28 Ottobre 2020 / / Dettagli Home Decor

lampada da tavolo FYXNÄS di Ikea

Il colosso svedese amplia il proprio assortimento con tanti nuovi prodotti pensati per ogni ambiente della casa. Ecco la nostra selezione delle novità più belle firmate Ikea per la nuova stagione, acquistabili anche online.

DEKORERA: la collezione di accessori per gli appassionati d’arte

Con il Natale che si avvicina e le notti che si allungano, il pensiero va ai ritratti cupi e meditabondi e alle nature morte che caratterizzano l’arte dei pittori olandesi del 17° secolo come Rembrandt, Vermeer e Hals, con i suoi contrasti tra angoli bui e luci dorate e le allegre scene domestiche.

accessori Dekorera Ikea

Proprio a queste immagini è ispirata DEKORERA, una collezione di tessili, accessori ed elementi d’arredo per la casa che unisce i colori intensi e lo stile delle opere di questi artisti con l’artigianato tradizionale svedese. Il risultato è una collezione di prodotti che dona alla casa un’atmosfera invernale semplice e accogliente.

Le nuove lampade FYXNÄS dal sapore rétro

Siamo nel pieno dell’autunno, perché non decorare la tua casa con un paio di lampade FYXNÄS? Donano carattere all’ambiente e ti aiutano a creare un’atmosfera calda e intima.

lampade da tavolo e da terra Fyxnas di Ikea

Le lampade da terra e da tavolo FYXNÄS, dal sapore rétro, hanno una base in metallo a forma di cavalletto e un doppio strato di tessuto elasticizzato in colori tenui. Adatte a tutti gli ambienti della casa, diffondono una luce calda e decorativa.

HAUGA, un’unica serie per fare ordine in ogni stanza

Nascondi il disordine, valorizza gli oggetti che ami di più e organizza al meglio gli spazi di casa. Grazie alla serie HAUGA puoi creare soluzioni belle e funzionali adatte a ogni ambiente domestico, dal soggiorno all’ingresso, dalla zona pranzo alla camera da letto.

mobili serie Hauga di Ikea

Eleganza country per i tuoi momenti speciali a tavola

Se hai voglia di qualcosa di nuovo in tavola, apparecchia la tavola con lo stile classico e senza tempo della serie UPPLAGA, che ora include anche una tazza, un piatto da portata e un piatto frutta. Puoi portare in tavola la tradizione oppure abbinare alcuni pezzi del servizio UPPLAGA ad articoli per la tavola di stile diverso.

servizio tavola Upplaga di Ikea

VARDAGEN, le padelle classiche nella forma ma sostenibili nella sostanza

Ispirate al design degli anni ‘50, le padelle VARDAGEN hanno uno stile rétro e senza tempo. La novità è che sono realizzate in acciaio al carbonio, quindi sono più leggere e si scaldano più velocemente, il che si traduce in maggiore efficienza energetica.

pentole in acciaio al carbonio

Le padelle VARDAGEN sono adatte a tutti i tipi di piani cottura, compresi quelli a induzione, e si possono usare anche nel forno, poiché sono realizzate interamente in metallo. E grazie ai due manici, sollevarle è facile e sicuro. Infine, durante la cottura rilasciano un sano quantitativo di ferro nei cibi

www.ikea.com

L’articolo Ikea: le novità più belle per l’autunno inverno proviene da Dettagli Home Decor.

28 Ottobre 2020 / / Design Ur Life

In occasione della Milano Design City 2020, Julia Marmi con la Pietra Piasentina era presente per la mostra di Hoper Aperta. Materiale lapideo di grande pregio estratto esclusivamente nel Friuli, sono stati tra i protagonisti della mostra Totem e Tabù ovvero Il Mondo Capovolto, la seconda edizione del progetto Hoper Aperta, curato da Patrizia Catalano e Maurizio Barberis che è stato presentato quest’anno alla Casa d’Aste Wannenes a Palazzo Recalcati.

Mostra di Hoper Aperta

La storica azienda friulana specializzata nell’estrazione e lavorazione di Pietra Piasentina, ha collaborato alla realizzazione di uno dei progetti presenti in mostra, La Pirogue un tavolino scultura dotato di luce antropomorfa, progettato da Davide Valoppi dello studio di architettura Noarc di Roma che opera nell’interior design e nell’architettura. Il progetto rappresenta un vogatore che porta la piroga lungo un fiume immaginario. La figura è in metallo, “la piroga”, nella parte superiore è in Pietra Piasentina e nella parte inferiore in metallo brunito. “La ricerca è stata motivata da un’emozione molto definita, il desiderio di quiete.” racconta Davide Valoppi “E’ qualcosa che trasmette una sensazione di tranquillità imperturbabile, di resa al flusso incessante dell’esistere e del trascorrere.” 

