28 Ottobre 2020 / / Blogger Ospiti

La nascita di Babbo Natale

Il Natale è una festività che tutti conosciamo e apprezziamo sin dai tempi più antichi; quando arriva il grande freddo, e la neve imbianca il paesaggio, le famiglie si riuniscono a tavola per godersi un po’ di tempo insieme.

Tuttavia, dietro questa apparente semplicità, si nascondono in verità molte curiosità strampalate riguardanti il Natale, che sicuramente neanche voi conoscevate.

La prima riguarda proprio la nascita di Babbo Natale, una domanda a cui probabilmente solo i più piccini hanno pensato.

Quando è nato il grande uomo paffuto vestito di rosso, che distribuisce regali in giro per il pianeta? Difficile crederlo, ma la sua nascita avviene tanti anni dopo la comparsa del presepe o della capanna presepe, nel 1931 se vogliamo essere più precisi.

A provvedere alla sua creazione, è stata proprio l’azienda di Coca Cola, che creò Babbo Natale per pubblicizzare una sua nuova bevanda.

Una trovata di marketing geniale, che sopravvisse durante il corso della storia fino ad arrivare a noi!

La prima canzone nello spazio

Cosa c’entra il Natale con lo spazio vi starete chiedendo, ebbene è meglio non passare a conclusioni troppo affrettate, in quanto fu proprio Jingle Bells la prima canzone ad essere cantata nello spazio.

Siamo nel 1965, il sedicesimo giorno di Dicembre, e la navicella Gemini 6 è impegnata in un attracco alla navicella Gelmini 7, il primo attracco nello spazio della storia. La manovra era molto impegnativa, la percentuale di rischio molto alta, ed in caso di fallimento i risultati sarebbero stati disastrosi.

Fortunatamente la bravura dell’equipaggio non si fece spaventare, e tutto andò a buon fine. Per celebrare la vittoria, gli astronauti iniziarono a cantare e suonare Jingle Bells, con l’aiuto di alcune campanelline che avevano a bordo.

Ovviamente cantare nello spazio non era un evento proprio usuale, motivo per cui l’equipaggio a bordo della navicella Gelmini7, appena attraccata alla compagna Gelmini 6, pensò di avvertire interferenze di origine aliena; probabilmente uno dei migliori scherzi natalizi sulla terra…o meglio dire nello spazio!

Il regalo di Natale più grande al mondo

Eccoci infine giunti all’ultima curiosità natalizia di questa classifica, il regalo di Natale più grande al mondo! Provate un po’ ad indovinare di cosa stiamo parlando, un peluche gigante? Un grandissimo cappello rosso? Niente, ancora non ci siete arrivati.

Il regalo di Natale più grande al mondo pesava diverse tonnellate, e fu distribuito in ben 1883 casse di legno; stiamo parlando proprio della Statua della Libertà. Ancora oggi simbolo degli Stati Uniti d’America, La Statua fu regalata agli americani dal popolo francese, come simbolo di fratellanza e amicizia tra le due nazioni.

Un’opera così grande non poteva sicuramente essere impacchettata e mandata tramite corriere, motivo per cui i francesi decidettero di suddividerla in pezzi ricomponibili e caricarla su una nave da trasporto merci.

Le 1883 casse occuparono tutto lo spazio a bordo, e una volta giunti a destinazione, l’equipaggio impiego quasi un mese per scaricare il tutto sulla terra ferma. Le complicazioni non finirono qui, in quanto un opera così mastodontica, necessitava di una base altrettanto grande e robusta per poter essere mantenuta in piedi.

Grazie ad una sottoscrizione pubblica, furono proprio i cittadini a finanziare la costruzione della base.

Un grande progetto di cui pochi conoscevano la storia, ma che oggi è diventato un simbolo di unione e fratellanza, manifestata proprio durante il periodo Natalizio!

28 Ottobre 2020 / / Idee

Come faccio a sapere se un progetto mi soddisfa le mie aspettative? Dove trovo l’ispirazione? Come faccio a creare composizioni equilibrate? È arrivato il momento di parlarti più approfonditamente della mia professione. Romina, Set Stylist: come realizzo un progetto armonico?

