22 Maggio 2020 / / Charme and More

22 Maggio 2020 / / Dettagli Home Decor

La sostenibilità e il rispetto per l’ambiente non sono una tendenza ma una reale necessità. Con questi consigli puoi iniziare a produrre meno rifiuti e prenderti cura del pianeta.

Da gennaio ad oggi sono stati prodotti oltre 227 milioni di tonnellate di rifiuti. Questo enorme quantitativo di rifiuti è in parte dovuta al fatto che il 99 percento di ciò che acquistiamo viene buttato via entro 6 mesi. Naturalmente, questo è un grosso problema. Le discariche sono piene e trovare posto per realizzarne di nuove è un’altro problema perché ovviamente nessuno vuole avere una discarica vicino a casa. La verità è che tutta la spazzatura che generiamo deve andare da qualche parte, ma l’ideale, oltre a migliorare la gestione dei rifiuti, è quello di andare alla radice del problema e produrre meno spazzatura.

Cosa puoi fare per produrre meno rifiuti 

Pensaci bene prima di fare acquisti

Molte volte, più di quanto immaginiamo, acquistiamo d’impulso. In base al nostro stato d’animo acquistiamo vestiti, cosmetici, accessori per la casa, … senza pensarci troppo e in poco tempo finiscono in un cassetto o nell’armadio. Questi prodotti saranno eliminati solo quando ci renderemo conto che non ne abbiamo davvero bisogno (non ci stanno bene, non ci hanno convinto, ecc.). Dobbiamo considerare che, per fabbricarli, sono stati generati molti residui industriali che non vediamo.

fotografia Laura Mitulla – Unsplash

Sostituisci le bottiglie di plastica con bottiglie in vetro riutilizzabili

Quante bottiglie d’acqua getti nella spazzatura ogni settimana? Probabilmente più di quanto immagini! Gli italiani sono i maggiori consumatori europei di acqua imbottigliata, con oltre 1’300 bottiglie per famiglia (12 miliardi di litri) all’anno! In molti comuni sono disponibili delle stazioni di acqua microfiltrata, dove è possibile riempire le bottiglie di vetro ad un costo irrisorio.  In realtà, anche l’acqua del rubinetto di casa è generalmente di alta qualità!

fotografia Sylvie Tittel – unsplash

Utilizza borse shopper riutilizzabili per fare la spesa

I sacchetti di cotone o le shopper fatte con materiali riciclati sono la scelta ottimale per fare acquisti. A volte può capitare di scordare a casa sacchetti e borse riutilizzabili, il consiglio è di lasciarne un paio in macchina per averli sempre con sé. Molte delle borse shopper riutilizzabili sono completamente richiudibili e quindi si possono comodamente tenere nella propria borsa o nello zaino.

fotografia Laura Mitulla – unplash

Scegli contenitori in vetro, metallo, carta o tessuto invece della plastica

Vetro, metallo, carta e tessuto, come cotone, lino o juta, hanno una riciclabilità estremamente elevata, mentre è improbabile che la plastica venga riciclata. In cucina prediligi questi materiali per conservare il cibo, inoltre, se acquisti prodotti già confezionati opta per quelli che utilizzano barattoli in vetro facilmente riciclabile.

fotografia Good Soul Shop – unsplash

Scegli prodotti solidi invece di quelli liquidi

Quando eravamo bambini, la maggior parte del sapone era in forma solida. Nel corso degli anni, il sapone liquido è diventato la norma, ma richiede una significativa quantità di imballaggi in plastica. Tornare dunque all’essenziale e scegliere il formato solido di articoli come il sapone per i piatti, il sapone per il corpo, lo shampoo e persino la crema, aiuta ad eliminare tante confezioni inutili.

fotografia Laura Mitulla – unplash

Cambia lo spazzolino

Gli spazzolini in plastica sono realizzati con un mix di materiali plastici che combinano elementi come gomma e petrolio greggio, così come la loro confezione è un mix di plastica e cartone. È ora di passare al bambù.

Riciclo e Fai da te

Probabilmente il più difficile di tutti, perché creare i propri prodotti può sembrare impossibile per chi di noi non ha tempo né esperienza. Ma in realtà vi sono una moltitudine di cose che si possono facilmente realizzare fai da te riciclando materiali o vecchi oggetti dimenticati in cantina. Non solo, in rete si trovano molti tutorial per realizzare fai da te anche prodotti per la pulizia della casa e molto altro ancora!