Mostra di Hoper Aperta

La mostra di Hoper Aperta

TOTEM e TABÙ ovvero il Mondo Capovolto ha presentato una collezione di installazioni/oggetti concepiti come pezzi unici che rileggono e reinterpretano la relazione tra le figure totemiche e i tabù estetici nel mondo contemporaneo, tra la struttura degli oggetti d’uso e l’immaginario poetico dell’opera d’arte e coinvolge designer e artisti: Davide Valoppi / Studio Noarc, Angela Ardisson, Maurizio Barberis, Alfonso Femia / AF* Design, Dario Ghibaudo, Duccio Grassi, Steve Piccolo e Alberto Vannetti. Gli oggetti sono realizzati in collaborazione con le aziende partner coinvolte nell’iniziativa.


Se l’articolo ti è piaciuto, è stato utile e hai trovato le informazioni che stavi cercando, allora condividilo utilizzando uno dei tasti qui sotto. Puoi anche iscriverti con la tua e-mail al blog per non perderti i post e seguirmi su Instagram , facebook e Pinterest per rimanere sempre aggiornato.


L’articolo Mostra di Hoper Aperta e Julia Marmi con la Pietra Piasentina, Milano Design City proviene da Design ur life blog.

28 Ottobre 2020 / / Charme and More

Dal web alcuni spunti da cui trarre ispirazione per essere sempre al passo con le nuove tendenze.

Le ultime novità in fatto di  make upispirazioni e idee home décor.

Stile e tendenza per essere sempre “alla moda” e non sbagliare un look.

Siete pronte per farvi ispirare dalle gradazioni del marrone?

Il marrone con le sue sfumature è il colore di grande tendenza per l’autunno inverno 2020-21; tonalità bestseller per la modaper la bellezza e per l’arredamento.

Ph via
Ph via

Una tonalità che nelle sue varianti tingerà i look di stagione declinata su pantaloni biscotto, maglioni beige, gonne terracotta, capispalla cammello e accessori castagna.

Ph via
Ph via
Ph The Style Stalker via
Ph The Style Stalker via

 Il marrone ramato e fra i colori di tendenza del  2020 in fatto di interior design.

Una tonalità dal sapore vintage, con all’interno calde sfumature di bordeaux da preferire su elementi di arredo ed accessori.

Ph via
Ph via
Ph via
Ph via

ispirazioni-dal-web-trend-stile-beauty-home-decor-7

Vaso porta fiori di ceramica fatta a mano da Celia Macedo Design, disponibile su Etsy

Anche il make up occhi si ispira ai colori caldi della natura, dai toni autunnali del marrone a quelli del caramello, del bronzo e del beige.

Ph via
Ph via
Ph via @mylondonfairytales
Ph via @mylondonfairytales

 Foto racconti, sogni e emozioni.

Scopri di più qui se ti interessa l’interior décor o qui per gli ultimi aggiornamenti sulle tendenze e stili moda.

Ti è piaciuto questo post?

Condividilo sui tuoi canali social usando uno dei tasti qui sotto e seguimi  su Instagram, Facebook e Pinterest per non perdere i post.

*Questo post contiene link affiliati.
 

L’articolo Ispirazioni dal web: Trend, Stile, Beauty, Home Décor. proviene da Charme and More.

28 Ottobre 2020 / / Case e Interni

5 soluzioni per illuminare la casa con i faretti Led

I faretti a Led sono ormai considerati un’alternativa valida ed economica al tradizionale impianto per illuminare la casa. La loro versatilità e il loro basso consumo energetico, ne stanno facendo uno strumento sempre più utilizzato, soprattutto perché danno la possibilità di personalizzare anche l’illuminazione interna.

Scegliere i giusti punti luce, infatti, è un passo fondamentale per godersi a pieno l’ambiente domestico e comprare i faretti a Led per la casa è importanti per creare le giuste zone d’ombra e di luce, per non affaticare gli occhi, ma soprattutto per valorizzare angoli e scorci della casa spesso poco sfruttati.

5 soluzioni per illuminare la tua casa con i faretti a Led

L’utilizzo dei faretti a Led permette di sbizzarrirsi in tanti modi nell’illuminare gli ambienti domestici. Di seguito elenchiamo cinque soluzioni molto interessanti e stuzzicanti con cui sfruttarli al massimo per rendere la vostra casa calda e accogliente.