Innanzitutto chi è e cosa fa una Set Stylist? La definirei una sottocategoria dell’interior stylist, una figura professionale che realizza progetti di arredo, dotata di una forte sensibilità estetica ed esperta di stili, colore, luce e materiali. Solitamente l’Interior Stylist opera all’interno di abitazioni o edifici commerciali. 

Quindi cos’è una Set Stylist?

La Set Stylist ha la stessa identica mansione dell’Interior Stylist ma con la specializzazione di operare in situazioni temporanee, come l’arredamento di un set fotografico, l’allestimento di uno show room e la progettazione di set in virtual reality. Il mio lavoro è proprio questo, progetto e arredo set sia reali (set fotografico o allestimento stand in fiera o show room) che virtuali (3d rendering).Questi (tranne gli allestimenti) hanno l’unico obiettivo di essere fotografati o renderizzati. In poche parole questi set arredati hanno l’unico obiettivo di essere immortalati per creare immagini e/o video per la comunicazione del brand che lo richiede. Questi contenuto serviranno principalmente per arricchire e valorizzare cataloghi di prodotto, siti web e canali social.

Come si fa un progetto di Set Styling?

Non voglio annoiarti spiegandoti passo a passo come si compone un progetto, però voglio invece raccontarti come deve essere un progetto esteticamente equilibrato e armonico.

Ho definito infatti le 6 caratteristiche fondamentali, che secondo me ogni progetto dovrebbe rispettare. Non solo nel mio lavoro, ma penso che queste informazioni potrebbero esserti utili quando ad esempio devi arredare casa o sistemare l’arredo di una stanza. Sono semplici suggerimenti che, se applicati correttamente e con buon gusto, possono dare davvero valore e armonia alla tua casa.

#1 Altezze

Photo by Terratinta

E’ importante che siano presenti arredi con altezze differenti oppure elementi verticali, come in questo caso la struttura della finestra e la nicchia portaoggetti, che slanciano e rendono armonica l’intera composizione. 

#2 Proporzioni e profondità

Photo by Coem

In questo esempio seppur essenziale, gli arredi e gli elementi costruttivi definiscono le giuste proporzioni all’interno di un ambiente. Inoltre l’inserimento di arredi dinamici, come questo pouf di Kristina Dam, creano profondità. Il risultato è quello di una composizione equilibrata e armonica. 

#3 Gruppi

Photo by ABK

Mai “sparpagliare” a caso gli elementi di arredo all’interno di uno spazio, molto meglio invece creare dei gruppi. In questo esempio vediamo tanti gruppi di arredi e oggetti: poltrona+lampada, tavolino+divano+quadro, libri+sfera, vassoio+vaso.

Tutti questi gruppi visti nell’insieme formano come una grande composizione dinamica ed equilibrata. Per entrare nello specifico su come si crea una composizione, dai un’occhiata a questo articolo: Lezione di styling: Come creare una composizione di oggetti 

#4 Palette colori

Photo by Edimax Astor

Ogni progetto deve avere una palette colori, solitamente una palette si compone di 5 o 6 colori principali. Questi colori devono essere bilanciati tra loro in maniera equilibrata, ancor meglio se si rispetta la regola del 60-30-10.

#5 Illuminazione

Photo by ABK

Che sia vivace, morbida o d’atmosfera, l’illuminazione deve sempre essere ben studiata.

#6 Carattere e personalità

Photo by Edimax Astor

Questo è il concetto che non tutti tengono in considerazione, ma invece è uno dei più importanti: creare e raccontare una storia, esprimendo la personalità di chi, ipoteticamente, abita quel luogo.

Utilizzo spesso Pinterest oppure siti come Archiproducts oppure Archilovers per prendere ispirazione. Se ci sono immagini che mi piacciono, non so come ma queste entrano dentro di me, si fissano nella memoria, a volte senza che io ne sia consapevole. Quando progetto capita che saltino fuori sotto forma di idee da concretizzare, è come una sorta di magia! 