Oggi più che mai è necessario un vero cambiamento. Non solo da parte di politici e aziende, ma da tutti noi. Se non comprendiamo la reale situazione e non siamo consapevoli delle vite che stiamo vivendo – e delle conseguenze che comporta – è improbabile che si possano verificare tali cambiamenti.

L'articolo Produrre meno rifiuti è più facile di come sembra proviene da Dettagli Home Decor.

22 Maggio 2020 / / Blog

Devi occuparti della sostituzione di serramenti e infissi per la tua casa, ma non sai come fare per l’aspetto economico? Sappi che oggi gli interventi di questo tipo sono praticamente a costo zero grazie alla previsione di una nuova detrazione fiscale che ti consentirà di avere un bonus fino al 110%.

Questo anche se sei un amante del fai da te, e acquisterai alcuni pezzi per fare piccole modifiche su siti come Casadellaferramenta.it.

Eccoti, quindi, tute le caratteristiche che ha questo nuovo bonus, e come potervi accedere anche per la sostituzione di infissi e serramenti.

Serramenti e infissi, come si legano al nuovo superbonus

All’interno di quello che viene indicato come Decreto Rilancio, è stata prevista la possibilità di innalzare il precedente Ecobonus alla percentuale del 110%.

Questo tipo d bonus riguarda il miglioramento della classe energetica del proprio immobile, arrivando a poter recuperare in cinque anni, sotto forma di credito di imposta, il 110% della spesa sostenuta, e fino ad un massimo di 90 mila euro.

Per poter usufruire di questo bonus dovrai seguire alcune regole, che ti indichiamo qui, in modo da poterti ben orientare.

Come prima cosa bisognerà individuare i soggetti che avranno diritto all’ecobonus 110%, che saranno solo le persone fisiche.

Prendendo in considerazione il fatto per il quale tu abiti in un condominio, non potrai usufruire di questo bonus se la ristrutturazione riguarderà solo la tua casa, mentre potrai usufruirne se possiedi una casa indipendente ed effettui questo tipo di lavori.

Per poter ottenere il bonus, inoltre, la tua casa dovrà essere una prima casa, quindi non potrai usufruire di questo diritto nel caso in cui la tua sia una seconda casa, oppure sia in affitto a terzi. Se vuoi avere diritto al super bonus dovrai effettuare dei lavori che apportino un miglioramento di almeno due classi energetiche, o un lavoro che sia, a livello tecnico, il massimo che si possa raggiungere.

Bonus serramenti in particolare, dovrai:

  • Effettuare la coibentazione di almeno il 25% delle pareti dell’edificio, come il cappotto termico, e potrai raggiungere un tetto massimo di 60 mila euro per ogni unità abitativa
  • Effettuare l’installazione di impianti di riscaldamento andando ad utilizzare caldaie a condensazione oppure pompe di calore, con un tetto massimo di 30 mila euro per ogni unità abitativa

A questo punto potresti chiederti che cosa c’entrino serramenti e infissi in questo quadro. Ebbene, se effettui uno dei due interventi citati nei punti precedenti, potrai abbinare a questi anche la sostituzione degli infissi e delle schermature solari.

In questo caso potrai ottenere il così detto Bonus Finestre, che è del 50% e che riguarda gli interventi di sostituzione di:

  • Finestre
  • Porte di ingresso
  • Persiane, scuri, avvolgibili
  • Tende da sole

Quindi, come avrai capito, le attività di rifacimento dovranno accompagnare quelle di sostituzione di serramenti e infissi per consentirti di ottenere il bonus del 50%. In definitiva, quindi, potrai eseguire questi lavori con molta più leggerezza dal punto di vista economico, perché ne pagherai solo una parte.

L'articolo Nuovo bonus Serramenti e infissi, oggi a costo zero proviene da Architettura e design a Roma.

22 Maggio 2020 / / Design Ur Life

Sono tante le belle case su Instagram che meritano di essere pubblicate sulle riviste di Home Decor. Sopratutto sono case vere e non soltanto arredate per essere fotografate e pubblicate sui magazine. Oggi attraverso il home tour andiamo alla ricerca di nuovi ispirazioni e idee.