Faretti Led per la cucina

Per loro caratteristica peculiare, i faretti a Led si prestano molto per valorizzare anche singoli dettagli dell’arredamento di casa. In questo caso, con faretti Led si può creare un vero effetto scenografico attorno a un singolo mobile, perché i fasci di luce che emettono sono in grado di inserirsi ovunque, focalizzando l’attenzione su quella precisa zona.

Inoltre, sono utili per mettere in risalto, per esempio, dei mobili sospesi o delle mensole. Per questo motivo, sono molto consigliate per la cucina, dove potranno esaltare il rivestimento della parete e illuminare adeguatamente il piano cottura, fornendo illuminazione a più punti della cucina.

5 soluzioni per illuminare la casa con i faretti Led

Cornici e velette a soffitto

Uno dei modi per sfruttare al massimo i faretti a Led è inserendoli all’interno di cornici e velette in cartongesso poste sul soffitto di casa. In questo modo non solo si crea un effetto scenico causato dall’assenza fisica della fonte di luce, ma si valorizza ogni dettaglio dell’ambiente, comprese le pareti che, illuminate direttamente, vedono esaltata la loro consistenza materica.

Per questo motivo, i faretti a Led inseriti nelle cornici e velette a soffitto sono la soluzione ideale per chi ha bisogno di esaltare e valorizzare al massimo pareti con rivestimenti in rilievo come quelle in legno, pietra o, meglio ancora, mattoni a vista.

5 soluzioni per illuminare la casa con i faretti Led

Led a incasso per nicchie

I faretti a Led sono talmente versatili che possono essere inseriti anche nelle nicchie più nascoste di casa, aggiungendo un tocco moderno ed elegante all’ambiente. Solitamente si realizzano su misura, magari scegliendone anche la forma, così da valorizzare la parete ma essere, nello stesso tempo, funzionali, utilizzandoli per librerie o scaffali. In questo modo, ogni nicchia può diventare un elemento decorativo della casa, che si armonizza perfettamente con l’ambiente in cui si trova.

In una camera da letto, per esempio, la nicchia può essere sfruttata come comodino, in soggiorno può diventare una libreria, in bagno un utile scaffale. Inserire dei faretti a Led in una nicchia significa creare anche effetti suggestivi di luce, soprattutto quando questa cambia o è abbinata ai rivestimenti applicati sulle pareti.

5 soluzioni per illuminare la casa con i faretti Led

Cornici segnapasso a parete

I faretti a Led sono una soluzione che può essere applicata in qualunque tipo di casa e per le più svariate esigenze, così sono utili anche per aumentare la sicurezza domestica grazie ai cosiddetti segnapasso a parete. Si tratta di cornici dentro le quali vengono sistemati i faretti a Led per illuminare in modo adeguato zone di passaggio come scale o corridoi, perché dotati di sensori che li attivano anche durante la notte.

In questo modo si otterrà un duplice risultato: da un lato si avrà comunque una fonte di luce del tutto particolare e, se vogliamo, minimalista, mentre dall’altro si aumenterà la sicurezza dentro casa.

5 soluzioni per illuminare la casa con i faretti Led

I faretti a Led lungo le scale o il corridoio

Sempre rimanendo in tema di zone di passaggio della casa, i faretti a Led da incasso possono essere utili anche se posizionati lungo i gradini di una scala per chi ha una casa su più piani. In questo modo si può ottenere un fascio di luce proiettato direttamente sulle scale per facilitarne l’utilizzo e valorizzare una zona a cui nessuno fa mai troppa attenzione. Se, invece, si tratta di un corridoio, i faretti a Led possono essere posizionati a creare una fila che accompagna idealmente l’ospite da un ambiente all’altro.

27 Ottobre 2020 / / Design

L’articolo Illuminazione d’interni – lampadari moderni. è stato scritto da Biagio Barraco e si trova su Questioni di Arredamento.

Nell’illuminazione d’interni, i lampadari per un po’ sono stati relegati ad un ruolo secondario. Considerati sistemi di illuminazione tradizionali, in molti casi si è preferito eliminarli dall’arredamento troppo frettolosamente, a favore di altre forme di illuminazione più scenografiche considerate “soluzioni moderne” per dare luce gli ambienti quando il sole è andato via.

Diversificare i punti luce per illuminare bene casa.

Una delle regole dell’illuminazione d’interni contemporanea, che riguarda la luce artificiale in casa, è la diversificazione delle tipologie di apparecchi illuminanti utilizzati nei diversi ambienti domestici. Questa visione funzionale dell’illuminazione, che prevede diverse tipologie di sorgenti luminose per le diverse attività che si compiono all’interno dell’abitazione, assume anche un grande valore estetico. Una corretta disposizione di un’illuminazione artificiale multi-livello è un elemento chiave per realizzare un arredamento moderno, armonioso e di gusto.