I miei studi, le mie passioni e soprattutto la mia esperienza decennale in ambito di progettazione e arredamento di set fotografici e virtuali, hanno permesso di scaturire in me un spiccata sensibilità estetica, che si adatta ad ogni stile. Anche se il mio preferito, come ben saprai, rimane quello scandinavo🤩

Quando realizzo un progetto ho sempre in mente le regolette qui sopra citate, o meglio dire, col tempo si sono radicate dentro di me. Quando arredo un set, metto, tolgo e poi sposto, aggiungo… a un certo punto una vocina dentro di me mi dice: ok, stop, così è perfetto! È un fenomeno particolare, quasi magico, potrei chiamarlo istinto o sesto senso.

Questo lavoro è davvero bello e regala tante soddisfazioni. Conoscevi questo mestiere? Scrivimi qui sotto nei commenti.


Se questo articolo ti è davvero piaciuto, clicca sul bottone Facebook Like oppure fai un screenshot e condividimi nelle tue Instagram Stories, naturalmente non scordarti di taggare @rominasitablog

Ci vediamo alla prossima! 😉

P.S. Se non vuoi perderti neanche uno dei miei prossimi consigli iscriviti subito alla newsletter e ogni volta che pubblico un articolo riceverai una email nella tua casella di posta elettronica.

L’articolo Romina, Set Stylist: come realizzo un progetto armonico? sembra essere il primo su ROMINA.

28 Ottobre 2020 / / Design

vasca da bagno freestanding

Scopri la nuova App con tecnologia avanzata di realtà aumentata che consente di visualizzare nell’ambiente reale, a cui è destinata, la vasca da bagno, per “provare se sta bene” con gli altri elementi di arredo.

La novità è stata lanciata sul mercato da Forma Aquae, marchio del gruppo europeo 7Upten, fondato sui valori di integrità, affidabilità, ascolto e innovazione.  Con tali presupposti Forma Aquae è sempre alla ricerca di soluzioni, processi costruttivi e linguaggi originali per offrire agli utenti finali – residenziali e hotellerie- un valore unico in termini di esperienza del prodotto, come appunto la App di realtà aumentata.

Questo servizio è una novità anche per il rivenditore, che ora può mostrare una vasta offerta di prodotti oltre alla classica esposizione in showroom.

La nuova App, scaricabile su smartphone e tablet, sia android sia ios, è facile da utilizzare e molto intuitiva.

Appa realtà aumentata di Forma AquaeApp realtà aumentata di Forma Aquae

Anche l’assortimento dei prodotti Forma Aquae, con vasche, lavabi e piatti doccia, è innovativo: puntando sul colore, per le vasche e i lavabi, con 45 diverse tonalità per 9 aree di gusto, e su un design essenziale.

I prodotti, grazie a una nuova tecnologia costruttiva che garantisce anche la massima robustezza, sono realizzati con effetto “pezzo unico”, eleganti bordi finissimi e una seducente profondità. Altro elemento distintivo: solo Forma Aquae può offrire oggi una garanzia di ben 10 anni contro i 2 previsti dalle norme che regolano il mercato.

Completano l’offerta i piatti doccia con superficie “effetto pietra”, nella versione sagomabile “in cantiere” o a misura fissa.

Ottimo il rapporto prezzo – qualità degli elementi Forma Aquae. Gli uffici sono a Milano e il magazzino centralizzato si trova invece a Brescia: 18.000 mq per consegne in max 4 giorni lavorativi.

www.formaaquae.it

L’articolo Arredo bagno: ora la vasca la scegli in realtà aumentata proviene da Dettagli Home Decor.

28 Ottobre 2020 / / Dettagli Home Decor

lampada da tavolo FYXNÄS di Ikea

Il colosso svedese amplia il proprio assortimento con tanti nuovi prodotti pensati per ogni ambiente della casa. Ecco la nostra selezione delle novità più belle firmate Ikea per la nuova stagione, acquistabili anche online.

