28 Giugno 2021 / / Dettagli Home Decor

frigorifero samsung Bespoke azzurro

La nuova vision di Samsung sugli elettrodomestici “su misura” parte dal frigorifero con la nuova linea BESPOKE

La casa, in generale, ma soprattutto la cucina, hanno acquisito un nuovo ruolo e occupano un posto fondamentale nella nostra vita quotidiana. Se un tempo la cucina era un’ambiente puramente utilitario oggi è diventata il fulcro della casa, una stanza essenziale per comunicare, esprimere i nostri gusti e divertirsi con la famiglia.

In un mondo in continua evoluzione, il design intelligente, flessibile e modulare sono diventati strumenti essenziali. Per questo, in risposta a questi cambiamenti della società, Samsung ha creato Bespoke, un frigorifero personalizzabile che si adatta allo stile della tua casa e alle tue necessità perché ti permette di progettarlo a tuo piacimento scegliendo colori, materiali e finiture.

frigoriferi colorati Samsung Bespoke

Con Samsung BESPOKE il cliente può scegliere tra un frigorifero combinatomonoporta, inoltre per chi ha poco spazio è disponibile anche il modello monoporta slim largo solo 45cm. I diversi formati possono essere affiancati per creare la combinazione perfetta: chi ha bisogno di conservare tanti cibi freschi sceglierà di affiancare un classico combinato ad un monoporta; se cambiano le esigenze e serve più spazio in freezer, nessun problema, è sufficiente aggiungere un nuovo modulo monoporta freezer!

Inoltre, in continuità con la grande attenzione alle performance energetiche che contraddistingue l’azienda coreana, i frigoriferi BESPOKE sono disponibili nelle varie classi della nuova etichettatura energetica, arrivando fino alla A.

frigorifero blue Samsung Bespoke

La completa personalizzazione trasforma il frigorifero Samsung Bespoke in un perfetto elemento d’arredo funzionale, che si integra con lo stile della propria abitazione e può seguirne i cambiamenti, adattandosi a futuri restyling della casa o alla crescita della famiglia. Il cliente può infatti scegliere tra 9 colori, ma anche il materiale e la finitura.

Per scoprire di più su BESPOKE visita www.samsung.com/it

Fotografie© Samsung

L’articolo Samsung Bespoke: un frigorifero modulare e personalizzabile che si adatta allo stile della tua casa proviene da Dettagli Home Decor.

28 Giugno 2021 / / Design Ur Life

Solitamente la zona living in una casa è la stanza più importante, perché si trascorrono spesso del tempo in famiglia oppure con gli amici. Quindi è importante progettare questa zona in base alle tue esigenze e i tuoi gusti personali. Infatti per aiutarti ho preparato una piccola guida con una lista di 10 cose che non possono mancare nel living. Se hai delle domande puoi scrivermi nei commenti oppure sul mio Instagram.

10 cose che non possono mancare nel tuo living

  1. Il verde è assolutamente un elemento essenziale e ogni soggiorno dovrebbe avere qualcosa di vivo all’interno. Una pianta vibrante, verde e naturale è quel elemento d’arredo che non deve mancare nel living.
10 cose che non possono mancare nel living

2. Un divano comodo non deve assolutamente mancare in un soggiorno e nella scelta dovresti fare attenzione alle tue esigenze. Guarda lo stile che ti piace e il colore ma ricordati anche la comodità di un divano è essenziale.

10 cose che non possono mancare nel living

3. I cuscini sono molto importanti e hai l’opportunità di cambiare il look della tua zona living, cambiando solo il colore e tessuti dei tuoi cuscini. I cuscini aggiungono calore e contrasto all’ambiente e aiutano a raggiungere lo stile dell’interior che stai cercando.

10 cose che non possono mancare nel living

4. Il tavolino è l’elemento di arredo che riunisce tutti i mobili, con la giusta tonalità di colore e stile di design. Questo complemento d’arredo bilancia tutti i pezzi presenti nel tuo soggiorno e completa la stanza.

10 cose che non possono mancare nel living

5. utilizzo di oli essenziali, fiori freschi o candele possono rendere il tuo soggiorno un posto accogliente, invitante ed intimo. Ogni persona percepisce ogni spazio come confortevole attraverso i propri sensi. Quindi se usi le candele profumate di lavanda, camomilla, gelsomino o vaniglia sono i migliori perché i loro profumo è rilassante.