All’interno di questa moderna concezione dell’illuminazione artificiale degli ambienti, i lampadari moderni svolgono un ruolo che non può essere delegato ad altri sistemi di illuminazione. Non è un caso che le aziende come Mazzola Luce, un importante market online dedicato all’illuminazione domestica, abbia tra i suoi cataloghi una sezione molto ampia riguardo questo tipo di corpi illuminanti.

Illuminazione d’interni lampadari moderni

Illuminazione d’interni – criteri di scelta per i lampadari moderni.

Nella grande varietà degli apparecchi illuminanti destinati all’abitare contemporaneo, i lampadari moderni vengono scelti per arredare gli ambienti della casa con eleganza e stile. In un sistema di illuminazione multi-livello il lampadario posto al centro della stanza è un modo classico per realizzare una illuminazione di sfondo da completare con altri elementi: luci puntiformi posti a diverse altezze, di diversa tipologia e intensità, generalmente dello stesso stile e forgia del lampadario.

I lampadari moderni per la casa contemporanea devono essere scelti con cura tenendo conto di alcuni importanti fattori. Prima di tutto sono da studiare le diverse stanze in cui i lampadari vanno inseriti. I lampadari devono essere accostati ai colori dell’ambiente, allo stile dell’arredamento e alle dimensioni della stanza. Tutto questo senza trascurare l’aspetto funzionale, probabilmente il primo degli elementi determinanti per una scelta corretta.

Funzionalità.

Il lampadario a seconda del luogo dove è posto svolge funzioni diverse, di conseguenza dovrà avere di volta in volta caratteristiche diverse. Ad esempio in cucina o in sala da pranzo, il lampadario posto sopra il tavolo deve avere una luce di buona intensità concentrata sull’area del pranzo. Una luce più soffusa e indiretta è invece preferibile per i lampadari moderni destinati alla zona notte.

Illuminazione d’interni lampadari moderni

Colore.

I lampadari moderni sono proposti di ogni forgia, materiale e colore. Scegliere il colore giusto è determinante per la riuscita dell’accostamento cromatico con i colori presenti nella stanza. Ad esempio, con i colori delle pareti, piuttosto che con quelli delle tappezzerie o dei pavimenti.

Le tinte più vivaci sono allegre soprattutto se scelte in contrasto con i colori della stanza, ma se avete difficoltà a compiere una scelta coraggiosa come questa, non vi rimane che scegliere un lampadario, magari in vetro, dalle tinte neutre come il bianco e il grigio.

Dimensione.

I lampadari moderni sono realizzati in differenti dimensioni è importante scegliere quello della grandezza adatta ai metri-quadri della stanza. Nel caso di un lampadario centrale, destinato all’illuminazione generale della stanza è abbastanza ovvio che la sua ampiezza sia tale da non invadere tutto lo spazio disponibile, tanto meno che la sua ridotta dimensione si perda nella vastità dell’ambiente.

Naturalmente i lampadari più grandi offrono una maggiore intensità di luce e sono adatti per le stanze più ampie che necessitano di maggior illuminazione.

Nel caso dei lampadari sopra il tavolo da pranzo, o sull’isola della cucina, la dimensione deve essere proporzionata alla grandezza del piano da illuminare, in rapporto all’altezza della sospensione.

Stile.

Dal punto di vista estetico la formula vincente è sempre quella di scegliere un lampadario coerente con lo stile della stanza dove esso è destinato.

Tra i design disponibili dei lampadari moderni, scegliete quello che meglio fa al caso vostro. Ad esempio quelli in stile industriale, vanno bene per ambienti in stile metropolitano, invece quelli dai design più coraggiosi vanno bene per interni più minimali.

Illuminazione d’interni lampadari moderni

I lampadari moderni, in netto contrasto con un arredamento classico, possono essere validi elementi per mitigare la rigidità e la serietà dell’ambiente. In questi casi però sono da preferire quelli dal design meno complesso e più minimale.

Lampadari moderni e risparmio energetico.

Tutti i produttori di lampadari moderni, ormai utilizzano sorgenti luminose a risparmio energetico sempre più evolute e flessibili. Soluzioni che meglio si adattano a design sempre più ricercati e originali.