Profili che parlano di case su Instagram sono tante e ognuno ha la sua bellezza. Oggi andiamo a casa di Anna ( il suo profilo IG si chiama @welcometoannashome) dove vive insieme al suo marito Luca e il piccolo Giulio. Hanno iniziato a cercare casa a gennaio 2014 per poi sposarsi a giugno 2015. La ricerca della casa perfetta per le loro esigenze non è stata semplice, avevano in mente delle caratteristiche a cui non volevamo rinunciare, ovvero:

  • giardino
  • garage
  • 3 camere
  • Almeno 2 bagni.

Dopo una lunga lunghissima ricerca, finalmente sono riusciti a trovare la loro casa. Una casa del 1990, da ristrutturare insieme al marito che lavora nel settore costruzioni. Avevano un budget molto contenuto, quindi hanno fatto tutto da soli. Infatti, la loro è l’esempio di una casa costruita low budget e con tanto amore e pazienza nel tempo.

case su Instagram

La cucina è una Lube disegnata da Anna stessa con gli elettrodomestici Whirpool. Dallo stile contemporaneo e colori neutri come beige, grigio e il top in quarzo bianco. Il lavello è in fragranite. La fragranite è un materiale composito formato da un 80% di micro particelle e polvere di granito naturale e per la restante parte da resine acriliche atossiche.

case su Instagram

il pavimento bianco alla veneziana, un pavimento antichissimo tipico delle ville nobili veneziane, senza fughe, composto da graniglia di marmo e di madreperla. Un processo molto lungo che ha impegnato più di un mese della loro ristrutturazione, ma con un risultato che ne è valsa la pena.

case su Instagram

Invece nella zona giorno, il mobile TV disegnata da Anna e acquistata da nova mobili. Il divano Poltronesofà e il tappeto è acquistato da Maisons du monde. Per i Complementi d’arredo e oggetti di decorazione sono sui toni di bianco, argento ed effetto specchio.

WhatsApp Image 2020-05-20 at 7.46.57 PM

Una delle caratteristiche della sua casa è decorare in stile green. Un modo intelligente ed ecologico di arredare la casa.

View this post on Instagram

🤔Come aumentare l’umidità ambientale per le piante in casa? 🍀 Buon sabato igerine😘💖!! 🌱 La maggior parte delle piante che abbiamo in casa sono tropicali, e necessitano quindi di tantissima umidità ambientale. Non avete idea di quante volte io abbia combattuto con bordi delle foglie marroni e, presa dal panico, le annaffiavo talmente tanto che finivo per annegarle. 🌿 Dopo un po’ di esperimenti falliti, ecco il trucco che condivido con voi per risolvere questo problemino… 🍃 Per aumentare l’umidità ambientale puoi: 👉🏻raggruppare tante piante insieme; 👉🏻mettere degli umidificatori o bicchieri/ciotole d’acqua intorno alle piante; 👉🏻nebulizzare le foglie. ✅ Ma soprattutto per me ha funzionato questo metodo (scorri per le foto): puoi mettere dei sassi sul fondo dei coprivasi, con un paio di dita d’acqua, che non deve superare il livello dei sassi. In questo modo, il vaso della pianta sarà appoggiato sui sassi, e non dentro l’acqua (che fa marcire le radici), e così gioverà dell’umidità che sale dall’acqua sottostante, senza rischi di marciume o ristagno. 🌱 ❓Conoscevate questo trucco❓Voi quale usate per offrire la perfetta umidità alle vostre piante❓ Un bacione e buona serata😘! . #calathea #maranta #marantaceae #motherofplants #mykitchen #cucina #polliceverde #autunnoincasa #decorazionicasa #decorazionecasa #piante #piantedainterno #trucchetti #casamia #autunno #verdeincasa #vasi #sgabelli #allwhiteinterior #cucinelube

A post shared by Anna – All About Home (@welcometoannashome) on

Ho chiesto a lei come mai hai scelto i colori neutri per arredare la tua casa?

Il tocco di colore, è variaro nel tempo, ed è questo il bello di aver scelto solo tonalità neutre per quanto riguarda i mobili: quando ti stanchi del colore dei complementi, puoi passare al successivo senza una grossa spesa.

La lavanderia

E’ un progetto su misura in laminato, tranne i pensili e lo stendino Ikea. Il pavimento di piastrelle originali arancioni le hanno tinte loro con una vernice grigia acquistata da Leroy Merlin.