10 cose che non possono mancare nel living

6. Lo specchio è un complemento d’arredo che aggiunge quel tocco di stile ed eleganza ed è alleato perfetto per far sembrare un piccolo soggiorno più grande. Lo specchio dona luminosità e freschezza ad una stanza. puoi posizionarlo sul camino, dietro al divano oppure se hai un soggiorno poco luminoso, posizionalo di fronte ad una finestra per riflettere la luce.

10 cose che non possono mancare nel living

7. Il vaso usato come elemento di decorazione d’accento per creare equilibrio, funziona molto bene.

10 cose che non possono mancare nel living

8. Le coperte morbide e coccolose sono perfette per rilassarsi sul divano e guardare un film. Infatti sono un accessorio che aggiunge un tocco di accoglienza e calore nella stanza.

10 cose che non possono mancare nel living

9. Un tappeto accogliente e morbido non può mancare nel tuo soggiorno. Fai attenzione all’abbinamento dei colori, il disegno e fantasia del tappeto con lo stile del tuo spazio.

10 cose che non possono mancare nel living

10. Infine aggiungi qualcosa di personale che dona carattere al tuo living, come un oggetto importante e significativo per te e la tua famiglia. Ad esempio un’ opera d’arte, dei libri preferiti, una gallery wall con le foto che hai scattato durante i tuoi viaggi oppure oggetti e souvenir comprati. Cosi puoi rendere il tuo living unico e personalizzato.

10 cose che non possono mancare nel living

Se l’articolo ti è piaciuto, è stato utile e hai trovato le informazioni che stavi cercando, allora condividilo utilizzando uno dei tasti qui sotto. Puoi anche iscriverti con la tua e-mail al blog per non perderti i post e seguirmi su Instagram , facebook e Pinterest per rimanere sempre aggiornato sulle novità del mondo di Architettura e Design.

L’articolo 10 cose che non possono mancare nel living proviene da Design ur life blog.

28 Giugno 2021 / / ChiccaCasa

 Metto le mani avanti preavvisandoti del fatto che questo è uno di quei post pensati per crearti delle necessità!

É innegabile che Smallable sia uno dei miei shop online preferiti (lo dimostra la quantita di post che ho dedicato ai suoi prodotti!).

Per mantenere i tuoi occhi allenati a riconoscere la bellezza, qualche giorno fa ho stilato una selezione dei prodotti più fighi della nuova collezione “Home & Design” di Smallable.

Io te lo dico. mettei volentieri le mani su ognuno di questi pezzi stupendi!

Si tratta di accessori per la casa, ma non solo, che mi fanno pensare all’estate, alla spensieratezza e ad un cielo azzurro!

Disclaimer: anche se spesso mi piace farvi sognare con pezzi di design ultra-costosi, stavolta ho puntato sulla praticità. Non solo sono tutti pezzi che possono essere usati quotidianamente, ma sono anche tutti sotto i 30 euro (così oltre che guardarli, potrete anche metterci le mani con facilità!)

Let’s do it!


1. Il vetro colorato è uno dei trend più manifesti dell’anno. Non poteva, qunidi mancare un pezzo in questo material. Il vaso per fiori &Klevering ha un design semplice, ma incisivol. Adoro questo punto di giallo!

2. I pois mi mettono sempre tanta allegria, soprattutto se il motivo che li contiene non è simmetrico. Il cuscino a pois Odette di Le Cerise sur le gâteau è disponibile nelle dimensiono 50×70 o 65×65. 


3. ll cesto dalle linee grafiche è di Hay, che anche in questo caso, si dimostra impeccabile. Questo bellissimo cesto è perfetto non solo come porta-biancheria, in quanto il design semplice ed i colori pastello lo rendono perfetto per essere esposto ovunque. Il mio colore preferito? Azzurro fiordaliso!


4. L’iconico uccello di costa di Normann Copenhagen è nella mia wishlist da anni ormai!

Si tratta di un oggetto decorativo molto suggestivo e di qualità. Infatti, è composto da robusto legno di quercia ed acciaio. Puoi scegliere di prenderne tre di diverse dimensioni per creare un piccolo set.

5. Ho immaginato il contenitore in plastica Michael Charlot di Vitra in una postazione di lavoro outdoor, dove la base del piano non è regolare. Questo portapenne è l’ideale in quanto presenta una bordatura pensata per non far scivolare i piccoli utensili e le penne. E poi, ha un design davvero pazzesco!