Questa evoluzione ha decretato la fine dei lampadari tradizionali dotati di sistemi di illuminazione ormai desueti. I lampadari moderni sono belli e funzionali e danno il massimo dell’efficienza luminosa possibile. Ciò consente di risparmiare sulla bolletta e avere un impatto ambientale meno rilevante.

Conclusioni.

Riepilogando, per un’illuminazione d’interni di successo, una volta deciso il posizionamento delle luci secondo le regole della corretta illuminazione degli ambienti, scegliete i lampadari moderni che più vi piacciono, senza dimenticare di completare il vostro progetto di illuminazione con applique, faretti, lumi e piantane dello stesso stile del lampadario.

Una casa ben illuminata fa splendere anche chi la abita, Mazzola Luce è l’opportunità giusta per vestire di luce e amore la tua casa.

L’articolo Illuminazione d’interni – lampadari moderni. è stato scritto da Biagio Barraco e si trova su Questioni di Arredamento.

27 Ottobre 2020 / / Idee

Le scale per interni sono uno degli elementi cardine dell’abitazione: senza di essa non si potrebbero collegare i vari ambienti della casa, che rimarrebbero irraggiungibili. La loro funzionalità è dunque evidente, anche se non bisogna dimenticare il lato estetico, ormai diventato fondamentale per ciascun elemento delle nostre dimore. L’obiettivo è quello di creare armonia con tutti gli altri pezzi d’arredo della casa. Le scale per interni hanno anch’esse un ruolo in questo senso, apportando valore aggiunto alle stanze in cui si colloca. Inoltre va progettata seguendo specifiche normative in materia di sicurezza per poter adempiere al meglio al suo scopo. Spesso ci troviamo di fronte a larghezze, altezze e profondità da rispettare per quanto riguarda la scala o i suoi componenti.

Prima di costruire una scala interna va considerata la posizione in cui si collocherà e il suo utilizzo, che andrà a condizionare i materiali che verranno impiegati per la sua realizzazione. Una scala sottoposta a un calpestio frequente dovrebbe avere un rivestimento più resistente, un materiale che richieda poca manutenzione.

Scale per interni prefabbricate o in muratura

Le scale per gli interni possono essere in muratura, costruite quindi in corso d’opera. La loro caratteristica principale è la solidità, anche se possono risultare ingombranti in determinati contesti, inoltre necessitano di punti di fissaggio per essere costruite. Tuttavia nel caso in cui si voglia arredare un’abitazione dalle dimensioni importanti, rappresenta la soluzione più adeguata in grado di valorizzarla. Ci sono inoltre materiali in grado di conferire leggerezza alla struttura, come metalli o piastrelle dagli spessori minimi. Il principale svantaggio di una scala in muratura è il costo; essa richiede un progetto di realizzazione e, qualora volesse essere sostituita, anche un importo considerevole per consentirne la demolizione.

Se l’ambiente in cui vorrà essere collocata la scala sarà invece ridotto, meglio optare per una scala prefabbricata, dal gusto minimal e leggero. Ciò non significa che la qualità sia inferiore a quella di una scala in muratura, perché negli anni è incrementata considerevolmente l’estetica delle prefabbricate. Inoltre hanno un livello di personalizzazione elevato, anche se possono essere più soggette all’usura.

I materiali più adatti a seconda dell’abitazione

I materiali con cui costruire una scala interna sono innumerevoli, non si è vincolati dall’elevata usura che inevitabilmente col passare del tempo causano gli agenti atmosferici sulle scale esterne. Il legno è considerato intramontabile, adatto a un ambiente classico o nordico. Solitamente è utilizzato per realizzare le strutture portanti della scala, così come il metallo, il quale però si sposa alla perfezione con un arredamento più moderno. Per costruire i gradini si opta spesso per la pietra o per il marmo, lasciandoli grezzi o lavorati a seconda dello stile della casa. In un’abitazione moderna sono spesso apprezzati anche quelli in vetro, abbinati solitamente a una struttura in acciaio. Per quanto riguarda la ringhiera ci possono essere varie scelte, tra cui anche quella di non metterla proprio. L’idea è rendere la scala leggera ed esaltare la sua esteticità al massimo mettendola in mostra. Nel caso della mancanza del corrimano ovviamente bisogna prestare maggiore attenzione alla sicurezza della struttura, sconsigliata ad esempio se ci sono bambini in casa. Un altro modo per rendere visibile la bellezza della scala sono i pannelli in vetro. Se l’abitazione ha uno stile minimal si può pensare di realizzare una ringhiera con sottili tubi di metallo, che vanno dal pavimento al soffitto, per tutta la lunghezza della scala.