WhatsApp Image 2020-05-20 at 5.43.46 PM

Camera da letto

Camera SanGiacomo, letto fatto dallo zio tappezziere. Parete con effetto pittorico, il parquet originale fatto levigare.

case su Instagram

case su Instagram in diretta sul mio Instagram

Siete curiosi di vedere di più su questa casa? Oggi venerdì 22 maggio alle 15:00 facciamo una diretta Instagram e l’Home tour in diretta con Anna.

Vuoi vedere la tua casa sul mio blog puoi contattarmi e inviarmi le foto.


Se l’articolo ti è piaciuto, è stato utile e hai trovato le informazioni che stavi cercando, allora condividilo utilizzando uno dei tasti qui sotto. Puoi anche iscriverti con la tua e-mail al blog per non perderti i post e seguirmi su Instagram , facebook e Pinterest per rimanere sempre aggiornato.


 

 

L'articolo Case su Instagram, Home Tour #04 proviene da Design ur life blog.

22 Maggio 2020 / / Dettagli Home Decor

Le porte interne della tua casa o della tua azienda possono sembrarti di poco conto. Eppure, una porta interna che sia ben realizzata e progettata può aiutarti anche sotto il profilo del risparmio energetico.

Se ti stai chiedendo quali particolari delle tue porte interne potresti modificare, magari ricorrendo anche a degli interventi fai da te e procurandoti il materiale da Casadellaferramenta.it, allora qui potrai trovare tutti i motivi per i quali considerare positivamente le tue porte interne.

Porte interne, come sceglierle per il risparmio energetico

Come hai potuto capire, le porte interne di una casa o di un ufficio possono essere strumenti grazie ai quali arrivare ad un ottimale risparmio energetico. Ma come scegliere queste porte in modo che ti consentano di raggiungere questo tipo di risultato?

Eccoti alcuni consigli grazie ai quali potrai mettere da parte tutti i tuoi dubbi in merito alla scelta delle porte interne:

  • Il materiale

Il materiale è un elemento essenziale per arrivare al risparmio energetico anche con le porte interne. In modo particolare, i materiali migliori sono il Pino, il Rovere e il Mogano. Questi, infatti, hanno caratteristiche particolari sia dal punto di vista della stabilità, sia del risparmio energetico.

Un buon legno, infatti, risulta essere un materiale certamente molto più isolante rispetto al metallo oppure al PVC. Pensa alla trasmittanza termica: il legno ha una trasmittanza pari a 1.6W per metro quadro, contro un serramento realizzato in alluminio che può arrivare a 3.8W per metro quadro.

Che cosa significa questo dato? Questo sta ad indicare che nel momento in cui tu dovessi scegliere una porta in legno questa disperderà meno della metà del calore rispetto ad uno di metallo, evitando, quindi, il caldo in estate e il freddo in inverno.

Anche il PVC può essere per molti una buona scelta, in quanto ha valori di trasmittanza simili a quelli del legno, ma i rinforzi in acciaio che sono presenti al suo interno lo rendono, nuovamente, molto meno isolante rispetto al semplice legno.

  • Le vetrocamere isolanti

Oltre al semplice materiale, potrai anche decidere di rendere maggiormente performanti le tue porte interne anche utilizzando una vetrocamera isolante a bassa trasmissione di calore.

Questa ti darà la possibilità di creare una ulteriore barriera per il passaggio del calore, sia in entrata sia in uscita. Questo ridurrà notevolmente il fabbisogno energetico del tuo ambiente, perché tratterrà il calore in inverno e il fresco in estate.

  • Le guarnizioni

Anche i piccoli pezzi da ferramenta, come le guarnizioni, saranno un ottimo elemento da considerare per le tue porte interne e la riduzione del passaggio termico. Potrai scegliere, in particolare, delle triple guarnizioni termoacustiche che consentiranno, nuovamente, di limitare il più possibile gli sbalzi di temperatura.

Scegliendo, quindi, una porta interna che possa soddisfare queste caratteristiche avrai la possibilità di ridurre i costi del tuo riscaldamento anche del 60%, e i costi relativi alla climatizzazione estiva anche del 70%. Il risparmio energetico, ovviamente, avrà conseguenze positive anche sull’ambiente, con una minore produzione di anidride carbonica.

L'articolo Porte interne, sceglierle per il risparmio energetico proviene da Dettagli Home Decor.