6. Pronto per le vacanze? Se sei in cerca di accessori utili ed evergreen Polarbox è la borsa termica che fa per te. Si tratta di un cofanetto dallo stile retrò tremendamente chic, il cui piano può essere usato anche come base d’appoggio.


ristorante al mare

Appena si entra nel locale si viene accolti da un’atmosfera che sa di mare senza essere scontata e ridondante

ristorante al mare
planimetria
ristorante al mare

Moodboard ristorante al mare

ristorante al mare
Progetto

Stiamo tornando alla normalità finalmente; ristoranti e locali hanno riaperto dopo un lungo tempo di chiusura e sacrificio; ho notato che in tanti hanno sfruttato il momento di blocco obbligatorio per rinnovare i propri locali con uno spirito di rinnovamento e ottimismo.

In molti hanno scelto di trarre beneficio e ispirazione anche da una situazione di estrema di difficoltà; hanno investito nei loro locali, per ripartire ancora più forti verso una nuova rinascita e sono certa che questo li premierà.

Colgo l’occasione per parlarvi di un progetto realizzato qualche tempo fa, per la creazione di un ristorante al mare in un camping in Molise; una regione bellissima con un mare meraviglioso che spesso si sottovaluta, ma che nasconde meraviglie naturali e una cucina unici.

Quest’estate finalmente potremo muoverci di nuovo con un po’ più di libertà; un’occasione da non perdere potrebbe essere proprio quella di riscoprire il nostro territorio e magari proprio il Molise con il   camping Corrado.

Uno stile marina originale e creativo per il ristorante al mare

Quando mi hanno contattata i proprietari di questa una struttura, che non è solo un campeggio, ma comprende anche delle bellissime stanze di nuova realizzazione, degli appartamenti e un bar, la loro richiesta è stata quella di completare i servizi offerti con la realizzazione di un ristorante con la R maiuscola.

Un ristorante al mare che fosse aperto tutto l’anno e non solo un’attività stagionale; un locale speciale e affascinante, ispirato al meraviglioso mare a due passi; un luogo elegante e ricercato, adatto anche a cerimonie, cene romantiche e pranzi con gli amici e in famiglia 365 giorni all’anno; nasce così il progetto per la locanda di Titti.

Il tema del mare doveva essere molto presente ma non scontato e mai banale; il mio intervento è servito soprattutto a donare carattere all’ambiente e a renderlo uno spazio unico, originale, speciale; moderno ma caldo e accogliente allo stesso tempo; dal sapore marino senza essere eccessivamente rustico. Lo scopo della ristrutturazione è stato anche quello di risolvere alcuni problemi progettuali, come quello delle altezze. Essendoci una falda spiovente all’ingresso e poi diverse altezze e travi all’interno dell’immobile, abbiamo dovuto creare una serie di controsoffitti e tracantoni; espediente usato anche per nascondere alcuni motori e realizzare ambienti tecnici.

I grandi motori andavano inseriti e nascosti all’interno di controsoffitti o, come nel nostro caso, di tracantoni; questo poichè le altezze non ci permettevano di lavorare troppo con i controsoffitti. Per evitare troppi dislivelli abbiamo preferito lasciare i soffitti alle massime altezze e lavorare sulle pareti laterali.

L’ingresso del ristorante al mare

all’entrata del locale, nel lungo e ampio corridoio d’accesso che è prima ingresso con reception e diventa poi una delle sale del ristorante, abbiamo deciso di lasciare l’impianto di areazione e ricircolo dell’aria a vista, come elemento decorativo dallo stile industriale; abbiamo scelto un’illuminazione decorativa e suggestiva composta da “grappoli” di sfere luminose che impreziosisse e caratterizzare l’ambiente già da subito.

In tutto il locale abbiamo posato un pavimento grigio di grande formato, elegante e neutro. Per i soffitti, punto dolente ma allo stesso tempo stimolante del progetto, abbiamo fatto diverse scelte progettuali; tramite quelle che mi piace chiamare pareti orizzontali, abbiamo definito gli spazi mantenendo una continuità.

ristorante al mare
Vetrofania sulla porta di ingresso” La Locanda di Titti”
ristorante al mare
ristorante al mare
ristorante al mare
ristorante al mare

Dal render alla realizzazione; impianto a vista, i colori del mare, arredi che richiamano i materiali naturali su un pavimento effetto cemento…un perfetto mix tra natural e industrial