Tipologie di scale per interni

Le combinazioni tra i vari materiali possono essere innumerevoli, così come i modi di presentarsi delle scale interne. Le scale a sbalzo offrono un senso di leggerezza grazie ai loro gradini sospesi, i quali danno proprio l’idea che l’intera struttura galleggi nell’aria. I gradini devono essere necessariamente fissati a un muro portante per poter essere considerati a norma. La scelta di queste scale sospese viene fatta soprattutto per ambienti in cui regnano sovrani i concetti di modernità ed eleganza.

La soluzione salva-spazio per eccellenza è rappresentata dalle scale a chiocciola. Esse, grazie alla loro conformità, consentono di ridurre al minimo l’effetto ingombrante che potrebbero avere altri tipi di scale, senza rinunciare all’estetica. Solitamente è una scala che viene apposta in ambienti meno frequentati della casa, come per esempio in prossimità di un solarium o di un sottotetto, anche se sta assumendo sempre più centralità e viene messa più in evidenza anche in altri ambienti della casa. Le scale a muro rappresentano la tipologia più diffusa all’interno delle abitazioni. La loro caratteristica principale è quella di avere una struttura portante ben visibile posta al di sotto delle stesse. La loro configurazione più classica è quella dritta e lineare, anche se si sono diffuse forme più particolari come quelle elicoidali. Un elemento che non manca mai per questo tipo di scala è la ringhiera, prodotta in diversi materiali a seconda delle esigenze estetiche dell’ambiente. A differenza delle scale a chiocciola, quelle a muro sono frequentemente intervallate da pianerottoli di riposo o direzionali.

Anche in questo caso vi ho fornito una piccola guida, che spero vi abbia chiarito le idee in materia di scale per interni e vi possa aiutare nella scelta migliore per la vostra casa

L’articolo Scale per interni: il tocco in più per una perfetta abitazione proviene da Architettura e design a Roma.

27 Ottobre 2020 / / Idee

27 Ottobre 2020 / / Dettagli Home Decor

Zarichnyy Apartment by studio FILD

Il design degli interni minimalista prevede l’utilizzo di elementi essenziali per creare uno spazio semplice e ordinato. È fondamentale mantenere un equilibrio tra il minimalismo pulito e un certo livello di atmosfera accogliente, proprio come in questo appartamento.

Lo studio multidisciplinare FILD con sede a Kiev, noto soprattutto per la progettazione di lampade e arredi,  in rare occasioni si occupa anche di sviluppare progetti di interior design. L’appartamento Zarichnyy è uno di questi progetti.

Completato per una coppia di sposi, l’appartamento non ha subito modifiche dal punto di vista del layout in quanto quasi tutte le pareti sono portanti. Questo ha portato i progettisti a trovare soluzioni ingegnose per creare uno spazio arioso. L’interno vanta un’estetica minimalista con spazi semplici e ordinati che offrono un comfort completo. Lo studio ha utilizzato una tavolozza di colori e materiali minimale per evidenziare l’elegante semplicità degli interni. Oltre alle superfici in legno, l’appartamento presenta anche finiture in cemento e tocchi di blu.

Compatto ma intimo e accogliente, l’appartamento è composto da un soggiorno, due uffici domestici, un bagno e una camera da letto. Un corridoio recentemente ampliato insieme a mobili incorporati e aree di stoccaggio aiutano anche a mantenere l’aspetto pulito dell’appartamento. Forme semplici, porte nascoste e maniglie sottili migliorano ulteriormente la semplicità del design. Lo studio ha utilizzato pannelli di legno dal pavimento al soffitto per alzare visivamente il soffitto e far sembrare le stanze più grandi.

Zarichnyy Apartment by studio FILDZarichnyy Apartment by studio FILDZarichnyy Apartment by studio FILD

Ispirata al minimalismo asiatico, la cucina unisce funzionalità e semplicità. I mobili incorporati creano una transizione senza soluzione di continuità tra la cucina e il soggiorno. Un divano modulare multifunzionale offre uno spazio confortevole per rilassarsi dopo una lunga giornata, mentre le luci a soffitto e a sospensione illuminano la stanza con una luce calda. Lo stesso design minimale continua nella camera da letto che presenta anche un ingegnoso armadio aperto collocato nell’ingresso. Sebbene originariamente fosse ultracompatto, il bagno ora risulta più spazioso e moderno. La stanza da bagno è stata rinnovata combinando piastrelle, cemento e legno; hanno anche installato un lavabo su misura, vasca freestanding e doccia.

