 embrasse con fiocco.

Le calate con rouches non sono appese al bastone ma alla mantovana che a sua volta è appesa al bastone. Questo sistema è utile nel caso in cui i bastoni sono due e non si vuole incorporare mantovana a calate e si desidera quindi avere tre parti separate.

tenda in stile shabby con calate
Tenda in stile shabby con calate

La tenda base

La tenda base è una tenda liscia ed ha come attacco un normale arricciatenda. Il tessuto con cui è stata realizzata è mistolino bianco ottico.

E’ posizionata come primo strato ed è semplice, senza balze e senza rouches. Con questa tenda ho deciso di creare una base sulla quale divertirmi a stratificare calate e mantovane shabby al fine di creare un effetto finale come quello che vedete in foto.

La cliente che l’ha chiesta desiderava un qualcosa di estremamente raffinato e aggiungere balze anche alla base  sarebbe stato eccessivo. La base comunque è stata predisposta all’aggiunta di ulteriori balze.

Tenda shabby con rouches e calate
Tenda shabby con rouches e calate

Mantovana con rouches.

La mantovana è composta da numerose rouches cucite su una base liscia. questa mantovana ha l’arricciatenda ma non è arricciata. L’arricciatenda serve solo per agganciarla al bastone e non per arricciarla. La mantovana con rouches è abbinata sia alle calate sia al ciel de lit. Entrambi infatti hanno lo stesso taglio, lo stesso stile, stesso tessuto e modello.

Tende bianche per camera da letto
Tende bianche per camera da letto.

Calate con rouches

Le calate con rouches sono studiate per toccare al pavimento ed essere aggrappate ai lati con l’embrasse. Hanno la rouches che parte dal profilo centrale e continua per tutta la base. In assenza di reggi embrasse queste calate possono essere aggrappate al loro centro.

NB: Queste calate sono state realizzate per essere agganciate alla mantovana e non al bastone.

Tenda shabby con mantovana
Tenda shabby con mantovana

Le embrasse con fiocco

Le embreasse per questa tenda shabby hanno una forma a semiluna e sono studiate per essere legate al reggi embrasse. Per questa combinazione consiglio di posizionare il reggi embrasse a 1 metro, massimo a 1,25 metri  dal pavimento. Il fiocco è amovibile per essere riposizionato in altra sede e lavato separatamente.

embrasse shabby chic
Embrasse shabby chic.
Come montare le tende?

Monta la tenda seguendo questo procedimento:

  1. Conta gli anelli presenti sul ogni bastone e prepara i ganci necessari.
  2. Posiziona i ganci sulla tenda in modo simmetrico partendo dai più esterni.
  3. Aggancia la tenda agli anelli del bastone partendo dal primo anello fisso.
  4. Dopo aver agganciato il primo anello fisso aggancia l’ultimo anello della tenda al primo buco del binario scorrevole.
  5. Aggancia gli anelli centrali al centro della tenda e poi tutti gli altri.

Se hai una tenda a più strati come i questo caso procedi cosi:

  1. Aggancia le calate alla mantovana e posiziona il complesso su un ripiano. NB: le calate devono avere la predisposizione per essere agganciati alla mantovana.
  2. Prendi il complesso mantovana+calate e ripeti il procedimento precedente agganciando al binario esterno.
Consigli di lavaggio

Questa tenda è composta da tessuto in mistolino, può essere lavata in lavatrice a 30°C con programma delicato. Per evitare di stirare le rouches consigliamo una centrifuga al minimo. Tuttavia è necessario stirare la base della tenda liscia per avere un aplomb perfetto.

Trovi tutte le nostre tende nella sezione Tendaggi country e shabby. Se desideri una tenda shabby come questa visita la pagina dedicata ai preventivi e ordini personalizzati e trova altri articoli da abbinare dal nostro catalogo in stile shabby e country chic!

Approfondisci tutto quello che c’è da sapere sullo stile shabby chic e sulle sue varianti.

Per oggi è tutto! a breve ti mostrerò le calate scelte per la mia camera da letto!

Ciao

Rosa

Questo articolo Tenda shabby con rouches proviene da NellEssenziale.

16 Luglio 2021 / / Dettagli Home Decor

poltrone sospese in pelle

Se stai cercando di aggiungere un tocco originale ai tuoi spazi interni o esterni, non c’è niente di più bello e unico di una poltrona sospesa di design. Appendine una in giardino e lasciati cullare dalla brezza estiva, oppure sistemane una nel living come punto focale. Progettate per garantire il massimo comfort, le sedute sospese sono in grado di aggiungere carattere e stile a qualsiasi ambiente della casa.

Se l’idea ti piace guarda la nostra selezione.