Parete ad onda come richiamo evocativo per il ristorante al mare

In un’area del locale, che va a delimitare uno degli ambienti più grandi, ho deciso di lasciare il soffitto di cemento a vista. Questo è illuminato con un reticolo di tubi idraulici e lampadine a vista, in pieno stile industriale. L’ambiente con pavimento e soffitto grigi è comunque riscaldato dai materiali naturali che caratterizzano tutto il locale; troviamo separé realizzati con legni bianchi, tavoli e sedie nei colori del mare e della sabbia in legno decapato, colori delle pareti ispirati allo stile marino. Abbiamo scelto un punto elegante e ricercato di celeste e un color sabbia dall’effetto materico. Una delle pareti di questo ambiente più grande è caratterizzato da una struttura ad onda in cartongesso che incornicia e ingloba nel suo disegno delle piccole finestre quadrate preesistente che ora sembrano progettate ad hoc. La parete in cartongesso accoglie dei vani rettangolari e quadrati; i vani sono rivestiti di specchio per donare profondità e luminosità, comodi per esporre bottiglie di vino ed elementi decorativi. La parete è completata da una particolare illuminazione che la rende un elemento scultoreo molto caratterizzante; essa richiama il tema del mare in modo contemporaneo e originale; l’onda del cartongesso viene ripresa sulla parete perpendicolare, realizzata come elemento filtrante con l’area tecnica delle cucine, attraverso il colore. Su questa parete, dalla parte della sala, abbiamo posto degli specchi cromati a forma di oblò, sempre per richiamare il tema marittimo in maniera evocativa, ma non banale e soprattutto moderna. Sul lato opposto alla sala questa paretina fornisce il giusto appoggio ad un mobile contenitore per posate bicchieri e tovagliato davanti alla cucina.

ristorante al mare
ristorante al mare
ristorante al mare

Tutti i vari step della realizzazione della parete con onda; si tratta di uno degli elementi più caratterizzanti e d’atmosfera del locale, con i suoi giochi di movimento, luci e specchi. La parete è utile anche per mimetizzare e inserire coerentemente nel contesto architettonico delle finestrelle quadrate

ristorante al mare

Illuminazione a vista sul soffitto di cemento per uno stile industrial chic originale e ricercato

La sala con i pappagalli

Abbiamo delimitato un altro spazio del ristorante grazie ad un soffitto blu, impreziosito da lampade pendenti in rame; in questo modo si è venuta a creare un’ulteriore saletta più piccola, adatta ad accogliere feste private ed eventi; anch’essa non chiusa da vere pareti ma perfettamente delineata nello spazio.

Questa “saletta, collegata completamente con il resto dello spazio, ma delimitata dal soffitto, è caratterizzata da una particolare carta da parati dallo stile tropicale con pappagalli e foglie su fondo blu.

L’area con la carta da parati con i pappagalli propone un’altra atmosfera ancora, collegata perfettamente al resto, ma da nuove suggestioni ed emozioni.

Il bar

Un altro ambiente collegato al resto del locale, ma allo stesso tempo definito nello stile e nelle funzioni è l’area del bar in fondo al locale; un ambiente al quale si può accedere anche da un altro ingresso sul retro; esso può essere utilizzato all’occasione, in maniera indipendente dagli ospiti del camping per colazioni, aperitivi e cocktail.

Per il bar, delineato all’interno di una struttura in muratura che va a creare quasi una scatola, abbiamo scelto il color carta da zucchero e un bancone color rame. Il rame è una finitura che ritroviamo in diversi elementi che ritornano nel ristorante, come i lampadari della zona con la carta da parati. Ho proposto questa scelta per rendere prezioso ed elegante il locale; anche in contrasto ai materiali naturale del legno e della corda.

Dal progetto alla realizzazione

Due modelli di lampadari in rame eleganti e preziosi ma allo stesso tempo moderni e adatti a quasi tutti gli ambienti. Li trovate QUI e QUI

Lo spazio è ampio e continuo, ma allo stesso tempo con ambienti ben definiti e organizzato; ambiente adatto a diverse esigenze, da quelle degli ospiti del camping a quelle di avventori esterni; l’arredamento è  elegante, ed  originale, marino con creatività e poesia mai scontate. Sono stata molto soddisfatta del risultato di questo lavoro, pur essendosi trattato di un progetto complesso, che ha subito variazioni in corso, che vedeva il coinvolgimento di diverse persone e dei cambi repentini di direzione…ma il bello è anche questo, saper reagire agli imprevisti e avere sempre clienti con l’allegria, la positività e il senso dell’avventura addosso.  