DEKORERA: la collezione di accessori per gli appassionati d’arte

Con il Natale che si avvicina e le notti che si allungano, il pensiero va ai ritratti cupi e meditabondi e alle nature morte che caratterizzano l’arte dei pittori olandesi del 17° secolo come Rembrandt, Vermeer e Hals, con i suoi contrasti tra angoli bui e luci dorate e le allegre scene domestiche.

accessori Dekorera Ikea

Proprio a queste immagini è ispirata DEKORERA, una collezione di tessili, accessori ed elementi d’arredo per la casa che unisce i colori intensi e lo stile delle opere di questi artisti con l’artigianato tradizionale svedese. Il risultato è una collezione di prodotti che dona alla casa un’atmosfera invernale semplice e accogliente.

Le nuove lampade FYXNÄS dal sapore rétro

Siamo nel pieno dell’autunno, perché non decorare la tua casa con un paio di lampade FYXNÄS? Donano carattere all’ambiente e ti aiutano a creare un’atmosfera calda e intima.

lampade da tavolo e da terra Fyxnas di Ikea

Le lampade da terra e da tavolo FYXNÄS, dal sapore rétro, hanno una base in metallo a forma di cavalletto e un doppio strato di tessuto elasticizzato in colori tenui. Adatte a tutti gli ambienti della casa, diffondono una luce calda e decorativa.

HAUGA, un’unica serie per fare ordine in ogni stanza

Nascondi il disordine, valorizza gli oggetti che ami di più e organizza al meglio gli spazi di casa. Grazie alla serie HAUGA puoi creare soluzioni belle e funzionali adatte a ogni ambiente domestico, dal soggiorno all’ingresso, dalla zona pranzo alla camera da letto.

mobili serie Hauga di Ikea

Eleganza country per i tuoi momenti speciali a tavola

Se hai voglia di qualcosa di nuovo in tavola, apparecchia la tavola con lo stile classico e senza tempo della serie UPPLAGA, che ora include anche una tazza, un piatto da portata e un piatto frutta. Puoi portare in tavola la tradizione oppure abbinare alcuni pezzi del servizio UPPLAGA ad articoli per la tavola di stile diverso.

servizio tavola Upplaga di Ikea

VARDAGEN, le padelle classiche nella forma ma sostenibili nella sostanza

Ispirate al design degli anni ‘50, le padelle VARDAGEN hanno uno stile rétro e senza tempo. La novità è che sono realizzate in acciaio al carbonio, quindi sono più leggere e si scaldano più velocemente, il che si traduce in maggiore efficienza energetica.

pentole in acciaio al carbonio

Le padelle VARDAGEN sono adatte a tutti i tipi di piani cottura, compresi quelli a induzione, e si possono usare anche nel forno, poiché sono realizzate interamente in metallo. E grazie ai due manici, sollevarle è facile e sicuro. Infine, durante la cottura rilasciano un sano quantitativo di ferro nei cibi

www.ikea.com

L’articolo Ikea: le novità più belle per l’autunno inverno proviene da Dettagli Home Decor.

28 Ottobre 2020 / / Design Ur Life

In occasione della Milano Design City 2020, Julia Marmi con la Pietra Piasentina era presente per la mostra di Hoper Aperta. Materiale lapideo di grande pregio estratto esclusivamente nel Friuli, sono stati tra i protagonisti della mostra Totem e Tabù ovvero Il Mondo Capovolto, la seconda edizione del progetto Hoper Aperta, curato da Patrizia Catalano e Maurizio Barberis che è stato presentato quest’anno alla Casa d’Aste Wannenes a Palazzo Recalcati.

Mostra di Hoper Aperta

La storica azienda friulana specializzata nell’estrazione e lavorazione di Pietra Piasentina, ha collaborato alla realizzazione di uno dei progetti presenti in mostra, La Pirogue un tavolino scultura dotato di luce antropomorfa, progettato da Davide Valoppi dello studio di architettura Noarc di Roma che opera nell’interior design e nell’architettura. Il progetto rappresenta un vogatore che porta la piroga lungo un fiume immaginario. La figura è in metallo, “la piroga”, nella parte superiore è in Pietra Piasentina e nella parte inferiore in metallo brunito. “La ricerca è stata motivata da un’emozione molto definita, il desiderio di quiete.” racconta Davide Valoppi “E’ qualcosa che trasmette una sensazione di tranquillità imperturbabile, di resa al flusso incessante dell’esistere e del trascorrere.” 