Zarichnyy Apartment by studio FILDZarichnyy Apartment by studio FILDZarichnyy Apartment by studio FILDZarichnyy Apartment by studio FILDZarichnyy Apartment by studio FILDZarichnyy Apartment by studio FILD

L’illuminazione dell’appartamento proviene dalla collezione FILD, mentre i mobili sono stati realizzati su misura dalla ditta Verdi.

Fotografie © Andrey Bezuglov.

L’articolo Un appartamento accogliente con un’estetica minimalista e calde superfici in legno proviene da Dettagli Home Decor.

27 Ottobre 2020 / / Dettagli Home Decor

moodboard arredo design

Si prospetta un autunno minimalista da MadeInDesign. Siamo tornati sul loro sito per una nuova sessione di shopping, questa volta attratti dalle loro sezioni dedicate.

MadeInDesign, tra le varie categorie, ha dedicato spazio al minimalismo con una cartella ricca di arredi da mettere nel carrello. Ci siamo attrezzati per l’occasione per cercare degli elementi d’arredo d’autunno che però non trascurino lo stile essenziale e simbolico del minimalismo, senza troppi fronzoli ma con una carica estetica che riesce ad enfatizzare i colori e le forme della stagione.

Kelim Merge by Trine Andersen per Ferm Living

Kelim Merge by Trine Andersen per Ferm Living

Partiamo da terra con un tappeto. Allegra, chic e grafica, la collezione di tappeti Kelim apporta una nota di vitalità al vostro interno come nouvelle vague del design scandinavo. Le tinte retrò si abbinano a meraviglia soprattutto in questa stagione. La finitura a frange è molto elegante. La creatrice Trine Andersen presenta un talento particolare per mixare design vintage ed elementi ispirati alla natura per dare ai propri prodotti uno stile minimal e contemporaneo.

credenza César by Désormaux Carette per Hartô

César by Désormaux-Carette per Hartô

Un omaggio alla campagna, la credenza Caesar si ispira ai recinti che circondano i prati. L’assemblaggio di assi di legno ondulate divide coraggiosamente lo spazio di riordino. Un tocco di nostalgia, forme geometriche e massello di rovere, la collezione César rivendica chiaramente la sua somiglianza con le staccionate con un lato rustico ma sofisticato.

poltrona Vitus per Bloomingville

Vitus per Bloomingville

La poltrona Vitus presenta un mix di raffinatezza e autenticità. Le forme fluide ed essenziali della struttura sottolineano l’eccezionale lavorazione del legno curvato. Il legno di Mindy è un legno marrone con riflessi rossi scintillanti, nel nostro caso tipici di questa stagione. La seduta è realizzata con strisce di cuoio intrecciate che uniscono l’origine di questa sedia, dei paesi caldi e la riadatta in un contesto casalingo molto caloroso. Comoda, con la sua seduta flessibile, questa poltrona sarà perfetta intorno a un tavolo o in salotto. Discreta e senza tempo senza essere banale, si adatta perfettamente a tutti gli ambienti.

Vaso Anita Haut by Anita Le Grelle per Serax

Vaso Anita Haut by Anita Le Grelle per Serax

Fatti a mano, i vasi in gres smaltato di Anita Le Grelle sono caratterizzati da una forma organica e irregolare. La ceramica presenta un abbinamento di colori naturali e caldi. Il volume e il gioco di colori danno un carattere unico a questi pezzi.

Lampada Heracleum II by Bertjan Pot per Moooi

Heracleum II by Bertjan Pot per Moooi

Rivolgiamo lo sguardo all’insù per concludere con una lampada che sembra ricreare i rami semispogli d’autunno. Ispirata in realtà dalla pianta panace la sospensione Heracleum ha una struttura fine e malleabile, all’estremità della quale sono fissate delle lenti di policarbonato che diffondono la luce con almeno 45 led che creano fasci di luce in sospensione nello spazio. Questa sospensione è costituita da una miriade di fili d’acciaio lucidato, ai quali si può dare la forma che si preferisce.

Thanks to MadeInDesign

Articolo di Silvia Fabris

 

L’articolo Shopping da MadeInDesign proviene da Dettagli Home Decor.

26 Ottobre 2020 / / A forma di casa

Enzo Mari è stato uno dei più grandi teorici del design in Italia, apostrofato da Alessandro Mendini come la “coscienza dei designer”, fu un grande sostenitore dell’etica del design, della cultura umanistica, del design democratico e dell’autoproduzione. Nella sua carriera ha progettato per aziende quali Danese, Driade, Zanotta, Alessi, Artemide e molte altre, vincendo ben 5 Compassi d’Oro, di cui uno alla carriera. I suoi oggetti sono stati esposti più volte in contesti nazionali ed internazionali, compresa l’ormai leggendaria mostra Italy: The New Domestic Landscape al MOMA di New York nel 1972.