L’articolo Progetto di un ristorante al mare proviene da Architettura e design a Roma.

28 Giugno 2021 / / Nell'Essenziale

Ciao Amiche creative! oggi vi propongo il tutorial cavalluccio marino imbottito! Puoi utilizzare il mio tutorial per realizzare un cavalluccio marino come decorazione a tema mare oppure come bomboniera!! NB: trovi cartamodello nel corso “decorazioni shabby”.

Per questa estate mi piacerebbe realizzare una serie di tutorial a tema mare, però non sono sicura di riuscirci in breve tempo… Sto incastrando tutorial free in mezzo ai video dei miei corsi ed alla progettazione della nuova collezione provenzale… A volte anche io mi chiedo come riesco a fare tutto…

Tutorial cavalluccio marino imbottito

Video Tutorial cavalluccio marino imbottito

Trovi quasi tutti i video sia su Facebook che su YouTube, i cartamodelli al contrario, come anche alcuni video esclusivi li trovi solo nella mia piattaforma corsi. Di seguito il video tutorial disponibile su YouTube.



I materiali necessari

  • Imbottitura in fiocchi.
  • Tessuto shabby celeste tenue.
  • Bottoni in legno rotondi e a forma di cuore.
  • Tulle a pois.
  • Ago e filo.

E’ molto importante che per le tue creazioni tu scelga materiali di alta qualità. Solo in questo modo gli articoli cuciti a mano posso differenziarsi dalla moltitudine di prodotti low cost scadenti prodotti all’estero. Quando una cliente sceglie te, lo deve fare per avere un livello di qualità alta, e non per spendere meno. Se tu accetti di riprodurre un prodotto della grande distribuzione a meno del suo costo danneggerai irreversibilmente questo settore. Questo perché insegnerai alle clienti che fatto a mano e su misura significa più economico e non più pregiato.

Padded seahorse tutorial

Realizza prodotti di qualità e fai felice le tue clienti fornendo loro un prodotto di elevato valore! Io creo valore per te regalandoti i miei modelli e realizzando tutorial, dai anche tu valore a ciò che realizzi!

Cartamodello

Per scaricare il cartamodello visita la piattaforma corsi! Trovi il cavalluccio marino nel corso gratuito Decorazioni Shabby

Vai ai corsi

Trovi tantissimi tutorial nella sezione Tutorial Creativi! Tutte le spiegazioni ed i cartamodelli li trovi nei corsi!

Divertiti realizzando in modo semplice e veloce insieme a me!

cavalluccio marino shabby

Questo articolo Tutorial cavalluccio marino imbottito proviene da NellEssenziale.

28 Giugno 2021 / / Laura Home Planner

Fa caldo, e sorseggiare il caffè del mattino sul nostro balcone piccolo assaporando un po d’aria , può essere un buon punto di partenza per iniziare la nostra giornata.

Non solo,

l’aperitivo con gli amici a lungo rimandato ?

Rinfrescare le nostre serate davanti ad un cocktail con gli amici è quello che aspettavamo da tempo.

Per questo motivo per molti di noi arredare i propri spazi esterni è diventato una priorità.

Se credete che il vostro balcone sia troppo piccolo e vi state già scoraggiando, sappiate che non occorre troppo spazio,

basteranno pochi metri quadri .

Arredare un balcone piccolo: idee e consigli

Partiamo dal fatto che come tutte le cose, dipende da come si fanno.

Certo un balcone di grandi dimensioni, facilita il modo in cui arredarlo”

o perlomeno qualcuno pensa sia così.

In realtà quando si ha a disposizione troppo spazio, spesso si rischia di riempire ed eccedere ,

rischio che con un balcone piccolo non si corre.

Arredarlo può essere invece molto semplice,

basteranno :

  • Qualche arredo
  • buon gusto
  • creatività
  • piante e fiori (a chi piacciono ovviamente)
  • un tocco di stile

Un piccolo tavolino pieghevole, cerca 60 cm di diametro e due sedie in ferro corredate da cuscini ben imbottiti.

Questo è quello che io chiamo buon gusto,

a questo piccolo balcone non manca nulla,

ci sono fiori, decorazioni, luci, posti a sedere, un bel tappeto, delle lanterne.

Insomma,

in pochi metri quadri tutto ciò che occorre .