Le più belle poltrone sospese di design per rilassarsi all’interno e all’esterno

poltrona sospesa Kida di Dedon

KIDA di Dedon

Il designer industriale Stephen Burks ha progettato KIDA per Dedon, una poltrona sospesa che coniuga tradizione artigianale ed eleganza in un design che massimizza il comfort. A differenza di altri prodotti dell’azienda che presentano strutture intrecciate, KIDA è caratterizzata da strisce di materiale avvolte a mano su un telaio in alluminio verniciato a polvere. La forma arrotondata della poltrona sospesa regala una sensazione di protezione come all’interno di un bozzolo, mentre i morbidi cuscini garantiscono il massimo comfort di seduta. Realizzata a mano da abili artigiani, questa sedia presenta 834 metri di tessuto Fiber Touch in tre tavolozze multicolore. Inoltre, KIDA è adatta sia all’uso interno che esterno.

poltrona sospesa Objets Nomades di Louis Vuitton

OBJETS NOMADES di Luois Vuitton

Progettata da Patricia Urquiola per la collezione Objets Nomades di Louis Vuitton, questa sedia a dondolo è tra le più eleganti che puoi acquistare. Il design trae ispirazione dalla forma di una borsa e presenta due manici metallici rivestiti in pelle che tengono la seduta in rete intrecciata. I ganci placcati in oro aggiungono un tocco glamour al design. La sedia a dondolo è disponibile in due versioni. Mentre un modello presenta una seduta intrecciata in pelle color cioccolato, un cuscino in pelle gialla e finiture in pelle nera, l’altro modello è dotato di un sedile in corda di poliuretano beige, un cuscino in pelle più scura e pelle naturale sugli anelli.

poltrona sospesa Egg Chair

SEDIA A UOVO SOSPESA

L’originale poltrona a forma di uovo, la poltrona sospesa Egg Chair è stata progettata da Nanna e Jørgen Ditzel nel lontano 1959. La sedia presenta la caratteristica silhouette a “uovo” che abbraccia chi si siede e crea uno spazio lounge più appartato. La poltrona sospesa ha una struttura in rattan intrecciato a mano. Disponibile nelle versioni per interni ed esterni, con catena sospesa o con supporto da terra in metallo. Sia la versione indoor che quella outdoor sono realizzate in versione naturale o nera con cuscino di seduta incluso. I clienti possono selezionare il colore del cuscino spaziando dal bianco al nero, oppure grigio e beige, nonché azzurro chiaro o tortora scuro.

poltrona sospesa Sling

SLING di Studio Stirling

Una sedia sospesa dal design elegante disegnata dallo Studio Stirling. Sling colpisce per il suo design minimalista con struttura in tubolare leggera al quale è fissata la pelle. Come altre poltrone sospese progettate e realizzate dall’azienda sudafricana, questo prodotto è realizzato a mano da abili artigiani. Sling presenta una struttura in acciaio o alluminio che fornisce supporto al sedile in pelle tinto a mano o a doppio strato. Un poggiatesta tubolare migliora ulteriormente il comfort. Mentre il telaio è disponibile in una finitura nera opaca, la pelle è disponibili in un’ampia gamma di colori, dal naturale al viola tenue fino all’argento. Sling è adatta a qualsiasi spazio interno o per esterni coperti.

poltrona sospesa Leya Swimg

LEYA SWING di Freifrau

Una poltrona lounge super accogliente progettata e realizzata dal brand tedesco FREIFRAU. La poltrona Leya Swimg regala un tocco originale negli spazi abitativi. Appesa al soffitto con due robuste corde, la poltrona oscilla avanti e indietro per un completo relax. Realizzata con la massima cura dei dettagli, la poltrona presenta un guscio rigido con una morbida seduta disponibile con rivestimento in tessuto o pelle. Per la serie Leya, lo studio propone il tessuto Oasis-Gobelin con un disegno creato dal tatuatore Christian Trzaska e realizzato dall’azienda belga Meisterwerke. Mentre l’interno vanta un materiale vellutato, l’esterno cattura l’attenzione con un’illustrazione fiabesca.

poltrona sospesa Swing di Paola Lenti

SWING di Paola Lenti

Una poltrona sospesa ampia e accogliente progettata da E. Van Vliet per Paola Lenti. Swing è più larga rispetto alle altre poltrone sospese selezionate in questo articolo. Grazie all’ampia seduta si ha più spazio per rilassarsi oppure può essere utilizzata da due persone. Realizzata in legno di frassino, la poltrona ha un colore chiaro e naturale e una finitura opaca a cera acrilica. Sono disponibili anche versioni in frassino tinto scuro o alluminio verniciato lucido. I cuscini sono disponibili in diversi materiali e colori, il che significa che è possibile personalizzare facilmente il design per adattarlo a qualsiasi spazio. I cavi in ​​acciaio inossidabile rivestiti con un materiale intrecciato, insieme a morsetti e ganci, permettono di appendere facilmente questa sedia a una trave o al soffitto. Anche se la struttura in legno è trattata per ambienti esterni, la poltrona è indicata per essere collocata in spazi outdoor coperti.