Enzo Mari
Enzo Mari

Contrario alla logica del design come moda e al consumismo dei nostri tempi, Mari mette al centro dei suoi progetti non solo la funzionalità, l’aspetto estetico e l’efficienza dei materiali, ma soprattutto il metodo con cui viene definito un determinato oggetto. Per lui, il pensiero e il processo di creazione di un oggetto sono più importanti dell’oggetto stesso. Nessun oggetto deve essere fine a sé stesso o autoreferenziale, il suo compito è durare nel tempo e saper coinvolgere la persona che lo utilizza come parte attiva del processo. Progettare per Mari non è solo creare oggetti belli, ma un vero e proprio atto etico e sociale.


Oggi vorrei rendere omaggio al grande contributo che Enzo Mari ha dato al mondo del design raccontando 3 dei suoi progetti che preferisco e che dimostrano il suo approccio responsabile e appassionato al modo di pensare agli oggetti.

Il calendario perpetuo Timor

Calendario perpetuo Timor - Enzo Mari
Timor – Danese Milano

Progettato nel 1967 per Danese, si tratta di un calendario da tavolo che si oppone alla logica dell’usa e getta: è riutilizzabile ogni anno, essenziale e dal design senza tempo. Si compone di una base in ABS stampata in un solo pezzo e un perno centrale su cui ruotano delle fascette di diverse dimensioni in PVC. Sulle fascette sono stampati i mesi, i giorni della settimana ed i numeri, rigorosamente con font Helvetica di colore nero per favorire la leggibilità, senza trascurare l’estetica. L’utente, oltre ad impostare la data corretta, può muovere gli elementi che compongono questo oggetto per creare le combinazioni che desidera. Timor è una vera e propria icona del design, tuttora in produzione. Questo oggetto però presenta alcuni limiti in termini di funzionalità, come Mari stesso affermò diverso tempo dopo averlo progettato, con il consueto occhio critico anche verso i suoi stessi progetti: «I calendari perpetui presentano sempre alcune difficoltà sostanziali: occorre ricordarsi di aggiornarli ogni giorno, richiedono interazione. Inoltre, non ci si può scrivere sopra e non riportano festività o vacanze. Non voglio dovermi ricordare di cambiare ogni giorno la data!».


La sedia Sof Sof

Sedia Sof Sof - Enzo Mari
Sof Sof – Driade

Una delle mie sedie preferite in assoluto, questo oggetto è un ottimo esempio di essenzialità progettuale, sperimentazione e gusto estetico. Si tratta di una sedia progettata nel 1971 per Driade. La sua elegante struttura si compone di 9 anelli in tondino di acciaio, combinati insieme per sostenere la sedia e accogliere i cuscini della seduta e dello schienale, creando incastri geometrici dal grande effetto estetico. I morbidi cuscini sono uniti tra loro e si agganciano tramite un inserto che si avvolge su un tondino di acciaio, garantendo stabilità e maggiore comfort alla seduta. Anche questo oggetto non ha risentito del passare del tempo, rimanendo tuttora un arredo estremamente contemporaneo e adattabile a diversi contesti.


Il tavolo Frate

Tavolo Frate - Enzo Mari
Frate – Driade

Frate è un tavolo dal design essenziale e per nulla scontato, creato per Driade nel 1973 e declinabile in varie dimensioni. Il piano in cristallo appoggia su una struttura composta da due profilati in acciaio verniciato e una trave in legno massello. I profilati, che costituiscono l’appoggio del tavolo a terra, sono magistralmente pensati nella loro forma, coniugando insieme stabilità, estetica, leggerezza e vengono agganciati con sapienza ed eleganza al supporto centrale in legno. Anche questo è un esempio di come il design di Enzo Mari riesce ad essere semplice, bello e sempre attuale, perché pensato e studiato nel dettaglio con la logica di un’essenzialità che non scade mai nel banale. La stessa struttura viene ripresa anche nel tavolo Cugino e nei tavolini Cuginetto, progettati sempre per Driade, a conferma della versatilità del suo modo di concepire il design.


Enzo Mari ci ha davvero lasciato dei grandi insegnamenti in fatto di design e trovo che non si possa che apprezzare il suo spirito critico, la sua intelligenza e il suo modo di fare schietto, diretto e senza peli sulla lingua. Un grazie di cuore grande maestro!

L’articolo Il design di Enzo Mari raccontato attraverso 3 oggetti proviene da A forma di casa.