Troppo fiori e decorazioni non vi convincono?

per arredare il vostro balcone in modo semplice ma non anonimo, basteranno due sedie e un tappeto colorato.

Esterno in relax

Per quelli che proprio alla comodità non sanno rinunciare neppure sul balcone, ok a divanetti, poltroncine, pouf, basta acquistarli di dimensioni contenute

e se questo non vi basta, ma volete godere delle ore serali per una penichella sul vostro piccolo balcone, ecco qualche immagine che fa per voi

Dunque,

avrete capito che arredare un balcone piccolo non è poi così difficile,

ma quali sono cli elementi che proprio non dovrebbero mancare?

Qualche consiglio :

  • ricordatevi di comprare un ventilatore da esterno,

basterà anche un modello da terra,

servirà a rinfrescare l’aria nella afose giornate estive e farà scappare le zanzare.

  • scegliete un ombrellone oppure una tenda ,

serviranno ad abbattere la temperatura ed a tutelare la vostra privacy.

  • illuminazione

importante all’esterno tanto quanto all’interno della casa,

per arredare un balcone piccolo ed illuminarlo creando la giusta atmosfera si potrà scegliere tra:

  • faretti da incasso (da terra o da parete)
  • aplique da parete
  • fili di lampadine
  • lanterne
  • arredi trasformabili, pratici e di materiale duraturo.

Tavolini e sedie pieghevoli sono di sicuro molto più pratici di quelli fissi,

ma se la vostra intenzione è quella di lasciare i vostri arredi sul balcone tutto l’anno, ricordatevi di prediligere materiali adatti all’esterno: teak, acacia, resina.

L’articolo Come arredare un balcone piccolo proviene da Laura Home Planner.

27 Giugno 2021 / / M-Design

 Ciao amici! Oggi voglio lasciarvi un codice sconto dell’azienda LUMINESY ! 

#Arredacongusto 

#IlluminaITuoiAmbienti 

Ecco a voi il link : https://luminesy.com/discount/MDesign 

26 Giugno 2021 / / Case e Interni

Casa vacanze: 75 mq distribuiti su tre livelli

Una casa accogliente in riva al mare è stata ristrutturata per creare interni più pratici e funzionali.

Questa casa ha subito una ristrutturazione radicale, che ha permesso di avere tre livelli in 75 mq. Due camere da letto, un soggiorno, una cucina-sala da pranzo e uno studio sul soppalco trovano posto in questa abitazione dai colori mediterranei e naturali.

Siamo sulla costa spagnola, dove l’interior designer Esther Mercé ha trasformato un’abitazione tradizionale in un luminoso rifugio di vacanza per una famiglia. L’intervento ha modificato gli interni con nuove finiture e soluzioni tecniche.

La rimozione delle pareti interne è sempre la soluzione ideale quando si ha a che fare con una piccola casa, per guadagnare spazio e luminosità. Ciascuna delle stanze che si va ad unire trova respiro e un effetto di maggiore ampiezza.

La zona giorno qui, con la demolizione delle pareti, è diventato un open space, diviso su tre livelli. Le zone sono separate, ma visivamente unite. In questo modo il piano riceve luce da entrambe le facciate della casa.

Freschezza e luminosità sono le caratteristiche delle finiture interne dominate dal bianco e dal legno chiaro. I colori si ispirano all’estate, nonché alla natura della costa fatta di sabbia, conchiglie e banchine di legno. Gli accessori in vimini e le stampe con soggetti naturali hanno aggiunto una nota mediterranea e boho chic agli interni, caratterizzati da grandi finestre all’inglese che si affacciano sullo specchio d’acqua e sul porto. Questo lascia intuire che la spiaggia è a solo un paio di minuti di distanza.

Questa è comunque una casa che può essere vissuta anche in altri momenti dell’anno, grazie alla presenza del camino, che ha trovato il suo posto in soggiorno, dove due divani, uno grigio (di Maisons du Monde) e uno giallo, si fronteggiano uniti da un tappeto in fibra naturale. Dalle foto si scorge lo studio sul soppalco, che è arredato con mobili Ikea.

La cucina ha un fascino nordico e senza tempo, grazie ai mobili bianchi, al top in legno, alle piastrelle grige in stile metropolitana, nonché alle sedie Eames Plastic Chair DSW, il cui modello originale nasce nel 1950, dai disegni di Charles & Ray Eames.