Mostra di Hoper Aperta

La mostra di Hoper Aperta

TOTEM e TABÙ ovvero il Mondo Capovolto ha presentato una collezione di installazioni/oggetti concepiti come pezzi unici che rileggono e reinterpretano la relazione tra le figure totemiche e i tabù estetici nel mondo contemporaneo, tra la struttura degli oggetti d’uso e l’immaginario poetico dell’opera d’arte e coinvolge designer e artisti: Davide Valoppi / Studio Noarc, Angela Ardisson, Maurizio Barberis, Alfonso Femia / AF* Design, Dario Ghibaudo, Duccio Grassi, Steve Piccolo e Alberto Vannetti. Gli oggetti sono realizzati in collaborazione con le aziende partner coinvolte nell’iniziativa.


Se l’articolo ti è piaciuto, è stato utile e hai trovato le informazioni che stavi cercando, allora condividilo utilizzando uno dei tasti qui sotto. Puoi anche iscriverti con la tua e-mail al blog per non perderti i post e seguirmi su Instagram , facebook e Pinterest per rimanere sempre aggiornato.


L’articolo Mostra di Hoper Aperta e Julia Marmi con la Pietra Piasentina, Milano Design City proviene da Design ur life blog.

28 Ottobre 2020 / / Charme and More

Dal web alcuni spunti da cui trarre ispirazione per essere sempre al passo con le nuove tendenze.

Le ultime novità in fatto di  make upispirazioni e idee home décor.

Stile e tendenza per essere sempre “alla moda” e non sbagliare un look.

Siete pronte per farvi ispirare dalle gradazioni del marrone?

Il marrone con le sue sfumature è il colore di grande tendenza per l’autunno inverno 2020-21; tonalità bestseller per la modaper la bellezza e per l’arredamento.

Ph via
Ph via

Una tonalità che nelle sue varianti tingerà i look di stagione declinata su pantaloni biscotto, maglioni beige, gonne terracotta, capispalla cammello e accessori castagna.

Ph via
Ph via
Ph The Style Stalker via
Ph The Style Stalker via

 Il marrone ramato e fra i colori di tendenza del  2020 in fatto di interior design.

Una tonalità dal sapore vintage, con all’interno calde sfumature di bordeaux da preferire su elementi di arredo ed accessori.

Ph via
Ph via
Ph via
Ph via

ispirazioni-dal-web-trend-stile-beauty-home-decor-7

Vaso porta fiori di ceramica fatta a mano da Celia Macedo Design, disponibile su Etsy

Anche il make up occhi si ispira ai colori caldi della natura, dai toni autunnali del marrone a quelli del caramello, del bronzo e del beige.

Ph via
Ph via
Ph via @mylondonfairytales
Ph via @mylondonfairytales

 Foto racconti, sogni e emozioni.

Scopri di più qui se ti interessa l’interior décor o qui per gli ultimi aggiornamenti sulle tendenze e stili moda.

Ti è piaciuto questo post?

Condividilo sui tuoi canali social usando uno dei tasti qui sotto e seguimi  su Instagram, Facebook e Pinterest per non perdere i post.

*Questo post contiene link affiliati.
 

L’articolo Ispirazioni dal web: Trend, Stile, Beauty, Home Décor. proviene da Charme and More.

28 Ottobre 2020 / / Case e Interni

5 soluzioni per illuminare la casa con i faretti Led

I faretti a Led sono ormai considerati un’alternativa valida ed economica al tradizionale impianto per illuminare la casa. La loro versatilità e il loro basso consumo energetico, ne stanno facendo uno strumento sempre più utilizzato, soprattutto perché danno la possibilità di personalizzare anche l’illuminazione interna.

Scegliere i giusti punti luce, infatti, è un passo fondamentale per godersi a pieno l’ambiente domestico e comprare i faretti a Led per la casa è importanti per creare le giuste zone d’ombra e di luce, per non affaticare gli occhi, ma soprattutto per valorizzare angoli e scorci della casa spesso poco sfruttati.