poltrona sospesa in rattan di HKliving

SEDUTA SOSPESA IN RATTAN di HKliving

Una semplice poltrona sospesa realizzata in rattan della collezione di HKliving . Questa versione ha una finitura naturale che si abbina perfettamente a qualsiasi stile e colore. Realizzata a mano in rattan, ogni poltrona lounge è unica nel suo genere. Poiché il rattan è un materiale naturale, con il tempo si potrebbero formare piccole crepe che non influiscono sulla qualità della poltrona. Una molla di sospensione e una catena con finitura grigio argento consentono di appendere la poltrona in qualsiasi ambiente interno.

poltrona sospesa in pelle Sela

SELA

Progettata da Decarvalho Atelier per Bossa Furniture, la poltrona sospesa Sela è ispirata alla vita di campagna. Il design ricorda infatti la forma di una sella e presenta anche una struttura in pelle. I braccioli e lo schienale cilindrico forniscono un supporto confortevole. Oltre alla seduta in pelle, Sela presenta una struttura in ottone e acciaio al carbonio. La corda in pelle intrecciata consente di regolare facilmente l’altezza di questa poltrona sospesa a seconda delle necessità. La sedia a dondolo Sela è realizzata in pelle marrone chiaro o più scuro, con prezzi disponibili su richiesta.

 

L’articolo Poltrone sospese di design: i modelli più belli proviene da Dettagli Home Decor.

16 Luglio 2021 / / Dettagli Home Decor

lampada da tavolo senza fili per esterno e interni

Lasciati trasportare dalla nuova collezione Shuttle, firmata Marco Alessi per Prandina, le sue eccezionali caratteristiche non potranno che sorprenderti.

Il design prende ispirazione dallo storico sistema NASA, con un diffusore conico in vetro soffiato che protegge la struttura metallica e la sorgente LED. Sono numerosi i dettagli che possono essere scoperti pagina dopo pagina, ad esempio il LED da 6.3W (uno dei più alti nel mercato dei portatili), l’anello in ottone che circonda la base, il facile meccanismo per la rimozione del diffusore in vetro, la possibilità di cambiare la temperatura della luce, da calda a fredda con un tocco, il sensore touch dimm per regolare l’intensità della luce, il caricabatterie wireless….

lampada da tavolo senza fili Shuttle di Prandina

La missione di questa collezione include l’idea di un design che duri 30 anni proprio come la vita dello Space Shuttle. Un sistema di materiali riutilizzabili, come il vetro soffiato facilmente rimovibile, batterie ricaricabili e componenti della struttura in metallo, si sposa con l’approccio progettuale di uno stile contemporaneo che dura negli anni.

lampade da estrno senza fili

lampade a sospensione moderne

Shuttle è la nuova lampada di Prandina che risponde alla voglia di arricchire gli ambienti con una lampada da tavolo per esterno e con la sua versione a sospensione per l’interno, stessa famiglia, stesso stile, usi diversi per collegare l’interior design con l’outdoor.

Per maggiori informazioni vai su www.prandina.it

L’articolo Shuttle è la nuova lampada di Prandina dalle sorprendenti caratteristiche proviene da Dettagli Home Decor.

16 Luglio 2021 / / Charme and More

Sull’isola di Santorini, la perla delle Cicladi, il blu intenso del Mar Egeo fa da sfondo al bianco di una casa vacanze in stile mediterraneo del tutto particolare.  Situata nel villaggio di Oia, è una casa di 100 metri quadrati composta da una casa-caverna scavata all’interno della roccia vulcanica e una piccola casa esterna al livello superiore per una camera da letto aggiuntiva con piscina e vista panoramica sul Mar Egeo e sulla Caldera.

La casa è stata progettata da Kapsimalis Architects nel 2017.

Andiamo alla scoperta di questa casa fuori dal comune con un incredibile vista mare.

Photographs by Vangelis Paterakis, Yiorgos Kordakis

Ti è piaciuto questo post?

Condividilo sui tuoi canali social usando uno dei tasti qui sotto e seguimi  su Instagram, Facebook e Pinterest.

 

L’articolo Santorini; la casa nella caverna di un vulcano. proviene da Charme and More.