Casa vacanze: 75 mq distribuiti su tre livelli

Casa vacanze: 75 mq distribuiti su tre livelli

Casa vacanze: 75 mq distribuiti su tre livelli

Casa vacanze: 75 mq distribuiti su tre livelli

Casa vacanze: 75 mq distribuiti su tre livelli

Casa vacanze: 75 mq distribuiti su tre livelli

Casa vacanze: 75 mq distribuiti su tre livelli

Casa vacanze: 75 mq distribuiti su tre livelli

FONTE: elmeuble.com luglio 2019

______________________________
Anna e Marco CASE E INTERNI

26 Giugno 2021 / / Design

“Vorrei un divano comodo.” Quante volte abbiamo sentito o pronunciato questa frase. Ma cosa vuol dire comodo, qual è il divano più comodo al mondo e come è fatto? Quali caratteristiche deve avere un divano per essere considerato comodo? La comodità è una percezione soggettiva oppure esiste una “scienza del comfort”? Si può analizzare un divano con un occhio critico e oggettivo e affermare con assoluta certezza che è o non è comodo?
Abbiamo parlato di questo in una puntata dei nostri Interior Design Talks. (Se non sai cosa sono gli IDTdiotti.com alla fine di questo articolo trovi una brevissima presentazione). Come scegliere online un divano comodo, quali caratteristiche considerare e quali misure conoscere. Informazioni utili anche per chi preferisce visitare il nostro showroom e testare i divani esposti. Perché diciamoci la verità, in esposizione ci si siede sul divano in modo composto con la schiena dritta, a volte si incrociano o si accavallano le gambe, difficilmente ci si sdraia, si rannicchiano le gambe o si assumono tutte le posizioni di relax che si è soliti assumere a casa propria. Per tutti questi motivi, oltre al test di seduta è bene valutare la comodità di un divano anche secondo altre caratteristiche. Pronto a scoprirle?

Cosa trovi nella video guida?

Ecco un sommario degli argomenti trattati nel video:

  • Rapporto tra design e ergonomia: due mondi all’apparenza così distanti tra loro ma entrambi fondamentali, che guidano il lavoro dei designer impegnati nella progettazione e prototipazione dei divani. L’estetica non può prescindere dalla funzionalità così come la funzionalità necessita di essere valorizzata dall’estetica.
  • Fattori soggettivi che determinano la comodità di un divano: gusti personali e fisicità. È proprio la fisicità ad incidere maggiormente sulla percezione del comfort: lunghezza della gamba in relazione a profondità e altezza di seduta del divano, altezza della schiena in relazione all’altezza dello schienale, per esempio.
  • Utilizzi del divano e caratteristiche correlate: utilizzo “formale” e divano che favorisce posizione eretta e postura composta, utilizzo “informale” e divano comodo per sdraiarsi e sedersi come si preferisce, utilizzo “relax” e divano reclinabile con schienale che si può inclinare e seduta che si può alzare e allungare.
  • Disegno, materiali, lavorazioni: la comodità di un divano è determinata sia dal suo disegno e dalle sue linee (per esempio rapporto tra altezza e profondità di seduta, altezza e inclinazione dello schienale) sia dalla componente imbottita (che riguarda sia la qualità dei materiali stessi sia il modo in cui vengono lavorati). I materiali che costitiscono l’imbottitura del divano sono elementi con portanze e rigidità differenti che insieme garantiscono una certa performance in termini di comfort. Nel video approfondiamo gli elementi di un divano: piano rigido inferiore (o piano composto da cinghie elastiche o raramente da molle), cuscini in espanso a singola densità, a quote differenziate, in piuma o con interposto in espanso.
  • Immagini e foto di divani comodi: presentazione di alcuni modelli di divani in vendita online e in showroom. La foto di un divano con una persona seduta o sdraiata aiuta a valutare le proporzioni dell’imbottito.

Per approfondimenti sul video e sui divani più comodi per te puoi confrontarti con un nostro arredatore. Clicca qui sotto e raccontaci cosa stai cercando.

Immagini divani comodi

Vediamo ora le foto di alcuni divani comodi. In questa carrellata di immagini abbiamo raccolto quasi tutti i modelli presentati nella video guida. Per approfondimenti sulle caratteristiche, domande e dubbi puoi guardare la video guida completa, contattarci al telefono o per email o prendere un appuntamento per visitare il nostro showroom. Insieme valuteremo il divano più comodo per te e la tua famiglia.