5 soluzioni per illuminare la tua casa con i faretti a Led

L’utilizzo dei faretti a Led permette di sbizzarrirsi in tanti modi nell’illuminare gli ambienti domestici. Di seguito elenchiamo cinque soluzioni molto interessanti e stuzzicanti con cui sfruttarli al massimo per rendere la vostra casa calda e accogliente.

Faretti Led per la cucina

Per loro caratteristica peculiare, i faretti a Led si prestano molto per valorizzare anche singoli dettagli dell’arredamento di casa. In questo caso, con faretti Led si può creare un vero effetto scenografico attorno a un singolo mobile, perché i fasci di luce che emettono sono in grado di inserirsi ovunque, focalizzando l’attenzione su quella precisa zona.

Inoltre, sono utili per mettere in risalto, per esempio, dei mobili sospesi o delle mensole. Per questo motivo, sono molto consigliate per la cucina, dove potranno esaltare il rivestimento della parete e illuminare adeguatamente il piano cottura, fornendo illuminazione a più punti della cucina.

5 soluzioni per illuminare la casa con i faretti Led

Cornici e velette a soffitto

Uno dei modi per sfruttare al massimo i faretti a Led è inserendoli all’interno di cornici e velette in cartongesso poste sul soffitto di casa. In questo modo non solo si crea un effetto scenico causato dall’assenza fisica della fonte di luce, ma si valorizza ogni dettaglio dell’ambiente, comprese le pareti che, illuminate direttamente, vedono esaltata la loro consistenza materica.

Per questo motivo, i faretti a Led inseriti nelle cornici e velette a soffitto sono la soluzione ideale per chi ha bisogno di esaltare e valorizzare al massimo pareti con rivestimenti in rilievo come quelle in legno, pietra o, meglio ancora, mattoni a vista.

5 soluzioni per illuminare la casa con i faretti Led

Led a incasso per nicchie

I faretti a Led sono talmente versatili che possono essere inseriti anche nelle nicchie più nascoste di casa, aggiungendo un tocco moderno ed elegante all’ambiente. Solitamente si realizzano su misura, magari scegliendone anche la forma, così da valorizzare la parete ma essere, nello stesso tempo, funzionali, utilizzandoli per librerie o scaffali. In questo modo, ogni nicchia può diventare un elemento decorativo della casa, che si armonizza perfettamente con l’ambiente in cui si trova.

In una camera da letto, per esempio, la nicchia può essere sfruttata come comodino, in soggiorno può diventare una libreria, in bagno un utile scaffale. Inserire dei faretti a Led in una nicchia significa creare anche effetti suggestivi di luce, soprattutto quando questa cambia o è abbinata ai rivestimenti applicati sulle pareti.

5 soluzioni per illuminare la casa con i faretti Led

Cornici segnapasso a parete

I faretti a Led sono una soluzione che può essere applicata in qualunque tipo di casa e per le più svariate esigenze, così sono utili anche per aumentare la sicurezza domestica grazie ai cosiddetti segnapasso a parete. Si tratta di cornici dentro le quali vengono sistemati i faretti a Led per illuminare in modo adeguato zone di passaggio come scale o corridoi, perché dotati di sensori che li attivano anche durante la notte.

In questo modo si otterrà un duplice risultato: da un lato si avrà comunque una fonte di luce del tutto particolare e, se vogliamo, minimalista, mentre dall’altro si aumenterà la sicurezza dentro casa.

5 soluzioni per illuminare la casa con i faretti Led

I faretti a Led lungo le scale o il corridoio

Sempre rimanendo in tema di zone di passaggio della casa, i faretti a Led da incasso possono essere utili anche se posizionati lungo i gradini di una scala per chi ha una casa su più piani. In questo modo si può ottenere un fascio di luce proiettato direttamente sulle scale per facilitarne l’utilizzo e valorizzare una zona a cui nessuno fa mai troppa attenzione. Se, invece, si tratta di un corridoio, i faretti a Led possono essere posizionati a creare una fila che accompagna idealmente l’ospite da un ambiente all’altro.