Divano 2 posti comodo

Divano Noah

Divano Noah

Divano 3 posti comodo

Divano Aker

Divano Aker

Divano Bradford

Divano Bradford

Divano piccolo comodo


Divano FreeSofa

Divano FreeSofa

Divano Orange

Divano Orange

Divano grande comodo

Divano Arizona

Divano Arizona

Divano Holiday

Divano Holiday

Divano Greg

Divano Greg

Divano con penisola comodo

Divano Harvey

Divano Harvey

Divano Softly

Divano angolare comodo

Divano Richmond

Divano Richmond

Divano Davos

Divano Davos

Divano Banus

Divano Banus

Divano Kensington

Divano Kensington

Divano chesterfield comodo

Divano Bellagio

Divano Bellagio

Divano comodo design

Divano Exeter

Divano Exter

Divano Carnaby

Divano Carnaby

Divano Prisma Air

Divano Prisma Air

Divano comodo relax

Divano Newark

Divano Newark


Interior Design Talks diotti.com

Questa video guida sui divani comodi è la quindicesima puntata degli “Interior Design Talks diotti.com”, un ciclo di dirette video live su YouTube e Facebook organizzate settimanalmente dai nostri Interior Designer. Tutte le puntate sono registrate e raccolte in una playlist sul nostro canale ufficiale YouTube: riproduci i video.

Leggi altre guide su come arredare casa.

26 Giugno 2021 / / Nell'Essenziale

Ciao! oggi ti spiego come evitare che i caloriferi sporchino il muro creando quei fastidiosi baffi gialli. Quante volte ti è capitato di trovare orribili aloni scuri nel muro sopra i termosifoni? A creare questi antiestetici aloni possono essere due motivi anche concomitanti. Questi aloni sopra i caloriferi, comunemente chiamati baffi, infatti sono dovuti a due semplici meccanismi molto comuni e che ora ti spiego.

Come evitare che i caloriferi sporchino il muro
Termosifoni sporchi di polvere nel periodo di inutilizzo.

Perché i termosifoni sporcano il muro: ecco i 2 motivi principali

  1. Durante il periodo di inutilizzo dei termosifoni la polvere si deposita al loro interno. Quando, nella stagione fredda i termosifoni vengono accesi il calore degli elementi crea un movimento dell’aria calda. Quest’aria che tende a salire verso l’alto a causa dei moti convettivi spinge verso l’alto anche la polvere che si è depositata all’interno degli elementi. La polvere al calore si brucia diventando brunastra, il moto dell’aria spinge le particelle di polvere verso il muro dove aderiscono creando dei veri e propri aloni.
  2. Il secondo motivo per il quale potrebbero crearsi aloni è che i termosifoni si surriscaldano troppo e bruciano le particelle di pittura del muro.
copri termosifone con doppio merletto variante azzurra
Copri termosifone romanticamente shabby con doppio merletto variante azzurra.

Come evitare che i caloriferi sporchino il muro: le soluzioni!

Per evitare che i caloriferi sporchino il muro devi avere questi accorgimenti:

  • Lavare tutti gli elementi con spazzola sottile, acqua e detergente specifico per termosifoni. Dovrai lavarli spesso, o almeno prima della stagione fredda e coprirli durante la stagione calda per evitare il nuovo accumulo di polvere.
  • Coprire i termosifoni con dei copritermosifoni durante la stagione calda, o meglio in tutto il periodo di inutilizzo.
  • Se il calore dei tuoi radiatori è elevato e non hai problemi di dispendio energetico puoi coprire i termosifoni anche durante l’accensione. ATTENZIONE: questo puoi farlo solo ed esclusivamente se il calore dei tuoi radiatori è eccessivo altrimenti il risultato sarà un eccessivo dispendio energetico. Il copritermosifone infatti imprigiona non solo la polvere che si deposita dall’alto ma blocca anche quella proveniente dal pavimento che viene messa in circolo con i moti convettivi dell’aria calda surriscaldata dagli elementi.

I copritermosifoni

I copritermosifoni in stoffa sono il rimedio più facile e veloce da utilizzare per coprire i caloriferi e per bloccare la polvere. Il risultato dell’uso di questi accessori sarà che non troverai più sul muro quei fastidiosi e antiestetici aloni sul muro!

Acquista i copri termosifoni online

 

copritermosifone colorato con cuore in applique
Copritermosifone colorato con cuore in applique appartenente alla linea shabby.

Per oggi è tutto!

Ciao

Rosa

Questo articolo Come evitare che i caloriferi sporchino il muro proviene da NellEssenziale.